Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Il   Signore   vuol   farci   conoscere   le   cose   più   belle   sulla   terra,   non   una   problematica   dietro   l’altra.   Invece   sembra   che   noi desideriamo   conoscere   di   più   i   problemi   degli   altri.   Nei   suoi   messaggi   la   Madonna,   che   sa   tutto   di   tutti,   non   ci   ha   mai detto   che   desidera   scoprire   i   problemi   dell’uomo,   non   ha   mai   confidato   polemiche   contro   nessuno,   ha   solamente incoraggiato   a   migliorarci   perché   sa   che   se   ci   impegniamo,   possiamo   eliminare   i   nostri   mali      per   dare   spazio   solamente alla   gioia   e   all’amore.   L’unico   avvertimento   che   la   Madonna   ha   dato   a   Roberto   Longhi   in   22   anni   e   che   riguarda   il   mondo un   po’   confuso,   è   quello   di   “pregare   molto   che   per   l’umanità   si   prospettano   rotture   inimmaginabili”.   Il   nostro   animo   è desideroso   di   gioia,   di   bene   o   di   problemi?   Se   desideriamo   conoscere   i   problemi   degli   altri   è   perché   ne   abbiamo molti   dentro   di   noi.    Se   fossimo   liberi   di   animo   e   di   spirito,   e   decantassimo   le   qualità   gli   uni   degli   altri,   potremmo   vivere un   momento   magico,   sentendo   il   bene   e   la   gioia   che   il   Signore   intende   farci   scoprire.   Perché   invece   vogliamo   crescere   in un   mondo   che   non   sa   amare   e   non   sa   essere   unito?   Se   troveremo   questa   gioia   nel   profondo   del   nostro   cuore,   tutto quello   che   faremo   sarà   una   benedizione,   una   felicità   continua;   sarà   come   trasmettere   le   cose   migliori   che   esistono   sulla terra.   Perché   nel   mondo   ci   sono   anche   le   cose   belle,   non   solo   quelle   brutte   e   cattive,   le   falsità,   i   tradimenti,   le   gelosie,   le invidie.   Cerchiamo   di   guardare   al   lato   migliore   della   vita:   l’armonia,   la   gioia,   la   serenità   …   In   paradiso,   tra   le   schiere degli   angeli,   dei   santi   e   dei   profeti,   c’è   solo   la   gioia   del   gaudio   e   del   ringraziamento,   non   entrano   onde   polemiche.   Loro vedono   tutti   i   nostri   difetti,   eppure   non   vengono   meno   ad   essere   uniti   alla   lode   del   gaudio   e   del   canto   per   il   Signore.   Noi potremmo   conoscere   questa   esperienza,   ma   purtroppo   ci   appoggiamo   di   più   a   coloro   che   accusano   chissà   chi:   un   ente, una   istituzione,   una   famiglia,   un   protagonista,   un   sacerdote,   un   vescovo.   C’è   più   facilità   di   unione   quando   c’è   questo richiamo   (come   avviene   all’inferno…),   che   quando   c’è   la   rivelazione   dell’amore,      della   lode   e   del   gaudio.   Stiamo   attenti   ai fiumi   di   parole   che   giornalmente   escono   dalla   nostra   bocca;   gli   angeli   non   dialogano,   non   mormorano   come   facciamo noi,   altrimenti   perdono   quella   serenità   e   quella   gioia   di   lodare   e   benedire   il   Signore.   Perché   blaterare,   criticare, mormorare,   cercare   di   fare   in   modo   che   un   certo   tipo   di   discorso   prenda   una   certa   linea   …   ,   diventa   una cosa contagiosa in mezzo a noi!  Sono tutti elementi di disturbo di chi  vuole lodare il Signore.    CONSOLARE MARIA SANTISSIMA PER OTTENERE GRANDI GRAZIE Le   cose   belle   dovrebbero   aiutarci   ed   essere   di   stimolo   a   fare   quello   che   Maria   Santissima   ci   chiede,   per   meritarci   le grazie   che   vuole   offrirci,   per   diventare   i   suoi   consolatori,   i   suoi   espiatori.   Invece   nel   mondo   tutti   vanno   per   conto   proprio, sono   degli   improvvisatori,   dicono   di   “voler   fare”..   e   in   realtà   vogliono   realizzare   quello   che   è   il   loro   progetto,   e   poco   si curano   dello   stato   d’animo   di   Maria   Santissima.   Cosa   c’è   di   più   bello   che   consolare   il   suo   cuore   meraviglioso,   come hanno   fatto   alcuni   santi,   ottenendo   grandi   risultati.   Anche   noi   potremmo   riuscirci,   non   è   un   utopia,   e   la   Madonna desidera   tantissimo   farcelo   conoscere.   Prima   di   tutto   occorre   saper   accettare   le   ingiustizie:    è   una   opportunità   che abbiamo   tutti   in   abbondanza...   Non   dobbiamo   dire   che   non   è   facile   perdonare,   perché   anche   noi   dobbiamo   farci perdonare   per   le   volte   che   non   ci   siamo   comportati   in   modo   corretto   verso   altre   persone.   Poi   bisogna   essere   obbedienti alla   Santa   Chiesa,   senza   criticare   i   sacerdoti,   altrimenti   è   tutto   tempo   perso   e   non   otterremo   nessun   privilegio.   Anche se   vediamo   che   qualcuno   dei   consacrati   non   si   comporta   come   dovrebbe,   cerchiamo   di   essere   uniti   in   una preghiera   di   sostegno,   in   un   sacrificio,   in   una   buona   azione   per   espiare   quell’errore,   non   per   accusarlo.   Non facciamoci   coinvolgere   dall’eco   malefico   del   giudizio,   della   critica   e   della   divisione,   specialmente   se   l’insinuazione riguarda   la   Santa   Chiesa.   Per   nessun   motivo.   Amiamo   la   Chiesa   intera,   sosteniamola   e   approviamola,   visto   che   anche noi   ne   facciamo   parte,   così   non   andremo   contro   quello   che   il   Signore   ci   ha   detto   (non   criticate,   non   giudicate..).     Piuttosto   facciamoci   un   esame   di   coscienza   visto   che   la   vera   chiesa   in   crisi   è   quella   laica,    la   destinataria   della maggior   parte   dei   messaggi   di   Maria   Santissima   (che   non   dicono   che   ci   comportiamo   bene…).         Viviamo   con   coerenza senza   prestare   il   fianco   alle   mormorazioni   (sono   velenose   e   devianti).   Non   sottovalutiamo   la   mormorazione   solo   perché non   è   condannata   dalle   leggi   o   dai   giudici   di   questo   di   questo   mondo.   Pensiamo   a   quello   che   il   Signore   può   pensare   di noi   nel   momento   in   cui   non   sappiamo   unirci   ed   offrire   la   nostra   parte   migliore.   Pensiamo   invece   alla   gioia   che   possiamo regalare   al   Padre,   al   Figlio   e   allo   Spirito   Santo   nel   vedere   che   uno   di   noi   sa   consolare   il   cuore   di   Maria   Santissima, rattristato   da   realtà   difficili,   confuse,   pessime:      ci   offrirebbero   dei   benefici   senza   limiti.   Il   risultato   dipende   tutto   da   noi, da   come   viviamo   e   ci   dedichiamo,   perché      la   stessa   grazia   viene   concessa   a   tutti,   nella   misura   in   cui   ognuno   la   sa gestire.   Solo   resistendo   a   tutte   le   insinuazioni,   a   tutto   il   contagio   e   all’influenza   che   il   mondo   può   avere   su   di   noi, potremmo offrirci come gli ausilianti  e gli espianti di Colei che MERITA di essere consolata.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Il contagio velenoso della polemica e della mormorazione
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Il   Signore   vuol   farci   conoscere   le   cose   più   belle sulla   terra,   non   una   problematica   dietro   l’altra. Invece   sembra   che   noi   desideriamo   conoscere   di più   i   problemi   degli   altri.   Nei   suoi   messaggi   la Madonna,   che   sa   tutto   di   tutti,   non   ci   ha   mai detto   che   desidera   scoprire   i   problemi   dell’uomo, non   ha   mai   confidato   polemiche   contro   nessuno, ha   solamente   incoraggiato   a   migliorarci   perché sa   che   se   ci   impegniamo,   possiamo   eliminare   i nostri   mali      per   dare   spazio   solamente   alla   gioia e   all’amore.   L’unico   avvertimento   che   la   Madonna ha    dato    a    Roberto    Longhi    in    22    anni    e    che riguarda   il   mondo   un   po’   confuso,   è   quello   di “pregare   molto   che   per   l’umanità   si   prospettano rotture     inimmaginabili”.     Il     nostro     animo     è desideroso   di   gioia,   di   bene   o   di   problemi?   Se desideriamo   conoscere   i   problemi   degli   altri è   perché   ne   abbiamo   molti   dentro   di   noi.    Se fossimo     liberi     di     animo     e     di     spirito,     e decantassimo     le     qualità     gli     uni     degli     altri, potremmo   vivere   un   momento   magico,   sentendo il   bene   e   la   gioia   che   il   Signore   intende   farci scoprire.   Perché   invece   vogliamo   crescere   in   un mondo   che   non   sa   amare   e   non   sa   essere   unito? Se    troveremo    questa    gioia    nel    profondo    del nostro   cuore,   tutto   quello   che   faremo   sarà   una benedizione,    una    felicità    continua;    sarà    come trasmettere   le   cose   migliori   che   esistono   sulla terra.   Perché   nel   mondo   ci   sono   anche   le   cose belle,   non   solo   quelle   brutte   e   cattive,   le   falsità,   i tradimenti,   le   gelosie,   le   invidie.   Cerchiamo   di guardare   al   lato   migliore   della   vita:   l’armonia,   la gioia,   la   serenità   …   In   paradiso,   tra   le   schiere degli   angeli,   dei   santi   e   dei   profeti,   c’è   solo   la gioia    del    gaudio    e    del    ringraziamento,    non entrano    onde    polemiche.    Loro    vedono    tutti    i nostri    difetti,    eppure    non    vengono    meno    ad essere   uniti   alla   lode   del   gaudio   e   del   canto   per   il Signore.     Noi     potremmo     conoscere     questa esperienza,   ma   purtroppo   ci   appoggiamo   di   più   a coloro   che   accusano   chissà   chi:   un   ente,   una istituzione,    una    famiglia,    un    protagonista,    un sacerdote,   un   vescovo.   C’è   più   facilità   di   unione quando    c’è    questo    richiamo    (come    avviene all’inferno…),     che     quando     c’è     la     rivelazione dell’amore,        della    lode    e    del    gaudio.    Stiamo attenti    ai    fiumi    di    parole    che    giornalmente escono     dalla     nostra     bocca;     gli     angeli     non dialogano,   non   mormorano   come   facciamo   noi, altrimenti   perdono   quella   serenità   e   quella   gioia di     lodare     e     benedire     il     Signore.     Perché blaterare,   criticare,   mormorare,   cercare   di fare   in   modo   che   un   certo   tipo   di   discorso prenda   una   certa   linea   …   ,   diventa   una   cosa contagiosa   in   mezzo   a   noi!    Sono   tutti   elementi di disturbo di chi  vuole lodare il Signore.    CONSOLARE MARIA SANTISSIMA PER OTTENERE GRANDI GRAZIE Le   cose   belle   dovrebbero   aiutarci   ed   essere   di stimolo    a    fare    quello    che    Maria    Santissima    ci chiede,   per   meritarci   le   grazie   che   vuole   offrirci, per   diventare   i   suoi   consolatori,   i   suoi   espiatori. Invece   nel   mondo   tutti   vanno   per   conto   proprio, sono   degli   improvvisatori,   dicono   di   “voler   fare”.. e   in   realtà   vogliono   realizzare   quello   che   è   il   loro progetto,   e   poco   si   curano   dello   stato   d’animo   di Maria    Santissima.    Cosa    c’è    di    più    bello    che consolare   il   suo   cuore   meraviglioso,   come   hanno fatto    alcuni    santi,    ottenendo    grandi    risultati. Anche   noi   potremmo   riuscirci,   non   è   un   utopia,   e la      Madonna      desidera      tantissimo      farcelo conoscere.     Prima     di     tutto     occorre     saper accettare   le   ingiustizie:    è   una   opportunità   che abbiamo    tutti    in    abbondanza...    Non    dobbiamo dire   che   non   è   facile   perdonare,   perché   anche   noi dobbiamo   farci   perdonare   per   le   volte   che   non   ci siamo   comportati   in   modo   corretto   verso   altre persone.   Poi   bisogna   essere   obbedienti   alla   Santa Chiesa,   senza   criticare   i   sacerdoti,   altrimenti   è tutto    tempo    perso    e    non    otterremo    nessun privilegio.    Anche    se    vediamo    che    qualcuno dei     consacrati     non     si     comporta     come dovrebbe,   cerchiamo   di   essere   uniti   in   una preghiera   di   sostegno,   in   un   sacrificio,   in una   buona   azione   per   espiare   quell’errore, non   per   accusarlo.   Non   facciamoci   coinvolgere dall’eco   malefico   del   giudizio,   della   critica   e   della divisione,   specialmente   se   l’insinuazione   riguarda la   Santa   Chiesa.   Per   nessun   motivo.   Amiamo   la Chiesa    intera,    sosteniamola    e    approviamola, visto   che   anche   noi   ne   facciamo   parte,   così   non andremo   contro   quello   che   il   Signore   ci   ha   detto (non     criticate,     non     giudicate..).          Piuttosto facciamoci   un   esame   di   coscienza   visto   che   la vera     chiesa     in     crisi     è     quella     laica,      la destinataria   della   maggior   parte   dei   messaggi   di Maria     Santissima     (che     non     dicono     che     ci comportiamo   bene…).         Viviamo   con   coerenza senza   prestare   il   fianco   alle   mormorazioni   (sono velenose    e    devianti).    Non    sottovalutiamo    la mormorazione    solo    perché    non    è    condannata dalle    leggi    o    dai    giudici    di    questo    di    questo mondo.   Pensiamo   a   quello   che   il   Signore   può pensare   di   noi   nel   momento   in   cui   non   sappiamo unirci     ed     offrire     la     nostra     parte     migliore. Pensiamo   invece   alla   gioia   che   possiamo   regalare al   Padre,   al   Figlio   e   allo   Spirito   Santo   nel   vedere che   uno   di   noi   sa   consolare   il   cuore   di   Maria Santissima,   rattristato   da   realtà   difficili,   confuse, pessime:      ci   offrirebbero   dei   benefici   senza   limiti. Il   risultato   dipende   tutto   da   noi,   da   come   viviamo e   ci   dedichiamo,   perché      la   stessa   grazia   viene concessa   a   tutti,   nella   misura   in   cui   ognuno   la   sa gestire.   Solo   resistendo   a   tutte   le   insinuazioni,   a tutto   il   contagio   e   all’influenza   che   il   mondo   può avere    su    di    noi,    potremmo    offrirci    come    gli ausilianti      e   gli   espianti   di   Colei   che   MERITA   di essere consolata.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                        Il contagio velenoso della            polemica e della mormorazione
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile