Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Siamo   stati   creati   a   immagine   e   somiglianza   di   Dio,   può   il   Signore   rispecchiarsi   nell'uomo?   Riflettiamo   la   sua   immagine con   queste   macchie   e   questi   difetti?   Tutto   il   creato   è   armoniosamente   perfetto   e   noi   dovremmo   trasmettere   la   nota   più bella,   ma   tanti   uomini   sentono   come   un'ingiustizia   il   semplice   fatto   di   vivere.   La   rabbia   aumenta   la   rabbia,   innesca desideri   di   vendetta,   di   gelosie   e   ripicche,   di   maldicenze,   tutte   cose   che   non   aiutano   a   vivere   bene.   La   preghiera   non deve   portarci   a   evidenziare   la   parte   negativa   dell'uomo,   ma   il   bene   che   possiamo   fare.   A   cosa   serve   criticare   più   di coloro   che   ci   criticano?   Vuol   dire   che   dentro   di   noi   abbiamo   la   malizia   e   la   perfidia,   le   nostre   parole   rivelano   quello   che siamo.   Invece   di   essere   dei   “progressisti-conservatori”,   in   breve   tempo   abbiamo   distrutto   quello   che   per   secoli   è resistito.   Il   Signore   ci   dà   la   possibilità   di   recuperare   quello   che   abbiamo   disperso,   vogliamo   recuperarlo?   Senza   i   migliori giocatori   le   più   forti   squadre   sportive   perderebbero   di   credibilità   e   prestigio,   così   le   migliori   aziende   senza   i   più   validi collaboratori.   Non   viene   creato   un   danno   d'immagine   ai   singoli   individui   ma   a   ciò   che   rappresentano.   Anche   la   nostra Chiesa   senza   persone   all'altezza   della   situazione   fa   brutta   figura    e   viene   ridicolizzata.      Una   squadra   formata   da "brocchi"   non   vincerà   mai,   così   la   Chiesa   non   può   primeggiare   nel   mondo   se   siamo   i   peggiori   rappresentanti   della   parola di   Dio.   Anzi   retrocederà.   Come   può   dare   il   meglio   se   noi   diamo   il   peggio?   Il   capo   della   nostra   squadra   può   essere   il miglior   allenatore,   il   Papa,   chi   di   noi   lo   ascolta?   Ormai   è   diventato   un   presidente   onorario,   deve   accettare   le   umiliazioni di   chi   non   è   all'altezza.   Non   è   carità   e   umiltà   questa?   La   persona   chiamata   al   servizio   sacerdotale   è   buona   dentro,   non   è un   furfante.   Tanti   nostri   preti   vengono   contagiati   da   persone   astute   che   si   muovono   intorno   a   loro   e   gli   fanno   fare   quello che   vogliono.   Se   vogliamo   far   vincere   la   Chiesa   dobbiamo   diventare   dei   “professionisti   di   alto   livello”   e   farla   trionfare sulle   azioni   non   sulle   parole.   Che   figura   fa   la   parola   di   Dio   quando   non   viene   diffusa   nel   modo   giusto?   Prima   di   parlare verifichiamo   che   la   persona   che   abbiamo   davanti   sia   credente:   è   inutile   perdere   tempo   con   chi   non   crede,   troverà sempre   il   modo   di   criticare   la   Chiesa   e   l'immagine   di   Dio .   Le   nostre   parole   e   i   “botta   e   risposta”   non   servono   a convertire,   spesso   danno   ragione   a   coloro   che   criticano   perché   non   siamo   all'altezza   della   situazione   (le   mele   marce   non risanano,   intaccano   anche   le   altre).   Una   frase   mal   detta,   una   risposta   non   ottimale,   può   essere   un   incitamento   ad allontanarsi   ancor   di   più.   Chi   conosce   il   Signore?   Quando   si   parla   di   Dio   in   un   modo   generico   siamo   in   peccato   davanti   al primo   e   al   secondo   comandamento.   L'ateo   è   già   fuori   strada   se   pensa   che   Dio   deve   dimostrargli   qualcosa,   semmai   deve ringraziarlo   che   esiste.   Facciamo   presente   che   le   sue   idee   provengono   da   parole   di   altre   persone,   magari   dette   in malafede.   Possono   forse   ammettere   che   il   sole   non   è   creato   da   Dio?   Eppure   tutti   lo   vedono,   ma   la   malafede   non   si   può dimostrare.   Anche   la   Chiesa   può   aver   fatto   degli   errori,   ma   chi   non   ha   sbagliato   nella   vita?      Il   Dio   Creatore   è   la   luce immensa   che   dà   più   valore   in   modo   naturale.   Un   frutto   che   matura   sotto   il   sole   è   più   buono,   profumato   e   sostanzioso   di quello   che   matura   in   modo   artificiale.   I   cristiani   del   giorno   d'oggi   sono   maturati   “in   serra”,   non   trasmettono   più   quella luce   e   quella   gioia   irresistibile,   vogliono   crescere   senza   Dio   basandosi   sulle   devozioni   e   sui   fatti   soprannaturali.   Questa   è apostasia.   Vogliono   far   nascere   anche   i   figli   in   modo   artificiale…   Chi   è   illuminato   dalla   luce   di   Dio   e   dalla   sua   parola persevera   fino   alla   fine,   ma   chi   brilla   di   luce   riflessa   ha   poche   possibilità   di   perseverare.   Non   dobbiamo   essere   fatalisti,   la Chiesa   non   deve   essere   sottomessa   a   tutti,   non   uccidere    non   significa   farsi   uccidere...   Cosa   significa   essere   cristiani?   Si possono   mantenere   gli   interessi   personali   ed   essere   graditi   al   Signore,   anche   la   Madonna   pur   essendo   privilegiata   ha mantenuto   la   sua   condizione   servile   fino   agli   ultimi   giorni   di   vita,   persino   quando   san   Giuseppe   era   infermo   a   letto   è andata   a   fare   dei   lavoretti   per   le   necessità   familiari.      La   nostra   fede   è   un   mistero,   non   si   può   analizzare   come   fosse   un minerale.   Non   è   individuale   ma   uno   "sport   di   squadra",   dove   anche   i   più   terribili   nemici   fanno   di   tutto   per   farci   perdere   la partita.   Da   molte   persone   che   si   dichiarano   cristiane   fuoriesce   l’espressione   del   non-cristiano ,   quella   di criticare   e   giudicare,   di   condannare   e   di   scandalizzarsi:   “c on   la   bocca   benedicono,   ma   col   cuore   maledicono”   (sal.62,5).   Maria   Santissima   pur   sapendo   tutto   di   tutti   non   dice   niente   di   nessuno...   La   preghiera   è   il   nettare   infinito   della   dolcezza di   Dio   e   il   cristiano   conosce   la   verità   più   profonda,   perciò   deve   rivelare   le   sue   delizie   che   sono:   amore,   uniformità   del pensiero   e   delle   parole   nelle   verità   principali   del   Signore.   Accettando   l'ingiustizia   crea   l'armonia   e   la   gioia.   Amare   chi   non si   comporta   bene   è   un   dovere   insegnato   da   Dio   oppure   vogliamo   solo   diritti?      Il   Signore   ha   investito   su   di   noi,   ha   dato   il suo   corpo   e   il   suo   sangue.   Ci   dispiaciamo   del   fratello   che   viene   criticato?   I   peggiori   di   ieri   sono   i   migliori   di   oggi,   i   primi cristiani venivano uccisi perché non rivelavano dove erano nascosti i loro fratelli, noi invece ci critichiamo...   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Vogliamo far vincere la nostra Chiesa?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Siamo   stati   creati   a   immagine   e   somiglianza   di Dio,    può    il    Signore    rispecchiarsi    nell'uomo? Riflettiamo   la   sua   immagine   con   queste   macchie e   questi   difetti?   Tutto   il   creato   è   armoniosamente perfetto   e   noi   dovremmo   trasmettere   la   nota   più bella,      ma      tanti      uomini      sentono      come un'ingiustizia   il   semplice   fatto   di   vivere.   La   rabbia aumenta   la   rabbia,   innesca   desideri   di   vendetta, di   gelosie   e   ripicche,   di   maldicenze,   tutte   cose che   non   aiutano   a   vivere   bene.   La   preghiera   non deve    portarci    a    evidenziare    la    parte    negativa dell'uomo,   ma   il   bene   che   possiamo   fare.   A   cosa serve   criticare   più   di   coloro   che   ci   criticano?   Vuol dire   che   dentro   di   noi   abbiamo   la   malizia   e   la perfidia,    le    nostre    parole    rivelano    quello    che siamo.     Invece     di     essere     dei     “progressisti- conservatori”,   in   breve   tempo   abbiamo   distrutto quello   che   per   secoli   è   resistito.   Il   Signore   ci   la   possibilità   di   recuperare   quello   che   abbiamo disperso,   vogliamo   recuperarlo?   Senza   i   migliori giocatori      le      più      forti      squadre      sportive perderebbero    di    credibilità    e    prestigio,    così    le migliori   aziende   senza   i   più   validi   collaboratori. Non   viene   creato   un   danno   d'immagine   ai   singoli individui   ma   a   ciò   che   rappresentano.   Anche   la nostra     Chiesa     senza     persone     all'altezza della    situazione    fa    brutta    figura     e    viene ridicolizzata.      Una   squadra   formata   da   "brocchi" non     vincerà     mai,     così     la     Chiesa     non     può primeggiare    nel    mondo    se    siamo    i    peggiori rappresentanti      della      parola      di      Dio.      Anzi retrocederà.    Come    può    dare    il    meglio    se    noi diamo   il   peggio?   Il   capo   della   nostra   squadra   può essere   il   miglior   allenatore,   il   Papa,   chi   di   noi   lo ascolta?     Ormai     è     diventato     un     presidente onorario,   deve   accettare   le   umiliazioni   di   chi   non è   all'altezza.   Non   è   carità   e   umiltà   questa?   La persona   chiamata   al   servizio   sacerdotale   è   buona dentro,    non    è    un    furfante.    Tanti    nostri    preti vengono    contagiati    da    persone    astute    che    si muovono   intorno   a   loro   e   gli   fanno   fare   quello che   vogliono.   Se   vogliamo   far   vincere   la   Chiesa dobbiamo    diventare    dei    “professionisti    di    alto livello”    e    farla    trionfare    sulle    azioni    non    sulle parole.   Che   figura   fa   la   parola   di   Dio   quando   non viene   diffusa   nel   modo   giusto?   Prima   di   parlare verifichiamo   che   la   persona   che   abbiamo   davanti sia   credente:   è   inutile   perdere   tempo   con   chi non     crede,     troverà     sempre     il     modo     di criticare   la   Chiesa   e   l'immagine   di   Dio .   Le nostre   parole   e   i   “botta   e   risposta”   non   servono   a convertire,   spesso   danno   ragione   a   coloro   che criticano    perché    non    siamo    all'altezza    della situazione     (le     mele     marce     non     risanano, intaccano   anche   le   altre).   Una   frase   mal   detta, una     risposta     non     ottimale,     può     essere     un incitamento    ad    allontanarsi    ancor    di    più.    Chi conosce   il   Signore?   Quando   si   parla   di   Dio   in   un modo   generico   siamo   in   peccato   davanti   al   primo e   al   secondo   comandamento.   L'ateo   è   già   fuori strada    se    pensa    che    Dio    deve    dimostrargli qualcosa,   semmai   deve   ringraziarlo   che   esiste. Facciamo   presente   che   le   sue   idee   provengono da    parole    di    altre    persone,    magari    dette    in malafede.   Possono   forse   ammettere   che   il   sole non   è   creato   da   Dio?   Eppure   tutti   lo   vedono,   ma la    malafede    non    si    può    dimostrare.    Anche    la Chiesa   può   aver   fatto   degli   errori,   ma   chi   non   ha sbagliato   nella   vita?      Il   Dio   Creatore   è   la   luce immensa   che   dà   più   valore   in   modo   naturale.   Un frutto    che    matura    sotto    il    sole    è    più    buono, profumato   e   sostanzioso   di   quello   che   matura   in modo   artificiale.   I   cristiani   del   giorno   d'oggi   sono maturati   “in   serra”,   non   trasmettono   più   quella luce   e   quella   gioia   irresistibile,   vogliono   crescere senza   Dio   basandosi   sulle   devozioni   e   sui   fatti soprannaturali.   Questa   è   apostasia.   Vogliono   far nascere   anche   i   figli   in   modo   artificiale…   Chi   è illuminato   dalla   luce   di   Dio   e   dalla   sua   parola persevera    fino    alla    fine,    ma    chi    brilla    di    luce riflessa   ha   poche   possibilità   di   perseverare.   Non dobbiamo    essere    fatalisti,    la    Chiesa    non    deve essere    sottomessa    a    tutti,    non    uccidere     non significa    farsi    uccidere...    Cosa    significa    essere cristiani?    Si    possono    mantenere    gli    interessi personali   ed   essere   graditi   al   Signore,   anche   la Madonna   pur   essendo   privilegiata   ha   mantenuto la   sua   condizione   servile   fino   agli   ultimi   giorni   di vita,   persino   quando   san   Giuseppe   era   infermo   a letto   è   andata   a   fare   dei   lavoretti   per   le   necessità familiari.      La   nostra   fede   è   un   mistero,   non   si   può analizzare    come    fosse    un    minerale.    Non    è individuale    ma    uno    "sport    di    squadra",    dove anche   i   più   terribili   nemici   fanno   di   tutto   per   farci perdere   la   partita.   Da   molte   persone   che   si dichiarano   cristiane   fuoriesce   l’espressione del      non-cristiano ,     quella     di     criticare     e giudicare,   di   condannare   e   di   scandalizzarsi:   “c on la   bocca   benedicono,   ma   col   cuore   maledicono” (sal.62,5).    Maria   Santissima   pur   sapendo   tutto   di tutti   non   dice   niente   di   nessuno...   La   preghiera   è il    nettare    infinito    della    dolcezza    di    Dio    e    il cristiano   conosce   la   verità   più   profonda,   perciò deve   rivelare   le   sue   delizie   che   sono:   amore, uniformità   del   pensiero   e   delle   parole   nelle   verità principali    del    Signore.    Accettando    l'ingiustizia crea    l'armonia    e    la    gioia.    Amare    chi    non    si comporta   bene   è   un   dovere   insegnato   da   Dio oppure    vogliamo    solo    diritti?        Il    Signore    ha investito   su   di   noi,   ha   dato   il   suo   corpo   e   il   suo sangue.    Ci    dispiaciamo    del    fratello    che    viene criticato?   I   peggiori   di   ieri   sono   i   migliori   di   oggi, i    primi    cristiani    venivano    uccisi    perché    non rivelavano   dove   erano   nascosti   i   loro   fratelli,   noi invece ci critichiamo...  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile