Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Se   il   Signore   trova   una   piccola   resistenza,   una   titubanza   o   una   insicurezza,   si   ferma   alla   porta   e   aspetta,   non   entra   a prescindere   dalle   nostre   abitudini   o   sensazioni.   La   via   preferenziale   che   desidera   è   quella   dell' abbandono   totale   nel silenzio :   è   risaputo   che   lo   Spirito   di   Dio   agisce   in   ambienti   non   consoni   alla   confusione,   non   viene   coinvolto   nel   nostro marasma   di   emozioni   e   sentimenti.   Tutti   coloro   che   l'hanno   ricevuto   si   trovavano   in   luoghi   diversi   senza   sapere   dove andare   e   sono   rimasti   sorpresi,   magari   nel   sonno,   nel   deserto,   sulla   montagna   o   in   Cenacolo.   Se   ci   mettiamo   del   nostro, finiremmo   per   aumentare   l’egocentrismo   e   diventare   “Cristologici”,   perché   vorremmo   gestire   la   parola   del   Signore.   Tra alterchi   e   litigi   noi   cristiani   discutiamo   se   è   meglio   andare   a   Lourdes   o   a   Fatima.   Che   importanza   ha?   Ognuno   vada   dove vuole!   Non   illudiamoci   che   cambiando   luogo   si   può   ottenere   di   più,   potremmo   ottenere   il   massimo   anche   stando   sotto   un ponte   o   in   cantina,   se   abbiamo   l'amore   nel   cuore.   Saremo   veri   cristiani   quando   faremo   fatica   a   parlare   dei   peggiori nemici,   a   criticarli.   Invece   siamo   troppo   predisposti   per   le   abitudini   del   mondo.   Comportandoci   in   un   modo   non   conforme alla   parola   di   Dio,   dimostriamo   che   il   Signore   non   è   stato   perfetto   nella   creazione   e   gli   facciamo   fare   brutta   figura. Piantando   dei   pomodori,   crescono   fichi?   Oppure   piantando   grano,   crescono   melanzane?   Non   c'è   pesce   che   può   vivere fuori   dall'acqua   e   non   c'è   uomo   che   può   viverci   dentro.   Dio   è   perfetto   nella   sua   creazione,   non   pensiamo   che   doveva crearci   in   modo   diverso.   Prendiamo   più   seriamente   la   nostra   fede,   senza   andare   a   scontrarci,   ma   amandoci   gli   uni   gli altri,   a   prescindere   da   chi   ci   troviamo   davanti.   Anche   il   peggiore   può   diventare   il   migliore.   Perché   non   riusciamo   ad offrire   noi   stessi   a   vantaggio   di   nostro   fratello?   Il   Signore   si   compiace   di   noi   quando   riusciamo   a   subire   ogni   sorta   di prova,   quando   non   fuoriesce   più   una   parola   cattiva   verso   il   nemico.   Questa   è   una   possibilità   terrena,   non   è   impossibile, basta   non   avere   orgoglio.   I   prodigi   che   il   Signore   può   fare   dipendono   dalle   nostre   buone   azioni,   è   un   requisito   che   ha stabilito   Dio   per   elargire   le   grazie.   Abbiamo   la   condizione   che   corrisponde   al   Vangelo?   Chi   prega   con   rabbia   e   livore   non ottiene   risultati,   ottiene   di   più   chi   non   fa   calcoli   e   non   chiede   niente.   Perché   vogliamo   subito   il   miracolismo   ed   escludiamo il   sangue   versato   di   chi   ci   ha   preceduto?   Desideriamo   assistere   ad   ogni   avvenimento,   come   la   santa   messa,   non partecipare.   Quando   assistiamo   siamo   spettatori,    ci   emozioniamo   del   sacrificio   degli   altri,   invece   quando   partecipiamo siamo   protagonisti ,   ci   offriamo   sull'altare   per   il   nostro   fratello.   È   diverso   il   concetto.   Per   nessuno   è   precluso   il   cammino di   crescita   spirituale.   Assistere   è   comodo,   il   protagonista   che   è   Dio   deve   soddisfare   la   nostra   presenza,   la   platea.   È terribile!   Nessuno   di   noi   partecipa   al   corpo   di   Cristo,   ma   assiste   passivo   a   Colui   che   si   offre   per   la   nostra   salvezza. Memori   di   questa   richiesta,   non   sappiamo   neanche   amare   il   nostro   fratello.   Non   solo   non   riusciamo   a   non   parlare   del peggior   nemico,   ma   sparliamo   dei   nostri   amici!   Tante   persone   si   radunano   per   discutere   sulla   parola   del   Signore,   ma essa   va   vissuta    non   ragionata.   Non   è   triste   pensare   che,   mentre   noi   stiamo   discutendo   o   pregando   tra   alterchi, maldicenze   e   frecciatine   ambigue,   fuori   dalle   nostre   chiese   troviamo   militari   armati?   Il   male   non   scherza,   fa   sul   serio. Perché   questa   competizione   e   gelosia?   Sicuramente   il   Signore   si   trova   nel   tabernacolo,   nella   sua   parola,   non   nelle rivelazioni   private,   quelle   confondono   ed   emozionano.   Quando   davanti   alle   prove   durissime   della   vita   non   ci   si   lamenta del   Signore   o   del   nemico,   lì   c'è   Dio.   Siamo   sfigurati   dall'ingiustizia   come   Gesù   sul   calvario?    Quello   che   recitiamo noi   è   un   falso   copione.   È   dimostrato   che   tutti   coloro   che   hanno   raggiunto   un   certo   livello   di   santità,   non   è   perché   hanno assistito   a   certe   catechesi,   ma   hanno   amato   la   carità   e   l'amore,   senza   favorire   la   critica,   l'ambiguità,   la   cattiveria,   la falsità.   Con   il   sostegno   della   fede   affrontiamo   tutte   le   prove   della   vita   con   amore,   però   dobbiamo   conoscere   il   Signore,   la sua parola.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Spettatori o protagonisti?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Se   il   Signore   trova   una   piccola   resistenza,   una titubanza   o   una   insicurezza,   si   ferma   alla   porta   e aspetta,    non    entra    a    prescindere    dalle    nostre abitudini   o   sensazioni.   La   via   preferenziale   che desidera    è    quella    dell' abbandono    totale    nel silenzio :   è   risaputo   che   lo   Spirito   di   Dio   agisce in    ambienti    non    consoni    alla    confusione,    non viene   coinvolto   nel   nostro   marasma   di   emozioni e   sentimenti.   Tutti   coloro   che   l'hanno   ricevuto   si trovavano   in   luoghi   diversi   senza   sapere   dove andare    e    sono    rimasti    sorpresi,    magari    nel sonno,     nel     deserto,     sulla     montagna     o     in Cenacolo.   Se   ci   mettiamo   del   nostro,   finiremmo per     aumentare     l’egocentrismo     e     diventare “Cristologici”,   perché   vorremmo   gestire   la   parola del    Signore.    Tra    alterchi    e    litigi    noi    cristiani discutiamo   se   è   meglio   andare   a   Lourdes   o   a Fatima.   Che   importanza   ha?   Ognuno   vada   dove vuole!   Non   illudiamoci   che   cambiando   luogo   si può    ottenere    di    più,    potremmo    ottenere    il massimo    anche    stando    sotto    un    ponte    o    in cantina,   se   abbiamo   l'amore   nel   cuore.   Saremo veri   cristiani   quando   faremo   fatica   a   parlare   dei peggiori   nemici,   a   criticarli.   Invece   siamo   troppo predisposti      per      le      abitudini      del      mondo. Comportandoci   in   un   modo   non   conforme   alla parola   di   Dio,   dimostriamo   che   il   Signore   non   è stato   perfetto   nella   creazione   e   gli   facciamo   fare brutta   figura.   Piantando   dei   pomodori,   crescono fichi?      Oppure      piantando      grano,      crescono melanzane?   Non   c'è   pesce   che   può   vivere   fuori dall'acqua    e    non    c'è    uomo    che    può    viverci dentro.   Dio   è   perfetto   nella   sua   creazione,   non pensiamo   che   doveva   crearci   in   modo   diverso. Prendiamo   più   seriamente   la   nostra   fede,   senza andare   a   scontrarci,   ma   amandoci   gli   uni   gli   altri, a   prescindere   da   chi   ci   troviamo   davanti.   Anche   il peggiore   può   diventare   il   migliore.   Perché   non riusciamo    ad    offrire    noi    stessi    a    vantaggio    di nostro    fratello?    Il    Signore    si    compiace    di    noi quando   riusciamo   a   subire   ogni   sorta   di   prova, quando    non    fuoriesce    più    una    parola    cattiva verso   il   nemico.   Questa   è   una   possibilità   terrena, non   è   impossibile,   basta   non   avere   orgoglio.   I prodigi   che   il   Signore   può   fare   dipendono   dalle nostre    buone    azioni,    è    un    requisito    che    ha stabilito   Dio   per   elargire   le   grazie.   Abbiamo   la condizione   che   corrisponde   al   Vangelo?   Chi   prega con   rabbia   e   livore   non   ottiene   risultati,   ottiene   di più   chi   non   fa   calcoli   e   non   chiede   niente.   Perché vogliamo   subito   il   miracolismo   ed   escludiamo   il sangue     versato     di     chi     ci     ha     preceduto? Desideriamo    assistere    ad    ogni    avvenimento, come   la   santa   messa,   non   partecipare.   Quando assistiamo   siamo   spettatori,    ci   emozioniamo   del sacrificio   degli   altri,   invece   quando   partecipiamo siamo   protagonisti ,   ci   offriamo   sull'altare   per   il nostro   fratello.   È   diverso   il   concetto.   Per   nessuno è    precluso    il    cammino    di    crescita    spirituale. Assistere   è   comodo,   il   protagonista   che   è   Dio deve   soddisfare   la   nostra   presenza,   la   platea.   È terribile!   Nessuno   di   noi   partecipa   al   corpo   di Cristo,   ma   assiste   passivo   a   Colui   che   si   offre   per la   nostra   salvezza.   Memori   di   questa   richiesta, non   sappiamo   neanche   amare   il   nostro   fratello. Non   solo   non   riusciamo   a   non   parlare   del   peggior nemico,    ma    sparliamo    dei    nostri    amici!    Tante persone   si   radunano   per   discutere   sulla   parola del   Signore,   ma   essa   va   vissuta    non   ragionata. Non    è    triste    pensare    che,    mentre    noi    stiamo discutendo   o   pregando   tra   alterchi,   maldicenze   e frecciatine    ambigue,    fuori    dalle    nostre    chiese troviamo   militari   armati?   Il   male   non   scherza,   fa sul   serio.   Perché   questa   competizione   e   gelosia? Sicuramente   il   Signore   si   trova   nel   tabernacolo, nella   sua   parola,   non   nelle   rivelazioni   private, quelle     confondono     ed     emozionano.     Quando davanti   alle   prove   durissime   della   vita   non   ci   si lamenta   del   Signore   o   del   nemico,   lì   c'è   Dio. Siamo    sfigurati    dall'ingiustizia    come    Gesù sul   calvario?    Quello   che   recitiamo   noi   è   un   falso copione.   È   dimostrato   che   tutti   coloro   che   hanno raggiunto   un   certo   livello   di   santità,   non   è   perché hanno    assistito    a    certe    catechesi,    ma    hanno amato    la    carità    e    l'amore,    senza    favorire    la critica,   l'ambiguità,   la   cattiveria,   la   falsità.   Con   il sostegno   della   fede   affrontiamo   tutte   le   prove della   vita   con   amore,   però   dobbiamo   conoscere   il Signore, la sua parola.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile