Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Se   siamo   arrivati   a   questo   disastro   è   perché   l'uomo   non   è   mai   stato   all'altezza   del   suo   cammino,   ha   peggiorato   la   propria condizione   spirituale   perché   gli   sta   a   cuore   solo   star   bene   in   questa   vita.   Qual   è   il   nostro   impegno   e   la   nostra   missione? Cosa   viviamo   a   fare   se   davanti   a   quello   che   vediamo   dimostriamo   di   essere   inutili?   C'è   una   parte   del   mondo   che   è   in lotta   per   sopravvivere,   fugge   dal   sangue   e   dalle   violenze,   mentre   l'altra   parte   vede   una   sofferenza   più   grande   tra   suicidi, violenze,   ribellioni,   tradimenti.   Dove   c'è   l'ingiustizia   le   persone   muoiono   di   fame   o   vengono   uccise,   dove   invece   c'è   la giustizia   regna   la   falsità,   la   cattiveria,   l'invidia.   Il   Signore   ci   ha   rivelato   di   diffondere   principalmente   l'amore   o   questo stile   di   vita?   Metà   mondo   rovista   nelle   immondizie,   l'altra   parte   butta   il   superfluo!   Dov’è   la   carità?   Non   bastano   le nostre   preghiere   o   le   nostre   messe   perché   non   stiamo   facendo   la   nostra   parte ,   se   fossero   genuine   vedremmo un   mondo   diverso.   Chi   fugge   per   salvare   la   propria   vita   (pagando   grosse   cifre   e   mettendo   a   rischio   anche   la   vita   dei   loro figli)   dà   un'importanza   enorme   alla   propria   esistenza   e   quando   arriva   in   paesi   civilizzati   trova   una   cultura   dove   la   vita non   conta   più   niente.   Trova   il   maggior   degrado   umano.   I   fatti   di   cronaca   ormai   non   ci   scuotono   più,   siamo   indifferenti   e non   abbiamo   più   un   motivo   per   essere   felici.   C'è   più   solitudine   tra   persone   che   vivono   in   una   grande   città   che   tra   due “scarafaggi”   del   deserto!   Tra   loro   c'è   più   solidarietà,   hanno   più   rispetto   della   vita   e   la   difendono   meglio.   Da   noi   manca l'elemento   principale   dell'equilibrio,   la   consapevolezza   e   la   coerenza.      C'è   uno   squilibrio   che   fa   paura   creato   dai   nostri discorsi   e   dalle   nostre   logiche,   ma   Dio   non   vuole   la   nostra   ragione,   vuole   il   nostro   cuore.   In   cielo   non   salgono   solo miliardi   di   preghiere   (insipide),   sale   anche   l'urlo   dell'orfano   e   della   vedova.   Il   Signore   porterà   l'equilibrio   se   noi   lo desideriamo   e   non   mettiamo   sempre   al   primo   posto   il   nostro   benessere.   La   compassione   è   il   “passo   di   Giona”,   il disinteresse   che   offende   la   dignità   umana.   Perciò   il   Signore   non   vuole   i   tiepidi.   Non   lasciamoci   ingannare,   dispiaciamoci per   questa   tremenda   desolazione.   Amiamoci   veramente   come   Dio   ci   ama,   siamo   solidali,   perché   il   rispetto   umano   non serve   a   niente.   Preghiamo   per   quelli   che   muoiono   di   fame   e   ignoriamo   le   persone   bisognose   vicino   a   noi?   Non   stiamo bene   con   chi   ci   vive   accanto,   ma   stiamo   bene   con   chi   incontriamo   all'ultimo   momento?   Non   è   questo   il   modo   di   essere cristiani.   Amare   significa   dare,   non   che   l'altro   deve   accettare   la   nostra   proposta   di   pace.   Non   serve   alla   nostra   anima difendere   un'idea   o   un   luogo,   come   possiamo   pensare   che   la   preghiera   o   la   frequentazione   di   certi   incontri   ci   dia   dei super   poteri?   Tutto   quello   che   vediamo   i   santi   lo   hanno   già   sperimentato,   essi   non   sono   degli   indovini   e   se   sanno   aiutare gli   altri   è   secondario   rispetto   alla   loro   missione.   Invece   molti   dicono   di   avere   delle   doti   e   dei   carismi   ma   non   conoscono   i comandamenti   di   Dio.   La   carta   vincente   della   nostra   fede   e   della   nostra   salvezza,   che   elimina   i   mali   del   mondo,   è   quella che   vorremmo   farcela   togliere:   la   croce.   Siamo   disponibili   ad   accogliere   le   situazioni   che   ci   troviamo   davanti   e   a   offrire con   la   preghiera   quello   che   non   riusciamo   ad   accettare?   E'   la   fede   che   ci   renderà   felici   anche   nella   disperazione.   Oggi   ci sono   tanti   gruppi   di   preghiera   che   una   volta   non   c'erano.   Non   è   vero   che   nel   mondo   non   si   prega   più,   c'è   sempre   stata una   percentuale   di   cristiani   che   fa   salire   ogni   giorno   miliardi   di   preghiere,   ma   come   si   comporta   il   popolo   che   Dio   ha scelto?    È   questa   la   domanda   a   cui   bisogna   rispondere   per   capire   se   Gesù   troverà   ancora   la   fede   al   suo   ritorno.   La Chiesa   non   ci   chiede   un   sacrificio   continuo   ma   un   amore   continuo,   quella   caratteristica   del   cristiano   che   difficilmente   si trova   nell'uomo.   Se   rispettiamo   i   comandamenti   tutto   il   resto   viene   confermato:   accettare   le   ingiustizie,   perdonare,   non giudicare.   Ci   è   stato   detto   di   perdonare,   ma   quando   riceviamo   dei   torti   aumenta   la   rabbia   e   lo   scontento.   Chi   perdona dimentica   l'offesa.    Non   siamo   così   vittime   della   cattiveria   degli   altri,   anche   noi   abbiamo   fatto   la   nostra   parte   per svegliare   il   can   che   dorme .   Cerchiamo   di   non   reagire,   di   non   offenderci,   di   non   insultare,   ma   di   far   capire   con   amore   e dolcezza   infinita.   Tutti   gli   inviti   che   vengono   dal   cielo   sono   improntati   all'amore,   però   sembra   che   non   vogliamo comprendere.   Come   ci   poniamo   davanti   ai   comandamenti,   ai   salmi,   alle   opere   di   misericordia?    Questa   è   Chiesa, questa   è   fede,   questo   è   il   desiderio   di   dimostrare   che   abbiamo   santo   timor   di   Dio.   E   la   nostra   discendenza   sarà benedetta.   È   facile   correre   dietro   a   un   masso   che   rotola   in   discesa,   così   è   il   mondo   che   ha   fatto   la   sua   scelta.   È   più difficile   spingerlo   su   strada   irta   e   tortuosa.   Accettiamo   quelli   che   oggi   contestiamo,   non   per   rafforzare   la   loro   idea,   ma per   recuperarli.   Impariamo   a   non   lamentarci   e   a   non   creare   divisioni   se   gli   altri   non   fanno   quel   che   diciamo   noi. Pensiamo   alla   nostra   destinazione   finale   come   a   una   grande   casa   a   più   piani:   una   parte   vive   arrabbiata   negli   scantinati   al freddo   e   al   buio,   l’altra   vive   nei   piani   superiori   dove   canta   di   gioia   in   mezzo   a   meraviglie   incantevoli.   Ci   eliminiamo   o   ci promuoviamo con il nostro comportamento.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Lo squilibrio
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Se    siamo    arrivati    a    questo    disastro    è    perché l'uomo    non    è    mai    stato    all'altezza    del    suo cammino,    ha    peggiorato    la    propria    condizione spirituale   perché   gli   sta   a   cuore   solo   star   bene   in questa   vita.   Qual   è   il   nostro   impegno   e   la   nostra missione?    Cosa    viviamo    a    fare    se    davanti    a quello   che   vediamo   dimostriamo   di   essere   inutili? C'è    una    parte    del    mondo    che    è    in    lotta    per sopravvivere,   fugge   dal   sangue   e   dalle   violenze, mentre    l'altra    parte    vede    una    sofferenza    più grande   tra   suicidi,   violenze,   ribellioni,   tradimenti. Dove   c'è   l'ingiustizia   le   persone   muoiono   di   fame o   vengono   uccise,   dove   invece   c'è   la   giustizia regna   la   falsità,   la   cattiveria,   l'invidia.   Il   Signore ci     ha     rivelato     di     diffondere     principalmente l'amore    o    questo    stile    di    vita?    Metà    mondo rovista    nelle    immondizie,    l'altra    parte    butta    il superfluo!    Dov’è    la    carità?    Non    bastano    le nostre   preghiere   o   le   nostre   messe   perché non    stiamo    facendo    la    nostra    parte ,    se fossero   genuine   vedremmo   un   mondo   diverso. Chi   fugge   per   salvare   la   propria   vita   (pagando grosse   cifre   e   mettendo   a   rischio   anche   la   vita dei    loro    figli)    dà    un'importanza    enorme    alla propria    esistenza    e    quando    arriva    in    paesi civilizzati    trova    una    cultura    dove    la    vita    non conta    più    niente.    Trova    il    maggior    degrado umano.   I   fatti   di   cronaca   ormai   non   ci   scuotono più,    siamo    indifferenti    e    non    abbiamo    più    un motivo   per   essere   felici.   C'è   più   solitudine   tra persone   che   vivono   in   una   grande   città   che   tra due    “scarafaggi”    del    deserto!    Tra    loro    c'è    più solidarietà,    hanno    più    rispetto    della    vita    e    la difendono    meglio.    Da    noi    manca    l'elemento principale   dell'equilibrio,   la   consapevolezza   e   la coerenza.      C'è   uno   squilibrio   che   fa   paura   creato dai   nostri   discorsi   e   dalle   nostre   logiche,   ma   Dio non    vuole    la    nostra    ragione,    vuole    il    nostro cuore.    In    cielo    non    salgono    solo    miliardi    di preghiere   (insipide),   sale   anche   l'urlo   dell'orfano e   della   vedova.   Il   Signore   porterà   l'equilibrio   se noi   lo   desideriamo   e   non   mettiamo   sempre   al primo   posto   il   nostro   benessere.   La   compassione è   il   “passo   di   Giona”,   il   disinteresse   che   offende la   dignità   umana.   Perciò   il   Signore   non   vuole   i tiepidi.   Non   lasciamoci   ingannare,   dispiaciamoci per    questa    tremenda    desolazione.    Amiamoci veramente    come    Dio    ci    ama,    siamo    solidali, perché    il    rispetto    umano    non    serve    a    niente. Preghiamo    per    quelli    che    muoiono    di    fame    e ignoriamo   le   persone   bisognose   vicino   a   noi?   Non stiamo   bene   con   chi   ci   vive   accanto,   ma   stiamo bene   con   chi   incontriamo   all'ultimo   momento? Non   è   questo   il   modo   di   essere   cristiani.   Amare significa   dare,   non   che   l'altro   deve   accettare   la nostra   proposta   di   pace.   Non   serve   alla   nostra anima    difendere    un'idea    o    un    luogo,    come possiamo     pensare     che     la     preghiera     o     la frequentazione   di   certi   incontri   ci   dia   dei   super poteri?   Tutto   quello   che   vediamo   i   santi   lo   hanno già   sperimentato,   essi   non   sono   degli   indovini   e se   sanno   aiutare   gli   altri   è   secondario   rispetto alla   loro   missione.   Invece   molti   dicono   di   avere delle    doti    e    dei    carismi    ma    non    conoscono    i comandamenti    di    Dio.    La    carta    vincente    della nostra   fede   e   della   nostra   salvezza,   che   elimina   i mali   del   mondo,   è   quella   che   vorremmo   farcela togliere:   la   croce.   Siamo   disponibili   ad   accogliere le   situazioni   che   ci   troviamo   davanti   e   a   offrire con   la   preghiera   quello   che   non   riusciamo   ad accettare?   E'   la   fede   che   ci   renderà   felici   anche nella   disperazione.   Oggi   ci   sono   tanti   gruppi   di preghiera   che   una   volta   non   c'erano.   Non   è   vero che   nel   mondo   non   si   prega   più,   c'è   sempre   stata una   percentuale   di   cristiani   che   fa   salire   ogni giorno     miliardi     di     preghiere,     ma     come     si comporta    il    popolo    che    Dio    ha    scelto?     È questa   la   domanda   a   cui   bisogna   rispondere   per capire    se    Gesù    troverà    ancora    la    fede    al    suo ritorno.    La    Chiesa    non    ci    chiede    un    sacrificio continuo     ma     un     amore     continuo,     quella caratteristica    del    cristiano    che    difficilmente    si trova   nell'uomo.   Se   rispettiamo   i   comandamenti tutto    il    resto    viene    confermato:    accettare    le ingiustizie,   perdonare,   non   giudicare.   Ci   è   stato detto    di    perdonare,    ma    quando    riceviamo    dei torti    aumenta    la    rabbia    e    lo    scontento.    Chi perdona    dimentica    l'offesa.    Non   siamo   così vittime    della    cattiveria    degli    altri,    anche    noi abbiamo   fatto   la   nostra   parte   per   svegliare   il   can che   dorme .   Cerchiamo   di   non   reagire,   di   non offenderci,   di   non   insultare,   ma   di   far   capire   con amore    e    dolcezza    infinita.    Tutti    gli    inviti    che vengono   dal   cielo   sono   improntati   all'amore,   però sembra   che   non   vogliamo   comprendere.   Come ci    poniamo    davanti    ai    comandamenti,    ai salmi,   alle   opere   di   misericordia?    Questa   è Chiesa,   questa   è   fede,   questo   è   il   desiderio   di dimostrare   che   abbiamo   santo   timor   di   Dio.   E   la nostra    discendenza    sarà    benedetta.    È    facile correre   dietro   a   un   masso   che   rotola   in   discesa, così   è   il   mondo   che   ha   fatto   la   sua   scelta.   È   più difficile    spingerlo    su    strada    irta    e    tortuosa. Accettiamo   quelli   che   oggi   contestiamo,   non   per rafforzare    la    loro    idea,    ma    per    recuperarli. Impariamo    a    non    lamentarci    e    a    non    creare divisioni   se   gli   altri   non   fanno   quel   che   diciamo noi.    Pensiamo    alla    nostra    destinazione    finale come   a   una   grande   casa   a   più   piani:   una   parte vive    arrabbiata    negli    scantinati    al    freddo    e    al buio,   l’altra   vive   nei   piani   superiori   dove   canta   di gioia    in    mezzo    a    meraviglie    incantevoli.    Ci eliminiamo    o    ci    promuoviamo    con    il    nostro comportamento.    

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile