Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Dov'è   il   risultato   che   dovrebbe   garantire   la   parola   di   Dio,   cioè   giustizia   infinita,   amore,   bontà,   benessere?   Il   Signore mantiene   la   sua   promessa,   siamo   noi   che   non   siamo   giusti   davanti   al   nostro   compito.   È   mai   possibile   che   in   questa esperienza   terrena   non   possiamo   superare   la   rassegnazione,   la   tristezza,   la   rabbia,   la   delusione?   Dove   c'è   un   cristiano contento?   Chi   si   lamenta,   direttamente   o   indirettamente,   presenta   al   Signore   una   creazione   difettosa.   Tiriamo molte   conclusioni   ma   non   sappiamo   vivere   perché   dovremmo   solamente   gioire,   anche   davanti   alla   sofferenza   più   grande. Lo   sfacelo   è   anche   politico.   Chi   ha   le   redini   del   mondo   ed   è   responsabile   di   nuove   leggi,   quando   parla   individua   il problema   e   la   possibile   soluzione.   Basterebbe   un   investimento   mirato   per   risolvere   il   fabbisogno   vitale   di   tante   persone. Potrebbero   eliminare   questo   squilibrio   e   rinunciare   a   ciò   che   poi   torna   a   nostro   vantaggio,   ma   non   lo   fanno,   non   vogliono il   nostro   bene,   ci   usano   per   star   bene   loro.   Ci   prendono   in   giro   proponendo   per   noi   cose   penalizzanti,   così   ci   mantengono sotto   il   loro   dominio.   Ingenuamente   noi   ci   facciamo   un   vessillo   delle   leggi   che   approvano   come   se   fosse   la   conquista   di una   libertà   (ogni   partito   ha   i   suoi   tifosi).   Dicono   di   essere   democratici,   ma   siamo   sotto   una   dittatura.   “Maledetto   l'uomo che   confida   nell'uomo”... (Ger.17,5).   Spostiamo   l'obiettivo   verso   la   nostra   fede,   verso   Dio.   Anche   in   campo   spirituale   ci sono   tante   persone   che   conoscono   la   verità   rivelata,   eppure   invece   di   migliorare   la   nostra   condizione   morale,   tutto   sta andando   alla   rovina.   Dicono   di   avere   dei   carismi,   di   conoscere   la   teologia,   di   essere   veggenti   o   carismatici,   ma   dov'è   il risultato?   In   un   epoca   dove   sono   esplosi   i   pellegrinaggi   e   la   fede   in   Maria,   tutto   è   crollato.   " Troppi   demoni   parlano   in nome   mio",    disse   Maria   Santissima   a   Roberto,   stiamo   alla   larga   da   certe   persone   dotte”    che   rivelano   la   verità proponendo   falsità.      Chi   sa   la   parola   di   Dio   si   sente   indegno   di   parlarne,   non   propone   fiume   di   parole   o   discorsi.   C'è qualcosa   che   non   quadra   sia   a   livello   politico   che   spirituale.   Rispetto   a   cinquant'anni   fa   la   nostra   fede   e   il   santo   timor   di Dio   sono   peggiorati.   Nemmeno   l'impero   romano   che   odiava   i   cristiani   ha   creato   danno   alla   nostra   fede   e   alla   nostra anima   come   ha   fatto   questa   generazione   senza   combattere:   il   problema   è   che   i   nostri   figli   non   hanno   nessuna   difesa, sono   in   pasto   ai   lupi.   Oggi   c’è   più   ingiustizia,   non   viene   detta   la   verità   perché   non   ci   sta   bene,   ci   smaschera,   va   contro   i nostri   interessi.   Però   andiamo   a   pregare…   Parliamo   di   demoni   perché   non   abbiamo   l'angelo   della   gioia   nel   cuore.   Siamo apostoli   di   sventura   o   della   lieta   novella?   Con   la   malizia   nel   cuore   parliamo   di   cose   che   danno   vantaggio   solamente   al male,   siamo   gli   anticristiani.   Basta   un   niente   per   farci   perdere   la   fede,   dipende   dal   nostro   stato   d'animo   che   è   mutevole. Con   gli   ultimi   Papa   santi   e   la   presenza   della   Madonna   in   quest'epoca,   avremmo   dovuto   mantenere   se   non   migliorare   la nostra   fede.   E   invece   qual   è   il   nostro   comportamento?   Per   colpa   nostra   tanti   uomini   di   Chiesa   hanno   dovuto   promuovere alcuni   cambiamenti   a   favore   dei   più   disastrati.   Se   fossimo   migliorati   non   sarebbe   accaduto.   Molte   persone   che   conoscono la   verità,   per   vari   motivi   tacciono   e   peccano   di   omissione,   chi   non   la   sa   propone   fiumi   di   parole   nella   cattiveria.   Viene proposto   ciò   che   deve   essere   taciuto   e   viene   taciuto   ciò   che   deve   essere   detto.   Avviene   anche   nei   tribunali   su consiglio   degli   avvocati.   Si   tace   davanti   a   omicidi,   ruberie   e   falsità,   per   non   avere   problemi   o   per   vendette   trasversali. Per   avidità   tante   banche   hanno   azzerato   il   lavoro   di   migliaia   di   persone.   Oppure   si   apre   la   bocca   come   hanno   fatto   per liberare   Barabba   il   furfante.   Si   annacqua   la   verità   per   ottenere   di   più   anche   nell'eredità,   quando   non   viene   riconosciuto quel   figlio   che   ha   fatto   più   dell'altro.   Così   negli   ambienti   di   lavoro,   per   gelosia   e   invidia,   persone   che   avevano   meriti vengono   lasciate   in   una   condizione   di   sofferenza.   E'   una   tristezza,   ma   tutto   avviene   davanti   agli   occhi   di   Dio.   Quanta ingiustizia   toglierebbe   l'uomo   dicendo   la   verità!   Questi   fatti   non   ci   rendono   giusti,   ci   appesantiscono   la   coscienza,   ci turbano.   Non   si   cambiano   le   carte   in   tavola   con   le   parole.   Non   possiamo   mettere   sullo   stesso   piano   coloro   che   hanno   dei meriti   e   coloro   che   non   li   hanno,   in   questi   casi   il   "volemose   bene"    è   una   vigliaccata.   L'abbiamo   mai   confessato?   La   legge politica   che   ci   sostiene   è   falsa   perché   noi   siamo   falsi.   Il   Signore   non   scherza,   ha   creato   una   legge   giusta,   se   non   la smetteremo   di   andare   avanti   così   sarà   la   fine.   Ci   è   mai   dispiaciuto   di   non   aver   fatto   felice   una   persona   come   avremmo potuto?   Abbiamo   rinunciato   a   qualcosa   per   gli   altri   o   abbiamo   pensato   solo   a   noi   stessi?   I   nostri   discorsi   sono   sempre stati   a   nostro   favore?   Se   i   politici   brancolano   nel   buio   e   non   ne   vengono   fuori,   è   il   castigo   che   ci   meritiamo:   s iccome non   siamo   sinceri,   Dio   ci   fa   vivere   nella   falsità.   Come   può   il   Signore   concederci   la   sua   grazia?   L'equità   e   la   giusta misura   sono   molto   gradite   a   Dio,   non   ci   ha   mai   promesso   dei   premi   in   base   alle   nostre   preghiere,   ma   all'amore   che avremo   saputo   dare.   Molti   poi   criticano   anche   quelli   che   fanno   gesti   di   generosità   e   si   danno   da   fare,   ma   non   danno neanche   un   euro,   né   si   impegnano   per   quella   causa.   Non   possiamo   giocarci   la   dannazione   eterna   per   vigliaccheria, quando   siamo   chiamati   in   causa   dobbiamo   dire   la   verità,   anche   davanti   al   nemico.   Certo   per   farlo   dobbiamo   essere coerenti, coraggiosi e rinunciare a qualcosa di nostro, ma nelle nostre case ci sarà solo pace, gioia e felicità. Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Non dire falsa testimonianza
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Dov'è   il   risultato   che   dovrebbe   garantire   la   parola di    Dio,    cioè    giustizia    infinita,    amore,    bontà, benessere?   Il   Signore   mantiene   la   sua   promessa, siamo   noi   che   non   siamo   giusti   davanti   al   nostro compito.     È     mai     possibile     che     in     questa esperienza    terrena    non    possiamo    superare    la rassegnazione,     la     tristezza,     la     rabbia,     la delusione?   Dove   c'è   un   cristiano   contento?   Chi   si lamenta,     direttamente     o     indirettamente, presenta   al   Signore   una   creazione   difettosa. Tiriamo    molte    conclusioni    ma    non    sappiamo vivere   perché   dovremmo   solamente   gioire,   anche davanti   alla   sofferenza   più   grande.   Lo   sfacelo   è anche   politico.   Chi   ha   le   redini   del   mondo   ed   è responsabile     di     nuove     leggi,     quando     parla individua    il    problema    e    la    possibile    soluzione. Basterebbe   un   investimento   mirato   per   risolvere il   fabbisogno   vitale   di   tante   persone.   Potrebbero eliminare   questo   squilibrio   e   rinunciare   a   ciò   che poi   torna   a   nostro   vantaggio,   ma   non   lo   fanno, non   vogliono   il   nostro   bene,   ci   usano   per   star bene   loro.   Ci   prendono   in   giro   proponendo   per noi   cose   penalizzanti,   così   ci   mantengono   sotto   il loro   dominio.   Ingenuamente   noi   ci   facciamo   un vessillo   delle   leggi   che   approvano   come   se   fosse la   conquista   di   una   libertà   (ogni   partito   ha   i   suoi tifosi).   Dicono   di   essere   democratici,   ma   siamo sotto     una     dittatura.     “Maledetto     l'uomo     che confida       nell'uomo”... (Ger.17,5).       Spostiamo l'obiettivo   verso   la   nostra   fede,   verso   Dio.   Anche in   campo   spirituale   ci   sono   tante   persone   che conoscono    la    verità    rivelata,    eppure    invece    di migliorare   la   nostra   condizione   morale,   tutto   sta andando   alla   rovina.   Dicono   di   avere   dei   carismi, di   conoscere   la   teologia,   di   essere   veggenti   o carismatici,   ma   dov'è   il   risultato?   In   un   epoca dove   sono   esplosi   i   pellegrinaggi   e   la   fede   in Maria,   tutto   è   crollato.   " Troppi   demoni   parlano   in nome   mio",    disse   Maria   Santissima   a   Roberto, stiamo   alla   larga   da   certe   persone   dotte”    che rivelano   la   verità   proponendo   falsità.      Chi   sa   la parola   di   Dio   si   sente   indegno   di   parlarne,   non propone   fiume   di   parole   o   discorsi.   C'è   qualcosa che     non     quadra     sia     a     livello     politico     che spirituale.   Rispetto   a   cinquant'anni   fa   la   nostra fede    e    il    santo    timor    di    Dio    sono    peggiorati. Nemmeno   l'impero   romano   che   odiava   i   cristiani ha   creato   danno   alla   nostra   fede   e   alla   nostra anima   come   ha   fatto   questa   generazione   senza combattere:   il   problema   è   che   i   nostri   figli   non hanno   nessuna   difesa,   sono   in   pasto   ai   lupi.   Oggi c’è    più    ingiustizia,    non    viene    detta    la    verità perché   non   ci   sta   bene,   ci   smaschera,   va   contro   i nostri     interessi.     Però     andiamo     a     pregare… Parliamo   di   demoni   perché   non   abbiamo   l'angelo della   gioia   nel   cuore.   Siamo   apostoli   di   sventura o   della   lieta   novella?   Con   la   malizia   nel   cuore parliamo   di   cose   che   danno   vantaggio   solamente al   male,   siamo   gli   anticristiani.   Basta   un   niente per    farci    perdere    la    fede,    dipende    dal    nostro stato    d'animo    che    è    mutevole.    Con    gli    ultimi Papa    santi    e    la    presenza    della    Madonna    in quest'epoca,   avremmo   dovuto   mantenere   se   non migliorare    la    nostra    fede.    E    invece    qual    è    il nostro    comportamento?    Per    colpa    nostra    tanti uomini    di    Chiesa    hanno    dovuto    promuovere alcuni   cambiamenti   a   favore   dei   più   disastrati.   Se fossimo   migliorati   non   sarebbe   accaduto.   Molte persone   che   conoscono   la   verità,   per   vari   motivi tacciono   e   peccano   di   omissione,   chi   non   la   sa propone   fiumi   di   parole   nella   cattiveria.   Viene proposto   ciò   che   deve   essere   taciuto   e   viene taciuto   ciò   che   deve   essere   detto.   Avviene anche   nei   tribunali   su   consiglio   degli   avvocati.   Si tace   davanti   a   omicidi,   ruberie   e   falsità,   per   non avere   problemi   o   per   vendette   trasversali.   Per avidità   tante   banche   hanno   azzerato   il   lavoro   di migliaia    di    persone.    Oppure    si    apre    la    bocca come     hanno     fatto     per     liberare     Barabba     il furfante.   Si   annacqua   la   verità   per   ottenere   di più     anche     nell'eredità,     quando     non     viene riconosciuto   quel   figlio   che   ha   fatto   più   dell'altro. Così    negli    ambienti    di    lavoro,    per    gelosia    e invidia,    persone    che    avevano    meriti    vengono lasciate   in   una   condizione   di   sofferenza.   E'   una tristezza,   ma   tutto   avviene   davanti   agli   occhi   di Dio.     Quanta     ingiustizia     toglierebbe     l'uomo dicendo    la    verità!    Questi    fatti    non    ci    rendono giusti,   ci   appesantiscono   la   coscienza,   ci   turbano. Non   si   cambiano   le   carte   in   tavola   con   le   parole. Non   possiamo   mettere   sullo   stesso   piano   coloro che   hanno   dei   meriti   e   coloro   che   non   li   hanno,   in questi   casi   il   "volemose   bene"    è   una   vigliaccata. L'abbiamo    mai    confessato?    La    legge    politica che    ci    sostiene    è    falsa    perché    noi    siamo falsi.    Il    Signore    non    scherza,    ha    creato    una legge   giusta,   se   non   la   smetteremo   di   andare avanti   così   sarà   la   fine.   Ci   è   mai   dispiaciuto   di non   aver   fatto   felice   una   persona   come   avremmo potuto?   Abbiamo   rinunciato   a   qualcosa   per   gli altri   o   abbiamo   pensato   solo   a   noi   stessi?   I   nostri discorsi   sono   sempre   stati   a   nostro   favore?   Se   i politici   brancolano   nel   buio   e   non   ne   vengono fuori,   è   il   castigo   che   ci   meritiamo:   s iccome   non siamo   sinceri,   Dio   ci   fa   vivere   nella   falsità. Come   può   il   Signore   concederci   la   sua   grazia? L'equità   e   la   giusta   misura   sono   molto   gradite   a Dio,   non   ci   ha   mai   promesso   dei   premi   in   base alle   nostre   preghiere,   ma   all'amore   che   avremo saputo   dare.   Molti   poi   criticano   anche   quelli   che fanno   gesti   di   generosità   e   si   danno   da   fare,   ma non   danno   neanche   un   euro,   né   si   impegnano per    quella    causa.    Non    possiamo    giocarci    la dannazione    eterna    per    vigliaccheria,    quando siamo   chiamati   in   causa   dobbiamo   dire   la   verità, anche     davanti     al     nemico.     Certo     per     farlo dobbiamo      essere      coerenti,      coraggiosi      e rinunciare   a   qualcosa   di   nostro,   ma   nelle   nostre case ci sarà solo pace, gioia e felicità.     Confidenze   di   Maria   santissima   a   Roberto   Longhi   sul monte Misma  
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile