Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Desideriamo   di   più   amare   il   fratello   o   i   risultati   personali?   Se   questo   fratello   è   la   pecorella   smarrita   è   meglio   per   noi perché   il   premio   sarà   moltiplicato   all'infinito.   Nel   giorno   del   giudizio   il   Signore   compenserà   di   più   chi   ha   amato totalmente,   chi   ha   saputo   perdonare   e   chi   non   ha   criticato.   Ci   alleniamo   in   questi   passaggi?   Il   mondo   ha   preso   una   piega che   per   troppi,   in   generale,   non   ci   sarà   più   ritorno.   E'   scritto   sul   Vangelo.   Il   tabernacolo   sull'altare   lo   vediamo   bello, maestoso,   dorato,   con   i   marmi   che   lo   contornano.   Già   ci   trasmette   una   forza   meravigliosa   pur   non   vedendo   fisicamente la   presenza   di   Dio.   Il   nostro   cuore   è   così   pulito   per   ospitare   Gesù?   Ci   siamo   resi   conto   che   siamo   dei   tabernacoli   viventi da   quando   abbiamo   ricevuto   la   prima   Comunione?   Immaginiamoli   adorni,   lerci,   sporchi,   trascurati,   disgustosi…   Cosa   dirà il   Signore?   Quella   è   la   nostra   vita.   Se   perseveriamo   nella   malizia,   nella   perversione   e   nel   putridume,   possiamo   accendere tutti   i   lumini   che   vogliamo   (le   nostre   preghiere),   ma   sempre   il   nostro   cuore   rimane   lercio,   sporco.   Invece,   amando,     possiamo   eliminare   duemila   anni   di   errori   e   le   nostre   brutte   abitudini.   Il   Signore   non   solo   vede   quello   che   facciamo,   ma sente   sempre   quello   che   diciamo:   abbiamo   fermato   o   favorito   le   critiche?   Quando   una   persona   viene   messa   a   dura   prova per   i   nostri   giudizi,   sentiamo   una   malsana   soddisfazione.   Non   confidiamo   a   nessuno   le   vigliaccate   ricevute.   Il   Dio   della misericordia   è   anche   il   Dio   della   giustizia,   non   tratterà   allo   stesso   modo   coloro   che   subiscono   rinunce,   prove e   umiliazioni,   con   quelli   che   peccano.    E   nemmeno   ci   rivelerà   il   difetto   di   un   altra   persona,   chi   ha   una   visione   estatica non   tira   conclusioni   malevoli   verso   il   fratello,   se   lo   fa   è   sotto   un   fattore   demoniaco.   Non   lasciamoci   incantare   da seducenti   mistificatori,   la   legge   naturale   non   può   essere   modificata.   Se   amassimo   il   Signore   dovremmo   saziarci   della   sua parola   e   rivelare   il   Vangelo,   non   ribaltare   i   suoi   insegnamenti.   Come   possiamo   decollare   per   il   cielo   se   abbiamo   un terreno   pieno   di   rovi,   sterpi   e   insidie?   Il   mondo   del   Signore   non   è   fatto   di   furbi   e   di   lestofanti   che   usano   parole   maliziose, ma   di   persone   che   amano   veramente   e   sanno   accettare   le   ingiustizie.   Mettiamoci   in   dubbio   per   migliorare,   facciamo qualcosa in più oltre le preghiere, potrebbe essere determinante per la nostra salvezza.   CI CONSUMIAMO NELLA BATTAGLIA MIGLIORE? Lo   spirito   cattivo   viene   avvertito   come   un   falso   bene   perché   ci   soddisfa   di   più   nelle   richieste   materiali   ed   è   presente   in noi   quando   abbiamo   una   reazione   non   controllata,   piena   di   rabbia.   Si   manifesta   come   un   pensiero   sostenibile   di   difesa dell'ingiustizia,   ma   ci   fa   creare   altra   ingiustizia.      I   sentimenti   di   rabbia   sono   suggerimenti   di   una   battaglia   persa:   chi reagisce   con   l'insulto   agli   insulti,   accumula   altro   male.   In   una   giornata   quante   ore   viviamo   con   la   gioia   e   quante   con   la delusione   e   la   polemica?   È   facile   portare   negatività   in   un   ambiente,   basta   una   goccia   di   sporco   per   inquinare   un   secchio d'acqua   pulita.   Il   silenzio   è   il   custode   della   giustizia,    accettando   con   gioia   e   non   reagendo   è   la   vittoria.    Amare significa   non   lamentarsi,   non   avere   la   malizia   e   il   desiderio   di   togliersi   il   saluto,   ma   aver   voglia   di   sostituirci   alla   persona che   soffre.   Chi   ha   Dio   nel   cuore   aspetta   solo   di   far   felice   un   altra   persona,   ringrazia   per   quello   che   è,   per   quello   che   ha   e per   dove   si   trova.   Se   da   una   parte   il   progresso   ci   ha   avvantaggiati,   dall'altra   abbiamo   un   grosso   svantaggio:    siamo portatori    di    2000    anni    di    errori    perché    non    abbiamo    conosciuto    l'autenticità    cristiana .    Come    possiamo racchiudere   la   nostra   fede   in   una   preghiera?   Facciamo   le   cose   con   il   massimo   dell'impegno,   come   nel   nostro   lavoro. Quanti   hanno   guadagnato   il   proprio   pane   come   si   conviene?   Chi   ha   colpe   o   risentimenti   verso   altre   persone,   non   solo non   vive   bene   qui,   ma   vivrà   da   disperato   anche   nell'altra   dimensione.   Perché   consumiamo   le   nostre   energie   per difendere   cose   che   non   hanno   l'importanza   della   vita   spirituale?   L'uomo   ha   consumato   tutto   di   sé,   sostenendo   scontri psicologici   che   portano   solamente   danno,   per   l'invidia,   la   gelosia,   il   desiderio   di   primeggiare,   di   tradire,   l'avidità.   Avremo la   gioia   nell'altro   mondo   se   gioiremo   in   questo,   anche   accettando   l'umiliazione   estrema   davanti   a   mille   ragioni.   Ci abbandonaniamo   totalmente   alla   volontà   di   Dio?   Chi   reagisce   è   costretto   a   fare   anche   la   parte   negativa   e   difendersi   in tribunale   con   battaglie   che   durano   anni.   Il   male   si   difende   offendendo,   usa   le   nostre   parole   contro   di   noi,   non   diamo   mai questa   possibilità   al   nemico.   Perchè   poi   i   buoni   diventano   pessimi   difensori   di   se   stessi,   non   riescono   ad   essere   maliziosi, perversi   e   ruffiani   come   i   cattivi,   i   quali   faranno   di   tutto   per   distruggerci   perché   sono   più   scaltri   dei   figli   della   luce .   Il peccatore   vede   il   peccato   negli   altri,   il   buono   invece   vede   gli   altri   tutti   buoni,   è   ingenuo,   passa   per   incapace,   conosce solo   il   bene   e   anche   se   dovrà   penare   per   colpa   del   cattivo,   alla   fine   avrà   la   meglio.   E   potrà   liberare   tante   anime   della   sua stirpe.   E'   quando   perdiamo   nell'orgoglio   che   abbiamo   vinto,   se   ci   amiamo   le   nostre   diversità   diventano   pregi.   La battaglia   più   difficile   e   cruenta   è   quella   di   mantenerci   integri   davanti   al   Signore.    È   una   battaglia   che   non   ha limiti   perché   il   nemico   più   micidiale   e   invisibile   entra   nelle   nostre   menti,   ci   illude   che   abbiamo   sempre   ragione,   prepara tante   trappole   per   farci   scontrare   e   ci   usa   contro   il   Creatore.   Così   passeremo   anni   di   tribolazioni,   malumori,   divisioni, contrasti,   rifiuti   tra   un   parente   e   l'altro,   tra   un   confinante   e   l'altro.   Sostenere   l'amore,   non   vuol   dire   non   essere   scaltri, ma   farci   difendere   da   Dio   che   ci   fa   uscire   vittoriosi   (anche   se   con   le   ossa   rotte...).   Non   ci   abbandona   in   mezzo   a   una landa di ululati solitari . Perché sosteniamo di più la battaglia che ci distrugge e rifiutiamo quella che ci salva?     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Il tabernacolo
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Desideriamo   di   più   amare   il   fratello   o   i   risultati personali?    Se    questo    fratello    è    la    pecorella smarrita   è   meglio   per   noi   perché   il   premio   sarà moltiplicato   all'infinito.   Nel   giorno   del   giudizio   il Signore     compenserà     di     più     chi     ha     amato totalmente,   chi   ha   saputo   perdonare   e   chi   non   ha criticato.    Ci    alleniamo    in    questi    passaggi?    Il mondo   ha   preso   una   piega   che   per   troppi,   in generale,   non   ci   sarà   più   ritorno.   E'   scritto   sul Vangelo.    Il    tabernacolo    sull'altare    lo    vediamo bello,    maestoso,    dorato,    con    i    marmi    che    lo contornano.      Già      ci      trasmette      una      forza meravigliosa    pur    non    vedendo    fisicamente    la presenza   di   Dio.   Il   nostro   cuore   è   così   pulito   per ospitare   Gesù?   Ci   siamo   resi   conto   che   siamo   dei tabernacoli   viventi   da   quando   abbiamo   ricevuto la    prima    Comunione?    Immaginiamoli    adorni, lerci,   sporchi,   trascurati,   disgustosi…   Cosa   dirà   il Signore?   Quella   è   la   nostra   vita.   Se   perseveriamo nella   malizia,   nella   perversione   e   nel   putridume, possiamo   accendere   tutti   i   lumini   che   vogliamo (le   nostre   preghiere),   ma   sempre   il   nostro   cuore rimane      lercio,      sporco.      Invece,      amando,        possiamo   eliminare   duemila   anni   di   errori   e   le nostre   brutte   abitudini.   Il   Signore   non   solo   vede quello   che   facciamo,   ma   sente   sempre   quello   che diciamo:   abbiamo   fermato   o   favorito   le   critiche? Quando   una   persona   viene   messa   a   dura   prova per    i    nostri    giudizi,    sentiamo    una    malsana soddisfazione.    Non    confidiamo    a    nessuno    le vigliaccate   ricevute.   Il   Dio   della   misericordia   è anche   il   Dio   della   giustizia,   non   tratterà   allo stesso   modo   coloro   che   subiscono   rinunce, prove   e   umiliazioni,   con   quelli   che   peccano.   E    nemmeno    ci    rivelerà    il    difetto    di    un    altra persona,    chi    ha    una    visione    estatica    non    tira conclusioni   malevoli   verso   il   fratello,   se   lo   fa   è sotto    un    fattore    demoniaco.    Non    lasciamoci incantare    da    seducenti    mistificatori,    la    legge naturale     non     può     essere     modificata.     Se amassimo   il   Signore   dovremmo   saziarci   della   sua parola   e   rivelare   il   Vangelo,   non   ribaltare   i   suoi insegnamenti.    Come    possiamo    decollare    per    il cielo   se   abbiamo   un   terreno   pieno   di   rovi,   sterpi e   insidie?   Il   mondo   del   Signore   non   è   fatto   di furbi   e   di   lestofanti   che   usano   parole   maliziose, ma   di   persone   che   amano   veramente   e   sanno accettare   le   ingiustizie.   Mettiamoci   in   dubbio   per migliorare,    facciamo    qualcosa    in    più    oltre    le preghiere,   potrebbe   essere   determinante   per   la nostra salvezza.   CI CONSUMIAMO NELLA BATTAGLIA MIGLIORE? Lo   spirito   cattivo   viene   avvertito   come   un   falso bene    perché    ci    soddisfa    di    più    nelle    richieste materiali   ed   è   presente   in   noi   quando   abbiamo una   reazione   non   controllata,   piena   di   rabbia.   Si manifesta   come   un   pensiero   sostenibile   di   difesa dell'ingiustizia,   ma   ci   fa   creare   altra   ingiustizia.      I sentimenti   di   rabbia   sono   suggerimenti   di   una battaglia    persa:    chi    reagisce    con    l'insulto    agli insulti,    accumula    altro    male.    In    una    giornata quante   ore   viviamo   con   la   gioia   e   quante   con   la delusione     e     la     polemica?     È     facile     portare negatività   in   un   ambiente,   basta   una   goccia   di sporco   per   inquinare   un   secchio   d'acqua   pulita.   Il silenzio      è      il      custode      della      giustizia,   accettando   con   gioia   e   non   reagendo   è   la vittoria.     Amare    significa    non    lamentarsi,    non avere   la   malizia   e   il   desiderio   di   togliersi   il   saluto, ma    aver    voglia    di    sostituirci    alla    persona    che soffre.   Chi   ha   Dio   nel   cuore   aspetta   solo   di   far felice   un   altra   persona,   ringrazia   per   quello   che è,   per   quello   che   ha   e   per   dove   si   trova.   Se   da una    parte    il    progresso    ci    ha    avvantaggiati, dall'altra   abbiamo   un   grosso   svantaggio:    siamo portatori   di   2000   anni   di   errori   perché   non abbiamo    conosciuto    l'autenticità    cristiana . Come   possiamo   racchiudere   la   nostra   fede   in   una preghiera?    Facciamo    le    cose    con    il    massimo dell'impegno,    come    nel    nostro    lavoro.    Quanti hanno    guadagnato    il    proprio    pane    come    si conviene?   Chi   ha   colpe   o   risentimenti   verso   altre persone,   non   solo   non   vive   bene   qui,   ma   vivrà   da disperato    anche    nell'altra    dimensione.    Perché consumiamo   le   nostre   energie   per   difendere   cose che   non   hanno   l'importanza   della   vita   spirituale? L'uomo   ha   consumato   tutto   di   sé,   sostenendo scontri   psicologici   che   portano   solamente   danno, per      l'invidia,      la      gelosia,      il      desiderio      di primeggiare,   di   tradire,   l'avidità.   Avremo   la   gioia nell'altro   mondo   se   gioiremo   in   questo,   anche accettando   l'umiliazione   estrema   davanti   a   mille ragioni.     Ci     abbandonaniamo     totalmente     alla volontà   di   Dio?   Chi   reagisce   è   costretto   a   fare anche   la   parte   negativa   e   difendersi   in   tribunale con   battaglie   che   durano   anni.   Il   male   si   difende offendendo,   usa   le   nostre   parole   contro   di   noi, non    diamo    mai    questa    possibilità    al    nemico. Perchè   poi   i   buoni   diventano   pessimi   difensori   di se    stessi,    non    riescono    ad    essere    maliziosi, perversi   e   ruffiani   come   i   cattivi,   i   quali   faranno di   tutto   per   distruggerci   perché   sono   più   scaltri dei   figli   della   luce .   Il   peccatore   vede   il   peccato negli    altri,    il    buono    invece    vede    gli    altri    tutti buoni,   è   ingenuo,   passa   per   incapace,   conosce solo   il   bene   e   anche   se   dovrà   penare   per   colpa del    cattivo,    alla    fine    avrà    la    meglio.    E    potrà liberare   tante   anime   della   sua   stirpe.   E'   quando perdiamo   nell'orgoglio   che   abbiamo   vinto,   se   ci amiamo   le   nostre   diversità   diventano   pregi.   La battaglia   più   difficile   e   cruenta   è   quella   di mantenerci   integri   davanti   al   Signore.    È   una battaglia   che   non   ha   limiti   perché   il   nemico   più micidiale   e   invisibile   entra   nelle   nostre   menti,   ci illude    che    abbiamo    sempre    ragione,    prepara tante   trappole   per   farci   scontrare   e   ci   usa   contro il   Creatore.   Così   passeremo   anni   di   tribolazioni, malumori,     divisioni,     contrasti,     rifiuti     tra     un parente    e    l'altro,    tra    un    confinante    e    l'altro. Sostenere    l'amore,    non    vuol    dire    non    essere scaltri,   ma   farci   difendere   da   Dio   che   ci   fa   uscire vittoriosi   (anche   se   con   le   ossa   rotte...).   Non   ci abbandona    in    mezzo    a    una    landa    di    ululati solitari .   Perché   sosteniamo   di   più   la   battaglia che   ci   distrugge   e   rifiutiamo   quella   che   ci salva?  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile