Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  La   Madonna   ha   trasmesso   e   fatto   capire   a   Roberto   Longhi   che   noi   dovremmo   avere   più   considerazione   del   Signore,   il quale   ci   ha   dimostrato   che   per   lui   noi   valiamo   talmente   tanto,   da   aver   mandato   sulla   terra   il   suo   unico   figlio   a   salvarci. Possiamo   dimostrare   delle   buone   azioni,   ma   perché   non   diamo   prova   al   Signore   di   essere   più   capaci   a   unire   che   a dividere?   Cosa   ci   costa   unire   un   gruppo,   avere   lo   stesso   sentimento,   lo   stesso   desiderio,   la   stessa   gioia   nel   vedere   e   nel desiderare   il   bene   dell'altro?   Nel   mondo   si   sta   verificando   a   tutti   i   livelli   la   divisione:   dalla   famiglia,   alle   istituzioni,   ai gruppi   di   ogni   genere.   Com'è   diverso   rispetto   al   nostro   il   modo   di   amare,   di   comportarsi,   di   ragionare   di   Maria Santissima!   Ci   si   sopporta   malvolentieri,   serpeggia   sempre   quell'orgoglio   che   distrugge   tutto.   Non   dobbiamo   pensare che,   per   unire,   gli   altri   debbano   per   forza   accettare   il   nostro   pensiero.   Nè   dobbiamo   pensare   che   unire   significa   creare dei   piccoli   gruppi,   dei   "clan"   che   condividono   le   stesse   idee,   e   poi   chiudere   tutto   con   le   altre   persone.   La   Madonna desidera   che   i   figli   di   Dio,   battezzati,   cresimati   e   comunicati,   approfondiscano   sempre   di   più   i   progetti   che   il   Signore   ha su   ciascuno.   Perché   non   riusciamo   a   fare   la   nostra   piccola   parte,   a   volerci   bene   nel   modo   autentico,   che   vuol   dire   unire? Quando   saremo   uniti   in   questo   sentimento   toccheremo   con   mano   le   grazie   della   Madonna,   come   lei   stessa   ha   riferito   a Roberto   Longhi:   "Verrà   il   momento   caro   figlio   che   tu   vedrai   le   grazie   piovere   dal   cielo   puntuali   come   un orologio   svizzero".    Cosa   manca   affinché   le   nostre   preghiere   possano   essere   esaudite   con   la   puntualità   di   un   orologio svizzero?   La   dimostrazione   che   sappiamo   unire,   che   è   il   modo   migliore   di   rispettare   un   luogo   benedetto   come   il   monte Misma!   Poi,   per   non   disperdere   ciò   che   abbiamo   ricevuto   dal   Signore,   sarebbe   bello   insegnare   agli   altri   ed   in   primis   a   noi stessi,    come    dobbiamo    muoverci    in    luoghi    speciali,    con    quale    devozione.    Purtroppo    c'è    una    brutta    abitudine    a rumoreggiare”    nei   luoghi   benedetti;   ad   esempio   quando   finisce   la   S.messa   tutti   incominciano   a   parlare   come   se   fossero al   bar,   dimenticandosi   del   luogo   in   cui   ci   si   trova   e   quale   rispetto   merita.   Perché   tutto   quello   che   abbiamo   da   dirci   lo dobbiamo   dire   subito,   un   istante   dopo   aver   ricevuto   il   Signore?   Allontaniamoci   dal   luogo   benedetto,   lasciamo   operare   la Grazia   dentro   di   noi,   parliamoci   dopo   qualche   minuto…,   perché   senza   rendercene   conto   potremmo   commettere   una mancanza più o meno grave.   PER OGNI GRAZIA C'È BISOGNO DI UNA PREGHIERA AUTENTICA  Siamo   coinvolti   in   un   progetto   universale   che   tramite   le   nostre   preghiere   otteniamo   grazie   in   tutto   il   mondo;   e   anche   per i   nostri   cari   perché   il   Signore   ben   conosce   le   necessità   di   chi   ci   sta   a   cuore.   Però   dobbiamo   dare   alla   Madonna   la possibilità   di   intervenire   in   un   modo   più   numeroso   e   abbondante.   Quanto   ci   vuole   bene   il   Signore!   Ha   dato   a   noi   la possibilità   di   fare   intervenire   la   sua   dolce   Madre,   nella   misura   in   cui   dimostriamo   di   meritarcelo   da   come   ci proponiamo   davanti   a   lei   attraverso   le   nostre   preghiere   e   il   nostro   comportamento.   E’   una   legge   naturale:   il Signore   già   prima   di   creare   il   mondo,   ha   promesso   la   sua   grazia   a   quelli   che   sarebbero   stati   giusti.   Ecco   perché   la Madonna   trepida   per   noi,   perché   è   in   attesa   di   una   risposta   che   mai   abbiamo   dato,   per   poter   intervenire   in   una   misura abbondante   sul   mondo   intero.   Attende   solo   che   facciamo   la   volontà   del   padre,   che   sappiamo   unirci,   sostenerci   gli   uni   gli altri.   Poi   potremmo   gioire   sapendo   che,   per   il   merito   di   poche   persone,   quando   sale   in   cielo   una   dimostrazione   di   buona volontà   e   di   comportamento   obiettivo,   sobrio,   equilibrato,   si   potrà   ottenere   una   grande   grazia   per   il   mondo!   Come   è avvenuto   nel   Vangelo,   quando   per   i   meriti   di   un   ragazzino,   Gesù   ha   moltiplicato   i   pani   e   pesci   a   dismisura.....   Il   cuore della   Madonna   soffre   per   la   situazione   del   mondo   intero   (incluse   le   nostre)   e   quando   si   accorge   che   c'è   un   figlio   sensibile alla   suo   dolore,   che   ne   risponde   nella   giusta   misura,   gli   farà   conoscere   una   gioia   così   grande   che   non   potrà   neanche contenerla   e   la   trasmetterà   a   tutte   le   persone   che   incontra.   Perché   Gesù   premia   abbondantemente   coloro   che   consolano sua   Madre.   La   voce   coerente   e   giusta   può   salire   per   colmare   tanti   errori   del   mondo,   una   voce   che   sia   la   dimostrazione obiettiva   di   unione,   di   amore,   di   concordia,   di   letizia,   di   gaudio,   di   amicizia,   che   sappia   dimostrare   i   doni   e   i   frutti   dello spirito   Santo.      Non   calunniamo   coloro   che   il   male   vuole   distruggere,   facendoli   apparire   in   cattiva   luce   quando   già   stanno subendo   umiliazioni   e   sofferenze   enormi.   È   il   male   che   ha   inculcato   il   sentimento   di   volere   crocifiggere   Gesù,   e   così opera   in   noi   quando   condanniamo,   diffamiamo   e   creiamo   negatività   verso   altre   persone.   Dimostriamo   di   saper   amare nostro   fratello   anche   quando   non   si   sta   comportando   bene,   come   Gesù   ci   ha   amato   e   ci   ama.   Uniamoci.   Offriamo   la nostra   risposta   non   secondo   le   nostre   misure   o   convenienze,   ma   come   la   Madonna   merita,   per   tutto   quello   che   ha   fatto per   noi   e   per   le   popolazioni   che   ci   hanno   preceduto.   E   perché   continuamente   vuole   offrirci   il   mondo   intero,   la   gioia   più grande che non abbiamo mai provato.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Uniti o divisi
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
La    Madonna    ha    trasmesso    e    fatto    capire    a Roberto    Longhi    che    noi    dovremmo    avere    più considerazione     del     Signore,     il     quale     ci     ha dimostrato    che    per    lui    noi    valiamo    talmente tanto,   da   aver   mandato   sulla   terra   il   suo   unico figlio   a   salvarci.   Possiamo   dimostrare   delle   buone azioni,   ma   perché   non   diamo   prova   al   Signore   di essere   più   capaci   a   unire   che   a   dividere?   Cosa   ci costa     unire     un     gruppo,     avere     lo     stesso sentimento,   lo   stesso   desiderio,   la   stessa   gioia nel   vedere   e   nel   desiderare   il   bene   dell'altro?   Nel mondo    si    sta    verificando    a    tutti    i    livelli    la divisione:   dalla   famiglia,   alle   istituzioni,   ai   gruppi di    ogni    genere.    Com'è    diverso    rispetto    al nostro   il   modo   di   amare,   di   comportarsi,   di ragionare   di   Maria   Santissima!   Ci   si   sopporta malvolentieri,    serpeggia    sempre    quell'orgoglio che   distrugge   tutto.   Non   dobbiamo   pensare   che, per   unire,   gli   altri   debbano   per   forza   accettare   il nostro   pensiero.   Nè   dobbiamo   pensare   che   unire significa   creare   dei   piccoli   gruppi,   dei   "clan"   che condividono   le   stesse   idee,   e   poi   chiudere   tutto con   le   altre   persone.   La   Madonna   desidera   che   i figli   di   Dio,   battezzati,   cresimati   e   comunicati, approfondiscano   sempre   di   più   i   progetti   che   il Signore   ha   su   ciascuno.   Perché   non   riusciamo   a fare   la   nostra   piccola   parte,   a   volerci   bene   nel modo    autentico,    che    vuol    dire    unire?    Quando saremo   uniti   in   questo   sentimento   toccheremo con    mano    le    grazie    della    Madonna,    come    lei stessa   ha   riferito   a   Roberto   Longhi:   "Verrà   il momento   caro   figlio   che   tu   vedrai   le   grazie piovere   dal   cielo   puntuali   come   un   orologio svizzero".      Cosa     manca     affinché     le     nostre preghiere     possano     essere     esaudite     con     la puntualità      di      un      orologio      svizzero?      La dimostrazione   che   sappiamo   unire,   che   è   il   modo migliore   di   rispettare   un   luogo   benedetto   come   il monte   Misma!   Poi,   per   non   disperdere   ciò   che abbiamo    ricevuto    dal    Signore,    sarebbe    bello insegnare    agli    altri    ed    in    primis    a    noi    stessi, come   dobbiamo   muoverci   in   luoghi   speciali,   con quale     devozione.     Purtroppo     c'è     una     brutta abitudine   a   rumoreggiare”    nei   luoghi   benedetti; ad    esempio    quando    finisce    la    S.messa    tutti incominciano   a   parlare   come   se   fossero   al   bar, dimenticandosi   del   luogo   in   cui   ci   si   trova   e   quale rispetto   merita.   Perché   tutto   quello   che   abbiamo da   dirci   lo   dobbiamo   dire   subito,   un   istante   dopo aver   ricevuto   il   Signore?   Allontaniamoci   dal   luogo benedetto,   lasciamo   operare   la   Grazia   dentro   di noi,   parliamoci   dopo   qualche   minuto…,   perché senza   rendercene   conto   potremmo   commettere una mancanza più o meno grave.   PER OGNI GRAZIA C'È BISOGNO DI UNA PREGHIERA AUTENTICA  Siamo    coinvolti    in    un    progetto    universale    che tramite   le   nostre   preghiere   otteniamo   grazie   in tutto   il   mondo;   e   anche   per   i   nostri   cari   perché   il Signore   ben   conosce   le   necessità   di   chi   ci   sta   a cuore.    Però    dobbiamo    dare    alla    Madonna    la possibilità     di     intervenire     in     un     modo     più numeroso   e   abbondante.   Quanto   ci   vuole   bene   il Signore!   Ha   dato   a   noi   la   possibilità   di   fare intervenire   la   sua   dolce   Madre,   nella   misura in   cui   dimostriamo   di   meritarcelo   da   come   ci proponiamo     davanti     a     lei     attraverso     le nostre          preghiere          e          il          nostro comportamento.    E’    una    legge    naturale:    il Signore    già    prima    di    creare    il    mondo,    ha promesso   la   sua   grazia   a   quelli   che   sarebbero stati   giusti.   Ecco   perché   la   Madonna   trepida   per noi,   perché   è   in   attesa   di   una   risposta   che   mai abbiamo    dato,    per    poter    intervenire    in    una misura    abbondante    sul    mondo    intero.    Attende solo    che    facciamo    la    volontà    del    padre,    che sappiamo   unirci,   sostenerci   gli   uni   gli   altri.   Poi potremmo   gioire   sapendo   che,   per   il   merito   di poche     persone,     quando     sale     in     cielo     una dimostrazione      di      buona      volontà      e      di comportamento   obiettivo,   sobrio,   equilibrato,   si potrà   ottenere   una   grande   grazia   per   il   mondo! Come    è    avvenuto    nel    Vangelo,    quando    per    i meriti   di   un   ragazzino,   Gesù   ha   moltiplicato   i pani    e    pesci    a    dismisura.....    Il    cuore    della Madonna    soffre    per    la    situazione    del    mondo intero   (incluse   le   nostre)   e   quando   si   accorge   che c'è    un    figlio    sensibile    alla    suo    dolore,    che    ne risponde   nella   giusta   misura,   gli   farà   conoscere una   gioia   così   grande   che   non   potrà   neanche contenerla   e   la   trasmetterà   a   tutte   le   persone che        incontra.        Perché        Gesù        premia abbondantemente     coloro     che     consolano     sua Madre.   La   voce   coerente   e   giusta   può   salire   per colmare   tanti   errori   del   mondo,   una   voce   che   sia la   dimostrazione   obiettiva   di   unione,   di   amore,   di concordia,   di   letizia,   di   gaudio,   di   amicizia,   che sappia   dimostrare   i   doni   e   i   frutti   dello   spirito Santo.      Non   calunniamo   coloro   che   il   male   vuole distruggere,    facendoli    apparire    in    cattiva    luce quando     già     stanno     subendo     umiliazioni     e sofferenze   enormi.   È   il   male   che   ha   inculcato   il sentimento   di   volere   crocifiggere   Gesù,   e   così opera   in   noi   quando   condanniamo,   diffamiamo   e creiamo      negatività      verso      altre      persone. Dimostriamo    di    saper    amare    nostro    fratello anche    quando    non    si    sta    comportando    bene, come    Gesù    ci    ha    amato    e    ci    ama.    Uniamoci. Offriamo   la   nostra   risposta   non   secondo   le   nostre misure    o    convenienze,    ma    come    la    Madonna merita,   per   tutto   quello   che   ha   fatto   per   noi   e   per le   popolazioni   che   ci   hanno   preceduto.   E   perché continuamente   vuole   offrirci   il   mondo   intero,   la gioia più grande che non abbiamo mai provato. 

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                                Uniti o divisi
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile