Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Quante   volte   nella   nostra   vita   ci   siamo   trovati   davanti   una   persona   che   ci   ha   trattati   male   senza   un   motivo?   Non   ci rendiamo   conto   che   da   noi   fuoriesce   la   parte   positiva   ed   essa   non   concede   requie   a   quella   negativa,   la   fa   reagire,   la smaschera,   perché   la   parte   negativa   può   rimanere   mascherata   solo   se   è   a   contatto   con   un'altra   parte   negativa.   Questo ci   fa   capire   che   si   è   innescata   la   battaglia   degli   spiriti,   delle   vibrazioni   positive   e   negative,   perché   non   è   la   carne   che   si trova   a   disagio   con   la   carne,   non   ha   sentimento   o   cuore,   ma   lo   spirito   ha   tutte   queste   facoltà   di   verità.   E’   la   conferma più   bella   che   noi   portiamo   il   bene   e   il   bene   allo   spirito   del   male   dà   fastidio.   Benediciamo   comunque   le   persone che   hanno   delle   brutte   reazioni      nei   nostri   confronti,   preghiamo   per   loro.   Tante   persone   vivono   in   un   modo   non   corretto, anche   se   si   propongono   come   le   più   perfette   e   giuste;   in   realtà   hanno   uno   stato   d'animo   negativo   che   solo   la   nostra presenza   rivela,   irritandole,      mettendole   a   disagio,   perché   noi   abbiamo   la   benedizione   e   loro   non   ce   l'hanno.      Però   se   siamo   noi   a   non   essere   corretti   davanti   al   Signore,   può   succedere   il   contrario.   Nessuno   può   dire   se   siamo   nel bene   o   nel   male,   ma   lo   spirito   che   è   in   noi   si,   sentiamo   benissimo   quando   siamo   sulla   stessa   lunghezza   d'onda   con qualcuno   o   se   siamo   a   disagio,   anche   se   quella   persona   ha   detto   tre   rosari.   È   perché   c'è   qualcosa   che   non   va. Ricordiamoci   che   non   è   il   Signore   che   ha   paura   del   male,   ma   è   il   male   che   ha   paura   di   Dio.   Quando   si   alza   un   sacerdote che   fa   il   segno   della   croce   e   benedice,   si   trovano   a   disagio   le   persone   che   non   sono   positive   e   con   noi   quelle   persone hanno   la   stessa   reazione   negativa.   E’   un   meccanismo   incredibile,   siamo   il   sacerdote   che   sta   benedicendo”!   Nel   Vangelo, Gesù   passando   ha   liberato   un   popolo   dagli   spiriti   del   male,   mandandoli   in   quei   porci   che   poi   si   sono   gettati   nel   mare;   ha risanato   una   moltitudine   di   persone   semplicemente   camminando.   È   questa   la   meraviglia   che   possiamo   fare   frequentando il   monte   Misma,   possiamo   avere   un   effetto   liberatorio   senza   rendercene   conto,   perché   l'acqua   santa   non   sta   a   contatto con   il   diavolo   ed   è   sempre   lo   spirito   buono   che   fa   la   parte   del   liberatore.   Però   quando   lo   spirito   negativo   viene   a   contatto con   uno   positivo,   farà   di   tutto   per   attaccarlo,   per   demolirlo,   per   insultarlo   e   farlo   crollare   insieme   alla   persona   che   lo possiede.   In   quel   momento   non   dobbiamo   avere   dubbi   o   paure,   ma   solamente   essere   persone   consapevoli,   che silenziosamente   osservano   la   reazione   del   positivo   e   del   negativo.   Dio   ha   dato   il   senso   della   misura   terrena   anche come   disturbo   per   chi   si   vuole   abbandonare   totalmente   a   lui,   per   farlo   passare   attraverso   il   crogiuolo   ed essere   modellato,   fortificato;   ci   fa   vedere   tutte   le   sofferenze   e   ci   dà   tutte   le   opportunità   per   rimanere confusi.   Però   se   siamo   forti   e   radicati   nella   nostra   fede,   niente   ci   può   disturbare   o   deviare,   nemmeno   una realtà   che   non   sappiamo   neanche   noi   tante   volte   come   affrontare.   La   cosa   bella   è   quella   di   non   intervenire, perché   la   nostra   ragione   sosterrà   sempre   la   nostra   ragione,   non   sosterrà   la   verità   del   nemico,   non   ci   dirà   che   siamo comportati   male,   ci   dirà   che   siamo   nel   giusto,   quando   magari   quel   male   proviene   da   noi.   Queste   rivelazioni   riguardanti   la battaglia   degli   spiriti,   ci   fanno   capire   che   dobbiamo   leggere   in   chiave   diversa   tutta   la   storia.   Dove   non   c'è   condivisione   e comprensione,   dove   non   si   capisce   la   differenza   tra   il   bene   e   il   male,   il   Signore   ci   ha   consigliato   di   " scuotere   la   polvere dai   sandali   e   cambiare   paese ";   è   inutile   intestardirci   in   atteggiamenti   e   in   discorsi   che   ci   portano   solo   contrarietà,   come se   dovessimo   convertire   il   mondo   intero,   perché   così   facendo   diventiamo   complici   di   una   negatività   che   non   è   dentro   di noi   e   possiamo   far   parte   di   quella   massa   di   persone   che   ha   condannato   Gesù.   Lo   spirito   cattivo   ci   dice   sempre   di vendicarci,   come   si   è   vendicato   di   Gesù   in   quella   sbalorditiva   battaglia   degli   spiriti,   quando   si   era   impadronito   di   quel popolo,   anche   se   non   tutti      erano   d’accordo.   E   noi      vogliamo   pagare   colpe   non   nostre?   Anche   la   maggioranza   di   coloro che   aspettavano   Mosé   dal   monte   Sinai   si   erano   costruiti   un   vitello   d'oro   perché   non   avevano   la   bontà   d'animo.    Noi abbiamo   la   bontà   del   pensiero   che   è   tutt’altra   cosa   e   gli   spiriti   negativi   fanno   questo   lavoro   sottile   per   deviarci.   Bisogna essere   più   prudenti,   scaltri   e   intelligenti,   per   toglierci   dalla   maggioranza   e   metterci   davanti   alla   verità,   perché   con   la presunzione   e   l’arroganza,   veniamo   trascinati   dallo   stato   della   massa,   anche   se   abbiamo   lo   spirito   buono.   La   Madonna   ci chiede   di   diventare   un   movimento   di   cristiani   autentici,   perché   possiamo   insieme    essere   forti;   individualmente   non   lo saremo   mai,   saremo   boriosi,   ci   illuderemo   e   faremo   dei   danni,   perché   siamo   alla   mercé   del   male.   Quando   un   gregge   è unito,   anche   il   lupo   fatica   a   creare   danni,   così   se   siamo   una   famiglia,   anche   le   persone   fragili   diventano   forti   perché   sono a contatto con i forti.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La battaglia degli spiriti
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Quante   volte   nella   nostra   vita   ci   siamo   trovati davanti   una   persona   che   ci   ha   trattati   male   senza un   motivo?   Non   ci   rendiamo   conto   che   da   noi fuoriesce   la   parte   positiva   ed   essa   non   concede requie    a    quella    negativa,    la    fa    reagire,    la smaschera,     perché     la     parte     negativa     può rimanere   mascherata   solo   se   è   a   contatto   con un'altra   parte   negativa.   Questo   ci   fa   capire   che   si è     innescata     la     battaglia     degli     spiriti,     delle vibrazioni   positive   e   negative,   perché   non   è   la carne   che   si   trova   a   disagio   con   la   carne,   non   ha sentimento   o   cuore,   ma   lo   spirito   ha   tutte   queste facoltà   di   verità.   E’   la   conferma   più   bella   che noi   portiamo   il   bene   e   il   bene   allo   spirito   del male    dà    fastidio.    Benediciamo    comunque    le persone    che    hanno    delle    brutte    reazioni        nei nostri     confronti,     preghiamo     per     loro.     Tante persone   vivono   in   un   modo   non   corretto,   anche se   si   propongono   come   le   più   perfette   e   giuste; in   realtà   hanno   uno   stato   d'animo   negativo   che solo    la    nostra    presenza    rivela,    irritandole,      mettendole   a   disagio,   perché   noi   abbiamo   la benedizione   e   loro   non   ce   l'hanno.       Però   se siamo    noi    a    non    essere    corretti    davanti    al Signore,   può   succedere   il   contrario.   Nessuno   può dire   se   siamo   nel   bene   o   nel   male,   ma   lo   spirito che    è    in    noi    si,    sentiamo    benissimo    quando siamo     sulla     stessa     lunghezza     d'onda     con qualcuno   o   se   siamo   a   disagio,   anche   se   quella persona    ha    detto    tre    rosari.    È    perché    c'è qualcosa   che   non   va.   Ricordiamoci   che   non   è   il Signore   che   ha   paura   del   male,   ma   è   il   male   che ha   paura   di   Dio.   Quando   si   alza   un   sacerdote   che fa   il   segno   della   croce   e   benedice,   si   trovano   a disagio   le   persone   che   non   sono   positive   e   con noi    quelle    persone    hanno    la    stessa    reazione negativa.   E’   un   meccanismo   incredibile,   siamo   il sacerdote    che    sta    benedicendo”!    Nel    Vangelo, Gesù   passando   ha   liberato   un   popolo   dagli   spiriti del   male,   mandandoli   in   quei   porci   che   poi   si sono     gettati     nel     mare;     ha     risanato     una moltitudine        di        persone        semplicemente camminando.     È     questa     la     meraviglia     che possiamo    fare    frequentando    il    monte    Misma, possiamo    avere    un    effetto    liberatorio    senza rendercene   conto,   perché   l'acqua   santa   non   sta   a contatto   con   il   diavolo   ed   è   sempre   lo   spirito buono   che   fa   la   parte   del   liberatore.   Però   quando lo    spirito    negativo    viene    a    contatto    con    uno positivo,     farà     di     tutto     per     attaccarlo,     per demolirlo,   per   insultarlo   e   farlo   crollare   insieme alla   persona   che   lo   possiede.   In   quel   momento non     dobbiamo     avere     dubbi     o     paure,     ma solamente     essere     persone     consapevoli,     che silenziosamente     osservano     la     reazione     del positivo   e   del   negativo.   Dio   ha   dato   il   senso della   misura   terrena   anche   come   disturbo per   chi   si   vuole   abbandonare   totalmente   a lui,   per   farlo   passare   attraverso   il   crogiuolo ed   essere   modellato,   fortificato;   ci   fa   vedere tutte     le     sofferenze     e     ci     dà     tutte     le opportunità   per   rimanere   confusi.   Però   se siamo    forti    e    radicati    nella    nostra    fede, niente      ci      può      disturbare      o      deviare, nemmeno    una    realtà    che    non    sappiamo neanche   noi   tante   volte   come   affrontare.   La cosa   bella   è   quella   di   non   intervenire,   perché   la nostra     ragione     sosterrà     sempre     la     nostra ragione,   non   sosterrà   la   verità   del   nemico,   non   ci dirà    che    siamo    comportati    male,    ci    dirà    che siamo    nel    giusto,    quando    magari    quel    male proviene   da   noi.   Queste   rivelazioni   riguardanti   la battaglia     degli     spiriti,     ci     fanno     capire     che dobbiamo    leggere    in    chiave    diversa    tutta    la storia.       Dove       non       c'è       condivisione       e comprensione,   dove   non   si   capisce   la   differenza tra   il   bene   e   il   male,   il   Signore   ci   ha   consigliato   di " scuotere    la    polvere    dai    sandali    e    cambiare paese ";   è   inutile   intestardirci   in   atteggiamenti   e in   discorsi   che   ci   portano   solo   contrarietà,   come se   dovessimo   convertire   il   mondo   intero,   perché così     facendo     diventiamo     complici     di     una negatività   che   non   è   dentro   di   noi   e   possiamo   far parte    di    quella    massa    di    persone    che    ha condannato    Gesù.    Lo    spirito    cattivo    ci    dice sempre    di    vendicarci,    come    si    è    vendicato    di Gesù   in   quella   sbalorditiva   battaglia   degli   spiriti, quando   si   era   impadronito   di   quel   popolo,   anche se   non   tutti      erano   d’accordo.   E   noi      vogliamo pagare   colpe   non   nostre?   Anche   la   maggioranza di   coloro   che   aspettavano   Mosé   dal   monte   Sinai si    erano    costruiti    un    vitello    d'oro    perché    non avevano    la    bontà    d'animo.     Noi    abbiamo    la bontà    del    pensiero    che    è    tutt’altra    cosa    e    gli spiriti   negativi   fanno   questo   lavoro   sottile   per deviarci.   Bisogna   essere   più   prudenti,   scaltri   e intelligenti,    per    toglierci    dalla    maggioranza    e metterci    davanti    alla    verità,    perché    con    la presunzione    e    l’arroganza,    veniamo    trascinati dallo   stato   della   massa,   anche   se   abbiamo   lo spirito   buono.   La   Madonna   ci   chiede   di   diventare un    movimento    di    cristiani    autentici,    perché possiamo   insieme    essere   forti;   individualmente non   lo   saremo   mai,   saremo   boriosi,   ci   illuderemo e   faremo   dei   danni,   perché   siamo   alla   mercé   del male.   Quando   un   gregge   è   unito,   anche   il   lupo fatica   a   creare   danni,   così   se   siamo   una   famiglia, anche   le   persone   fragili   diventano   forti   perché sono a contatto con i forti.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                        La battaglia degli spiriti
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile