Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Per   risolvere   i   problemi   l'uomo   si   affida   ai   "maghi"   o   a   coloro   che   dicono   di   saperli   risolvere,   pagando   ingenti   somme   di denaro   che   sono   costate   fatiche   e   rinunce.   Ma   perché   vogliamo   resistere   così   tanto   alla   Madonna   e   al   Signore,   se   con una   semplice   preghiera   che   non   ci   costa   niente,   ci   danno   più   di   ogni   essere   umano,   anche   di   chi   sostiene   di   avere   poteri extrasensoriali?   Tante   persone   che   frequentano   la   Chiesa   non   si   affidano   alla   Madonna   e   al   Signore   perché   non   hanno   il risultato   immediato.    E   consigliano   agli   altri   di   andare   a   risolverli   da   “quella   persona” .....      Allora   dov'è   la   loro fede?   Eppure   nessun   altro   al   mondo   ha   risolto   i   problemi   e   fatto   l'impossibile   come   hanno   fatto   loro.   Uno   pensa   di andare   a   conoscere   la   verità   chissà   dove,   facendo   magari   lunghi   viaggi   per   ascoltare   chissà   chi,   quando   poi   nel   ritorno disperde   già   tutto   quello   che   pensava   di   aver   immagazzinato.   Il   Signore   invece   è   molto   più   compatibile   con   le   nostre esigenze   e   ci   dà   uno   strumento   a   portata   di   mano,   che   però   non   viene   accettato   perché   "nessun   profeta   in   patria".    Il Vangelo   ci   avverte   che   "ci   saranno   molti   falsi   profeti",   ma   chi   può   dire   chi   è   vero   e   chi   è   falso?   Nella   realtà   tutti   i      profeti hanno   i      loro   adepti   al   seguito,   infatti   un   gruppo   va   da   una   parte   anziché   dall'altra,   per   sentito   dire,   per   aver   avuto   una certa   sensazione   personale,   e   poi   prosegue   su   quella   strada.   Anche   se   perdiamo   tanto   tempo   a   ragionare   e   a   cercare   di capire   cosa   c’è   al   di   la   del   mistero,   ci   illudiamo   di   conoscere   la   verità,   perché   poi   davanti   ad   una   prova   svanisce   tutto   e torniamo   nella   nostra   miseria.   Perché   rischiare   di   sbagliare   quando   invece   possiamo   evitare   tutto   questo   e affidarci   alla   parola   di   Dio   che   è   scritta   sulla   Bibbia?    Abbiamo   delle   opportunità   che   non   dobbiamo   dimenticare come   il   cammino   di   obbedienza   e   di   abbandono   totale   al   silenzio   e   alla   parola   del   Signore   (che   ci   deve   entrare   come   un “miele”).   Ma   non   cerchiamo   risposte   dall'uomo   perché   è   sempre   un   pulviscolo   rispetto   a   quello   che   può   darci   il   Signore. L'uomo   ci   può   incantare,    ci   seduce   con   la   sua   parlantina,   ci   sembra   più   gradevole   e   ci   dà   sensazioni   più   positive, mentre Dio ci mette alla prova.  Ecco perché noi rifiutiamo il cammino del Signore.   CON IL SIGNORE IL GIOGO DIVENTA LEGGERO Davanti   a   un   grosso   problema   da   risolvere   una   grande   percentuale   di   persone   va   da   chi   promette   mari   e   monti   dietro lauti   compensi,   mentre   una   piccola   parte   quando   non   ne   può   più   va   dal   buon   Gesù.    Perché   non   vogliamo   affidarci   a Dio   ancor   prima   di   avere   quel   grosso   problema   e   dimostrargli   di   credere   in   lui?   Chi   di   noi   crede   veramente   nel Signore? Andiamo subito al sodo e non perdiamo tempo, perché dopo aver sbattuto la testa a destra e a sinistra, in largo e   in   lungo,   dobbiamo   ancora   ritornare   all'inizio,   a   Dio.   Cosa   dirà   allora   Dio   di   noi   vedendo   che   prima   le   proviamo   le   tutte e   dopo,   per   forza   di   cose,   dobbiamo   ritornare   a   lui?   Che   umiliazione   avrà   nel   proprio   cuore   e   che      testimonianza   di affetto   e   di   amicizia   avrà   da   parte   nostra?   Invece   noi   pensiamo   che   una   corona   del   Santo   Rosario   sia   sufficiente   a risolvere   tutti   i   nostri   problemi.   Ma   il   Signore   potrebbe   dire:   " Va   dove   sei   andato   prima!   Perché   vieni   da   me   adesso quando   ormai   è   aumentato   il   tuo   problema?" .   Il   Signore   aspetta   da   noi   una   risposta   di   umiltà,   la   caratteristica   che   ha fatto   si   che   la   Madonna   sia   piena   di   grazia   (ha   guardato   l'umiltà   della   sua   serva...);   non   guarda   alla   nostra   arroganza   e alla   nostra   presunzione,   perché   noi   ne   sappiamo   meno   di   Maria   Santissima,   non   sappiamo   niente.   Fortifichiamoci   nella vera   fede,   quella   che   ci   permette   di   superare   anche   le   cose   impossibili   a   livello   umano   e   di   accettare   i   pesi   più   pesanti. Non   dobbiamo   essere   come   coloro   che   di   fronte   a   una   piccola   prova   sono   “una   pentola   di   fagioli” :   non   sanno   più   dove andare   a   sbattere,   telefonano   a   destra   e   a   sinistra   facendo   conoscere   al   mondo   intero   i   loro   problemi,   ma   non   vogliono affidarsi   al   Signore.   Smettiamola   di   ragionare   come   ragiona   il   mondo   intero,   ritorniamo   a   essere   come   gli   autentici cristiani   che   non   venivano   confusi   o   messi   in   difficoltà   da   nessuno,   neanche   dalle   bestie   del   circo   ove   venivano   sacrificati perché    si    professavano    cristiani    (la    rabbia    dei    prepotenti    era    quella    di    vederli    andare    a    morire    senza    che    si lamentassero).   Pur   non   avendo   una   sorte   così   terribile,   ci   lamentiamo   in   continuazione   perché   in   noi   non   c’è   la   vera fede,   ma   solo   la   nostra   immaginazione.   Diversamente   vivremmo   su   questa   terra   come   in   un   paradiso   terrestre, consapevoli che niente e nessuno può farci del male.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Testimoni della verità o delle verità?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Per    risolvere    i    problemi    l'uomo    si    affida    ai "maghi"   o   a   coloro   che   dicono   di   saperli   risolvere, pagando    ingenti    somme    di    denaro    che    sono costate   fatiche   e   rinunce.   Ma   perché   vogliamo resistere   così   tanto   alla   Madonna   e   al   Signore,   se con    una    semplice    preghiera    che    non    ci    costa niente,   ci   danno   più   di   ogni   essere   umano,   anche di   chi   sostiene   di   avere   poteri   extrasensoriali? Tante   persone   che   frequentano   la   Chiesa   non   si affidano   alla   Madonna   e   al   Signore   perché   non hanno   il   risultato   immediato.    E   consigliano   agli altri     di     andare     a     risolverli     da     “quella persona” .....      Allora   dov'è   la   loro   fede?   Eppure nessun   altro   al   mondo   ha   risolto   i   problemi   e fatto   l'impossibile   come   hanno   fatto   loro.   Uno pensa    di    andare    a    conoscere    la    verità    chissà dove,   facendo   magari   lunghi   viaggi   per   ascoltare chissà   chi,   quando   poi   nel   ritorno   disperde   già tutto   quello   che   pensava   di   aver   immagazzinato. Il   Signore   invece   è   molto   più   compatibile   con   le nostre   esigenze   e   ci   dà   uno   strumento   a   portata di   mano,   che   però   non   viene   accettato   perché "nessun   profeta   in   patria".    Il   Vangelo   ci   avverte che   "ci   saranno   molti   falsi   profeti",   ma   chi   può dire   chi   è   vero   e   chi   è   falso?   Nella   realtà   tutti   i     profeti   hanno   i      loro   adepti   al   seguito,   infatti   un gruppo   va   da   una   parte   anziché   dall'altra,   per sentito   dire,   per   aver   avuto   una   certa   sensazione personale,    e    poi    prosegue    su    quella    strada. Anche   se   perdiamo   tanto   tempo   a   ragionare   e   a cercare   di   capire   cosa   c’è   al   di   la   del   mistero,   ci illudiamo    di    conoscere    la    verità,    perché    poi davanti   ad   una   prova   svanisce   tutto   e   torniamo nella     nostra     miseria.     Perché     rischiare     di sbagliare    quando    invece    possiamo    evitare tutto   questo   e   affidarci   alla   parola   di   Dio che    è    scritta    sulla    Bibbia?     Abbiamo    delle opportunità   che   non   dobbiamo   dimenticare   come il   cammino   di   obbedienza   e   di   abbandono   totale al   silenzio   e   alla   parola   del   Signore   (che   ci   deve entrare    come    un    “miele”).    Ma    non    cerchiamo risposte   dall'uomo   perché   è   sempre   un   pulviscolo rispetto    a    quello    che    può    darci    il    Signore. L'uomo   ci   può   incantare,    ci   seduce   con   la   sua parlantina,    ci    sembra    più    gradevole    e    ci    sensazioni    più    positive,    mentre    Dio    ci    mette alla     prova.      Ecco     perché     noi     rifiutiamo     il cammino del Signore.   CON IL SIGNORE IL GIOGO DIVENTA LEGGERO Davanti   a   un   grosso   problema   da   risolvere   una grande     percentuale     di     persone     va     da     chi promette    mari    e    monti    dietro    lauti    compensi, mentre   una   piccola   parte   quando   non   ne   può   più va    dal    buon    Gesù.     Perché    non    vogliamo affidarci    a    Dio    ancor    prima    di    avere    quel grosso   problema   e   dimostrargli   di   credere in   lui?   Chi   di   noi   crede   veramente   nel   Signore? Andiamo   subito   al   sodo   e   non   perdiamo   tempo, perché   dopo   aver   sbattuto   la   testa   a   destra   e   a sinistra,   in   largo   e   in   lungo,   dobbiamo   ancora ritornare   all'inizio,   a   Dio.   Cosa   dirà   allora   Dio   di noi   vedendo   che   prima   le   proviamo   le   tutte   e dopo,   per   forza   di   cose,   dobbiamo   ritornare   a   lui? Che    umiliazione    avrà    nel    proprio    cuore    e    che      testimonianza   di   affetto   e   di   amicizia   avrà   da parte    nostra?    Invece    noi    pensiamo    che    una corona     del     Santo     Rosario     sia     sufficiente     a risolvere   tutti   i   nostri   problemi.   Ma   il   Signore potrebbe    dire:    " Va    dove    sei    andato    prima! Perché    vieni    da    me    adesso    quando    ormai    è aumentato   il   tuo   problema?" .   Il   Signore   aspetta da   noi   una   risposta   di   umiltà,   la   caratteristica   che ha   fatto   si   che   la   Madonna   sia   piena   di   grazia   (ha guardato   l'umiltà   della   sua   serva...);   non   guarda alla   nostra   arroganza   e   alla   nostra   presunzione, perché     noi     ne     sappiamo     meno     di     Maria Santissima,   non   sappiamo   niente.   Fortifichiamoci nella    vera    fede,    quella    che    ci    permette    di superare    anche    le    cose    impossibili    a    livello umano   e   di   accettare   i   pesi   più   pesanti.   Non dobbiamo   essere   come   coloro   che   di   fronte   a   una piccola   prova   sono   “una   pentola   di   fagioli” :   non sanno   più   dove   andare   a   sbattere,   telefonano   a destra   e   a   sinistra   facendo   conoscere   al   mondo intero   i   loro   problemi,   ma   non   vogliono   affidarsi al    Signore.    Smettiamola    di    ragionare    come ragiona    il    mondo    intero,    ritorniamo    a    essere come    gli    autentici    cristiani    che    non    venivano confusi   o   messi   in   difficoltà   da   nessuno,   neanche dalle    bestie    del    circo    ove    venivano    sacrificati perché    si    professavano    cristiani    (la    rabbia    dei prepotenti   era   quella   di   vederli   andare   a   morire senza   che   si   lamentassero).   Pur   non   avendo   una sorte      così      terribile,      ci      lamentiamo      in continuazione   perché   in   noi   non   c’è   la   vera   fede, ma        solo        la        nostra        immaginazione. Diversamente    vivremmo    su    questa    terra come   in   un   paradiso   terrestre,   consapevoli che niente e nessuno può farci del male.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile