Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Perché   interpretiamo   in   modo   diverso   l’istruzione   che   abbiamo   ricevuto   dalla   stessa   legge   e   dalle   stesse   parole   che troviamo   sulla   Bibbia?   Vogliamo   dire   che   il   Signore   ha   torto   e   che   deve   modificare   qualcosa?   Invece   ha   già   pensato   a tutto.   Per   ogni   tempo,   dall’epoca   del   fuoco   a   quella   tecnologica,   ha   preparato   un   personaggio   che   si   è   distinto   come inventiva   e   capacità,   per   lo   sviluppo   della   materia   prima   e   dell’universo   creato.   Il   Signore   sapeva   che   dopo   tanti   secoli sarebbe   arrivato   il   turno   di   Alessandro   Volta,   Edison,   Galileo   Galilei,   Bill   Gates,   perché   li   ha   scelti   con   un   gene   ben preciso,   mentre   loro   non   c'entrano   assolutamente   niente.   Non   è   l'uomo   che   inventa   o   scopre   qualcosa   e   nemmeno è   frutto   del   caso,   ma   tutto   avviene   per   grazia   di   Dio   che   ci   ha   dato   la   possibilità,   attraverso   i   carismi   e   i   talenti,   di gestire   una   materia   per   migliorare   il   progresso.   Non   merita   un   ringraziamento   per   questo   il   Signore?   Se   fossimo   figli   di un'evoluzione   dovremmo   comportarci   tutti   allo   stesso   modo;   in   realtà,   pur   essendo   simili,   abbiamo   caratteristiche diverse,   siamo   uno   diverso   dall'altro.   Viviamo   e   ragioniamo   per   opera   di   Dio,   non   di   una   materia   che   si   evolve   e   cambia aspetto.   Ciò   che   ci   deve   unire   è   accettare   la   paternità   di   Dio   e   la   sua   legge.   Il   che   non   significa   complicarci   la   vita,   come avviene   per   chi   non   accogli   la   sua   legge,   ma   vivere   più   serenamente   anche   nelle   difficoltà   più   estreme.   Tanti   messaggi,     ragionamenti,   interviste   e   conferenze,   sono   servite   solamente   a   farci   sragionare.   Per   ragionare   nelle   cose   di   Dio   ci vuole   il   silenzio,    non   persone   che   ci   mettono   in   bocca   parole   che   non   conosciamo,   per   poi   ripeterle   come   pappagalli   al primo   che   incontriamo,   creando   danno   su   danno.   Non   ci   siamo   resi   conto   che   il   male,   attraverso   la   sua   astuzia   e   la   sua potenza,   ci   ha   abituati   a   sragionare,   perché   in   realtà   nessuno   di   noi   fa   più   ammenda   dalla   propria   condizione   di   vita,   ma si   meraviglia   sempre   degli   altri.   Il   mondo   ci   ha   fornito   una   realtà   diversa   da   quella   di   cui   facciamo   parte,   una   realtà   che   il Signore   Gesù   ha   già   voluto   espiare   per   noi.   Se   potessimo   vedere   Dio   con   l’occhio   della   fede,   come   in   un   cannocchiale, non   ci   sarebbero   più   ragionamenti   perché   nessuno   di   noi   può   reggere   una   potenza   così   grande.   Però   possiamo conoscerlo   senza   perdere   l'equilibrio,   amando   e   abbandonandoci   totalmente   a   Lui.   Diffidiamo   delle   rivelazioni   private.    Il mondo   ci   fa   sragionare   per   farci   cadere   più   facilmente   nelle   sue   trappole   con   una   condotta   di   vita   che   non   concede giustificazioni.   Fin   dagli   albori   dei   tempi   siamo   sottoposti   a   deviazioni   che   ci   portano   a   trasmettere   le   cattive   abitudini:   la depravazione,   l'arroganza,   il   male,   la   falsità,   l’adulterio.   Facciamo   forse   qualcosa   di   diverso   dai   popoli   che   ci   hanno preceduto?   Il   nostro   peccato   è   sempre   quello,   non   è   cambiato.   Ammettiamo   di   avere   tanto   sbagliato   e   cerchiamo   di recuperare   i   veri   valori   della   vita   come   il   Signore   merita,   anche   perché   finora   abbiamo   usufruito   della   sua   protezione.   E’ mai   possibile   che   i   nostri   padri   si   siano   sbagliati   completamente?   Vogliamo   comportarci   all’esatto   contrario   perché pensiamo   che   sono   stati   imbrogliati?   Loro   vivevano   meglio   di   noi,   c'era   più   onestà   e   più   rispetto   per   certi   valori,   ma   c'era anche   più   protezione.   Prendere   posizione   ci   può   causare   sofferenza,   però   i   risultati   migliori   li   ha   sempre   portati   Dio,   non l'uomo. CON QUALE SPIRITO ANDIAMO A CONFESSARCI? Quando   pecchiamo   non   offendiamo   Dio,   ma   la   nostra   anima.   Lui   si   dispiace   del   nostro   peccato,   non   viene   offeso   come pensiamo   noi,   non   è   un   despota   o   un   dittatore,   ma   un   Padre   misericordioso.   In   realtà   dovremmo   dispiacerci   del   nostro errore.   Abbiamo   il   senso   del   dispiacere   per   aver   commesso   il   peccato   o   andiamo   confessarci   per   riscattare   l'alleanza   con Dio,   per   riconciliarci   con   Lui?   Se   non   abbiamo   capito   la   gravità   del   nostro   peccato,   non   ci   sentiremo   in   colpa   per   averlo commesso,   penseremo   solamente   di   aver   offeso   Dio.   Ma   ci   rendiamo   conto   che   è   tutto   il   contrario?   Noi   che   siamo   il nulla,   offendiamo   il   tutto   con   il   peccato?   E’   un’assurdità,   come   possiamo   paragonarci   al   tutto?   Il   peso   del   peccato riguarda   la   nostra   coscienza   non   Dio.   Andiamo   con   uno   spirito   contrito   e   umiliato   davanti   al   sacerdote   o   andiamo   per mettere   a   posto   le   cose,   per   poi   rifare   gli   stessi   errori   con   una   facilità   estrema?   Ma   che   cristiani   siamo?   Dio   ci   ama,   non ci   castigherà   mai,   si   dispiace   del   nostro   peccato   perché   non   lo   mettiamo   nella   condizione   di   concederci   la   sua   grazia   e   ci dice:   “Ma   tu   non   sai   cosa   ti   perdi   nel   momento   in   cui   pecchi”.   Dobbiamo   sentirci   in   colpa   per   aver   offeso   il   nostro   spirito, la   nostra   anima   e   la   nostra   dignità   davanti   a   Dio,   così   saremo   stimolati   a   peccare   molto   meno   rispetto   a   quello   che   il mondo fa con un'abitudine superficiale.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Chi ci ha fatto sragionare?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Perché   interpretiamo   in   modo   diverso   l’istruzione che   abbiamo   ricevuto   dalla   stessa   legge   e   dalle stesse     parole     che     troviamo     sulla     Bibbia? Vogliamo   dire   che   il   Signore   ha   torto   e   che   deve modificare   qualcosa?   Invece   ha   già   pensato   a tutto.    Per    ogni    tempo,    dall’epoca    del    fuoco    a quella   tecnologica,   ha   preparato   un   personaggio che   si   è   distinto   come   inventiva   e   capacità,   per   lo sviluppo    della    materia    prima    e    dell’universo creato.   Il   Signore   sapeva   che   dopo   tanti   secoli sarebbe    arrivato    il    turno    di    Alessandro    Volta, Edison,   Galileo   Galilei,   Bill   Gates,   perché   li   ha scelti   con   un   gene   ben   preciso,   mentre   loro   non c'entrano   assolutamente   niente.   Non   è   l'uomo che   inventa   o   scopre   qualcosa   e   nemmeno   è frutto   del   caso,   ma   tutto   avviene   per   grazia   di Dio    che    ci    ha    dato    la    possibilità,    attraverso    i carismi   e   i   talenti,   di   gestire   una   materia   per migliorare      il      progresso.      Non      merita      un ringraziamento   per   questo   il   Signore?   Se   fossimo figli   di   un'evoluzione   dovremmo   comportarci   tutti allo   stesso   modo;   in   realtà,   pur   essendo   simili, abbiamo     caratteristiche     diverse,     siamo     uno diverso    dall'altro.    Viviamo    e    ragioniamo    per opera   di   Dio,   non   di   una   materia   che   si   evolve   e cambia   aspetto.   Ciò   che   ci   deve   unire   è   accettare la   paternità   di   Dio   e   la   sua   legge.   Il   che   non significa   complicarci   la   vita,   come   avviene   per   chi non     accogli     la     sua     legge,     ma     vivere     più serenamente   anche   nelle   difficoltà   più   estreme. Tanti    messaggi,        ragionamenti,    interviste    e conferenze,     sono     servite     solamente     a     farci sragionare.   Per   ragionare   nelle   cose   di   Dio   ci vuole   il   silenzio,    non   persone   che   ci   mettono   in bocca    parole    che    non    conosciamo,    per    poi ripeterle      come      pappagalli      al      primo      che incontriamo,   creando   danno   su   danno.   Non   ci siamo   resi   conto   che   il   male,   attraverso   la   sua astuzia    e    la    sua    potenza,    ci    ha    abituati    a sragionare,   perché   in   realtà   nessuno   di   noi   fa   più ammenda   dalla   propria   condizione   di   vita,   ma   si meraviglia    sempre    degli    altri.    Il    mondo    ci    ha fornito    una    realtà    diversa    da    quella    di    cui facciamo   parte,   una   realtà   che   il   Signore   Gesù   ha già   voluto   espiare   per   noi.   Se   potessimo   vedere Dio     con     l’occhio     della     fede,     come     in     un cannocchiale,   non   ci   sarebbero   più   ragionamenti perché   nessuno   di   noi   può   reggere   una   potenza così    grande.    Però    possiamo    conoscerlo    senza perdere   l'equilibrio,   amando   e   abbandonandoci totalmente    a    Lui.    Diffidiamo    delle    rivelazioni private.    Il   mondo   ci   fa   sragionare   per   farci cadere   più   facilmente   nelle   sue   trappole   con   una condotta   di   vita   che   non   concede   giustificazioni. Fin    dagli    albori    dei    tempi    siamo    sottoposti    a deviazioni   che   ci   portano   a   trasmettere   le   cattive abitudini:   la   depravazione,   l'arroganza,   il   male,   la falsità,    l’adulterio.    Facciamo    forse    qualcosa    di diverso    dai    popoli    che    ci    hanno    preceduto?    Il nostro   peccato   è   sempre   quello,   non   è   cambiato. Ammettiamo      di      avere      tanto      sbagliato      e cerchiamo   di   recuperare   i   veri   valori   della   vita come    il    Signore    merita,    anche    perché    finora abbiamo   usufruito   della   sua   protezione.   E’   mai possibile    che    i    nostri    padri    si    siano    sbagliati completamente?   Vogliamo   comportarci   all’esatto contrario     perché     pensiamo     che     sono     stati imbrogliati?   Loro   vivevano   meglio   di   noi,   c'era più   onestà   e   più   rispetto   per   certi   valori,   ma   c'era anche   più   protezione.   Prendere   posizione   ci   può causare   sofferenza,   però   i   risultati   migliori   li   ha sempre portati Dio, non l'uomo. CON QUALE SPIRITO ANDIAMO A CONFESSARCI? Quando   pecchiamo   non   offendiamo   Dio,   ma   la nostra   anima.   Lui   si   dispiace   del   nostro   peccato, non   viene   offeso   come   pensiamo   noi,   non   è   un despota      o      un      dittatore,      ma      un      Padre misericordioso.   In   realtà   dovremmo   dispiacerci del   nostro   errore.   Abbiamo   il   senso   del   dispiacere per     aver     commesso     il     peccato     o     andiamo confessarci   per   riscattare   l'alleanza   con   Dio,   per riconciliarci   con   Lui?   Se   non   abbiamo   capito   la gravità   del   nostro   peccato,   non   ci   sentiremo   in colpa      per      averlo      commesso,      penseremo solamente   di   aver   offeso   Dio.   Ma   ci   rendiamo conto   che   è   tutto   il   contrario?   Noi   che   siamo   il nulla,    offendiamo    il    tutto    con    il    peccato?    E’ un’assurdità,     come     possiamo     paragonarci     al tutto?   Il   peso   del   peccato   riguarda   la   nostra coscienza   non   Dio.   Andiamo   con   uno   spirito contrito     e     umiliato     davanti     al     sacerdote     o andiamo   per   mettere   a   posto   le   cose,   per   poi rifare   gli   stessi   errori   con   una   facilità   estrema? Ma    che    cristiani    siamo?    Dio    ci    ama,    non    ci castigherà   mai,   si   dispiace   del   nostro   peccato perché    non    lo    mettiamo    nella    condizione    di concederci   la   sua   grazia   e   ci   dice:   “Ma   tu   non   sai cosa    ti    perdi    nel    momento    in    cui    pecchi”. Dobbiamo    sentirci    in    colpa    per    aver    offeso    il nostro   spirito,   la   nostra   anima   e   la   nostra   dignità davanti   a   Dio,   così   saremo   stimolati   a   peccare molto   meno   rispetto   a   quello   che   il   mondo   fa   con un'abitudine superficiale.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile