Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Noi   cristiani   abbiamo   perso   troppo   tempo   a   dare   annunci   di   castighi   che   fanno   preoccupare   la   gente.   Fino   a   pochi   secoli fa   non   era   così   diffusa   la   presenza   di   Maria   Santissima   su   questa   terra,   eppure   i   migliori   santi   sono   dell'epoca precedente.   Avevano   le   tribolazioni   principali   dai   loro   contemporanei   ma   non   li   criticavano.   Oggi   basterebbe   poco   per fare   il   salto   di   qualità,   sarebbe   sufficiente   che   espiassimo   i   difetti   degli   altri   offrendo   i   nostri.   Dovremmo sacrificare   la   nostra   lingua,   la   critica,   la   polemica   in   riparazione   dei   nostri   peccati   e   di   quelli   dei   nostri   fratelli. Rinunciando   alle   nostre   dipendenze,   un   bicchiere   di   vino,   una   dose   quotidiana   di   droga,   un'attrazione   fisica   non   corretta, potremmo   riparare   a   tante   offese   che   Gesù   riceve   ogni   giorno   e   diventare   i   servi   ausilianti   di   Maria   Santissima.   Se vediamo   uno   che   non   si   comporta   bene   nel   nostro   ambiente   di   lavoro,   cerchiamo   di   comportarci   bene   noi   e   di   non   fare comunella   con   un   altro   per   dire   che   quello   è   un   vigliacco.   Chi   parla   male   di   un'altra   persona   fa   il   gioco   del   demonio,   è come   chi   butta   una   piuma   al   vento,   non   sa   mai   dove   va   a   poggiare.   Ognuno   di   noi   ha   un   punto   debole   carnale, psicologico   o   di   avidità,   che   non   riesce   a   liberarsene.   Anche   la   superbia   deriva   dall'avidità   di   noi   stessi,   dal   desiderio   che il   mondo   vada   come   diciamo   noi.   Possiamo   decidere   di   liberarci   coraggiosamente   delle   nostre   fragilità,   così   non   ci mancheranno   più   quelle   cose   che   tanto   abbiamo   gradito   nella   nostra   vita.   Rinunciando   a   quella   frazione   di   secondo per   amore   di   Dio,   guadagniamo   l'eternità.   Quella   debolezza   bisogna   tagliarla,   non   possiamo   entrare   in   cielo pensando   di   cavarcela   con   due   preghiere.   Però   dobbiamo   arrivarci   per   gradi,   è   la   battaglia   contro   noi   stessi.   Siamo   noi che   vestiamo   tutte   le   mattine   il   miracolo   più   bello   di   Dio,    gli   laviamo   la   faccia,   lo   nutriamo   e   cammina   con   noi.   Quale amore   spirituale   diamo   a   questo   corpo?   Siamo   pazienti   o   litigiosi,   permalosi   o   umili,   maliziosi   o   puri?   Siamo   coerenti   con il   Dio   che   ci   ha   creati   oppure   non   vogliamo   esserlo   perché   i   nostri   difetti   ci   fanno   piacere?   Le   nostre   rinunce   sono   gradite in   cielo   più   di   tante   preghiere   fredde:   che   bello   pregare   pur   avendo   già   nel   cuore   il   premio!   Pensiamo   che   sia   così   facile aver   creato   l'uomo?   Con   quale   rispetto   generiamo   i   figli?   Come   possiamo   fermare   la   vita   appena   concepita?   Bisogna   che ci   immergiamo   nella   grazia   che   il   Signore   ci   ha   dato   in   abbondanza,   non   facciamo   l'errore   di   disperderla.   C'è   una differenza   abissale   tra   chi   è   stato   battezzato   e   chi   no,   se   si   vedesse   ad   occhio   nudo,   le   persone   si   metterebbero   in   coda per   riceverlo.   Quante   volte   abbiamo   offeso   il   nostro   corpo   creato   per   essere   santo?   Senza   la   fede   non   possiamo   gestire   i suoi   impulsi,   non   cerchiamo   di   dominare   gli   istinti   dei   nostri   fratelli   quando   non   riusciamo   a   dominare   i   nostri.   Per aumentare   la   fede   serve   che   ci   amiamo,   che   sappiamo   accettare   la   croce,   cioè   la   prepotenza   altrui.   Immaginiamo   un grande   pentolone   pieno   di   verdure   per   un   minestrone,   senza   sale   sarebbe   insipido,   così   è   la   grazia   del   Signore,   basta poco    per    dare    luce    al    corpo,    alla    nostra    vita.     Rinunciamo    alle    nostre    dipendenze    come    tacito    accordo    e dimostrazione   che   abbiamo   il   santo   timore   di   Dio,    così   la   nostra   preghiera   sarà   splendente   come   il   sole,   sarà   la voce   degli   angeli   anche   per   quelli   che   ci   sentono.   Togliamo   perciò   frenesia,   ansia,   tensione,   ragionamenti,   dimostrazioni, misticismo,   perché   non   serve   recitare   un   copione.   Se   non   riusciamo   ringraziare   il   Signore   offriamo   almeno   le   nostre miserie,   così   almeno   siamo   consapevoli   di   averle,   e   aggiungiamo   quelle   degli   altri.   Il   mondo   non   lo   cambiamo   con   due preghiere,   ma   qualcosa   cambiamo   se   siamo   giusti.   Il   nostro   comportamento   è   più   importante   quando   riusciamo   ad accettare   le   ingiustizie   e   il   pensiero   delle   persone   che   ci   vivono   accanto.   Il   Signore   non   ha   scelto   come   apostoli   coloro che   frequentavano   il   tempio,   cerchiamo   di   amare   anche   chi   non   fa   le   nostre   stesse   cose,   perché   i   conflitti   nascono dalle   diversità   di   vedute.   Abbiamo   fatto   di   tutto   per   difendere   la   pace   nella   nostra   casa?         Non   tutte   le   guerre   sono state   vinte   nel   primo   attacco,   a   volte   bisogna   perdere   qualche   battaglia,   ma   per   vincere   contro   il   male   dobbiamo   essere uniti.   Ci   sono   tante   contrarietà   e   delusioni   nella   famiglia   perché   non   c'è   amore.   Amare   significa   accettare   il   carattere   di chi   abbiamo   amato   e   giurato   fedeltà   davanti   al   Signore,   nella   buona   e   nella   cattiva   sorte,   nella   salute   e   nella   malattia. Invece   ci   inventiamo   nuove   emozioni   con   altre   persone...   Se   una   cosa   dà   fastidio,   non   facciamola,   impariamo   ad   essere più   comprensivi.   Perché   ciò   che   dà   fastidio   deve   diventare   elemento   di   divisione?   C'è   chi   sbaglia   a   provocare   e chi   a   non   accettare.   Chi   accetta   ha   già   risolto   il   problema,   dovremmo   amare   di   più   l'antipatico,   è   quello   che   ci   fa   mettere al   primo   posto   Dio.   Chi   è   simpatico   o   un   nostro   caro   ha   già   la   garanzia   dei   nostri   sentimenti,   ma   se   amiamo   l'antipatico lo   facciamo   diventare   noi   simpatico.   La   persona   che   vorremmo   evitare   è   quella   che   ci   fa   ottenere   il   massimo   dei riconoscimenti   nel   giorno   del   giudizio.   Sarà   importante   quello   che   avremo   dato   agli   altri   non   quello   che   abbiamo trattenuto   per   noi,   anche   in   campo   spirituale.   Solo   quando   c'è   ancora   amore   possiamo   accettare   i   difetti   degli altri.       Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Il tallone d’Achille
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  Noi   cristiani   abbiamo   perso   troppo   tempo   a   dare annunci    di    castighi    che    fanno    preoccupare    la gente.   Fino   a   pochi   secoli   fa   non   era   così   diffusa la   presenza   di   Maria   Santissima   su   questa   terra, eppure      i      migliori      santi      sono      dell'epoca precedente.   Avevano   le   tribolazioni   principali   dai loro   contemporanei   ma   non   li   criticavano.   Oggi basterebbe    poco    per    fare    il    salto    di    qualità, sarebbe   sufficiente   che   espiassimo   i   difetti degli     altri     offrendo     i     nostri.     Dovremmo sacrificare   la   nostra   lingua,   la   critica,   la   polemica in   riparazione   dei   nostri   peccati   e   di   quelli   dei nostri       fratelli.       Rinunciando       alle       nostre dipendenze,    un    bicchiere    di    vino,    una    dose quotidiana    di    droga,    un'attrazione    fisica    non corretta,   potremmo   riparare   a   tante   offese   che Gesù    riceve    ogni    giorno    e    diventare    i    servi ausilianti   di   Maria   Santissima.   Se   vediamo   uno che   non   si   comporta   bene   nel   nostro   ambiente   di lavoro,   cerchiamo   di   comportarci   bene   noi   e   di non   fare   comunella   con   un   altro   per   dire   che quello   è   un   vigliacco.   Chi   parla   male   di   un'altra persona   fa   il   gioco   del   demonio,   è   come   chi   butta una    piuma    al    vento,    non    sa    mai    dove    va    a poggiare.    Ognuno    di    noi    ha    un    punto    debole carnale,   psicologico   o   di   avidità,   che   non   riesce   a liberarsene.   Anche   la   superbia   deriva   dall'avidità di   noi   stessi,   dal   desiderio   che   il   mondo   vada come   diciamo   noi.   Possiamo   decidere   di   liberarci coraggiosamente   delle   nostre   fragilità,   così   non   ci mancheranno   più   quelle   cose   che   tanto   abbiamo gradito   nella   nostra   vita.   Rinunciando   a   quella frazione    di    secondo    per    amore    di    Dio, guadagniamo     l'eternità.     Quella     debolezza bisogna   tagliarla,   non   possiamo   entrare   in   cielo pensando   di   cavarcela   con   due   preghiere.   Però dobbiamo    arrivarci    per    gradi,    è    la    battaglia contro   noi   stessi.   Siamo   noi   che   vestiamo   tutte   le mattine    il    miracolo    più    bello    di    Dio,     gli laviamo   la   faccia,   lo   nutriamo   e   cammina   con noi.    Quale    amore    spirituale    diamo    a    questo corpo?    Siamo    pazienti    o    litigiosi,    permalosi    o umili,   maliziosi   o   puri?   Siamo   coerenti   con   il   Dio che    ci    ha    creati    oppure    non    vogliamo    esserlo perché   i   nostri   difetti   ci   fanno   piacere?   Le   nostre rinunce    sono    gradite    in    cielo    più    di    tante preghiere   fredde:   che   bello   pregare   pur   avendo già   nel   cuore   il   premio!   Pensiamo   che   sia   così facile    aver    creato    l'uomo?    Con    quale    rispetto generiamo   i   figli?   Come   possiamo   fermare   la   vita appena   concepita?   Bisogna   che   ci   immergiamo nella    grazia    che    il    Signore    ci    ha    dato    in abbondanza,   non   facciamo   l'errore   di   disperderla. C'è    una    differenza    abissale    tra    chi    è    stato battezzato    e    chi    no,    se    si    vedesse    ad    occhio nudo,   le   persone   si   metterebbero   in   coda   per riceverlo.   Quante   volte   abbiamo   offeso   il   nostro corpo   creato   per   essere   santo?   Senza   la   fede   non possiamo   gestire   i   suoi   impulsi,   non   cerchiamo   di dominare   gli   istinti   dei   nostri   fratelli   quando   non riusciamo   a   dominare   i   nostri.   Per   aumentare   la fede     serve     che     ci     amiamo,     che     sappiamo accettare    la    croce,    cioè    la    prepotenza    altrui. Immaginiamo    un    grande    pentolone    pieno    di verdure   per   un   minestrone,   senza   sale   sarebbe insipido,   così   è   la   grazia   del   Signore,   basta   poco per     dare     luce     al     corpo,     alla     nostra     vita.   Rinunciamo    alle    nostre    dipendenze    come tacito   accordo   e   dimostrazione   che   abbiamo il   santo   timore   di   Dio,    così   la   nostra   preghiera sarà   splendente   come   il   sole,   sarà   la   voce   degli angeli   anche   per   quelli   che   ci   sentono.   Togliamo perciò    frenesia,    ansia,    tensione,    ragionamenti, dimostrazioni,     misticismo,     perché     non     serve recitare   un   copione.   Se   non   riusciamo   ringraziare il   Signore   offriamo   almeno   le   nostre   miserie,   così almeno      siamo      consapevoli      di      averle,      e aggiungiamo   quelle   degli   altri.   Il   mondo   non   lo cambiamo    con    due    preghiere,    ma    qualcosa cambiamo      se      siamo      giusti.      Il      nostro comportamento      è      più      importante      quando riusciamo   ad   accettare   le   ingiustizie   e   il   pensiero delle   persone   che   ci   vivono   accanto.   Il   Signore non     ha     scelto     come     apostoli     coloro     che frequentavano    il    tempio,    cerchiamo    di    amare anche   chi   non   fa   le   nostre   stesse   cose,   perché   i conflitti   nascono   dalle   diversità   di   vedute. Abbiamo   fatto   di   tutto   per   difendere   la   pace   nella nostra   casa?         Non   tutte   le   guerre   sono   state vinte   nel   primo   attacco,   a   volte   bisogna   perdere qualche   battaglia,   ma   per   vincere   contro   il   male dobbiamo   essere   uniti.   Ci   sono   tante   contrarietà e   delusioni   nella   famiglia   perché   non   c'è   amore. Amare    significa    accettare    il    carattere    di    chi abbiamo    amato    e    giurato    fedeltà    davanti    al Signore,   nella   buona   e   nella   cattiva   sorte,   nella salute    e    nella    malattia.    Invece    ci    inventiamo nuove   emozioni   con   altre   persone...   Se   una   cosa dà   fastidio,   non   facciamola,   impariamo   ad   essere più   comprensivi.   Perché   ciò   che   dà   fastidio deve    diventare    elemento    di    divisione?    C'è chi   sbaglia   a   provocare   e   chi   a   non   accettare.   Chi accetta    ha    già    risolto    il    problema,    dovremmo amare    di    più    l'antipatico,    è    quello    che    ci    fa mettere   al   primo   posto   Dio.   Chi   è   simpatico   o   un nostro     caro     ha     già     la     garanzia     dei     nostri sentimenti,     ma     se     amiamo     l'antipatico     lo facciamo   diventare   noi   simpatico.   La   persona   che vorremmo   evitare   è   quella   che   ci   fa   ottenere   il massimo     dei     riconoscimenti     nel     giorno     del giudizio.   Sarà   importante   quello   che   avremo   dato agli   altri   non   quello   che   abbiamo   trattenuto   per noi,   anche   in   campo   spirituale.   Solo   quando   c'è ancora   amore   possiamo   accettare   i   difetti degli altri.   Confidenze   di   Maria   santissima   a   Roberto   Longhi   sul monte Misma  

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                                                              Il tallone d’Achille               
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile