Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Perché   tante   persone   pregano   e   si   disperano   per   i   morti   quando   i   veri   morti   sono   i   vivi?   Sono   loro   che   si   dispiacciono   per noi   perché   sanno   la   verità   e   l'altra   dimensione   è   meravigliosamente   più   grande.   Noi   brancoliamo   nel   buio,   siamo   i   veri morti   perché   a   volte   andiamo   a   sinistra,   altre   a   destra,   altre   su,   altre   giù,   sappiamo   solo   vivere   tra   calunnie   e   malizie.   Il Maestro   ha   vinto   la   morte   ed   è   resuscitato,   vuol   dire   che   non   c'è   morte   come   pensiamo   noi.   Sfruttiamo   nel   migliore   dei modi   la   parentesi   terrena   che   è   un   soffio   rispetto   all'eternità.   Chi   non   dice   la   verità   annulla   la   verità,   perciò   di   ogni parola   infondata   renderemo   conto   nel   giorno   del   giudizio”   (Mt.12,36).   Saremo   credibili   quando   dimostreremo   al Signore   di   non   lamentarci   più   e   di   saper   affrontare   le   prove   della   vita   con   dignità   e   fierezza,   senza   agitarci   o vivere   tra   alterchi   e   litigi.    I   morti   sono   vivi   nello   spirito   per   l'eternità,   noi   siamo   vivi   nella   materia   che   marcisce.   Se vivessimo   nella   verità   capiremmo   che   quello   che   ci   guida   nel   cammino   della   terra   dei   morti,   che   è   poi   la   terra   dei   vivi,   è la   luce   di   Dio,   non   la   luce   della   ragione   o   la   forza   della   fisicità.   Quella   dovrebbe   servire   per   migliorare   i   rapporti   fra   di   noi non   per   alimentare   l'avidità   di   coloro   che   sgomitano   per   avere   i   primi   posti.   Nessuno   aveva   più   poteri   di   Gesù   eppure   ha sempre   preso   dei   paragoni   terreni.   Parlava   di   vedove,   di   amministratori,   di   adulteri,   di   farisei,   di   pagliuzza,   di   trave..., pur   essendo   di   natura   divina   ci   ha   rivelato   la   natura   umana,   noi   che   brancoliamo   nel   buio   parliamo   di   miracoli,   di   segni, di cose divine, ma non amiamo e puntualizziamo gli errori degli altri. Questa è superbia. PORTIAMO LA VERITÀ O LA ANNACQUIAMO? Come   possiamo   essere   guida   per   qualcuno   quando   non   sappiamo   quello   che   dobbiamo   fare?   Lo   sappiamo   se   ci abbandoniamo   totalmente   al   Signore.   Siamo   credibili   quando   superiamo   la   prova   della   graticola,   della   persecuzione,   del tradimento,   del   pregiudizio.   Se   amiamo   in   quelle   prove   abbiamo   una   luce   e   una   grazia   che   poi   non   ci   ferma   più   nessuno, però   non   bisogna   abusare   di   quel   potere   ma   metterlo   al   servizio   degli   altri.   Non   dobbiamo   andare   in   crisi   o   dare   subito   la colpa   al   diavolo   per   una   piccola   prova,   magari   ce   l'ha   messa   davanti   il   Signore.   Essere   giusti   vuol   dire   farsi   umiliare senza   essere   permalosi   e   continuare   a   fare   la   propria   opera   di   bene.    Andiamo   d'accordo   o   creiamo   agitazione? Chi   è   giusto   prega   come   uno   che   ha   bisogno   dell'aria   per   respirare,   si   sente   indegno   e   peccatore   davanti   al   Signore perciò   non   critica   il   fratello.   Non   si   sente   all'altezza   neanche   di   perdonare   perché   non   pensa   di   aver   ragione.   Chi   critica invece   si   sente   il   migliore.   Diamo   valore   alle   nostre   preghiere   non   recitiamole   per   calmare   la   coscienza.   Con   il   battesimo abbiamo   ricevuto   dei   doni   e   una   grazia   impareggiabile,   ma   ci   comportiamo   come   se   non   avessimo   ricevuto   niente. Quando   ci   avviciniamo   veramente   alla   fonte   della   luce   è   impossibile   far   uscire   una   parola   cattiva.   Siamo   sinceri,   come siamo   messi   davanti   alle   opere   di   misericordia   spirituale   e   corporale?   E’   meglio   ricordare   i   nostri   errori   e   dimenticare   le nostre   opere   di   bene.   Se   sapremo   dimenticare   anche   le   offese,   il   Signore   ci   assolverà   dalle   colpe   che   non   pensavamo   di avere, poiché il male ricevuto è il miglior guadagno della nostra vita davanti al giudizio finale. SALVEZZA GRATIS O DANNAZIONE A PAGAMENTO? Come   si   fa   a   non   credere   in   Dio   davanti   all'universo   creato?   Chi   ha   Dio   nel   cuore   non   ha   paura   del   male   e   non   lo   vede negli   altri.   Gesù   non   è   fuggito   da   esso,   ma   liberava   le   persone   dalla   negatività   semplicemente   camminando,   con amicizia,   dolcezza   e   amore,   si   dispiaceva   della   loro   agitazione   perché   non   erano   a   posto   nella   coscienza.   Chi   ha   paura del   male   dimostra   di   non   avere   fede.   Il   male   interviene   nella   nostra   vita   quando   non   siamo   con   Dio,   quando   amiamo invece   chiudiamo   la   porta   al   demonio   e   non   ci   può   togliere   neanche   un   capello.   Il   Signore   ci   ha   dato   tutto   gratuitamente per   la   nostra   salvezza,   ma   noi   con   arroganza   e   presunzione   preferiamo   acquistare   la   nostra   sconfitta   pagandola,   perché tutte   le   cose   che   creano   peccato   le   paghiamo.   Quanto   è   stato   speso   per   la   sete   di   potere   e   di   avidità,   per   la   corruzione? Quanti   omicidi   per   interesse?   Con   quei   soldi   si   poteva   evitare   la   morte   per   fame   di   tante   persone   ed   ottenere   un   doppio vantaggio   per   l’anima.   L'egoismo   e   l'orgoglio   ci   penalizzano,   per   questo   soffre   Maria   Santissima,   come   possiamo   pensare che   venga   a   dirci   di   pregare   dopo   duemila   anni?   L'educazione   migliore   per   i   figli   è   l'amore   tra   papà   e   mamma.   Chi   ha   un sentimento    negativo    verso    un'altra    persona    non    parli    mai    di    Dio    né    di    preghiera,    perché    anche    quest’ultima    è contaminata.   E'   meglio   che   finisca   di   errare   e   tolga   l'orgoglio   e   la   malizia.   Il   peccato   è   la   pena   dell'uomo   (in   base   alla   sua gravità) non è l'offesa a Dio.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
I veri morti sono i vivi
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  Perché   tante   persone   pregano   e   si   disperano   per i   morti   quando   i   veri   morti   sono   i   vivi?   Sono   loro che   si   dispiacciono   per   noi   perché   sanno   la   verità e    l'altra    dimensione    è    meravigliosamente    più grande.   Noi   brancoliamo   nel   buio,   siamo   i   veri morti   perché   a   volte   andiamo   a   sinistra,   altre   a destra,   altre   su,   altre   giù,   sappiamo   solo   vivere tra    calunnie    e    malizie.    Il    Maestro    ha    vinto    la morte   ed   è   resuscitato,   vuol   dire   che   non   c'è morte     come     pensiamo     noi.     Sfruttiamo     nel migliore   dei   modi   la   parentesi   terrena   che   è   un soffio   rispetto   all'eternità.   Chi   non   dice   la   verità annulla   la   verità,   perciò   di   ogni   parola   infondata renderemo     conto     nel     giorno     del     giudizio” (Mt.12,36).       Saremo        credibili        quando dimostreremo   al   Signore   di   non   lamentarci più   e   di   saper   affrontare   le   prove   della   vita con    dignità    e    fierezza,    senza    agitarci    o vivere   tra   alterchi   e   litigi.    I   morti   sono   vivi nello   spirito   per   l'eternità,   noi   siamo   vivi   nella materia   che   marcisce.   Se   vivessimo   nella   verità capiremmo   che   quello   che   ci   guida   nel   cammino della   terra   dei   morti,   che   è   poi   la   terra   dei   vivi,   è la   luce   di   Dio,   non   la   luce   della   ragione   o   la   forza della     fisicità.     Quella     dovrebbe     servire     per migliorare   i   rapporti   fra   di   noi   non   per   alimentare l'avidità   di   coloro   che   sgomitano   per   avere   i   primi posti.   Nessuno   aveva   più   poteri   di   Gesù   eppure ha   sempre   preso   dei   paragoni   terreni.   Parlava   di vedove,   di   amministratori,   di   adulteri,   di   farisei, di   pagliuzza,   di   trave...,   pur   essendo   di   natura divina   ci   ha   rivelato   la   natura   umana,   noi   che brancoliamo    nel    buio    parliamo    di    miracoli,    di segni,     di     cose     divine,     ma     non     amiamo     e puntualizziamo    gli    errori    degli    altri.    Questa    è superbia. PORTIAMO LA VERITÀ O LA ANNACQUIAMO? Come    possiamo    essere    guida    per    qualcuno quando   non   sappiamo   quello   che   dobbiamo   fare? Lo   sappiamo   se   ci   abbandoniamo   totalmente   al Signore.    Siamo    credibili    quando    superiamo    la prova    della    graticola,    della    persecuzione,    del tradimento,   del   pregiudizio.   Se   amiamo   in   quelle prove   abbiamo   una   luce   e   una   grazia   che   poi   non ci   ferma   più   nessuno,   però   non   bisogna   abusare di   quel   potere   ma   metterlo   al   servizio   degli   altri. Non   dobbiamo   andare   in   crisi   o   dare   subito   la colpa   al   diavolo   per   una   piccola   prova,   magari   ce l'ha    messa    davanti    il    Signore.    Essere    giusti vuol     dire     farsi     umiliare     senza     essere permalosi    e    continuare    a    fare    la    propria opera   di   bene.    Andiamo   d'accordo   o   creiamo agitazione?   Chi   è   giusto   prega   come   uno   che   ha bisogno   dell'aria   per   respirare,   si   sente   indegno   e peccatore   davanti   al   Signore   perciò   non   critica   il fratello.    Non    si    sente    all'altezza    neanche    di perdonare   perché   non   pensa   di   aver   ragione.   Chi critica   invece   si   sente   il   migliore.   Diamo   valore alle   nostre   preghiere   non   recitiamole   per   calmare la   coscienza.   Con   il   battesimo   abbiamo   ricevuto dei    doni    e    una    grazia    impareggiabile,    ma    ci comportiamo    come    se    non    avessimo    ricevuto niente.    Quando    ci    avviciniamo    veramente    alla fonte    della    luce    è    impossibile    far    uscire    una parola   cattiva.   Siamo   sinceri,   come   siamo   messi davanti    alle    opere    di    misericordia    spirituale    e corporale?   E’   meglio   ricordare   i   nostri   errori   e dimenticare   le   nostre   opere   di   bene.   Se   sapremo dimenticare     anche     le     offese,     il     Signore     ci assolverà    dalle    colpe    che    non    pensavamo    di avere,    poiché    il    male    ricevuto    è    il    miglior guadagno    della    nostra    vita    davanti    al    giudizio finale. SALVEZZA GRATIS O DANNAZIONE A PAGAMENTO? Come    si    fa    a    non    credere    in    Dio    davanti all'universo   creato?   Chi   ha   Dio   nel   cuore   non   ha paura   del   male   e   non   lo   vede   negli   altri.   Gesù non   è   fuggito   da   esso,   ma   liberava   le   persone dalla   negatività   semplicemente   camminando,   con amicizia,   dolcezza   e   amore,   si   dispiaceva   della loro   agitazione   perché   non   erano   a   posto   nella coscienza.   Chi   ha   paura   del   male   dimostra   di non   avere   fede.   Il   male   interviene   nella   nostra vita   quando   non   siamo   con   Dio,   quando   amiamo invece   chiudiamo   la   porta   al   demonio   e   non   ci può   togliere   neanche   un   capello.   Il   Signore   ci   ha dato   tutto   gratuitamente   per   la   nostra   salvezza, ma   noi   con   arroganza   e   presunzione   preferiamo acquistare   la   nostra   sconfitta   pagandola,   perché tutte   le   cose   che   creano   peccato   le   paghiamo. Quanto   è   stato   speso   per   la   sete   di   potere   e   di avidità,    per    la    corruzione?    Quanti    omicidi    per interesse?    Con    quei    soldi    si    poteva    evitare    la morte   per   fame   di   tante   persone   ed   ottenere   un doppio     vantaggio     per     l’anima.     L'egoismo     e l'orgoglio   ci   penalizzano,   per   questo   soffre   Maria Santissima,   come   possiamo   pensare   che   venga   a dirci   di   pregare   dopo   duemila   anni?   L'educazione migliore   per   i   figli   è   l'amore   tra   papà   e   mamma. Chi    ha    un    sentimento    negativo    verso    un'altra persona   non   parli   mai   di   Dio   né   di   preghiera, perché    anche    quest’ultima    è    contaminata.    E' meglio   che   finisca   di   errare   e   tolga   l'orgoglio   e   la malizia.   Il   peccato   è   la   pena   dell'uomo   (in   base alla sua gravità) non è l'offesa a Dio.       Confidenze   di   Maria   santissima   a   Roberto   Longhi sul monte Misma  
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile