Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Se   diciamo   a   uno   che   è   un   ingegnere   o   un   commercialista   ma   in   realtà   non   lo   è,   quello   fa   dei   danni   mostruosi,   così   non possiamo   dire   che   per   essere   un   cristiano   bastano   due   preghiere,   commettiamo   lo   stesso   errore,   anzi   nella   fede   i   danni sono   maggiori   perché   non   sono   circoscritti.   Non   diciamo   più   che   pregando   si   ottiene   da   Dio,   stiamo   attenti   alle   nostre parole,   fermiamoci!   Preghiamo   e   ci   comportiamo   nel   modo   giusto?   Quelli   che   abitano   con   noi   confermano   tutti   i   nostri buoni   propositi?   Se   qualcuno   per   causa   nostra   non   va   in   chiesa,   è   meglio   che   restiamo   fuori   noi!   Non   nascondiamo   uno stile   di   vita   non   corretto   con   tante   iniziative.   Siamo   caritatevoli?   Magari   quella   preghiera   non   detta,   ci   ha   permesso   di portare   serenità   nel   nostro   ambiente.   Facciamo   fatica   a   dare   dei   soldi   a   chi   ne   ha   bisogno,   ma   li   buttiamo   via   al   telefono per   sparlare   degli   altri.   Oppure   li   spendiamo   in   pellegrinaggi   "turistici".   Prima   di   fare   quello   che   il   Signore   ci   chiede, non   facciamo   quello   che   il   Signore   non   vuole.    Quando   organizziamo   una   festa   e   offriamo   le   cose   migliori,   siamo contenti   nel   vedere   che   non   arriva   nessuno?   Che   desolazione,   che   tristezza!   Pensiamo   a   quale   sofferenza   può   provare Dio   che   ha   creato      il   mondo,   vedendosi   escluso   dalla   vita   dell’uomo,   rifiutato,   deriso   e   oltraggiato.   Si   chiederà   se   ha sbagliato   in   qualcosa,   avendogli   dato   una   meraviglia   più   bella   dell'altra   e   vedendo   che   va   da   tutt'altra   parte.   Se   avessimo capito   dovremmo   sgomitare   per   entrare   nelle   chiese   e   stupirci   di   tutto   ciò   che   ci   contorna.   Dovremmo   solamente piangere   di   gioia.   Perché   non   siamo   contenti   di   essere   cristiani?   Eppure   come   popolo   scelto   non   ci   è   mai   mancato   nulla. Una   persona   innamorata   è   gioiosa,   dovrebbe   avvenire   così   anche   nella   realtà   cristiana.   Invece   ci   lamentiamo,   siamo ancora   lì   a   chiedere   con   angoscia   e   tristezza,   sembriamo   tutti   dei   condannati.   L'errore   che   ogni   generazione   ha   sempre fatto   è   quello   di   non   capire   la   parola   del   Signore,   perché   ognuno   vuole   far   prevalere   i   suoi   ragionamenti.   Come   si   fa   a dire   che   la   parola   di   Dio   è   dura   o   molle?   Sappiamo   forse   il   suo   esatto   significato?   Se   fossimo   scaltri   capiremmo   che   sopra le   nostre   teste   abbiamo   un   potenziale   invincibile,   immenso,   basterebbe   mettere   in   pratica   l’amore   per   cambiare   le   sorti del   mondo.   La   parola   di   Dio   è   come   il   miele,   ma   se   non   l'abbiamo   capita   perché   vogliamo   confondere   gli   altri?   La   libertà che   il   Signore   ci   ha   dato   è   contagiosa   e   potente,   ma   la   usiamo   solamente   per   danneggiarci   e   creare   disarmonia.   Non lasciamoci   trasportare   dai   nostri   sentimenti   perché   il   cuore   dell'uomo   è   fallace,   difficilmente   guaribile.   L'amore   non   è quello   che   diciamo   con   le   nostre   parole,   è   quando   ci   sentiamo   di   dare   la   vita   per   il   nostro   fratello.   Quello   che   il   Signore ci   chiede   è   estremamente   realizzabile,   non   è   leggero   nè   pesante.   La   Madonna   e   i   santi   ci   hanno   detto   di   pregare, ma   dalla   loro   dimensione,   non   nel   nostro   disastro   umano.   Essi   intercedono   perché   non   diamo   valore   alle   nostre preghiere,   se   fossimo   a   posto   salirebbero   direttamente   a   Dio   senza   bisogno   del   loro   intervento.   La   desolazione   e   la falsità   sono   grandi,   perché   noi   trasmettiamo   la   nostra   parola,   creiamo   amarezza   e   diffondiamo   i   difetti   degli   altri.   Quanti cristiani   dimostrano   di   sapere   accettare   l'ingiustizia?   Se   fosse   così   ci   illumineremmo   d'immenso,   vedremmo   intervenire   le potenze   del   cielo   e   il   mondo   cambiare   in   un   modo   imprevedibile,   come   è   sempre   stato   per   i   santi.   Il   cristiano   autentico non   è   saccente,   non   misura   e   non   pesa.   Conosciamo   dove   potremmo   arrivare   con   l'amore?   Tutti   abbiamo   fatto   nella nostra   vita   errori   di   valutazione,   deludendo   qualcuno,   ma   abbiamo   margini   di   miglioramento.   Davanti   al   più   grande tradimento,   potremmo   guadagnarci   il   paradiso   accettandolo   in   nome   del   Signore,   senza   lamentarci.   L'amore   che   Gesù desidera   farci   conoscere   è   stato   creato   per   noi,   è   un   amore   totale,   sconfigge   ogni   eresia   e   ogni   pettegolezzo. Non   deleghiamo   il   Signore   a   fare   quello   che   si   aspetta   da   noi.   Quando   siamo   di   fronte   a   persone   poco   raccomandabili (che   magari   sono   messe   sulla   nostra   strada   per   vedere   se   siamo   coerenti),   il   male   dovrebbe   disintegrarsi,   come avveniva   per   Maria   Santissima.   Lei   non   si   lamentava,   piangeva   di   nascosto,   e   San   Giuseppe   si   comportava   allo   stesso modo.   Questo   è   l'amore   vero.   Non   andiamo   in   giro   a   istigare   gli   altri   sul   male   che   riceviamo,   facciamo   finta   di   niente anche   in   famiglia,   così   evitiamo   di   diffonderlo.   Le   persone   che   amano   e   vivono   situazioni   drammatiche,   sono   più   serene di   quelle   che   non   hanno   problemi   e   non   sanno   amare.   Tra   di   noi   non   mancano   le   preghiere,   ma   l'amicizia,   la   fraternità   e l'amore,   ciò   che   serve   per   diventare   veri   cristiani   e   cambiare   il   mondo.   Le   nostre   preghiere   potranno   avere   dei   meriti sorprendenti   se   sapremo   offrire   qualcosa   di   noi   stessi,   che   va   contro   la   nostra   ragione.   Perché   non   abbiamo   fiducia   di   chi fa   del   bene   ed   elogiamo   chi   sa   farsi   rispettare?   Questo   è   il   discernimento   del   male,   un   offesa   verso   Gesù   che   è   venuto per   i   deboli   e   i   fragili.   Dobbiamo   essere   più   severi   con   noi   stessi   e   dimenticare   i   difetti   del   prossimo,   perché   Dio   non assolve   colui   che   non   raddoppia   i   propri   talenti.   Abbiamo   paura   ad   amare   e   perdonare   perché   pensiamo   di   rimetterci? Stiamo bene solo con chi accetta il nostro pensiero? Vogliamo sostenere la legge dell'uomo o quella di Dio?    Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
L’errore di valutazione
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Se    diciamo    a    uno    che    è    un    ingegnere    o    un commercialista   ma   in   realtà   non   lo   è,   quello   fa dei   danni   mostruosi,   così   non   possiamo   dire   che per   essere   un   cristiano   bastano   due   preghiere, commettiamo   lo   stesso   errore,   anzi   nella   fede   i danni   sono   maggiori   perché   non   sono   circoscritti. Non   diciamo   più   che   pregando   si   ottiene   da   Dio, stiamo    attenti    alle    nostre    parole,    fermiamoci! Preghiamo   e   ci   comportiamo   nel   modo   giusto? Quelli    che    abitano    con    noi    confermano    tutti    i nostri   buoni   propositi?   Se   qualcuno   per   causa nostra   non   va   in   chiesa,   è   meglio   che   restiamo fuori   noi!   Non   nascondiamo   uno   stile   di   vita   non corretto   con   tante   iniziative.   Siamo   caritatevoli? Magari     quella     preghiera     non     detta,     ci     ha permesso     di     portare     serenità     nel     nostro ambiente.   Facciamo   fatica   a   dare   dei   soldi   a   chi ne   ha   bisogno,   ma   li   buttiamo   via   al   telefono   per sparlare    degli    altri.    Oppure    li    spendiamo    in pellegrinaggi    "turistici".    Prima    di    fare    quello che   il   Signore   ci   chiede,   non   facciamo   quello che       il       Signore       non       vuole.       Quando organizziamo    una    festa    e    offriamo    le    cose migliori,    siamo    contenti    nel    vedere    che    non arriva   nessuno?   Che   desolazione,   che   tristezza! Pensiamo   a   quale   sofferenza   può   provare   Dio   che ha   creato      il   mondo,   vedendosi   escluso   dalla   vita dell’uomo,    rifiutato,    deriso    e    oltraggiato.    Si chiederà   se   ha   sbagliato   in   qualcosa,   avendogli dato   una   meraviglia   più   bella   dell'altra   e   vedendo che   va   da   tutt'altra   parte.   Se   avessimo   capito dovremmo   sgomitare   per   entrare   nelle   chiese   e stupirci   di   tutto   ciò   che   ci   contorna.   Dovremmo solamente   piangere   di   gioia.   Perché   non   siamo contenti   di   essere   cristiani?   Eppure   come   popolo scelto   non   ci   è   mai   mancato   nulla.   Una   persona innamorata    è    gioiosa,    dovrebbe    avvenire    così anche      nella      realtà      cristiana.      Invece      ci lamentiamo,    siamo    ancora    lì    a    chiedere    con angoscia     e     tristezza,     sembriamo     tutti     dei condannati.    L'errore    che    ogni    generazione    ha sempre   fatto   è   quello   di   non   capire   la   parola   del Signore,   perché   ognuno   vuole   far   prevalere   i   suoi ragionamenti.   Come   si   fa   a   dire   che   la   parola   di Dio   è   dura   o   molle?   Sappiamo   forse   il   suo   esatto significato?    Se    fossimo    scaltri    capiremmo    che sopra    le    nostre    teste    abbiamo    un    potenziale invincibile,     immenso,     basterebbe     mettere     in pratica   l’amore   per   cambiare   le   sorti   del   mondo. La   parola   di   Dio   è   come   il   miele,   ma   se   non l'abbiamo   capita   perché   vogliamo   confondere   gli altri?    La    libertà    che    il    Signore    ci    ha    dato    è contagiosa   e   potente,   ma   la   usiamo   solamente per    danneggiarci    e    creare    disarmonia.    Non lasciamoci     trasportare     dai     nostri     sentimenti perché   il   cuore   dell'uomo   è   fallace,   difficilmente guaribile.   L'amore   non   è   quello   che   diciamo   con le   nostre   parole,   è   quando   ci   sentiamo   di   dare   la vita   per   il   nostro   fratello.   Quello   che   il   Signore ci   chiede   è   estremamente   realizzabile,   non è   leggero   nè   pesante.   La   Madonna   e   i   santi   ci hanno     detto     di     pregare,     ma     dalla     loro dimensione,   non   nel   nostro   disastro   umano.   Essi intercedono   perché   non   diamo   valore   alle   nostre preghiere,     se     fossimo     a     posto     salirebbero direttamente    a    Dio    senza    bisogno    del    loro intervento.    La    desolazione    e    la    falsità    sono grandi,   perché   noi   trasmettiamo   la   nostra   parola, creiamo   amarezza   e   diffondiamo   i   difetti   degli altri.     Quanti     cristiani     dimostrano     di     sapere accettare      l'ingiustizia?      Se      fosse      così      ci illumineremmo          d'immenso,          vedremmo intervenire    le    potenze    del    cielo    e    il    mondo cambiare    in    un    modo    imprevedibile,    come    è sempre   stato   per   i   santi.   Il   cristiano   autentico non    è    saccente,    non    misura    e    non    pesa. Conosciamo      dove      potremmo      arrivare      con l'amore?    Tutti    abbiamo    fatto    nella    nostra    vita errori    di    valutazione,    deludendo    qualcuno,    ma abbiamo   margini   di   miglioramento.   Davanti   al   più grande    tradimento,    potremmo    guadagnarci    il paradiso    accettandolo    in    nome    del    Signore, senza   lamentarci.   L'amore   che   Gesù   desidera farci   conoscere   è   stato   creato   per   noi,   è   un amore   totale,   sconfigge   ogni   eresia   e   ogni pettegolezzo.   Non   deleghiamo   il   Signore   a   fare quello   che   si   aspetta   da   noi.   Quando   siamo   di fronte     a     persone     poco     raccomandabili     (che magari    sono    messe    sulla    nostra    strada    per vedere    se    siamo    coerenti),    il    male    dovrebbe disintegrarsi,      come      avveniva      per      Maria Santissima.   Lei   non   si   lamentava,   piangeva   di nascosto,    e    San    Giuseppe    si    comportava    allo stesso    modo.    Questo    è    l'amore    vero.    Non andiamo   in   giro   a   istigare   gli   altri   sul   male   che riceviamo,    facciamo    finta    di    niente    anche    in famiglia,   così   evitiamo   di   diffonderlo.   Le   persone che    amano    e    vivono    situazioni    drammatiche, sono    più    serene    di    quelle    che    non    hanno problemi    e    non    sanno    amare.    Tra    di    noi    non mancano   le   preghiere,   ma   l'amicizia,   la   fraternità e    l'amore,    ciò    che    serve    per    diventare    veri cristiani     e     cambiare     il     mondo.     Le     nostre preghiere   potranno   avere   dei   meriti   sorprendenti se   sapremo   offrire   qualcosa   di   noi   stessi,   che   va contro   la   nostra   ragione.   Perché   non   abbiamo fiducia   di   chi   fa   del   bene   ed   elogiamo   chi   sa   farsi rispettare?   Questo   è   il   discernimento   del   male, un   offesa   verso   Gesù   che   è   venuto   per   i   deboli   e i    fragili.    Dobbiamo    essere    più    severi    con    noi stessi   e   dimenticare   i   difetti   del   prossimo,   perché Dio   non   assolve   colui   che   non   raddoppia   i   propri talenti.   Abbiamo   paura   ad   amare   e   perdonare perché   pensiamo   di   rimetterci?   Stiamo   bene   solo con    chi    accetta    il    nostro    pensiero?    Vogliamo sostenere la legge dell'uomo o quella di Dio?   

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                        L’errore di valutazione
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile