Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Mai   come   in   questi   tempi   si   alza   dalla   terra   il   grido   di   dolore   causato   dalla   violenza   dell'uomo,   solamente   perché   non siamo   stati   capaci   di   difendere   le   verità   rivelate   da   Gesù   Cristo   2000   anni   fa.   Le   abbiamo   sostituite   con   un   bene   terreno, ma   le   risultanze   sono   altamente   drammatiche.   E’   un   gravissimo   errore   di   interpretazione.   Il   Signore   è   di   una   precisione stupenda,   se   seguiamo   la   sua   scaletta   arriviamo   in   cima   in   una   misura   meravigliosa   e   pregustiamo   già   le   anticipazioni del   paradiso.   Perché   facciamo   di   tutte   le   erbe   un   fascio?   Abbiamo   notato   che   va   tutto   contro   la   vita   e   ciò   che   Dio   ha creato?   Si   vuole   alterare   ogni   cosa   e   anche   noi   cristiani   veniamo   risucchiati   nel   vortice,   inconsapevoli   del   nostro privilegio   e   della   nostra   responsabilità.   Un   giorno   ne   dovremo   rendere   conto.   Cosa   abbiamo   in   mano   di   ciò   che   ha   creato l'uomo?   Niente,   tutto   si   è   sviluppato   dalla   materia   prima   creata   da   Dio   e   noi   siamo   la   continuazione   della   sua   creazione. Perché   pensiamo   di   poter   fare   tutto   quello   che   vogliamo?   La   sola   cosa   che   ci   unisce   (esteriormente)   è   la   recita   del   santo Rosario.   Siamo   convinti   di   far   finire   le   guerre?   Neanche   Maria   Santissima   ci   esorta   a   questo,   anzi   è   triste   perché   vede   la sua   preghiera   usata   come   unico   elemento   di   unione   fra   tanti   cuori   ribelli   e   anime   false.   Il   Rosario   deve   essere   il coronamento   della   nostra   vita,   della   gioia,   non   il   suo   fondamento.   Fondiamoci   piuttosto   sulla   parola   di   Dio.   Ma   il   profeta che   la   presunzione   di   dire   in   mio   nome   una   cosa   che   io   non   gli   ho   comandato   di   dire   o   che   parlerà   in   nome   di   altri   dei, quel   profeta   dovrà   morire   (Dt.18,20).   È   duro   questo   richiamo,   parliamo   di   ciò   che   il   Signore   ha   rivelato?   Trasmettiamo   il Dio   Creatore,   dell’amore,   o   un   dio   qualsiasi   da   paragonare   a   un   profeta?   Bisogna   essere   più   professionali   nella   nostra fede,   non   così   sbilenchi.   Vi   esorto   pertanto,   fratelli,   per   il   nome   del   Signore   nostro   Gesù   Cristo,   ad   essere   tutti unanimi   nel   parlare ,   perché   non   vi   siano   divisioni   tra   voi,   ma   siate   in   perfetta   unione   di   pensiero   e   d'intenti (1Cor1,10).   Siamo   tutti   unanimi   nel   parlare   oppure   ci   sono   divisioni?   Vogliamo   il   bene   degli   altri   senza   ipocrisia? Abbiamo   uno   spirito   e   un   cuore   diverso,   parliamo   secondo   le   nostre   esigenze,   ci   classifichiamo,   eppure   facciamo   parte della   stessa   famiglia.   A   livello   spirituale   è   come   se   andassimo   a   dire   che   con   la   farina   si   fa   la   malta…   Anche   oggi   i cristiani   sono   di   molte   fazioni,   chi   sostiene   una   cosa   e   chi   un'altra,   come   ai   tempi   dell’Apostolo:   " Io   sono   di   Paolo",   "Io invece   sono   di   Apollo",   " E   io   di   Cefa",   "E   io   di   Cristo! "   (1Cor1,12).   C'è   invidia   e   gelosia   persino   nei   gruppi   di preghiera!   Cristo   è   stato   forse   diviso?   Veniamo   dallo   stesso   Padre   e   abbiamo   ricevuto   la   stessa   Parola.   Se   non   vi fossero   divisioni   il   nostro   cuore   traboccherebbe   di   gioia   perché   scenderebbe   la   grazia   del   Signore,   ma   davanti   a   queste contraddizioni   non   viene   a   favorire   alcuni   e   a   penalizzare   altri.   Perché   andiamo   in   chiesa?   Dopo   la   santa   messa   non   ci rimane   nulla   perché   non   la   viviamo   e   dimostriamo   l'esatto   contrario   dell'amore   e   del   perdono.   Ci   rimane   il   gettone   di presenza.   Invece   di   aprire   il   nostro   cuore   l’abbiamo   imprigionato,   indurito,   siamo   pieni   di   livore;   abbiamo   liberato   la mente   che   produce   polemiche.   Parlando   delle   nostre   emozioni   e   non   delle   principali   Verità,   de-cristianizziamo   il   popolo. Gesù   ci   richiama   all'ordine   per   non   basare   la   nostra   fede   sul   sensazionalismo,   sui   segni,   sul   fatto   eclatante,   su   cose   che non   potremmo   confermare:   ne   aveva   guariti   molti,   così   che   quanti   avevano   qualche   male   gli   si   gettavano   addosso   per toccarlo.   Gli   spiriti   immondi,   quando   lo   vedevano,   gli   si   gettavano   ai   piedi   gridando:   " Tu   sei   il   Figlio   di   Dio!" .   Ma   egli   li sgridava   severamente   perché   non   lo   manifestassero   (Mc.3,8-12).   Non   voleva   essere   manifestato   come   l'uomo   dei miracoli   per   non   portare   confusione.   Noi   invece   riveliamo   solamente   quello,   vogliamo   azioni   che   coinvolgono   e   ci   fanno sentire   protagonisti.   Anche   il   male   sa   compiere   prodigi   e   soddisfa   chi   ne   ha   il   prurito,   però   li   svuota   della   parola   di   Dio. Se   trasmettiamo   un   linguaggio   diverso   e   ci   applichiamo   solamente   a   una   pratica   orale,   rendiamo   vana   la   croce   di   Cristo (1Cor1,17).   E’   un   peccato   gravissimo   e   per   un   ateo   tutta   questa   confusione   è   additata   a   Cristo.   Possiamo   anche   noi imitare   i   profeti,   chiamiamoli   per   nome   o   con   dei   diminutivi,   perché   non   sono   persone   inarrivabili.   Essi   non avevano   una   dialettica   convincente   perché   si   sentivano   indegni,   ma   hanno   sacrificato   la   loro   vita   accettando   ogni   sorta   di ingiustizia;   dubitiamo   di   coloro   che   convincono   con   le   parole.   La   sapienza   non   sta   nella   mente,   ma   nel   cuore,   ecco perché   Paolo   non   predicava   con   discorsi   sapienti.   Gesù   stesso   parlava   un   linguaggio   comprensibile   a   tutti,   ai   miseri   e   agli analfabeti.      Molti   santi   erano   considerati   bugiardi   perché   rispondevano   in   modo   inadeguato,   istintivo:   magari   era   dovuto al   peso   che   avevano   sulle   spalle.   Ma   per   noi   ogni   occasione   è   buona   per   criticare.   “Mentre   il   male   ha   aumentato   gli attacchi,   voi   avete   indebolito   le   difese”    disse   la   Madonna   a   Roberto.   Rispettiamo   la   volontà   di   Dio?   Siamo   disposti   a ricevere   qualche   ingiustizia   e   a   sopportare   i   tradimenti?   Sono   i   nostri   nemici   che   ci   fanno   guadagnare   il   paradiso,   gli artefici   principali   della   nostra   salvezza.   Perché   non   li   consideriamo   amici?   Pensiamo   di   perdonare   e   amare   chi   ci   ha   fatto del bene.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Apriamo il cuore non la mente
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Mai   come   in   questi   tempi   si   alza   dalla   terra   il grido   di   dolore   causato   dalla   violenza   dell'uomo, solamente    perché    non    siamo    stati    capaci    di difendere   le   verità   rivelate   da   Gesù   Cristo   2000 anni    fa.    Le    abbiamo    sostituite    con    un    bene terreno,     ma     le     risultanze     sono     altamente drammatiche.     E’     un     gravissimo     errore     di interpretazione.   Il   Signore   è   di   una   precisione stupenda,   se   seguiamo   la   sua   scaletta   arriviamo in      cima      in      una      misura      meravigliosa      e pregustiamo    già    le    anticipazioni    del    paradiso. Perché    facciamo    di    tutte    le    erbe    un    fascio? Abbiamo   notato   che   va   tutto   contro   la   vita   e   ciò che   Dio   ha   creato?   Si   vuole   alterare   ogni   cosa   e anche     noi     cristiani     veniamo     risucchiati     nel vortice,   inconsapevoli   del   nostro   privilegio   e   della nostra    responsabilità.    Un    giorno    ne    dovremo rendere   conto.   Cosa   abbiamo   in   mano   di   ciò   che ha   creato   l'uomo?   Niente,   tutto   si   è   sviluppato dalla   materia   prima   creata   da   Dio   e   noi   siamo   la continuazione     della     sua     creazione.     Perché pensiamo     di     poter     fare     tutto     quello     che vogliamo?      La      sola      cosa      che      ci      unisce (esteriormente)    è    la    recita    del    santo    Rosario. Siamo   convinti   di   far   finire   le   guerre?   Neanche Maria   Santissima   ci   esorta   a   questo,   anzi   è   triste perché   vede   la   sua   preghiera   usata   come   unico elemento   di   unione   fra   tanti   cuori   ribelli   e   anime false.   Il   Rosario   deve   essere   il   coronamento   della nostra   vita,   della   gioia,   non   il   suo   fondamento. Fondiamoci   piuttosto   sulla   parola   di   Dio.   Ma   il profeta   che   la   presunzione   di   dire   in   mio   nome una   cosa   che   io   non   gli   ho   comandato   di   dire   o che   parlerà   in   nome   di   altri   dei,   quel   profeta dovrà   morire   (Dt.18,20).   È   duro   questo   richiamo, parliamo    di    ciò    che    il    Signore    ha    rivelato? Trasmettiamo   il   Dio   Creatore,   dell’amore,   o   un dio    qualsiasi    da    paragonare    a    un    profeta? Bisogna    essere    più    professionali    nella    nostra fede,    non    così    sbilenchi.    Vi    esorto    pertanto, fratelli,    per    il    nome    del    Signore    nostro    Gesù Cristo,   ad   essere   tutti   unanimi   nel   parlare , perché   non   vi   siano   divisioni   tra   voi,   ma   siate   in perfetta      unione      di      pensiero      e      d'intenti (1Cor1,10).    Siamo    tutti    unanimi    nel    parlare oppure   ci   sono   divisioni?   Vogliamo   il   bene   degli altri   senza   ipocrisia?   Abbiamo   uno   spirito   e   un cuore     diverso,     parliamo     secondo     le     nostre esigenze,     ci     classifichiamo,     eppure     facciamo parte   della   stessa   famiglia.   A   livello   spirituale   è come   se   andassimo   a   dire   che   con   la   farina   si   fa la   malta…   Anche   oggi   i   cristiani   sono   di   molte fazioni,    chi    sostiene    una    cosa    e    chi    un'altra, come   ai   tempi   dell’Apostolo:   " Io   sono   di   Paolo", "Io   invece   sono   di   Apollo",   " E   io   di   Cefa",   "E   io   di Cristo! "    (1Cor1,12).    C'è     invidia     e     gelosia persino   nei   gruppi   di   preghiera!   Cristo   è   stato forse    diviso?    Veniamo    dallo    stesso    Padre    e abbiamo    ricevuto    la    stessa    Parola.    Se    non    vi fossero   divisioni   il   nostro   cuore   traboccherebbe di     gioia     perché     scenderebbe     la     grazia     del Signore,   ma   davanti   a   queste   contraddizioni   non viene    a    favorire    alcuni    e    a    penalizzare    altri. Perché   andiamo   in   chiesa?   Dopo   la   santa   messa non    ci    rimane    nulla    perché    non    la    viviamo    e dimostriamo   l'esatto   contrario   dell'amore   e   del perdono.   Ci   rimane   il   gettone   di   presenza.   Invece di   aprire   il   nostro   cuore   l’abbiamo   imprigionato, indurito,   siamo   pieni   di   livore;   abbiamo   liberato la   mente   che   produce   polemiche.   Parlando   delle nostre   emozioni   e   non   delle   principali   Verità,   de- cristianizziamo     il     popolo.     Gesù     ci     richiama all'ordine    per    non    basare    la    nostra    fede    sul sensazionalismo,   sui   segni,   sul   fatto   eclatante,   su cose   che   non   potremmo   confermare:   ne   aveva guariti   molti,   così   che   quanti   avevano   qualche male   gli   si   gettavano   addosso   per   toccarlo.   Gli spiriti    immondi,    quando    lo    vedevano,    gli    si gettavano   ai   piedi   gridando:   " Tu   sei   il   Figlio   di Dio!" .     Ma     egli     li     sgridava     severamente perché    non    lo    manifestassero    (Mc.3,8-12). Non   voleva   essere   manifestato   come   l'uomo   dei miracoli   per   non   portare   confusione.   Noi   invece riveliamo   solamente   quello,   vogliamo   azioni   che coinvolgono    e    ci    fanno    sentire    protagonisti. Anche   il   male   sa   compiere   prodigi   e   soddisfa   chi ne   ha   il   prurito,   però   li   svuota   della   parola   di   Dio. Se    trasmettiamo    un    linguaggio    diverso    e    ci applichiamo    solamente    a    una    pratica    orale, rendiamo   vana   la   croce   di   Cristo   (1Cor1,17).   E’ un   peccato   gravissimo   e   per   un   ateo   tutta   questa confusione   è   additata   a   Cristo.   Possiamo   anche noi   imitare   i   profeti,   chiamiamoli   per   nome o    con    dei    diminutivi,    perché    non    sono persone    inarrivabili.    Essi    non    avevano    una dialettica     convincente     perché     si     sentivano indegni,     ma     hanno     sacrificato     la     loro     vita accettando   ogni   sorta   di   ingiustizia;   dubitiamo   di coloro   che   convincono   con   le   parole.   La   sapienza non   sta   nella   mente,   ma   nel   cuore,   ecco   perché Paolo   non   predicava   con   discorsi   sapienti.   Gesù stesso    parlava    un    linguaggio    comprensibile    a tutti,   ai   miseri   e   agli   analfabeti.      Molti   santi   erano considerati     bugiardi     perché     rispondevano     in modo   inadeguato,   istintivo:   magari   era   dovuto   al peso   che   avevano   sulle   spalle.   Ma   per   noi   ogni occasione   è   buona   per   criticare.   “Mentre   il   male ha   aumentato   gli   attacchi,   voi   avete   indebolito   le difese”    disse   la   Madonna   a   Roberto.   Rispettiamo la    volontà    di    Dio?    Siamo    disposti    a    ricevere qualche   ingiustizia   e   a   sopportare   i   tradimenti? Sono   i   nostri   nemici   che   ci   fanno   guadagnare   il paradiso,     gli     artefici     principali     della     nostra salvezza.    Perché    non    li    consideriamo    amici? Pensiamo   di   perdonare   e   amare   chi   ci   ha   fatto del bene.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile