Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Purtroppo   quasi   tutti   i   cristiani   commettono   l’errore   di   superbia   e   di   orgoglio   del   fariseo   e   non   sanno   approfittare dell'esempio   del   pubblicano,   il   quale   con   un   gesto   di   umiltà,   ha   annullato   tutti   i   suoi   errori   trovando   la   benevolenza   del Signore.   Il   fariseo   aveva   fatto   tutto   giusto:   rispettava   la   legge   di   Dio,   pagava   la   10ª,   faceva   digiuno,   frequentava   il tempio   del   Signore,   pregava,   però   ha   commesso   l'ultima   parte   che   ha   annullato   tutto   ciò   che   di   bene   aveva   fatto: pretendeva   un   riconoscimento   per   quello   che   faceva,   si   sentiva   privilegiato,   di   meritare   una   ricompensa,   diceva   infatti   tra sé   “O   Dio,   ti   ringrazio   che   non   sono   come   gli   altri   uomini,   ladri,   ingiusti,   adùlteri,   e   neppure   come   questo   pubblicano”.   Il pubblicano   aveva   sbagliato   tutto   nella   sua   vita,   ne   aveva   combinate   “peggio   di   Bertoldo",   tuttavia   ha   chiesto   perdono   e scusa,   ha   ammesso   tutti   i   suoi   errori:   “O   Dio,   abbi   pietà   di   me   peccatore”.Questa   parabola   di   Gesù   ci   insegna   che   la superbia   è   ciò   che   il   Signore   più   di   ogni   altra   cosa   non   gradisce,   mentre   perdona   i   peccati   che   all'uomo   sembrano   i   più grandi.   Stiamo   attenti   a   non   commettere   l'errore   del   fariseo,   per   non   far   la   fine   dell’angelo   più   luminoso   (Lucifero), perché   con   un   semplice   comportamento   (di   superbia)   possiamo   annullare   tutti   i   sacrifici,   le   preghiere   e   le   buone   azioni che   abbiamo   fatto.   Possiamo   perdere   tutto   quello   che   abbiamo   guadagnato   con   tanto   impegno   davanti   al   Signore, perché   invece   di   amarci   gli   uni   gli   altri,   ci   difendiamo,   ci   imponiamo   gli   uni   gli   altri...Cerchiamo   di   essere   un   po'   fariseo per   la   prima   parte,   è   un   po'   pubblicano   per   la   seconda   parte,   per   diventare   intelligenti   e   scaltri   come   ha   fatto   il   ladrone che   si   è   guadagnato   il   paradiso   all'ultimo   istante.   Sperimentiamo   il   vero   sentimento   dell'amore   per   rendere   esplosivo   e gioioso   ogni   nostro   gesto,   per   disintegrare   il   male   e   la   confusione   davanti   a   noi,   senza   rendercene   conto.   È   attraverso   la gioia   del   nostro   cuore   che   si   possono   cambiare   tutte   le   ingiustizie   del   mondo,   perché   tutte   le   azioni   perfide   e   degeneranti fuoriescono   dal   cuore   dell'uomo.   Questa   gioia   noi   non   l'abbiamo   ancora   conosciuta   perché   facciamo   in   continuazione l'errore   del   fariseo,   facciamo   uscire   dal   nostro   cuore   solo   critiche,   maldicenze,   polemiche:   tutte   cose   che   non   ci giustificano,   ma   ci   accusano   davanti   al   Signore.   San   Paolo   dalla   lettera   ai   romani   (2,1)   ci   dice   che:"   Sei   dunque inescusabile,   chiunque   tu   sia,   o   uomo   che   giudichi;   perché   mentre   giudichi   gli   altri,   condanni   te   stesso;   infatti,   tu   che giudichi,   fai   le   medesime   cose".   Noi   invece,   pensiamo   di   avere   un   riconoscimento   solo   perché   difendiamo   a   modo   nostro la   legge   di   Dio,   ma   non   come   c'è   stata   rivelata.   Abituiamoci   a   fare   ciò   che   il   Signore   ci   chiede,   non   ciò   che   riteniamo giusto (salvo poi tornare a fare ciò che dice il Signore quando abbiamo bisogno....). SIAMO AMATI DAL NOSTRO AMORE VERSO IL PROSSIMO Nel   nostro   cuore   c'è   un   sentimento   troppo   materialista,   sempre   pronto   a   sostenere   la   nostra   ragione   che   è   la   ragione dell'orgoglio,   che   pretende   di   sapere   quando   in   realtà   non   sa   niente.   Non   siamo   più   disposti   ad   ascoltare,   solo   a commentare   e   criticare.   Dobbiamo   cambiare   ciò   che   c'è   nel   profondo   del   nostro   cuore   che   non   sia   conforme   all'amore. Se   riusciremo   ad   amarci   e   ad   amare,   sentiremo   quanto   è   bello   essere   amati   dall'amore   che   fuoriesce   tra   noi   quando amiamo.   Il   Signore   non   ci   dice   di   farci   amare” ,   ma   di   amare”.    L'amore   che   noi   sentiamo   di   più   è   quello   che fuoriesce   da   noi   quando   amiamo,   non   è   quello   che   dobbiamo   aspettare   dall’altro,   perché   non   sempre   riusciamo a   percepirlo.   Noi   siamo   amati   mentre   stiamo   amando,   come   Gesù   ha   dimostrato   dalla   croce,   amando   anche   chi   non meritava.   Siamo   amati   da   quell'amore   che   non   desidera   altro   che   rendere   felice   il   prossimo.   La   gioia   dell'amore   fra   di noi,   non   del   rispetto   fra   di   noi,   è   ciò   che   il   Signore   e   la   Madonna   desiderano   tanto   che   riscopriamo,   perché   quella   gioia, che   vale   più   dell'oro   e   di   qualsiasi   metallo   prezioso,   è   la   pregustazione   su   questa   terra   della   gioia   del   paradiso annunciata   da   Gesù.   Non   pensiamo   più   solo   a   noi   stessi,   ma   offriamo   l’amore   ed   il   perdono   reciproco,   mettendo   da   parte la   nostra   ragione   e   accogliendo   le   ingiustizie   in   silenzio,   comprese   quelle   che   non   vorremmo   accettare,   per   consolare   il cuore   di   Colei   che,   come   una   vera   mamma,   vive   la   sofferenza   di   tutti   gli   uomini.   Riceveremmo   di   conseguenza   tante grazie    e    non    ci    lamenteremo    più    davanti    al    Signore,    di    Tizio,    di    Caio    o    di    Sempronio,    ma    continuamente    lo ringrazieremmo   per   quello   che   ci   ha   fatto   riscoprire.   Siamo   noi   che   possiamo   togliere   ogni   ingiustizia   dal   nostro cuore,   con   l'amore,   per   far   svanire   tutte   le   ingiustizie   e   tutto   il   male   che   c'è   sulla   terra,   senza   perdere   tempo, senza   fare   cortei   di   disapprovazione   e   di   dissenso   che,   come   le   nostre   lamentele,   non   servono   a   niente.   I   nostri   "se", "ma",   "però" ,   servono   solo   a   giustificare   il   nostro   comportamento.   L'offerta   che   noi   faremo   al   Signore   accettando l'ingiustizia,   ci   ripagherà   con   tanta   gioia   che   annullerà   subito   ciò   che   per   noi   sembrava   impossibile:   quel   boccone   amaro diventerà un cibo prelibato, un nutrimento più dolce del miele.  E SE LO SCREZIO FOSSE LA PROVA DEL SIGNORE? Quando   si   è   polemici   e   si   critica   tutto   e   tutti,   è   perché   dentro   di   sé   si   è   aridi,   non   si   ha   l’amore,   non   si   è   felici   e   sereni, ma      si   vuole   trascinare   nel   proprio   baratro   tutto   il   mondo.   Chi   è   felice   ha   un   esplosione   d'amore   che   supera   ogni situazione   poco      chiara,   anche   la   più   difficile,   da   rendere   gioiosa   anche   la   persona   che   sta   creando   problemi.   Quando prima   di   tutto   c'è   Dio   e      il   desiderio   di   amare,   tutto   il   male   svanisce:   tendiamo   la   mano   a   chi   ci   offende,   gli   offriamo   un sorriso,   gli   diciamo:   "ho      capito   che   non   l'hai   fatto   apposta..".    Giustifichiamo   il   nostro   prossimo,   anziché   accusarlo. Invece,   dimostriamo   di   non      rispettare   colui   che   ci   ha   creati,   quando   al   primo   screzio   ci   arrabbiamo   e   "mandiamo   tutti   a quel   paese".. ..   Perché   quello      screzio   può   essere   la   prova   che   il   Signore   ci   mette   davanti,    non   l'infido   che   ci   tira lo   sgambetto!         Ricordiamoci   il   detto   “Non   cade   foglia   che   Dio   non   voglia”…   Invece   di   cogliere   la   provocazione   e   reagire con   veemenza,      fermiamoci   e   chiediamoci   se   è   il   momento   che   ci   meritiamo   la   promozione   del   Signore   nel   superare questa   prova,   amando      il   nostro   nemico,   colui   che   ci   provoca   e   ferisce,   colui   che   ci   offende.   Non   lasciamo   trionfare l’orgoglio   della   nostra   ragione,      che   ci   fa   reagire   con   rabbia   facendoci   aumentare   l'astiosità   verso   chi   ci   sta   davanti.   Non escludiamo   che   può   essere   la      prova,   come   per   i   due   ladroni   vicini   a   Gesù:   uno   gli   ha   carpito   il   paradiso,   l’altro   si lamentava,   giustamente   secondo   la      logica   umana,   invitando   Gesù   a   scendere   dalla   croce…   Cosa   prevale   di   più   nella nostra vita, il nostro pensiero o la  parola e la legge del Signore?   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La superbia è inescusabile
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
                                  LA RAGIONE DELL'UOMO È LA RAGIONE DELL'ORGOGLIO
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Purtroppo    quasi    tutti    i    cristiani    commettono l’errore   di   superbia   e   di   orgoglio   del   fariseo   e   non sanno   approfittare   dell'esempio   del   pubblicano,   il quale   con   un   gesto   di   umiltà,   ha   annullato   tutti   i suoi   errori   trovando   la   benevolenza   del   Signore. Il   fariseo   aveva   fatto   tutto   giusto:   rispettava   la legge    di    Dio,    pagava    la    10ª,    faceva    digiuno, frequentava   il   tempio   del   Signore,   pregava,   però ha    commesso    l'ultima    parte    che    ha    annullato tutto   ciò   che   di   bene   aveva   fatto:   pretendeva   un riconoscimento   per   quello   che   faceva,   si   sentiva privilegiato,   di   meritare   una   ricompensa,   diceva infatti   tra   sé   “O   Dio,   ti   ringrazio   che   non   sono come   gli   altri   uomini,   ladri,   ingiusti,   adùlteri,   e neppure   come   questo   pubblicano”.   Il   pubblicano aveva   sbagliato   tutto   nella   sua   vita,   ne   aveva combinate    “peggio    di    Bertoldo",    tuttavia    ha chiesto   perdono   e   scusa,   ha   ammesso   tutti   i   suoi errori:       “O       Dio,       abbi       pietà       di       me peccatore”.Questa   parabola   di   Gesù   ci   insegna che   la   superbia   è   ciò   che   il   Signore   più   di   ogni altra   cosa   non   gradisce,   mentre   perdona   i   peccati che    all'uomo    sembrano    i    più    grandi.    Stiamo attenti   a   non   commettere   l'errore   del   fariseo,   per non     far     la     fine     dell’angelo     più     luminoso (Lucifero),        perché        con        un        semplice comportamento   (di   superbia)   possiamo   annullare tutti   i   sacrifici,   le   preghiere   e   le   buone   azioni   che abbiamo   fatto.   Possiamo   perdere   tutto   quello   che abbiamo   guadagnato   con   tanto   impegno   davanti al   Signore,   perché   invece   di   amarci   gli   uni   gli altri,    ci    difendiamo,    ci    imponiamo    gli    uni    gli altri...Cerchiamo   di   essere   un   po'   fariseo   per   la prima   parte,   è   un   po'   pubblicano   per   la   seconda parte,   per   diventare   intelligenti   e   scaltri   come   ha fatto   il   ladrone   che   si   è   guadagnato   il   paradiso all'ultimo      istante.      Sperimentiamo      il      vero sentimento   dell'amore   per   rendere   esplosivo   e gioioso    ogni    nostro    gesto,    per    disintegrare    il male    e    la    confusione    davanti    a    noi,    senza rendercene   conto.   È   attraverso   la   gioia   del   nostro cuore   che   si   possono   cambiare   tutte   le   ingiustizie del    mondo,    perché    tutte    le    azioni    perfide    e degeneranti    fuoriescono    dal    cuore    dell'uomo. Questa   gioia   noi   non   l'abbiamo   ancora   conosciuta perché    facciamo    in    continuazione    l'errore    del fariseo,    facciamo    uscire    dal    nostro    cuore    solo critiche,   maldicenze,   polemiche:   tutte   cose   che non   ci   giustificano,   ma   ci   accusano   davanti   al Signore.   San   Paolo   dalla   lettera   ai   romani   (2,1)   ci dice   che:"   Sei   dunque   inescusabile,   chiunque   tu sia,   o   uomo   che   giudichi;   perché   mentre   giudichi gli    altri,    condanni    te    stesso;    infatti,    tu    che giudichi,    fai    le    medesime    cose".    Noi    invece, pensiamo   di   avere   un   riconoscimento   solo   perché difendiamo   a   modo   nostro   la   legge   di   Dio,   ma non   come   c'è   stata   rivelata.   Abituiamoci   a   fare ciò   che   il   Signore   ci   chiede,   non   ciò   che   riteniamo giusto   (salvo   poi   tornare   a   fare   ciò   che   dice   il Signore quando abbiamo bisogno....). SIAMO AMATI DAL NOSTRO AMORE VERSO IL PROSSIMO Nel    nostro    cuore    c'è    un    sentimento    troppo materialista,   sempre   pronto   a   sostenere   la   nostra ragione    che    è    la    ragione    dell'orgoglio,    che pretende    di    sapere    quando    in    realtà    non    sa niente.   Non   siamo   più   disposti   ad   ascoltare,   solo a   commentare   e   criticare.   Dobbiamo   cambiare ciò   che   c'è   nel   profondo   del   nostro   cuore   che   non sia   conforme   all'amore.   Se   riusciremo   ad   amarci e   ad   amare,   sentiremo   quanto   è   bello   essere amati   dall'amore   che   fuoriesce   tra   noi   quando amiamo.   Il   Signore   non   ci   dice   di   farci   amare” , ma   di   amare”.    L'amore   che   noi   sentiamo   di più   è   quello   che   fuoriesce   da   noi   quando amiamo,     non     è     quello     che     dobbiamo aspettare     dall’altro,     perché     non     sempre riusciamo   a   percepirlo.   Noi   siamo   amati   mentre stiamo   amando,   come   Gesù   ha   dimostrato   dalla croce,   amando   anche   chi   non   meritava.   Siamo amati   da   quell'amore   che   non   desidera   altro   che rendere   felice   il   prossimo.   La   gioia   dell'amore   fra di   noi,   non   del   rispetto   fra   di   noi,   è   ciò   che   il Signore    e    la    Madonna    desiderano    tanto    che riscopriamo,    perché    quella    gioia,    che    vale    più dell'oro    e    di    qualsiasi    metallo    prezioso,    è    la pregustazione    su    questa    terra    della    gioia    del paradiso   annunciata   da   Gesù.   Non   pensiamo   più solo    a    noi    stessi,    ma    offriamo    l’amore    ed    il perdono   reciproco,   mettendo   da   parte   la   nostra ragione   e   accogliendo   le   ingiustizie   in   silenzio, comprese   quelle   che   non   vorremmo   accettare, per   consolare   il   cuore   di   Colei   che,   come   una vera    mamma,    vive    la    sofferenza    di    tutti    gli uomini.     Riceveremmo     di     conseguenza     tante grazie    e    non    ci    lamenteremo    più    davanti    al Signore,   di   Tizio,   di   Caio   o   di   Sempronio,   ma continuamente   lo   ringrazieremmo   per   quello   che ci   ha   fatto   riscoprire.   Siamo   noi   che   possiamo togliere    ogni    ingiustizia    dal    nostro    cuore, con     l'amore,     per     far     svanire     tutte     le ingiustizie   e   tutto   il   male   che   c'è   sulla   terra, senza    perdere    tempo,    senza    fare    cortei    di disapprovazione    e    di    dissenso    che,    come    le nostre   lamentele,   non   servono   a   niente.   I   nostri "se",   "ma",   "però" ,   servono   solo   a   giustificare   il nostro   comportamento.   L'offerta   che   noi   faremo al   Signore   accettando   l'ingiustizia,   ci   ripagherà con   tanta   gioia   che   annullerà   subito   ciò   che   per noi   sembrava   impossibile:   quel   boccone   amaro diventerà   un   cibo   prelibato,   un   nutrimento   più dolce del miele.  E SE LO SCREZIO FOSSE LA PROVA DEL SIGNORE? Quando   si   è   polemici   e   si   critica   tutto   e   tutti,   è perché   dentro   di   sé   si   è   aridi,   non   si   ha   l’amore, non   si   è   felici   e   sereni,   ma      si   vuole   trascinare   nel proprio   baratro   tutto   il   mondo.   Chi   è   felice   ha   un esplosione   d'amore   che   supera   ogni   situazione poco      chiara,   anche   la   più   difficile,   da   rendere gioiosa     anche     la     persona     che     sta     creando problemi.   Quando   prima   di   tutto   c'è   Dio   e      il desiderio    di    amare,    tutto    il    male    svanisce: tendiamo   la   mano   a   chi   ci   offende,   gli   offriamo un   sorriso,   gli   diciamo:   "ho      capito   che   non   l'hai fatto      apposta..".       Giustifichiamo      il      nostro prossimo,         anziché         accusarlo.         Invece, dimostriamo   di   non      rispettare   colui   che   ci   ha creati,   quando   al   primo   screzio   ci   arrabbiamo   e "mandiamo   tutti   a   quel   paese".. ..   Perché   quello     screzio   può   essere   la   prova   che   il   Signore   ci mette    davanti,     non    l'infido    che    ci    tira    lo sgambetto!         Ricordiamoci   il   detto   “Non   cade foglia   che   Dio   non   voglia”…   Invece   di   cogliere   la provocazione      e      reagire      con      veemenza,        fermiamoci   e   chiediamoci   se   è   il   momento   che   ci meritiamo     la     promozione     del     Signore     nel superare    questa    prova,    amando        il    nostro nemico,   colui   che   ci   provoca   e   ferisce,   colui   che ci   offende.   Non   lasciamo   trionfare   l’orgoglio   della nostra    ragione,        che    ci    fa    reagire    con    rabbia facendoci   aumentare   l'astiosità   verso   chi   ci   sta davanti.    Non    escludiamo    che    può    essere    la      prova,   come   per   i   due   ladroni   vicini   a   Gesù:   uno gli   ha   carpito   il   paradiso,   l’altro   si   lamentava, giustamente   secondo   la      logica   umana,   invitando Gesù   a   scendere   dalla   croce…   Cosa   prevale   di più   nella   nostra   vita,   il   nostro   pensiero   o   la     parola e la legge del Signore?  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                      La superbia è inescusabile LA RAGIONE DELL'UOMO È LA RAGIONE DELL'ORGOGLIO
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile