Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Senza   l'umiltà   l’uomo   diventa   uno   che   spadroneggia,   che   vuole   imporsi   e   gestire   secondo   la   propria   misura   perché   si crede   meritevole   all'occhio   umano.   Ma   Dio   non   costruisce   niente   in   lui.   Ognuno   di   noi   interpreta   in   modo   diverso   la parola   umiltà,   dandone   un   significato   errato.   Dal   monte   Misma,   per   mezzo   del   suo   strumento   Roberto,   la   Madonna   ci sorprende   ancora   una   volta   e   viene   in   nostro   aiuto   rivelandoci   cosa   vuol   dire   essere   umili.   L'uomo   umile   è   quello   che,   pur sapendo   cose   sbagliate   degli   altri,   non   dice   mai   niente   di   nessuno;   non   crea   danno   all'immagine   del   Signore   con   le   sue precisazioni,   le   sue   sottili   menzogne   e   i   suoi   pettegolezzi.   L'umiltà   è   trasmessa   e   dimostrata   da   colui   che   riesce veramente   per   amore   di   Dio   a   non   dire   mai   niente   di   male   del   proprio   fratello,   anche   se   ci   sono   dei   motivi,   per   non aprire   le   porte   al   male   e   innescare   malumori.   La   meravigliosa   madre   di   Gesù   è   stata   molto   apprezzata   e   premiata   dal Signore   perché   non   ha   mai   detto   niente   di   nessuno   pur   sapendo   tutto   di   tutti.   Noi,   presuntuosi   e   arroganti,   pur   non sapendo   niente   di   nessuno,   diciamo   tutto   di   tutti!   L’umiltà   ci   consente   di   ottenere   la   grazia   del   Signore   e   ci   permette   di capire   dove   stanno   le   trappole   del   mondo.   Perciò   il   male   fa   di   tutto   per   metterci   in   cattiva   luce   gli   altri,   per   farci   mancare nell'umiltà,   e   riesce   a   soggiogarci   con   semplicità   irrisoria   perché   noi   ponderiamo   tutto   sulle   parole.   Quanti   commenti inutili   abbiamo   fatto   nella   nostra   vita!   Abbiamo   versato   fiumi   di   parole   che   non   ricordiamo   più,   senza   un   fine   ben   preciso e   senza   alcun   vantaggio.   Dispiaciamoci   per   chi   sbaglia,   non   condanniamo   e   non   accusiamo,   gioiamo   con   chi   gioisce   e soffriamo   con   chi   soffre.   Cerchiamo   di   capire   quale   sostanza   è   contenuta   nelle   parole   del   Signore,   non   di   capovolgere   la verità.   La   Madonna   guardava   ai   peggiori   come   se   fossero   i   migliori,   così   dobbiamo   fare   anche   noi,   magari   dicendo una   preghiera   per   loro   o   offrendo   un   fioretto,   ma   mai   permettiamoci   di   andare   oltre,    perché   è   deleterio   e   va   contro di   noi,   elimina   tante   cose   belle   che   abbiamo   fatto.   Quante   cose   sbagliate   che   fanno   anche   quelli   che   pensano   di   essere nel    giusto    e    si    impegnano    in    una    vita    di    preghiera    e    di    rinunce:    senza    l'umiltà    non    si    dà    valore    al    proprio comportamento!   È   semplicissimo   essere   umili:   voler   bene   agli   altri,   non   accettare   alcuna   insinuazione   o   provocazione, non   provocare;   dobbiamo   essere   come   se   fossimo   "gli   scemi   del   villaggio" ,   cerchiamo   di   capire!   Solo   i   Santi   hanno   avuto questi   suggerimenti   da   parte   dello   Spirito   Santo,   perché   questa   è   la   voce   di   Dio.       Facciamo   tesoro   delle   gemme   più preziose   che   stiamo   ricevendo   gratuitamente,   quelle   della   vita   privata   di   Maria   Santissima   nella   sua   intimità   più profonda,   per   diventare   veri   strumenti   del   Signore   negli   altri;   vedremo   piovere   dal   cielo   grazie   copiose,   tanto   da   non saperle neanche gestire. L’UMILTA’ E’ GEMELLA DELLA CARITA’ L’umiltà   è   quella   caratteristica   che   Dio   ha   visto   nella   sua   Serva   (non   ha   guardato   alla   sua   capacità   o   alla   sua   bravura)   e che   deve   contraddistinguerci   gli   uni   dagli   altri.   Non   è   umiltà   vestirsi   in   modo   trasandato   o   possedere   le   cose   più mediocri,   è   falsa   modestia   che   ci   fa   diventare   giudici   degli   altri.   Il   Signore   non   ci   ha   chiesto   questo,   ma   ci   ha   invitato   a profumarci   e   non   dimostrare   agli   altri   quando   facciamo   un   sacrificio.   L'umiltà   è   quella   verità   che   deve   essere   per   noi   una risposta   all'amore   verso   gli   altri.   L ’umile   non   crea   amarezza   a   nessuna   persona,   accetta   anche   contro   logica, contro   ragione   e   contro   la   propria   volontà,   il   comportamento   di   un   altro   (che   magari   sta   vivendo   una   particolare tribolazione).   Siamo   pronti   ad   accettare   tutto   al   di   sopra   di   tutto   e   tutti,   non   creando   sofferenze   e   malumori,   ma   amando veramente   le   persone   che   abbiamo   davanti?   Gesù,   la   Madonna   e   i   Santi   ci   hanno   insegnato   questo.   Non   dobbiamo difendere   la   verità   in   modo   crudo,   criticandoci   a   vicenda;   la   mancanza   di   umiltà   porta   alle   divisioni.   Facciamo comprendere   anche   agli   altri   che   la   mormorazione   crea   danno   all'immagine   del   Signore,   altrimenti   ne   porteranno   la colpa,   ma   senza   fare   violenza   sulla   libertà   che   Dio   concede   anche   a   chi   sbaglia.   Umiltà   e   carità   sono   due   elementi   che sono   al   primo   posto   nella   considerazione   di   Dio;   tutte   le   altre   qualità,   pur   buone   che   siano,   passano   di   gran   lunga   in seconda   linea.   In   noi   c'è   la   verità   o   la   non   verità?    Che   frutto   abbiamo   dato   finora   con   la   nostra   vita,   quello   che   il Signore   si   aspetta   o   abbiamo   dato   frutti   umani?   Se   in   noi   c'è   la   vera   verità,   abbiamo   un   unico   desiderio,   quello   di   amarci e   di   chiudere   gli   occhi   sugli   errori   che   comunemente   possiamo   fare   tutti   nel   cammino   della   vita.   Cerchiamo   di   educarci nel   modo   giusto   e   di   raccogliere   la   grazia   potente   e   pura   che   scende   sul   monte   Misma   come   una   sorgente   sapienziale divina.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La caratteristica dell'umiltà
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  Senza      l'umiltà      l’uomo      diventa      uno      che spadroneggia,     che     vuole     imporsi     e     gestire secondo    la    propria    misura    perché    si    crede meritevole     all'occhio     umano.     Ma     Dio     non costruisce   niente   in   lui.   Ognuno   di   noi   interpreta in   modo   diverso   la   parola   umiltà,   dandone   un significato   errato.   Dal   monte   Misma,   per   mezzo del    suo    strumento    Roberto,    la    Madonna    ci sorprende   ancora   una   volta   e   viene   in   nostro aiuto    rivelandoci    cosa    vuol    dire    essere    umili. L'uomo   umile   è   quello   che,   pur   sapendo   cose sbagliate    degli    altri,    non    dice    mai    niente    di nessuno;     non     crea     danno     all'immagine     del Signore    con    le    sue    precisazioni,    le    sue    sottili menzogne    e    i    suoi    pettegolezzi.    L'umiltà    è trasmessa    e    dimostrata    da    colui    che    riesce veramente    per    amore    di    Dio    a    non    dire    mai niente   di   male   del   proprio   fratello,   anche   se   ci sono   dei   motivi,   per   non   aprire   le   porte   al   male   e innescare   malumori.   La   meravigliosa   madre   di Gesù   è   stata   molto   apprezzata   e   premiata   dal Signore    perché    non    ha    mai    detto    niente    di nessuno     pur     sapendo     tutto     di     tutti.     Noi, presuntuosi   e   arroganti,   pur   non   sapendo   niente di    nessuno,    diciamo    tutto    di    tutti!    L’umiltà    ci consente   di   ottenere   la   grazia   del   Signore   e   ci permette   di   capire   dove   stanno   le   trappole   del mondo.   Perciò   il   male   fa   di   tutto   per   metterci   in cattiva     luce     gli     altri,     per     farci     mancare nell'umiltà,   e   riesce   a   soggiogarci   con   semplicità irrisoria     perché     noi     ponderiamo     tutto     sulle parole.    Quanti    commenti    inutili    abbiamo    fatto nella   nostra   vita!   Abbiamo   versato   fiumi   di   parole che    non    ricordiamo    più,    senza    un    fine    ben preciso   e   senza   alcun   vantaggio.   Dispiaciamoci per     chi     sbaglia,     non     condanniamo     e     non accusiamo,   gioiamo   con   chi   gioisce   e   soffriamo con     chi     soffre.     Cerchiamo     di     capire     quale sostanza   è   contenuta   nelle   parole   del   Signore, non    di    capovolgere    la    verità.    La    Madonna guardava    ai    peggiori    come    se    fossero    i migliori,   così   dobbiamo   fare   anche   noi,   magari dicendo   una   preghiera   per   loro   o   offrendo   un fioretto,    ma    mai    permettiamoci    di    andare oltre,     perché    è    deleterio    e    va    contro    di    noi, elimina    tante    cose    belle    che    abbiamo    fatto. Quante   cose   sbagliate   che   fanno   anche   quelli   che pensano   di   essere   nel   giusto   e   si   impegnano   in una   vita   di   preghiera   e   di   rinunce:   senza   l'umiltà non   si   dà   valore   al   proprio   comportamento!   È semplicissimo   essere   umili:   voler   bene   agli   altri, non       accettare       alcuna       insinuazione       o provocazione,   non   provocare;   dobbiamo   essere come     se     fossimo     "gli     scemi     del     villaggio" , cerchiamo   di   capire!   Solo   i   Santi   hanno   avuto questi   suggerimenti   da   parte   dello   Spirito   Santo, perché    questa    è    la    voce    di    Dio.         Facciamo tesoro    delle    gemme    più    preziose    che    stiamo ricevendo   gratuitamente,   quelle   della   vita   privata di     Maria     Santissima     nella     sua     intimità     più profonda,     per     diventare     veri     strumenti     del Signore    negli    altri;    vedremo    piovere    dal    cielo grazie    copiose,    tanto    da    non    saperle    neanche gestire. L’UMILTA’ E’ GEMELLA DELLA CARITA’ L’umiltà   è   quella   caratteristica   che   Dio   ha   visto nella    sua    Serva    (non    ha    guardato    alla    sua capacità     o     alla     sua     bravura)     e     che     deve contraddistinguerci    gli    uni    dagli    altri.    Non    è umiltà   vestirsi   in   modo   trasandato   o   possedere   le cose   più   mediocri,   è   falsa   modestia   che   ci   fa diventare   giudici   degli   altri.   Il   Signore   non   ci   ha chiesto   questo,   ma   ci   ha   invitato   a   profumarci   e non    dimostrare    agli    altri    quando    facciamo    un sacrificio.   L'umiltà   è   quella   verità   che   deve   essere per    noi    una    risposta    all'amore    verso    gli    altri. L ’umile     non     crea     amarezza     a     nessuna persona,   accetta   anche   contro   logica,   contro ragione    e    contro    la    propria    volontà,    il comportamento   di   un   altro   (che   magari   sta vivendo    una    particolare    tribolazione).    Siamo pronti   ad   accettare   tutto   al   di   sopra   di   tutto   e tutti,   non   creando   sofferenze   e   malumori,   ma amando    veramente    le    persone    che    abbiamo davanti?   Gesù,   la   Madonna   e   i   Santi   ci   hanno insegnato    questo.    Non    dobbiamo    difendere    la verità   in   modo   crudo,   criticandoci   a   vicenda;   la mancanza    di    umiltà    porta    alle    divisioni. Facciamo    comprendere    anche    agli    altri    che    la mormorazione     crea     danno     all'immagine     del Signore,   altrimenti   ne   porteranno   la   colpa,   ma senza   fare   violenza   sulla   libertà   che   Dio   concede anche   a   chi   sbaglia.   Umiltà   e   carità   sono   due elementi     che     sono     al     primo     posto     nella considerazione   di   Dio;   tutte   le   altre   qualità,   pur buone    che    siano,    passano    di    gran    lunga    in seconda   linea.   In   noi   c'è   la   verità   o   la   non verità?    Che   frutto   abbiamo   dato   finora   con   la nostra   vita,   quello   che   il   Signore   si   aspetta   o abbiamo   dato   frutti   umani?   Se   in   noi   c'è   la   vera verità,    abbiamo    un    unico    desiderio,    quello    di amarci   e   di   chiudere   gli   occhi   sugli   errori   che comunemente   possiamo   fare   tutti   nel   cammino della   vita.   Cerchiamo   di   educarci   nel   modo   giusto e    di    raccogliere    la    grazia    potente    e    pura    che scende    sul    monte    Misma    come    una    sorgente sapienziale divina.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                        La caratteristica dell'umiltà
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile