Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  E’   dal   nostro   comportamento    che   si   capisce   se   siamo   veramente   coerenti   con   la   fede   che   diciamo   di   professare,   mentre non   è   assolutamente   garanzia   di   autenticità   il   fatto   che   preghiamo,   andiamo   messa      e      facciamo   i   digiuni.      Noi   non sappiamo   quale   spirito   abbiamo,   perciò   dobbiamo   fare   chiarezza   dentro   di   noi   per   capire   quale   spirito   possediamo,   se quello   buono   o   quello   non   buono,   per   non   illuderci,   per   non   rischiare   di   non   possedere   lo   Spirito   buono   e   non   ereditare   il regno   di   Dio.   San   Paolo   ci   viene   in   aiuto   indicandoci   i   frutti   dello   spirito   Santo   (Gal.5,22)   che   sono   amore,   gioia,   pace, pazienza,   benevolenza,   bontà,   fedeltà,   mitezza,   dominio   di   sé.   Pertanto,      non   con   le   promesse,   ma   solo   col   nostro comportamento   dimostriamo   di   essere   autentici,      quando   davanti   alle   prove   della   vita    rispondiamo   con   i   frutti   dello spirito   Santo.   Se   viviamo   nello   Spirito,   allora   camminiamo   anche   nello   Spirito…   Chi   di   noi   in   realtà   dimostra   di   avere dentro   di   sé   lo   spirito   buono,   lo   spirito   Santo?      Chi   dimostra   veramente   di   vivere   d'amore,   di   gioia,   di   pace,   di   pazienza, di   benevolenza,   di   bontà,   di   fedeltà,   di   mitezza,   di   dominio   di   sé?   Sicuramente   chi   davanti   al   semaforo,   a   uno   che   non riparte   subito,   ha   il   dominio   di   aspettare,   di   non   imprecare,   di   essere   paziente   (non   giustifichiamoci   con   gli   impegni,   la fretta...).   Mentre   non   dimostra      i   doni   dello   spirito   Santo   chi      appena   finito   di   pregare,   di   andare   alla   Santa   messa,     critica   Tizio,   Caio,   Sempronio…   Questi   sono   i   doni   dello   spirito   non   buono,   perché   quest'ultimo   agisce   come   uno   spirito buono,   non   agisce   fisicamente,   agisce   in   spirito.   Dove   vediamo   l'amore   fra   di   noi?   Vediamo   il   rispetto   umano,   rispetto che   ci   conviene,   ma   quello   che   abbiamo   veramente   nel   nostro   cuore   non   è   quello   che   la   bocca   trasmette:   tante   volte diciamo   che   andiamo   d'accordo   con   le   persone   solo   per   convenienza,   per   non   romper   l'amicizia,   ma   dentro   di   noi   c'è un'altra   verità:   è   ipocrisia;   quella   che   ha   indotto   Gesù   a   scacciare   gli   ipocriti   del   tempio.   Quanto   fa   male   l'ipocrisia   al Signore,   quanto   lo   irrita.....      Gioia,   pace,   pazienza,   benevolenza:   davvero   desideriamo   il   bene   degli   altri   in   un   modo sincero?      Siamo   disposti   a   rinunciare   a   qualcosa   di   nostro   per   favorire   gli   altri?      Davvero   quando   vediamo   una   persona che   ha   un   debito,   noi   la   aiutiamo   a   superare   quel   momento,   oppure   gli   giriamo   le   spalle   per   convenienza?   Dov'è   la   vera benevolenza,   non   quella      mentale...   Chi   di   noi   è   mite   se   siamo   uno   più   orgoglioso   dell'altro,   uno   più   saccente   dall'altro, uno   più   borioso   dell'altro,   e   guai   a   dissentire   il   ragionamento   dell'altro:   bisogna   assecondarlo,   altrimenti   si   alzano   i   muri e   finisce   l'amicizia.   Questa   non   è   mitezza,   sono   i   doni   dello   spirito   non   buono.   I   due   spiriti   non   hanno   fatto   un   patto di   amicizia;   in   noi   dimora   o   l'uno   o   l'altro.    Non   c'è   una   possibilità   di   convivenza   tra   di   loro.   Se   abbiamo   dentro   di   noi lo   spirito   non   buono,   lo   spirito   Santo   si   ferma,   non   entra,   finché   non   esce   quello   cattivo.   Se   diamo   certi   frutti   non coerenti   verso   lo   spirito   Santo,   è   perché   dobbiamo   partire   dalla   radice,   poiché   una   pianta   dà   i   frutti   in   base   alla   radice che   ha.   Per   cambiare   tutto   alla   radice,   dobbiamo   affidarci   al   Signore,   sentirci   che   non   abbiamo   superato   nessun   esame, che   non   siamo   all'altezza   della   situazione;   sentiamoci   di   migliorare   sempre   di   più   perché,   oltre   alla   nostra   anima,   ne beneficeranno   anche   tutti   quelli   che   incontreremo.   Perché   essere   un   vero   strumento   del   Signore   e   irradiare   i   doni   dello spirito   Santo,   senza   rendersene   conto,   significa   aiutare   anche   quelle   persone,   che   a   causa   dei   loro   errori,   sono bersagliate   da   tutti   gli   altri.   Il   Signore   non   ci   dice   di   amare   solo   quelli   che   meritano,   ma   dice   . .....   Noi   amiamo   e incoraggiamo!   Perché   tutto   il   male   del   mondo   può   essere   vinto   con   l'amore,   mentre      il   pregiudizio,   il   pettegolezzo,   la calunnia   e   la   condanna   aumentano   il   male.   Le   parabole   dei   sepolcri   imbiancati,   della   pagliuzza   e   della   trave,   riguardano noi,   perché   gli   altri   davanti   al   Signore   siamo   noi.   La   Madonna   ci   sta   suggerendo   un   cammino   nuovo   che   può   dare   una qualità   alla   nostra   vita,   vuol   fare   di   noi   dei   nuovi   apostoli,   dei   veri   strumenti   del   Signore.   Se   non   abbiamo   queste   qualità, continuiamo   pure   a   pregare,   ad   andare   in   chiesa,   ma   non   parliamo   più   di   essere   responsabili   della   parola   del   Signore: dobbiamo   autosospenderci,   in   attesa   di   essere   disposti   e   preparati   al   punto   giusto.   La   Chiesa   ha   bisogno   di   collaboratori efficienti,   non   mediocri,   sapendo   che   come   testimoni   della   verità,   dobbiamo   affrontare   un   nemico   accanito   che   vuole impedirci   di   essere   coerenti   ed   efficaci,   vuol      farci   cadere   in   tentazione   in   tutti   i   modi   per   non   essere   di   buon   esempio agli   altri,   ed   indurli   a   dire:      "Piuttosto   che   essere   come   te   che   vai   in   chiesa   e   che   ti   comporti   in   un   certo   modo,   io   che sono   ateo   e   che   sto   fuori,   almeno   sono   più   coerente".   Dobbiamo   capire   la   nostra   responsabilità,   e   se   siamo   all'altezza   di parlare   in   nome   del   Signore.   San   Paolo   consiglia   di   parlare   meno   che   si   può.   Fermiamoci   e   meditiamo.      Non   recitiamo   le parti   del   mite,   dell'umile,   del   buono:   devono   uscire   spontaneamente   dal   nostro   cuore.   Altrimenti   non   è   vero   amore,   vera mitezza, vera gioia, è una recita che non serve a niente. Ci illude.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Solo davanti alla prova dimostriamo quale spirito possediamo
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
E’   dal   nostro   comportamento    che   si   capisce   se siamo    veramente    coerenti    con    la    fede    che diciamo      di      professare,      mentre      non      è assolutamente   garanzia   di   autenticità   il   fatto   che preghiamo,    andiamo    messa        e        facciamo    i digiuni.      Noi   non   sappiamo   quale   spirito   abbiamo, perciò   dobbiamo   fare   chiarezza   dentro   di   noi   per capire   quale   spirito   possediamo,   se   quello   buono o   quello   non   buono,   per   non   illuderci,   per   non rischiare   di   non   possedere   lo   Spirito   buono   e   non ereditare   il   regno   di   Dio.   San   Paolo   ci   viene   in aiuto    indicandoci    i    frutti    dello    spirito    Santo (Gal.5,22)     che     sono     amore,     gioia,     pace, pazienza,   benevolenza,   bontà,   fedeltà,   mitezza, dominio   di   sé.   Pertanto,      non   con   le   promesse, ma   solo   col   nostro   comportamento   dimostriamo di   essere   autentici,      quando   davanti   alle   prove della   vita    rispondiamo   con   i   frutti   dello   spirito Santo.      Se      viviamo      nello      Spirito,      allora camminiamo   anche   nello   Spirito…   Chi   di   noi   in realtà   dimostra   di   avere   dentro   di   sé   lo   spirito buono,   lo   spirito   Santo?      Chi   dimostra   veramente di   vivere   d'amore,   di   gioia,   di   pace,   di   pazienza, di   benevolenza,   di   bontà,   di   fedeltà,   di   mitezza, di    dominio    di    sé?    Sicuramente    chi    davanti    al semaforo,   a   uno   che   non   riparte   subito,   ha   il dominio   di   aspettare,   di   non   imprecare,   di   essere paziente   (non   giustifichiamoci   con   gli   impegni,   la fretta...).    Mentre    non    dimostra        i    doni    dello spirito   Santo   chi      appena   finito   di   pregare,   di andare    alla    Santa    messa,        critica    Tizio,    Caio, Sempronio…   Questi   sono   i   doni   dello   spirito   non buono,    perché    quest'ultimo    agisce    come    uno spirito   buono,   non   agisce   fisicamente,   agisce   in spirito.     Dove     vediamo     l'amore     fra     di     noi? Vediamo    il    rispetto    umano,    rispetto    che    ci conviene,   ma   quello   che   abbiamo   veramente   nel nostro     cuore     non     è     quello     che     la     bocca trasmette:    tante    volte    diciamo    che    andiamo d'accordo   con   le   persone   solo   per   convenienza, per   non   romper   l'amicizia,   ma   dentro   di   noi   c'è un'altra   verità:   è   ipocrisia;   quella   che   ha   indotto Gesù   a   scacciare   gli   ipocriti   del   tempio.   Quanto fa   male   l'ipocrisia   al   Signore,   quanto   lo   irrita.....     Gioia,    pace,    pazienza,    benevolenza:    davvero desideriamo    il    bene    degli    altri    in    un    modo sincero?      Siamo   disposti   a   rinunciare   a   qualcosa di   nostro   per   favorire   gli   altri?      Davvero   quando vediamo   una   persona   che   ha   un   debito,   noi   la aiutiamo   a   superare   quel   momento,   oppure   gli giriamo   le   spalle   per   convenienza?   Dov'è   la   vera benevolenza,   non   quella      mentale...   Chi   di   noi   è mite   se   siamo   uno   più   orgoglioso   dell'altro,   uno più   saccente   dall'altro,   uno   più   borioso   dell'altro, e    guai    a    dissentire    il    ragionamento    dell'altro: bisogna   assecondarlo,   altrimenti   si   alzano   i   muri e   finisce   l'amicizia.   Questa   non   è   mitezza,   sono   i doni   dello   spirito   non   buono.   I   due   spiriti   non hanno    fatto    un    patto    di    amicizia;    in    noi dimora   o   l'uno   o   l'altro.    Non   c'è   una   possibilità di   convivenza   tra   di   loro.   Se   abbiamo   dentro   di noi    lo    spirito    non    buono,    lo    spirito    Santo    si ferma,   non   entra,   finché   non   esce   quello   cattivo. Se   diamo   certi   frutti   non   coerenti   verso   lo   spirito Santo,   è   perché   dobbiamo   partire   dalla   radice, poiché   una   pianta   dà   i   frutti   in   base   alla   radice che   ha.   Per   cambiare   tutto   alla   radice,   dobbiamo affidarci    al    Signore,    sentirci    che    non    abbiamo superato     nessun     esame,     che     non     siamo all'altezza      della      situazione;      sentiamoci      di migliorare   sempre   di   più   perché,   oltre   alla   nostra anima,   ne   beneficeranno   anche   tutti   quelli   che incontreremo.   Perché   essere   un   vero   strumento del   Signore   e   irradiare   i   doni   dello   spirito   Santo, senza   rendersene   conto,   significa   aiutare   anche quelle   persone,   che   a   causa   dei   loro   errori,   sono bersagliate   da   tutti   gli   altri.   Il   Signore   non   ci   dice di   amare   solo   quelli   che   meritano,   ma   dice   . ..... Noi   amiamo   e   incoraggiamo!   Perché   tutto   il male   del   mondo   può   essere   vinto   con   l'amore, mentre      il   pregiudizio,   il   pettegolezzo,   la   calunnia e   la   condanna   aumentano   il   male.   Le   parabole dei   sepolcri   imbiancati,   della   pagliuzza   e   della trave,   riguardano   noi,   perché   gli   altri   davanti   al Signore     siamo     noi.     La     Madonna     ci     sta suggerendo   un   cammino   nuovo   che   può   dare   una qualità   alla   nostra   vita,   vuol   fare   di   noi   dei   nuovi apostoli,   dei   veri   strumenti   del   Signore.   Se   non abbiamo    queste    qualità,    continuiamo    pure    a pregare,   ad   andare   in   chiesa,   ma   non   parliamo più     di     essere     responsabili     della     parola     del Signore:   dobbiamo   autosospenderci,   in   attesa   di essere   disposti   e   preparati   al   punto   giusto.   La Chiesa   ha   bisogno   di   collaboratori   efficienti,   non mediocri,    sapendo    che    come    testimoni    della verità,   dobbiamo   affrontare   un   nemico   accanito che   vuole   impedirci   di   essere   coerenti   ed   efficaci, vuol      farci   cadere   in   tentazione   in   tutti   i   modi   per non   essere   di   buon   esempio   agli   altri,   ed   indurli   a dire:      "Piuttosto   che   essere   come   te   che   vai   in chiesa   e   che   ti   comporti   in   un   certo   modo,   io   che sono    ateo    e    che    sto    fuori,    almeno    sono    più coerente".       Dobbiamo       capire       la       nostra responsabilità,   e   se   siamo   all'altezza   di   parlare   in nome   del   Signore.   San   Paolo   consiglia   di   parlare meno   che   si   può.   Fermiamoci   e   meditiamo.      Non recitiamo   le   parti   del   mite,   dell'umile,   del   buono: devono   uscire   spontaneamente   dal   nostro   cuore. Altrimenti   non   è   vero   amore,   vera   mitezza,   vera gioia,   è   una   recita   che   non   serve   a   niente.   Ci illude. 

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                Solo davanti alla prova dimostriamo                  quale spirito possediamo
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile