Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  In   un   intimo   discorso   con   sant’Agostino,   sua   madre   disse   che   questo   mondo   non   era   più   oggetto   di   desideri   per   lei. Dunque   santa   Monica   ci   ha   rivelato   il   contrario   di   quello   che   viviamo   noi,   era   pronta   ad   accettare   la   morte   perché   si abbandonava   a   Dio.   Preghiamo   per   vivere   o   per   morire?   Anche   lei   era   affezionata   alla   vita,   ma   noi   preghiamo   in continuazione   per   un   beneficio   terreno.   La   fede   ci   fa   vedere   la   morte   in   un'altra   ottica,   è   stato   così   per   tutti   i   santi. Senza   Dio   nella   nostra   anima   saremo   sempre   in   difficoltà   nelle   prove   che   la   vita   ci   riserva,   anche   le   più   banali.   Se   non permettiamo   al   Signore   di   entrare   nel   nostro   cuore   con   il   desiderio   dell'amore,   non   daremo   mai   i   frutti   che   potremmo dare,   saremo   solamente   piante   sterili   che   non   ricevono   la   luce.   I   nostri   predecessori   ci   hanno   dato   i   segni   dell'amore,   del rispetto,   dei   veri   valori   della   vita,   ma   noi   non   abbiamo   saputo   fare   altrettanto.   Cantico   d'amore   per   la   vigna   del Signore    (Isaia   c.5):   Il   mio   diletto   possedeva   una   vigna   sopra   un   fertile   colle.   Egli   l'aveva   vangata   e   sgombrata   dai sassi   e   vi   aveva   piantato   scelte   viti;   vi   aveva   costruito   in   mezzo   una   torre   e   scavato   anche   un   tino.   Egli   aspettò   che producesse   uva,   ma   essa   fece   uva   selvatica.   Or   dunque,   abitanti   di   Gerusalemme   e   uomini   di   Giuda,   siate   voi   giudici   fra me   e   la   mia   vigna.   Che   cosa   dovevo   fare   ancora   alla   mia   vigna   che   io   non   abbia   fatto?   Perché,   mentre   attendevo   che producesse   uva,   essa   ha   fatto   uva   selvatica?   Ora   voglio   farvi   conoscere   ciò   che   sto   per   fare   alla   mia   vigna:   toglierò   la sua   siepe   e   si   trasformerà   in   pascolo;   demolirò   il   suo   muro   di   cinta   e   verrà   calpestata.   La   renderò   un   deserto,   non   sarà potata   né   vangata   e   vi   cresceranno   rovi   e   pruni;   alle   nubi   comanderò   di   non   mandarvi   la   pioggia.   Ebbene,   la   vigna   del Signore   degli   eserciti   è   la   casa   di   Israele;   gli   abitanti   di   Giuda   la   sua   piantagione   preferita”.   Riflettendo   un   po'   ci rendiamo   conto   di   essere   lontani   dalla   casa   del   Signore,   perché   ci   ha   creati   con   tutto   il   necessario   per   dare   buoni   frutti   in abbondanza,   con   il   miglior   terreno,   la   sua   parola.   Siamo   solamente   acini   acerbi,   sterili,   non   ci   ha   creato   per   lamentarci. Abbiamo   la   pazienza?   Cosa   abbiamo   fatto   oltre   che   andare   a   messa?   Nel   capitolo   21   del   Vangelo   di   Matteo   c'è   un’altra immagine   del   popolo   d'Israele.   Anche   qui   i   vignaioli   non   hanno   fatto   fruttificare   la   vigna   del   Signore,   così   ne   manderà altri.   Venendo   ai   nostri   tempi   non   è   da   escludere   che   questa   ondata   di   persone   che   arrivano   in   Italia   siano   i   nuovi vignaioli,   perché   non   siamo   stati   all'altezza.   Non   cade   foglia   che   Dio   non   voglia,   non   dobbiamo   pensare   che   tutti   i   frutti dobbiamo   darli   noi,   se   non   li   diamo   sarà   peggio   per   noi.   Nell'Antico   Testamento   il   popolo   eletto   che   aveva   beneficiato   dei prodigi   del   Signore   era   quello   ebraico,   da   lì   erano   nati   tutti   i   profeti   e   i   geni.   È   vero   o   no   che   l'ebraico   ha   delle   capacità superiori   alla   media?   Da   lì   è   venuta   Colei   che   ha   generato   l'Agnello   di   Dio.   Quel   popolo   non   ha   portato   a   compimento   il frutto   che   doveva   dare,   così   il   Signore   ha   cambiato   nazione   e   ha   scelto   l'Italia.   Quanti   geni   e   santi   sono   nati   in   Italia? Quale   nazione   ha   le   opere   come   l'Italia?   Queste   dimostrazioni   di   grandezza   eccelse   sono   iniziate   quando   la   pietra scartata   da   costruttori   è   stata   messa   in   San   Pietro,   a   Roma.   Però   anche   noi   non   abbiamo   garantito   quei   frutti   che dovevamo   dare   e   da   alcuni   secoli   si   è   “chiuso   il   rubinetto”.   Chi   ha   saputo   dare   frutti   buoni   e   non   acini   acerbi?   Dove   c'è odio,   gelosia   e   invidia,   abbiamo   portato   l'amore?   Abbiamo   sostenuto   i   calunniati?   Quanti   hanno   peccato   di   omissione,   di critica   e   di   giudizio   verso   il   fratello?   La   nostra   nazione   è   stata   premiata   dal   Signore,   ma   l'abbiamo   resa   ai   limiti   della sterilità   con   i   nostri   errori   e   la   nostra   mancanza   di   coerenza   cristiana.   Mai   avremmo   dovuto   sostenere   leggi   atee.   In Italia   non   abbiamo   riconosciuto   la   presenza   di   Dio   che   ha   beneficiato   il   nostro   popolo.   Quante   volte   abbiamo   ascoltato   la parola   dei   Papi?   Il   popolo   ebraico   era   più   penalizzato   come   territorio   rispetto   al   nostro,   per   merito   del   clima   abbiamo   i frutti   migliori   della   terra.   Dispiacciamoci   dell'ingratitudine   che   abbiamo   dimostrato   a   Colui   che   ha   preparato   il   terreno   nel migliore   dei   modi.   Siamo   il   popolo   eletto,   non   un   popolo   di   libertini.   Dove   c'è   offesa   abbiamo   portato   il   perdono?   Se avessimo   fatto   questo   l'Italia   sarebbe   stata   difesa   dall'ondata   di   disordine   che   stiamo   vivendo   in   questo   momento.   Dov'è il   risultato   delle   nostre   preghiere?   La   qualità   lavorativa   in   Italia   è   (era)   di   primissimo   livello   per   merito   del   Signore, invece   abbiamo   reso   acido   il   frutto   succulento.   Quante   volte   nella   Bibbia   è   scritto:   " Guai   a   voi… "?   Questo   avvertimento non   l'abbiamo   considerato   seriamente.   Dove   c'è   la   discordia   abbiamo   portato   l'unione?   Non   siamo   concordi   nemmeno nelle   nostre   famiglie,   nessuno   si   sottomette   all'altro   pur   sapendo   che   la   persona   intelligente   deve   rimetterci   e   cedere all'orgoglio.   Non   sappiamo   più   parlar   d'amore   e   di   perdono.   Dove   c'è   errore   abbiamo   portato   la   verità?   C'è   confusione   in ogni   ceto   sociale.   Abbiamo   portato   la   speranza   dove   c'è   la   disperazione?   Questi   sono   i   frutti   che   dobbiamo   portare.   E’   la parola   di   Dio   che   dà   frutti   prelibati,   cerchiamo   di   capirlo   e   di   concretizzarla,   perché   abbiamo   in   abbondanza   questa possibilità che oggi dal monte Misma ci viene ricordata dal Signore.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La vigna del Signore
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
In    un    intimo    discorso    con    sant’Agostino,    sua madre    disse    che    questo    mondo    non    era    più oggetto   di   desideri   per   lei.   Dunque   santa   Monica ci   ha   rivelato   il   contrario   di   quello   che   viviamo noi,   era   pronta   ad   accettare   la   morte   perché   si abbandonava   a   Dio.   Preghiamo   per   vivere   o   per morire?   Anche   lei   era   affezionata   alla   vita,   ma noi   preghiamo   in   continuazione   per   un   beneficio terreno.   La   fede   ci   fa   vedere   la   morte   in   un'altra ottica,   è   stato   così   per   tutti   i   santi.   Senza   Dio nella   nostra   anima   saremo   sempre   in   difficoltà nelle   prove   che   la   vita   ci   riserva,   anche   le   più banali.   Se   non   permettiamo   al   Signore   di   entrare nel   nostro   cuore   con   il   desiderio   dell'amore,   non daremo   mai   i   frutti   che   potremmo   dare,   saremo solamente   piante   sterili   che   non   ricevono   la   luce. I    nostri    predecessori    ci    hanno    dato    i    segni dell'amore,   del   rispetto,   dei   veri   valori   della   vita, ma    noi    non    abbiamo    saputo    fare    altrettanto. Cantico    d'amore    per    la    vigna    del    Signore   (Isaia   c.5):   Il   mio   diletto   possedeva   una   vigna sopra    un    fertile    colle.    Egli    l'aveva    vangata    e sgombrata   dai   sassi   e   vi   aveva   piantato   scelte viti;    vi    aveva    costruito    in    mezzo    una    torre    e scavato     anche     un     tino.     Egli     aspettò     che producesse   uva,   ma   essa   fece   uva   selvatica.   Or dunque,    abitanti    di    Gerusalemme    e    uomini    di Giuda,   siate   voi   giudici   fra   me   e   la   mia   vigna. Che   cosa   dovevo   fare   ancora   alla   mia   vigna   che io   non   abbia   fatto?   Perché,   mentre   attendevo   che producesse   uva,   essa   ha   fatto   uva   selvatica?   Ora voglio   farvi   conoscere   ciò   che   sto   per   fare   alla mia   vigna:   toglierò   la   sua   siepe   e   si   trasformerà in   pascolo;   demolirò   il   suo   muro   di   cinta   e   verrà calpestata.    La    renderò    un    deserto,    non    sarà potata   né   vangata   e   vi   cresceranno   rovi   e   pruni; alle   nubi   comanderò   di   non   mandarvi   la   pioggia. Ebbene,   la   vigna   del   Signore   degli   eserciti   è   la casa    di    Israele;    gli    abitanti    di    Giuda    la    sua piantagione    preferita”.    Riflettendo    un    po'    ci rendiamo   conto   di   essere   lontani   dalla   casa   del Signore,     perché     ci     ha     creati     con     tutto     il necessario   per   dare   buoni   frutti   in   abbondanza, con    il    miglior    terreno,    la    sua    parola.    Siamo solamente   acini   acerbi,   sterili,   non   ci   ha   creato per    lamentarci.    Abbiamo    la    pazienza?    Cosa abbiamo   fatto   oltre   che   andare   a   messa?   Nel capitolo   21   del   Vangelo   di   Matteo   c'è   un’altra immagine    del    popolo    d'Israele.    Anche    qui    i vignaioli   non   hanno   fatto   fruttificare   la   vigna   del Signore,   così   ne   manderà   altri.   Venendo   ai   nostri tempi   non   è   da   escludere   che   questa   ondata   di persone    che    arrivano    in    Italia    siano    i    nuovi vignaioli,   perché   non   siamo   stati   all'altezza.   Non cade   foglia   che   Dio   non   voglia,   non   dobbiamo pensare   che   tutti   i   frutti   dobbiamo   darli   noi,   se non    li    diamo    sarà    peggio    per    noi.    Nell'Antico Testamento   il   popolo   eletto   che   aveva   beneficiato dei   prodigi   del   Signore   era   quello   ebraico,   da   erano   nati   tutti   i   profeti   e   i   geni.   È   vero   o   no   che l'ebraico   ha   delle   capacità   superiori   alla   media? Da   lì   è   venuta   Colei   che   ha   generato   l'Agnello   di Dio.   Quel   popolo   non   ha   portato   a   compimento   il frutto    che    doveva    dare,    così    il    Signore    ha cambiato   nazione   e   ha   scelto   l'Italia.   Quanti   geni e   santi   sono   nati   in   Italia?   Quale   nazione   ha   le opere    come    l'Italia?    Queste    dimostrazioni    di grandezza   eccelse   sono   iniziate   quando   la   pietra scartata    da    costruttori    è    stata    messa    in    San Pietro,    a    Roma.    Però    anche    noi    non    abbiamo garantito   quei   frutti   che   dovevamo   dare   e   da alcuni   secoli   si   è   “chiuso   il   rubinetto”.   Chi   ha saputo   dare   frutti   buoni   e   non   acini   acerbi?   Dove c'è    odio,    gelosia    e    invidia,    abbiamo    portato l'amore?   Abbiamo   sostenuto   i   calunniati?   Quanti hanno    peccato    di    omissione,    di    critica    e    di giudizio    verso    il    fratello?    La    nostra    nazione    è stata   premiata   dal   Signore,   ma   l'abbiamo   resa   ai limiti   della   sterilità   con   i   nostri   errori   e   la   nostra mancanza   di   coerenza   cristiana.   Mai   avremmo dovuto    sostenere    leggi    atee.    In    Italia    non abbiamo   riconosciuto   la   presenza   di   Dio   che   ha beneficiato     il     nostro     popolo.     Quante     volte abbiamo   ascoltato   la   parola   dei   Papi?   Il   popolo ebraico     era     più     penalizzato     come     territorio rispetto   al   nostro,   per   merito   del   clima   abbiamo   i frutti      migliori      della      terra.      Dispiacciamoci dell'ingratitudine   che   abbiamo   dimostrato   a   Colui che   ha   preparato   il   terreno   nel   migliore   dei   modi. Siamo   il   popolo   eletto,   non   un   popolo   di   libertini. Dove   c'è   offesa   abbiamo   portato   il   perdono?   Se avessimo    fatto    questo    l'Italia    sarebbe    stata difesa     dall'ondata     di     disordine     che     stiamo vivendo   in   questo   momento.   Dov'è   il   risultato delle   nostre   preghiere?   La   qualità   lavorativa   in Italia   è   (era)   di   primissimo   livello   per   merito   del Signore,    invece    abbiamo    reso    acido    il    frutto succulento.   Quante   volte   nella   Bibbia   è   scritto: " Guai     a     voi… "?     Questo     avvertimento     non l'abbiamo    considerato    seriamente.    Dove    c'è    la discordia   abbiamo   portato   l'unione?   Non   siamo concordi      nemmeno      nelle      nostre      famiglie, nessuno   si   sottomette   all'altro   pur   sapendo   che la   persona   intelligente   deve   rimetterci   e   cedere all'orgoglio.   Non   sappiamo   più   parlar   d'amore   e di   perdono.   Dove   c'è   errore   abbiamo   portato   la verità?    C'è    confusione    in    ogni    ceto    sociale. Abbiamo     portato     la     speranza     dove     c'è     la disperazione?   Questi   sono   i   frutti   che   dobbiamo portare.   E’   la   parola   di   Dio   che   dà   frutti   prelibati, cerchiamo   di   capirlo   e   di   concretizzarla,   perché abbiamo    in    abbondanza    questa    possibilità    che oggi    dal    monte    Misma    ci    viene    ricordata    dal Signore. 

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile