Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Amare   e   volerci   bene   non   è   la   stessa   cosa.   Noi   dovremmo   metterci   all'ascolto,   come   quando   Gesù   parlava   a   Pietro,   e dirci:   Mi   ami   tu ? ”.   Ci   amiamo   veramente?   Siamo   disposti   a   sostituire   un   nostro   fratello,   non   davanti   ad   una   tavola imbandita,   ma   sulla   croce?   Se   non   abbiamo   quell'amore   necessario   ad   immolarci   per   gli   altri,   manchiamo   dell'elemento indispensabile   per   recepire   la   parola   di   Dio   dove   è   racchiusa   la   nostra   salvezza.   I   veri   strumenti   del   Signore   non   portano in   pubblico   i   propri   carismi   e   non   vengono   accolti   nell'enfasi;   sono   considerati   dei   folli ”   e   subiscono   ogni   sorta   di tribolazione   perché   non   confermano   le   abitudini   del   mondo.   Oggi   abbiamo   una   abbondanza   di   persone   carismatiche   e   ci facciamo   condizionare   da   questi      superapostoli ”   che   potrebbero   predicarci   un   Gesù   diverso   o   un   altro   Vangelo    (2Cor 11,4).   È   più   intelligente   sostenere   dove   noi   non   rischiamo   l'esclusione   o   il   comportamento   di   un   altissimo numero   di   persone   alle   quali   il   Signore   ha   detto:   " non   ti   conosco "?    Eppure   avevano   profetato,   scacciato   i   demoni e   compiuto   guarigioni   nel   suo   nome,   ma   hanno   scelto   la   linea   perdente   perchè   non   avevano   fatto   la   volontà   di   Dio. Dobbiamo   essere   severi   con   noi   stessi   perché   il   male   ci   illude   sulla   parola   del   Signore   che   conosce   meglio   di   noi.   E'   la trappola   del   nemico   che   vuole   la   nostra   anima.   Costruiamo   la   nostra   casa   sulla   roccia,    se   uno   ha   la   carità   e   l'amore   (non la   compassione)   non   rischia   niente,   anzi   elimina   tutti   i   mali   del   mondo.   Mi   ami   tu?    Il   Signore   desidera   da   noi   l'amore, siamo   pronti   a      rinunciare   a   qualcosa   e   a   non   prestare   polemica   o   critica?   Siamo   ancora   amici   di   chi   rifiuta   le   nostre proposte   oppure   c’è   solo   opportunismo?   La   parola   del   Signore   non   è   cambiata   con   le   mode,   ha   un   solo   significato: abbandono,   obbedienza   e   amore   verso   il   prossimo.   E'   il   cammino   dell'autentico   cristiano.   La   Madonna   non   ha   bisogno   di noi   per   guarire   un   corpo   o   per   fare   un   miracolo,   è   una   sua   facoltà,   ma   per   la   salvezza   dell'anima   sì.   Essa   passa attraverso    le    nostre    rinunce,    i    nostri    sacrifici,    l'accettazione    delle    offese,    il    perdono,    la    carità,    l'amore,    dipende totalmente   da   noi.   È   l'elemento   principale   per   cui   appare   Maria   Santissima,   il   bene   spirituale   che   desidera   per   noi, mentre   il   corpo   è   secondario   essendo   destinato   a   perire.   Non   può   salvarci   se   ci   comportiamo   in   maniera   diversa,   non può   andare   contro   la   nostra   volontà.   Tutte   le   rivelazioni   del   Signore   sono   racchiuse   nell'anima:   amare   nostro   fratello   ci dà   dolci   sensazioni,   quelle   che   ci   fanno   accettare   le   ingiustizie   più   grandi   per   evitare   le   liti.   Invece   sentiamo   quasi   una “giusta   soddisfazione”   nel   vedere   qualcuno   che   sta   vivendo   una   prova   o   è   sotto   una   certa   critica.   E   se   fosse   Gesù?   Nella sua   esperienza   terrena   il   Messia   doveva   sempre   traslocare.   Anche   oggi,   quando   non   amiamo   come   si   conviene,   viene sfrattato   dal   nostro   cuore.   Facciamo   un   esame   di   coscienza:   Mi   ami   tu?    In   questi   tempi   il   Signore   ci   sta   rispondendo non   intervenendo ,   eppure   i   nostri   nemici   hanno   denti   affilati   più   delle   lance .   Non   si   è   mai   pregato   tanto   come   negli ultimi   trent'anni,   ci   sono   addirittura   i   gruppi   di   preghiera,   ma   in   epoche   precedenti   c'era   il   Santo   timore   di   Dio.   C’era   un mondo   migliore   quando   la   Chiesa   aveva   un’autorità   su   tutto:   non   servono   le   nostre   promozioni,      il   sensazionalismo,   la teatralità,   il   coinvolgimento,   i   dibattiti,   ma   l’obbedienza   e   l’abbandono   a   Dio.   La   bufera   che   imperversa   nelle   nostre famiglie   è   dovuta   al   fatto   che   non   l’abbiamo   protetta   e   basata   sulla   legge   di   Dio.   Abbiamo   rivelato   l'importanza   della parola   del   Signore   ai   nostri   figli?   Chi   ha   l’amore   nel   cuore   non   si   lamenta,   non   critica,   non   vuol   dimostrare   che   porta   la croce,   accetta   le   ingiustizie   con   bontà   e   dignità.   Non   è   un   controllore   di   come   si   comportano   gli   altri.   Quando   il   nostro cuore   si   collegherà   con   quello   di   Maria   Santissima   e   del   Maestro,   sperimenteremo   la   gioia,   l’estasi   continua   di   esser piaciuti   al   Signore   nell’aver   fermato   una   cattiveria.   Siamo   in   buona   armonia   con   le   persone   che   ci   vivono   accanto   o   le sopportiamo,   evitandole   appena   possibile?   Con   il   nostro   comportamento   spesso   le   allontaniamo   dalla   Chiesa.      Quando   siamo   coerenti   tutte   le   nostre   azioni   si   diffondono   nella   luce   e   nella   verità,   perché   le   cose   del   cuore   sono   più profonde    di    quelle    della    mente.    Sappiamo    cosa    si    può    trasmettere    con    gli    occhi    avendo    la    purezza    d'animo? Disintegriamo   i   pettegolezzi,   i   chiacchiericci,   per   non   turbare   l'ambiente   in   cui   viviamo.   Che   bello   alla   fine   della   nostra giornata,   aver   impedito   a   una   polemica   di   prendere   piede   contro   un   nostro   fratello.   Andremo   a   dormire   felici   di   aver   fatto piacere   al   Signore.   Giusto   o   non   giusto   il   motivo   non   ci   deve   interessare.   Chi   vive   con   la   rabbia   nel   cuore,   innesca malattie   e   problematiche   che   gli   rovinano   l’esistenza.   E’   l’orgoglio,   la   nostra   ragione,   l’elemento   portante   della   nostra vita?   Perché   crediamo   di   aver   perso   qualcosa   per   non   aver   difeso   un   nostro   diritto?   E   se   il   Signore   ce   lo   facesse acquistare   un   domani   10   volte   di   più?   Non   dipende   tutto   da   noi,   accettiamo   con   amore   di   non   creare   un   sentimento   di odio   fra   parenti   per   un   discorso   economico.   Amiamo   e   perdoniamo   la   persona   che   più   ci   ha   fatto   del   male,   promettiamo di   farla   felice   e   sentiremo   una   gioia   e   un   desiderio   di   amare   il   mondo   intero.   Perché   il   nostro   miglior   amico   in   cielo   è   il nostro peggior nemico sulla terra.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Mi ami tu?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Amare   e   volerci   bene   non   è   la   stessa   cosa.   Noi dovremmo    metterci    all'ascolto,    come    quando Gesù   parlava   a   Pietro,   e   dirci:   Mi   ami   tu ? ”.   Ci amiamo   veramente?   Siamo   disposti   a   sostituire un    nostro    fratello,    non    davanti    ad    una    tavola imbandita,    ma    sulla    croce?    Se    non    abbiamo quell'amore   necessario   ad   immolarci   per   gli   altri, manchiamo     dell'elemento     indispensabile     per recepire    la    parola    di    Dio    dove    è    racchiusa    la nostra   salvezza.   I   veri   strumenti   del   Signore   non portano    in    pubblico    i    propri    carismi    e    non vengono   accolti   nell'enfasi;   sono   considerati   dei folli ”    e    subiscono    ogni    sorta    di    tribolazione perché   non   confermano   le   abitudini   del   mondo. Oggi     abbiamo     una     abbondanza     di     persone carismatiche   e   ci   facciamo   condizionare   da   questi     superapostoli ”    che    potrebbero    predicarci    un Gesù   diverso   o   un   altro   Vangelo    (2Cor   11,4).   È più    intelligente    sostenere    dove    noi    non rischiamo   l'esclusione   o   il   comportamento di   un   altissimo   numero   di   persone   alle   quali il   Signore   ha   detto:   " non   ti   conosco "?    Eppure avevano     profetato,     scacciato     i     demoni     e compiuto    guarigioni    nel    suo    nome,    ma    hanno scelto   la   linea   perdente   perchè   non   avevano   fatto la   volontà   di   Dio.   Dobbiamo   essere   severi   con   noi stessi   perché   il   male   ci   illude   sulla   parola   del Signore   che   conosce   meglio   di   noi.   E'   la   trappola del     nemico     che     vuole     la     nostra     anima. Costruiamo   la   nostra   casa   sulla   roccia,    se   uno   ha la    carità    e    l'amore    (non    la    compassione)    non rischia   niente,   anzi   elimina   tutti   i   mali   del   mondo. Mi   ami   tu?    Il   Signore   desidera   da   noi   l'amore, siamo   pronti   a      rinunciare   a   qualcosa   e   a   non prestare   polemica   o   critica?   Siamo   ancora   amici di   chi   rifiuta   le   nostre   proposte   oppure   c’è   solo opportunismo?    La    parola    del    Signore    non    è cambiata   con   le   mode,   ha   un   solo   significato: abbandono,     obbedienza     e     amore     verso     il prossimo.   E'   il   cammino   dell'autentico   cristiano. La   Madonna   non   ha   bisogno   di   noi   per   guarire   un corpo   o   per   fare   un   miracolo,   è   una   sua   facoltà, ma    per    la    salvezza    dell'anima    sì.    Essa    passa attraverso    le    nostre    rinunce,    i    nostri    sacrifici, l'accettazione   delle   offese,   il   perdono,   la   carità, l'amore,   dipende   totalmente   da   noi.   È   l'elemento principale    per    cui    appare    Maria    Santissima,    il bene   spirituale   che   desidera   per   noi,   mentre   il corpo   è   secondario   essendo   destinato   a   perire. Non   può   salvarci   se   ci   comportiamo   in   maniera diversa,   non   può   andare   contro   la   nostra   volontà. Tutte   le   rivelazioni   del   Signore   sono   racchiuse nell'anima:    amare    nostro    fratello    ci    dà    dolci sensazioni,    quelle    che    ci    fanno    accettare    le ingiustizie   più   grandi   per   evitare   le   liti.   Invece sentiamo    quasi    una    “giusta    soddisfazione”    nel vedere   qualcuno   che   sta   vivendo   una   prova   o   è sotto   una   certa   critica.   E   se   fosse   Gesù?   Nella sua   esperienza   terrena   il   Messia   doveva   sempre traslocare.    Anche    oggi,    quando    non    amiamo come    si    conviene,    viene    sfrattato    dal    nostro cuore.   Facciamo   un   esame   di   coscienza:   Mi   ami tu?      In     questi     tempi     il     Signore     ci     sta rispondendo     non     intervenendo ,     eppure     i nostri   nemici   hanno   denti   affilati   più   delle   lance . Non   si   è   mai   pregato   tanto   come   negli   ultimi trent'anni,     ci     sono     addirittura     i     gruppi     di preghiera,   ma   in   epoche   precedenti   c'era   il   Santo timore   di   Dio.   C’era   un   mondo   migliore   quando   la Chiesa   aveva   un’autorità   su   tutto:   non   servono   le nostre     promozioni,          il     sensazionalismo,     la teatralità,     il     coinvolgimento,     i     dibattiti,     ma l’obbedienza   e   l’abbandono   a   Dio.   La   bufera   che imperversa   nelle   nostre   famiglie   è   dovuta   al   fatto che   non   l’abbiamo   protetta   e   basata   sulla   legge di   Dio.   Abbiamo   rivelato   l'importanza   della   parola del   Signore   ai   nostri   figli?   Chi   ha   l’amore   nel cuore    non    si    lamenta,    non    critica,    non    vuol dimostrare     che     porta     la     croce,     accetta     le ingiustizie    con    bontà    e    dignità.    Non    è    un controllore    di    come    si    comportano    gli    altri. Quando   il   nostro   cuore   si   collegherà   con   quello   di Maria   Santissima   e   del   Maestro,   sperimenteremo la    gioia,    l’estasi    continua    di    esser    piaciuti    al Signore   nell’aver   fermato   una   cattiveria.   Siamo in   buona   armonia   con   le   persone   che   ci   vivono accanto    o    le    sopportiamo,    evitandole    appena possibile?     Con     il     nostro     comportamento spesso   le   allontaniamo   dalla   Chiesa.       Quando siamo   coerenti   tutte   le   nostre   azioni   si   diffondono nella   luce   e   nella   verità,   perché   le   cose   del   cuore sono     più     profonde     di     quelle     della     mente. Sappiamo   cosa   si   può   trasmettere   con   gli   occhi avendo    la    purezza    d'animo?    Disintegriamo    i pettegolezzi,    i    chiacchiericci,    per    non    turbare l'ambiente   in   cui   viviamo.   Che   bello   alla   fine   della nostra   giornata,   aver   impedito   a   una   polemica   di prendere     piede     contro     un     nostro     fratello. Andremo   a   dormire   felici   di   aver   fatto   piacere   al Signore.   Giusto   o   non   giusto   il   motivo   non   ci deve    interessare.    Chi    vive    con    la    rabbia    nel cuore,   innesca   malattie   e   problematiche   che   gli rovinano    l’esistenza.    E’    l’orgoglio,    la    nostra ragione,   l’elemento   portante   della   nostra   vita? Perché   crediamo   di   aver   perso   qualcosa   per   non aver   difeso   un   nostro   diritto?   E   se   il   Signore   ce   lo facesse   acquistare   un   domani   10   volte   di   più? Non   dipende   tutto   da   noi,   accettiamo   con   amore di   non   creare   un   sentimento   di   odio   fra   parenti per      un      discorso      economico.      Amiamo      e perdoniamo   la   persona   che   più   ci   ha   fatto   del male,   promettiamo   di   farla   felice   e   sentiremo   una gioia   e   un   desiderio   di   amare   il   mondo   intero. Perché   il   nostro   miglior   amico   in   cielo   è   il   nostro peggior nemico sulla terra.    

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile