Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Il   nostro   Dio   è   esigente,   si   aspetta   una   risposta   ben   precisa   dal   nostro   comportamento,   affinché   possiamo   meritarci   la sua   misericordia,   non   pretenderla.   Perché   la   fede   è   una   responsabilità   anche   davanti   agli   altri.   In   che   misura   diffondiamo la   verità   che   Dio   ci   ha   rivelato,   se   dimostriamo   che   il   nostro   traguardo,   il   nostro   fine,   è   tutt'altro   rispetto   a   quello   che   il Signore ci ha detto?   Quelli   che   il   Signore   chiama   beati,   per   noi   sono   gente   di   serie   "C",      da   non   considerare   perché   sono   poveri   martiri ”   o poveri   cristi ”.   Come   andiamo   in   senso   contrario:   i   miseri   e   gli   umili   vengono   scartatati   dalla   società   e   ritenuti   individui che   non   valgono   niente.   Non   solo   non   sono   beati   per   noi,   ma   vogliamo   raggiungere   un   risultato   contrario!   Questo   ci   fa capire   che   tutto   il   resto   cammina   di   conseguenza:   il   Signore   ci   dice   di   non   giudicare   e   di   non   criticare   e   noi   critichiamo   e giudichiamo.   Le   due   beatitudini   sono   esattamente   opposte   e   noi   testimoniamo   la   seconda   verità.      Ecco   perché   entriamo nella   casa   del   Signore   con   uno   spirito   che   non   è   coerente   con   quello   che   ci   è   stato   rivelato;   potrebbe   essere   un   peccato grave,   un   sacrilegio.   E   abbiamo   anche   l'ardire   di   dire:   “io   non   pecco   più” …   Che   vigliaccheria!   Se   sapessimo   i   peccati   che facciamo   in   continuazione   e   che   magari   non   abbiamo   mai   confessato,   di   omissione...   Siamo   illusi   dal   fatto   che   forse facciamo   più   un   certo   tipo   di   peccato   (la   bestemmia,   l'adulterio,   ecc..),   ma   tutti,   chi   più   chi   meno,   commettiamo   gli   altri peccati di ipocrisia. E sappiamo come si è comportato Gesù con gli ipocriti del Tempio.....  LO SPECCHIO DEFORMANTE Noi   continuiamo   a   rivelare   l'esatto   contrario   di   ciò   che   Dio   ci   ha   insegnato   e   non   vediamo   più   l'autenticità   della   nostra fede.   Se   improvvisamente,   a   nostra   insaputa,   ci   mettono   davanti   a   uno   specchio   deformante,   non   ci   riconosciamo   più. Così   stiamo   trasmettendo   la   nostra   fede,   in   una   forma   difforme,   tanto   da   non   riconoscerla   più.   Che   pazienza che   hanno   il   Signore   e   la   Madonna   davanti   a   queste   cose,   e   neanche   ce   lo   dicono.   Siamo   tutti   colpevoli   quando   diciamo agli   altri   di   andare   in   chiesa   per   risolvere   un   problema,   pensando   di   aver   fatto   il   nostro   dovere:   diciamo   pure   di frequentare   la   chiesa   e   la   casa   del   Signore,   ma   per   onorarlo,   lodarlo   e   ringraziarlo,   non   per   un   secondo   fine   o   per convenienza.   Diamo   la   giusta   motivazione   alle   persone   che   vogliamo   aiutare!   Chi   di   noi   durante   la   discussione   con una   persona,   pur   avendo   ragione,   si   dispiace   per   aver   creato   anche   indirettamente   problemi   e   sofferenze all'altro?   Chi   di   noi   ha   questo   spirito   contrito,   questa   bontà   di   cuore?   Chi   di   noi   si   umilia?   Siamo   tutti   impettiti   dalla nostra   ragione:   “l’altro   deve   chiedermi   scusa!”.    Se   avessimo   quel   sentimento   di   amore   verso   chi   si   è   comportato   in   un modo   molto   brutto   con   noi,   saremmo   tanto   graditi   al   Signore,   da   innalzare   contemporaneamente   verso   il   cielo   tante preghiere.   Ecco   perché   il   miglior   modo   di   pregare   è   di   non   pregare,   ma   di   battersi   il   petto   contriti   e   umiliati;   poi   le preghiere   che   reciteremo   si   innalzeranno   come   il   fiore   più   bello   da   questa   terra.   Facciamo   tesoro   di   quello   che   sentiamo dal monte Misma, perché è utile ai fini della vita eterna. Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Veri o falsi beati
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Il   nostro   Dio   è   esigente,   si   aspetta   una   risposta ben   precisa   dal   nostro   comportamento,   affinché possiamo    meritarci    la    sua    misericordia,    non pretenderla.   Perché   la   fede   è   una   responsabilità anche     davanti     agli     altri.     In     che     misura diffondiamo   la   verità   che   Dio   ci   ha   rivelato,   se dimostriamo    che    il    nostro    traguardo,    il    nostro fine,   è   tutt'altro   rispetto   a   quello   che   il   Signore   ci ha detto? Quelli   che   il   Signore   chiama   beati,   per   noi   sono gente   di   serie   "C",      da   non   considerare   perché sono    poveri    martiri ”    o    poveri    cristi ”.    Come andiamo   in   senso   contrario:   i   miseri   e   gli   umili vengono     scartatati     dalla     società     e     ritenuti individui   che   non   valgono   niente.   Non   solo   non sono   beati   per   noi,   ma   vogliamo   raggiungere   un risultato   contrario!   Questo   ci   fa   capire   che   tutto   il resto   cammina   di   conseguenza:   il   Signore   ci   dice di    non    giudicare    e    di    non    criticare    e    noi critichiamo    e    giudichiamo.    Le    due    beatitudini sono   esattamente   opposte   e   noi   testimoniamo   la seconda   verità.      Ecco   perché   entriamo   nella   casa del   Signore   con   uno   spirito   che   non   è   coerente con    quello    che    ci    è    stato    rivelato;    potrebbe essere     un     peccato     grave,     un     sacrilegio.     E abbiamo   anche   l'ardire   di   dire:   “io   non   pecco più” …   Che   vigliaccheria!   Se   sapessimo   i   peccati che   facciamo   in   continuazione   e   che   magari   non abbiamo   mai   confessato,   di   omissione...   Siamo illusi   dal   fatto   che   forse   facciamo   più   un   certo tipo   di   peccato   (la   bestemmia,   l'adulterio,   ecc..), ma   tutti,   chi   più   chi   meno,   commettiamo   gli   altri peccati    di    ipocrisia.    E    sappiamo    come    si    è comportato Gesù con gli ipocriti del Tempio.....  LO SPECCHIO DEFORMANTE Noi   continuiamo   a   rivelare   l'esatto   contrario   di ciò   che   Dio   ci   ha   insegnato   e   non   vediamo   più l'autenticità        della        nostra        fede.        Se improvvisamente,   a   nostra   insaputa,   ci   mettono davanti    a    uno    specchio    deformante,    non    ci riconosciamo   più.   Così   stiamo   trasmettendo   la nostra   fede,   in   una   forma   difforme,   tanto   da non   riconoscerla   più.   Che   pazienza   che   hanno il   Signore   e   la   Madonna   davanti   a   queste   cose,   e neanche    ce    lo    dicono.    Siamo    tutti    colpevoli quando   diciamo   agli   altri   di   andare   in   chiesa   per risolvere   un   problema,   pensando   di   aver   fatto   il nostro   dovere:   diciamo   pure   di   frequentare   la chiesa   e   la   casa   del   Signore,   ma   per   onorarlo, lodarlo   e   ringraziarlo,   non   per   un   secondo   fine   o per    convenienza.    Diamo    la    giusta    motivazione alle   persone   che   vogliamo   aiutare!   Chi   di   noi durante   la   discussione   con   una   persona,   pur avendo   ragione,   si   dispiace   per   aver   creato anche   indirettamente   problemi   e   sofferenze all'altro?   Chi   di   noi   ha   questo   spirito   contrito, questa    bontà    di    cuore?    Chi    di    noi    si    umilia? Siamo   tutti   impettiti   dalla   nostra   ragione:   “l’altro deve     chiedermi     scusa!”.      Se     avessimo     quel sentimento   di   amore   verso   chi   si   è   comportato   in un   modo   molto   brutto   con   noi,   saremmo   tanto graditi         al         Signore,         da         innalzare contemporaneamente      verso      il      cielo      tante preghiere.   Ecco   perché   il   miglior   modo   di   pregare è   di   non   pregare,   ma   di   battersi   il   petto   contriti   e umiliati;    poi    le    preghiere    che    reciteremo    si innalzeranno   come   il   fiore   più   bello   da   questa terra.   Facciamo   tesoro   di   quello   che   sentiamo   dal monte   Misma,   perché   è   utile   ai   fini   della   vita eterna.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                             Veri o falsi beati
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile