Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Come   cristiani   dobbiamo   abituarci   a   metterci   davanti   alle   nostre   coscienze,   non   a   mettere   il   nostro   fratello   davanti   ad   un plotone   d'esecuzione.   Nel   cammino   del   cristiano   ci   sono   principalmente   due   correnti:   una   che   si   affida   totalmente   alla preghiera   e   l’altra   che   ha   più   rispetto   della   parola   di   Dio   anche   se   non   va   a   messa.   Davanti   a   queste   due   correnti   c'è   una moltitudine   di   miscredenti,   di   persone   che   vorrebbero   credere,   ma   finora   non   hanno   avuto   le   esperienze   più   positive   di quelli   che   credono.   Gandhi,   che   era   un   miscredente   e   uno   dei   più   grandi   statisti,   ha   detto   che   se   vedeva   due   cristiani coerenti   si   sarebbe   convertito   al   cristianesimo.   E   insieme   a   lui   avrebbe   convertito   l'India.   L’ateo   sa   meglio   di   noi   cosa dice   il   nostro   Dio,   ma   rimane   confuso   perché   nessuno   è   coerente.    La   fede   non   è   un   patrimonio   nostro   che   possiamo imporre   agli   altri.   Chi   sostiene   accanitamente   la   preghiera,   dimostra   che   più   si   prega   e   meno   si   ama,   mentre   le   persone che   non   pregano   con   quella   assiduità,   sono   quelle   che   amano   di   più.   Tanti   cristiani   negli   ultimi   anni   hanno   fatto trapelare,   sottobanco,   notizie   da   falsi   profeti:   “Ci   hanno   detto   di   pregare   perché   poi   sarebbe   accaduta   quella   cosa…   La Madonna   ha   detto…”.   Ma   noi   dobbiamo   vivere   il   presente,   come   continuamente   viene   ribadito   dal   monte   Misma.   Lo stesso   san   Francesco   esortava   a   vivere   il   Vangelo,   nell'amore   e   nella   carità,      prima   ancora   di   leggerlo.   Troppe      volte viene   usato   impropriamente   il   nome   del   Signore   e   della   Madonna,   quando   mai   ci   hanno   detto:   "pregate,   pregate, pregate"?   Dio   ci   ha   messo   in   guardia   dai   falsi   profeti   e   ci   ha   avvisato   che   verranno   quei   temp i”,   ma   non   dobbiamo deciderli   noi,   perché   possono   passare   anche   1000   anni.   Non   dobbiamo   avere   il   prurito   delle   primizie,   delle   informazioni, come   se   fossimo   dei   prescelti,   perché   poi   andiamo   a   dire   cose   non   vere,   a   parlare   di   sventure   e   di   disastri.   Nel   molto parlare   non   manca   la   colpa   e   un   giorno   dovremo   renderne   conto.   Il   Signore   ci   mette   di   fronte   ai   nostri   doveri:   "Chi   non vuol   lavorare   neppure   mangi"    (Ts   3,10),      non   ci   ha   detto   di   pregare   per      sistemare   tutte   le   nostre   cose,   come   se dovessimo   barattare   con   Lui.   Se   non   sappiamo   interpretare   la   parola   del   Signore,   non   proponiamoci.   I   segni   grandiosi dal   cielo   sono   inequivocabili   per   tutti,   non   è   che   li   vede   uno   e   gli   altri   no.   Recuperiamo   la   nostra   dignità   cristiana   quando siamo   un   gruppo,   non   diamo   ai   nostri   nemici   l'occasione   di   preparare   l'autodifesa,    perché   ci   penserà   il   Signore   al momento   giusto.   I   peccati   che   noi   crediamo   più   gravi   magari   il   Signore   li   vede   in   altro   modo,   ma   gli   ipocriti   non   riesce proprio   a   perdonarli,   li   ha   scacciati   dal   tempio.   Per   alcuni   la   preghiera   è   diventata   lo   yoga   religioso,   spirituale,   un fatto   psicologico.    Che   tradimento   davanti   al   Signore!   Siamo   sicuri   che   se   non   andiamo   più   a   messa   si   svuotano   le chiese?   Potrebbero   riempirsi   di   una   moltitudine   di   miscredenti,   perché   si   sono   svuotate   a   causa   nostra,   per   la   nostra incoerenza   e   per   il   cattivo   esempio   delle   generazioni   che   ci   hanno   preceduto.   Come   facciamo   a   definirci   osservanti   dopo aver   causato   questi   danni?   La   Madonna   ci   chiede   di   rimanere   integri   davanti   alla   sua   parola,   non   viene   a   ribaltare   le   cose dicendoci   di   pregare,   perché   lei   è   la   prima   autentica   cristiana   formata   sulla   parola   di   Dio,   non   sul   Rosario   che   è   venuto 1000   anni   dopo.   Il   Rosario   non   bisogna   infangarlo,   perché   è   una   cosa   bellissima   che   merita   tutto   il   rispetto,   ma   se   ne     cambiamo   la   sostanza,   potremmo   pagare   colpe   che   nemmeno   ci   immaginiamo.   La   preghiera   deve   diventare   la   cosa   più bella   che   esista,   in   perfetta   armonia,   non   terapia   per   farci   stare   in   piedi   o   andare   nel   “riposo   dello   spirito”,    altrimenti diventa   uno   yoga   spirituale.   Quando   Maria   Santissima   ha   ricevuto   lo   Spirito   Santo   all'annuncio   dell'Angelo,   non   si   è messa   a   dormire   e   così   gli   apostoli,   dopo   la   Pentecoste,   sono   diventati   ancora   più   svegli,   scaltri   e   consapevoli.   Lo   Spirito Santo   scende   dove,   quando,   come,   vuole   lui   e   chi   riceve   i   suoi   doni   non   critica   e   non   giudica   il   fratello,   non   maligna,   ma se   anche   gli   tagliassero   un   braccio,   non   si   lamenterebbe.   Chi   ci   ha   detto   di   consumare   i   pavimenti   di   marmo   delle   chiese, quando   poi   non   abbiamo   capito   niente?   Ci   sono   dei   responsabili   di   gruppi   di   preghiera   ai   quali   interessa   di   più   che   la gente   vada   a   pregare   da   loro,   ma   non   importa   nulla   della   loro   vita.   Poi   vanno   in   casa   degli   amici   per   criticare   e   giudicare il   fratello,   a   maledire.   È   meglio   comportarsi   come   cristiani   semplici   che   vanno   in   chiesa   solo   la   domenica.   Siamo   caduti   in un   lungo   le   letargo   spirituale   e   siamo   più   ipnotizzati   di   quello   che   si   pensa.      L'ignoranza   dell'uomo   è   superata   solo dalla   misericordia   di   Dio,    niente   più   supera   l'orgoglio,   l'arroganza,   la   superbia,   la   gelosia,   l'invidia   del   genere   umano. La   Madonna   al   Misma   dice:   “a mate,   amate,   amate” ,   perché   quando   si   ama   è   una   preghiera   continua.   Se   sentiamo   parole diverse da queste riferite alla Vergine Maria, meditiamo …   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La preghiera non è yoga spirituale
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Come    cristiani    dobbiamo    abituarci    a    metterci davanti   alle   nostre   coscienze,   non   a   mettere   il nostro      fratello      davanti      ad      un      plotone d'esecuzione.   Nel   cammino   del   cristiano   ci   sono principalmente   due   correnti:   una   che   si   affida totalmente    alla    preghiera    e    l’altra    che    ha    più rispetto   della   parola   di   Dio   anche   se   non   va   a messa.   Davanti   a   queste   due   correnti   c'è   una moltitudine     di     miscredenti,     di     persone     che vorrebbero   credere,   ma   finora   non   hanno   avuto le   esperienze   più   positive   di   quelli   che   credono. Gandhi,   che   era   un   miscredente   e   uno   dei   più grandi    statisti,    ha    detto    che    se    vedeva    due cristiani     coerenti     si     sarebbe     convertito     al cristianesimo.   E   insieme   a   lui   avrebbe   convertito l'India.   L’ateo   sa   meglio   di   noi   cosa   dice   il   nostro Dio,   ma   rimane   confuso   perché   nessuno   è coerente.    La   fede   non   è   un   patrimonio   nostro che    possiamo    imporre    agli    altri.    Chi    sostiene accanitamente   la   preghiera,   dimostra   che   più   si prega   e   meno   si   ama,   mentre   le   persone   che   non pregano   con   quella   assiduità,   sono   quelle   che amano    di    più.    Tanti    cristiani    negli    ultimi    anni hanno   fatto   trapelare,   sottobanco,   notizie   da   falsi profeti:   “Ci   hanno   detto   di   pregare   perché   poi sarebbe   accaduta   quella   cosa…   La   Madonna   ha detto…”.    Ma    noi    dobbiamo    vivere    il    presente, come    continuamente    viene    ribadito    dal    monte Misma.    Lo    stesso    san    Francesco    esortava    a vivere    il    Vangelo,    nell'amore    e    nella    carità,      prima   ancora   di   leggerlo.   Troppe      volte   viene usato   impropriamente   il   nome   del   Signore   e   della Madonna,   quando   mai   ci   hanno   detto:   "pregate, pregate,   pregate"?   Dio   ci   ha   messo   in   guardia   dai falsi   profeti   e   ci   ha   avvisato   che   verranno   quei temp i”,   ma   non   dobbiamo   deciderli   noi,   perché possono     passare     anche     1000     anni.     Non dobbiamo    avere    il    prurito    delle    primizie,    delle informazioni,    come    se    fossimo    dei    prescelti, perché    poi    andiamo    a    dire    cose    non    vere,    a parlare    di    sventure    e    di    disastri.    Nel    molto parlare   non   manca   la   colpa   e   un   giorno   dovremo renderne   conto.   Il   Signore   ci   mette   di   fronte   ai nostri    doveri:    "Chi    non    vuol    lavorare    neppure mangi"    (Ts   3,10),      non   ci   ha   detto   di   pregare   per     sistemare     tutte     le     nostre     cose,     come     se dovessimo   barattare   con   Lui.   Se   non   sappiamo interpretare      la      parola      del      Signore,      non proponiamoci.   I   segni   grandiosi   dal   cielo   sono inequivocabili   per   tutti,   non   è   che   li   vede   uno   e gli    altri    no.    Recuperiamo    la    nostra    dignità cristiana   quando   siamo   un   gruppo,   non   diamo ai    nostri    nemici    l'occasione    di    preparare l'autodifesa,     perché    ci    penserà    il    Signore    al momento   giusto.   I   peccati   che   noi   crediamo   più gravi   magari   il   Signore   li   vede   in   altro   modo,   ma gli   ipocriti   non   riesce   proprio   a   perdonarli,   li   ha scacciati   dal   tempio.   Per   alcuni   la   preghiera   è diventata    lo    yoga    religioso,    spirituale,    un fatto    psicologico.     Che    tradimento    davanti    al Signore!   Siamo   sicuri   che   se   non   andiamo   più   a messa     si     svuotano     le     chiese?     Potrebbero riempirsi    di    una    moltitudine    di    miscredenti, perché   si   sono   svuotate   a   causa   nostra,   per   la nostra   incoerenza   e   per   il   cattivo   esempio   delle generazioni     che     ci     hanno     preceduto.     Come facciamo   a   definirci   osservanti   dopo   aver   causato questi   danni?   La   Madonna   ci   chiede   di   rimanere integri    davanti    alla    sua    parola,    non    viene    a ribaltare   le   cose   dicendoci   di   pregare,   perché   lei è    la    prima    autentica    cristiana    formata    sulla parola   di   Dio,   non   sul   Rosario   che   è   venuto   1000 anni    dopo.    Il    Rosario    non    bisogna    infangarlo, perché   è   una   cosa   bellissima   che   merita   tutto   il rispetto,    ma    se    ne        cambiamo    la    sostanza, potremmo     pagare     colpe     che     nemmeno     ci immaginiamo.    La    preghiera    deve    diventare    la cosa   più   bella   che   esista,   in   perfetta   armonia, non   terapia   per   farci   stare   in   piedi   o   andare   nel “riposo   dello   spirito”,    altrimenti   diventa   uno   yoga spirituale.   Quando   Maria   Santissima   ha   ricevuto lo   Spirito   Santo   all'annuncio   dell'Angelo,   non   si   è messa    a    dormire    e    così    gli    apostoli,    dopo    la Pentecoste,    sono    diventati    ancora    più    svegli, scaltri    e    consapevoli.    Lo    Spirito    Santo    scende dove,   quando,   come,   vuole   lui   e   chi   riceve   i   suoi doni    non    critica    e    non    giudica    il    fratello,    non maligna,   ma   se   anche   gli   tagliassero   un   braccio, non     si     lamenterebbe.     Chi     ci     ha     detto     di consumare   i   pavimenti   di   marmo   delle   chiese, quando   poi   non   abbiamo   capito   niente?   Ci   sono dei   responsabili   di   gruppi   di   preghiera   ai   quali interessa   di   più   che   la   gente   vada   a   pregare   da loro,   ma   non   importa   nulla   della   loro   vita.   Poi vanno   in   casa   degli   amici   per   criticare   e   giudicare il   fratello,   a   maledire.   È   meglio   comportarsi   come cristiani    semplici    che    vanno    in    chiesa    solo    la domenica.   Siamo   caduti   in   un   lungo   le   letargo spirituale   e   siamo   più   ipnotizzati   di   quello   che   si pensa.        L'ignoranza    dell'uomo    è    superata solo    dalla    misericordia    di    Dio,     niente    più supera    l'orgoglio,    l'arroganza,    la    superbia,    la gelosia,   l'invidia   del   genere   umano.   La   Madonna al   Misma   dice:   “a mate,   amate,   amate” ,   perché quando    si    ama    è    una    preghiera    continua.    Se sentiamo   parole   diverse   da   queste   riferite   alla Vergine Maria, meditiamo …

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile