Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Neanche   i   Santi   sono   in   grado   di   narrare   le   meraviglie   del   Signore   (Sir   42,17)    e   noi   siamo   meglio   di   loro?   Eppure    per   diventare   tali   hanno   fatto   un   cammino   sconosciuto,   pieno   di   prove.   Cerchiamo   di   essere   più   prudenti   nelle   cose   del Signore,   perché   nel   molto   parlare   non   manca   la   colpa   (Prov   10,19) .   Non   si   sta   parlando   di   una   teoria,   ma   di   un   mistero inaccessibile.   Chi   pensa   di   ottenere   più   dei   Santi   con   due   preghiere   è   ancora   lontano   dal   Signore,   si   dà   delle   cariche   che non   gli   competono   e   crea   danno   nella   rivelazione   della   parola   di   Dio.   Certo   che   con   la   preghiera   si   ottiene   tutto,   ma siamo   giusti   davanti   al   Signore?   Essa   ha   efficacia   quando   si   rispettano   i   suoi   comandamenti.   E’   avvenuto   così   per   i   Santi. Al   suo   servo   fedele   Abramo,   Dio   detto   che   avrebbe   salvato   Sodoma   e   Gomorra   se   avesse   trovato   persone giuste,   non   persone   che   pregavano.    Essere   cristiani   è   il   privilegio   più   alto   che   si   può   avere,   è   più   glorioso   che diventare   un   potente   della   terra.   Però   non   lo   sappiamo   più   fare.   Abbiamo   chiuso   le   tuba   che   salgono   in   cielo,   attraverso la   nostra   dimostrazione   di   bontà,   e   che   scendono   con   la   Grazia   del   Signore   in   base   a   quello   che   è   salito.   Chiudendo quello   che   sale   automaticamente   si   chiude   anche   quello   che   scende.   È   legge   di   Dio.   Non   siamo   sbalorditi   dal   fatto   che   il Signore   aveva   già   predisposto   la   sua   creatura   per   lo   sport   che   sarebbe   venuto   migliaia   di   anni   dopo   la   sua   creazione?   La coordinazione   di   un   movimento   è   importante,   ogni   atleta   nella   sua   disciplina   denota   una   sobrietà   perfetta.   In   un'epoca come    questa    dove    c'è    l’iperinformazione    e    l’iperistruzione,    non    nascono    più    geni    come    un    tempo.    Oggi    bisogna inventare,   aggiungere,   convincere,   si   fanno   corsi   di   specializzazione,   ma   quali   personaggi   sono   dotati   naturalmente   di capacità   come   i   geni   della   storia,   nell'arte,   nell'architettura,   nella   medicina,   nell'invenzione?   Gli   analfabeti   erano   più istruiti   di   noi   nella   parola   di   Dio,   non   mancavano   di   intelligenza.   Il   Signore   ha   chiuso   questo   canale   preferenziale   dove venivano   alla   luce   geni   immensi.   Gesù   non   ha   fatto   miracoli   nel   paese   dove   è   nato   e   oggi   quel   paese   si   è   dilatato   in   tutto il   mondo   perché   vi   è   un   comportamento   anticristiano.   Non   sono   aperti   più   i   tubi   delle   Grazie   abbondanti,   ma   solo qualche   canaletto.   Se   noi   ci   mettiamo   seduti   sulla   riva    e   lasciamo   passare   il   mondo,   rispettando   la   parola   di   Dio,   avremo dimostrazioni   di   vittorie   inimmaginabili.   Perché   non   provare   questa   esperienza?   Lo   Spirito   scruta   ogni   cosa,   anche   le profondità   di   Dio   (2Cor,10) ,   chi   ci   ha   detto   che   ormai   è   tutta   una   fase   di   scienza,   calcoli   e   ragionamenti?   Perché pensiamo che i Vangeli non siano di Dio?   RIVELIAMO I FRUTTI DELLO SPIRITO SANTO? L'acqua   che   scende   dal   cielo   porta   un   benessere   immenso,   senza   di   essa   non   ci   sarebbe   vita.   Dopo   tutto   quello   che   il Signore   ci   dà   in   abbondanza,   facendo   discendere   sulla   terra   una   meraviglia   dietro   l'altra,   com’è   possibile   far   risalire solamente   miseria?   Ci   ha   dato   anche   Maria   Santissima   che   ha   potere   su   ogni   cosa,   perché   il   ritorno   è   così   misero?     Siamo   diventati   degli   abitudinari,   giustifichiamo   il   peccato   di   nostro   fratello   solamente   per   simpatia   e   inventiamo   quello del   nostro   nemico.   Scuotiamoci!   È   disceso   il   Divin   Figlio   ed   è   risalito   in   cielo   aprendo   il   paradiso,   portando   a   tutti   la salvezza,   la   pace   e   la   gioia;   quante   volte   è   disceso   lo   Spirito   Santo   su   di   noi,   senza   che   sia   salito   alcun   beneficio? Riveliamo   la   verità   che   è   principalmente   amore,   gioia,   pace,   pazienza,   benevolenza,   bontà,   fedeltà,   mitezza   e dominio   di      (Gal   5,22) ?   Questo   conta,   non   le   nostre   parole.   È   disceso   per   aumentare   l’orgoglio   e   la   superbia   o   per santificarci   e   renderci   buoni?   Chi   sa   la   verità   e   non   la   rivela   commette   un   peccato   contro   lo   Spirito   Santo   che   non   verrà mai   perdonato.   Ammettiamo   le   nostre   colpe.   Se   il   Signore   è   buono   e   misericordioso,   non   facciamone   un   vanto,   vuol   dire che   non   ci   siamo   comportati   bene,   potrebbe   costargli   sofferenza,   come   una   corona   di   spine.   Perché   non   gliela   togliamo con   un   gesto   d'amore   e   di   perdono?   Non   offendiamoci   se   un   nostro   fratello   commette   un   errore,   semmai   riprendiamolo con   amore.   Il   Signore   ci   ha   forse   fatto   uscire   dal   confessionale?   Perché   vogliamo   che   le   persone   vivano   e   ragionino   come noi?   Tutto   quello   che   scende   dal   cielo   ritorna   al   Padre ,   persino   noi   con   il   nostro   curriculum.   Che   brutto   scoprire   che abbiamo   imprigionato   il   nostro   carisma   per   orgoglio,   opportunismo   e   durezza.   Senza   amore   esso   non   cresce,   non   ha terreno   fertile   lo   Spirito   Santo.   Anche   noi   potremmo   bonificare   tutto   quello   che   troviamo,   come   fa   l'acqua.   Il   carisma migliore   è   quello   dell'amare   e   di   essere   riamati   dal   nostro   stesso   amore.   E’   la   via   preferenziale,   irta   e   tortuosa,   che   ci   fa arrivare   in   alto.   Significa   dare,   far   felici   gli   altri,   non   deluderli,   non   dire   maldicenze   (nemmeno   quelle   da   non   dire   a nessuno” ….).   Se   abbiamo   la   malizia   o   l’invidia   nel   cuore,   nelle   nostre   risposte   ci   sarà   sempre   un   po'   di   esse.   Che   bello pregare,   avendo   l'opportunità   di   offrire   il   comportamento   sbagliato   di   nostro   fratello   senza   aver   raccolto   la   provocazione! E’   il   Signore   il   Re   della   giustizia:   la   nostra   preghiera   sarà   contornata   da   una   gioia   e   un   profumo   nuovo,   non   avremo rimorsi   di   coscienza   come   quando   ci   difendiamo.   Questo   comportamento   va   a   vantaggio   di   chi   lo   realizza   e   dei   suoi eredi, come Grazie che scendono dal cielo in un dialogo silenzioso, tacito.       Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Le tuba sono ormi chiuse
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Neanche    i    Santi    sono    in    grado    di    narrare    le meraviglie   del   Signore   (Sir   42,17)    e   noi   siamo meglio   di   loro?   Eppure    per    diventare   tali   hanno fatto   un   cammino   sconosciuto,   pieno   di   prove. Cerchiamo   di   essere   più   prudenti   nelle   cose   del Signore,   perché   nel   molto   parlare   non   manca   la colpa   (Prov   10,19) .   Non   si   sta   parlando   di   una teoria,   ma   di   un   mistero   inaccessibile.   Chi   pensa di   ottenere   più   dei   Santi   con   due   preghiere   è ancora   lontano   dal   Signore,   si   dà   delle   cariche che    non    gli    competono    e    crea    danno    nella rivelazione   della   parola   di   Dio.   Certo   che   con   la preghiera    si    ottiene    tutto,    ma    siamo    giusti davanti   al   Signore?   Essa   ha   efficacia   quando   si rispettano   i   suoi   comandamenti.   E’   avvenuto   così per   i   Santi.   Al   suo   servo   fedele   Abramo,   Dio detto     che     avrebbe     salvato     Sodoma     e Gomorra   se   avesse   trovato   persone   giuste, non   persone   che   pregavano.    Essere   cristiani   è il    privilegio    più    alto    che    si    può    avere,    è    più glorioso    che    diventare    un    potente    della    terra. Però   non   lo   sappiamo   più   fare.   Abbiamo   chiuso   le tuba   che   salgono   in   cielo,   attraverso   la   nostra dimostrazione   di   bontà,   e   che   scendono   con   la Grazia   del   Signore   in   base   a   quello   che   è   salito. Chiudendo   quello   che   sale   automaticamente   si chiude   anche   quello   che   scende.   È   legge   di   Dio. Non    siamo    sbalorditi    dal    fatto    che    il    Signore aveva   già   predisposto   la   sua   creatura   per   lo   sport che   sarebbe   venuto   migliaia   di   anni   dopo   la   sua creazione?   La   coordinazione   di   un   movimento   è importante,     ogni     atleta     nella     sua     disciplina denota   una   sobrietà   perfetta.   In   un'epoca   come questa       dove       c'è       l’iperinformazione       e l’iperistruzione,   non   nascono   più   geni   come   un tempo.    Oggi    bisogna    inventare,    aggiungere, convincere,   si   fanno   corsi   di   specializzazione,   ma quali    personaggi    sono    dotati    naturalmente    di capacità    come    i    geni    della    storia,    nell'arte, nell'architettura,   nella   medicina,   nell'invenzione? Gli   analfabeti   erano   più   istruiti   di   noi   nella   parola di   Dio,   non   mancavano   di   intelligenza.   Il   Signore ha    chiuso    questo    canale    preferenziale    dove venivano   alla   luce   geni   immensi.   Gesù   non   ha fatto   miracoli   nel   paese   dove   è   nato   e   oggi   quel paese   si   è   dilatato   in   tutto   il   mondo   perché   vi   è un   comportamento   anticristiano.   Non   sono   aperti più    i    tubi    delle    Grazie    abbondanti,    ma    solo qualche    canaletto.    Se    noi    ci    mettiamo    seduti sulla     riva      e     lasciamo     passare     il     mondo, rispettando      la      parola      di      Dio,      avremo dimostrazioni   di   vittorie   inimmaginabili.   Perché non   provare   questa   esperienza?   Lo   Spirito   scruta ogni   cosa,   anche   le   profondità   di   Dio   (2Cor,10) , chi   ci   ha   detto   che   ormai   è   tutta   una   fase   di scienza,   calcoli   e   ragionamenti?   Perché   pensiamo che i Vangeli non siano di Dio?   RIVELIAMO I FRUTTI DELLO SPIRITO SANTO? L'acqua   che   scende   dal   cielo   porta   un   benessere immenso,    senza    di    essa    non    ci    sarebbe    vita. Dopo    tutto    quello    che    il    Signore    ci    dà    in abbondanza,   facendo   discendere   sulla   terra   una meraviglia    dietro    l'altra,    com’è    possibile    far risalire    solamente    miseria?    Ci    ha    dato    anche Maria   Santissima   che   ha   potere   su   ogni   cosa, perché   il   ritorno   è   così   misero?      Siamo   diventati degli    abitudinari,    giustifichiamo    il    peccato    di nostro     fratello     solamente     per     simpatia     e inventiamo       quello       del       nostro       nemico. Scuotiamoci!   È   disceso   il   Divin   Figlio   ed   è   risalito in   cielo   aprendo   il   paradiso,   portando   a   tutti   la salvezza,    la    pace    e    la    gioia;    quante    volte    è disceso   lo   Spirito   Santo   su   di   noi,   senza   che   sia salito   alcun   beneficio?   Riveliamo   la   verità   che   è principalmente   amore,   gioia,   pace,   pazienza, benevolenza,     bontà,     fedeltà,     mitezza     e dominio   di      (Gal   5,22) ?   Questo   conta,   non   le nostre   parole.   È   disceso   per   aumentare   l’orgoglio e   la   superbia   o   per   santificarci   e   renderci   buoni? Chi   sa   la   verità   e   non   la   rivela   commette   un peccato   contro   lo   Spirito   Santo   che   non   verrà mai   perdonato.   Ammettiamo   le   nostre   colpe.   Se il     Signore     è     buono     e     misericordioso,     non facciamone   un   vanto,   vuol   dire   che   non   ci   siamo comportati   bene,   potrebbe   costargli   sofferenza, come    una    corona    di    spine.    Perché    non    gliela togliamo   con   un   gesto   d'amore   e   di   perdono? Non   offendiamoci   se   un   nostro   fratello   commette un   errore,   semmai   riprendiamolo   con   amore.   Il Signore   ci   ha   forse   fatto   uscire   dal   confessionale? Perché     vogliamo     che     le     persone     vivano     e ragionino   come   noi?   Tutto   quello   che   scende dal   cielo   ritorna   al   Padre ,   persino   noi   con   il nostro     curriculum.     Che     brutto     scoprire     che abbiamo    imprigionato    il    nostro    carisma    per orgoglio,   opportunismo   e   durezza.   Senza   amore esso   non   cresce,   non   ha   terreno   fertile   lo   Spirito Santo.    Anche    noi    potremmo    bonificare    tutto quello   che   troviamo,   come   fa   l'acqua.   Il   carisma migliore   è   quello   dell'amare   e   di   essere   riamati dal   nostro   stesso   amore.   E’   la   via   preferenziale, irta   e   tortuosa,   che   ci   fa   arrivare   in   alto.   Significa dare,   far   felici   gli   altri,   non   deluderli,   non   dire maldicenze    (nemmeno    quelle    da    non    dire    a nessuno” ….).   Se   abbiamo   la   malizia   o   l’invidia   nel cuore,   nelle   nostre   risposte   ci   sarà   sempre   un   po' di   esse.   Che   bello   pregare,   avendo   l'opportunità di   offrire   il   comportamento   sbagliato   di   nostro fratello   senza   aver   raccolto   la   provocazione!   E’   il Signore   il   Re   della   giustizia:   la   nostra   preghiera sarà    contornata    da    una    gioia    e    un    profumo nuovo,   non   avremo   rimorsi   di   coscienza   come quando   ci   difendiamo.   Questo   comportamento   va a   vantaggio   di   chi   lo   realizza   e   dei   suoi   eredi, come   Grazie   che   scendono   dal   cielo   in   un   dialogo silenzioso, tacito.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile