Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Noi   non   facciamo   parte   di   una   teoria   o   di   un   ragionamento,   ma   di   una   realtà   meravigliosa   dell'universo   creato,   dove tutto   è   equilibrato   e   a   misura   d'uomo.   Questo   ci   deve   far   riflettere.   Per   capire   se   possiamo   sostenere   le   nostre   ragioni   in un   discorso   equo,   vediamo   ora   ciò   che   ha   fatto   Dio   per   noi   e   ciò   che   noi   abbiamo   fatto   per   Dio.   Partiamo   dall'inizio. Creando   il   mondo   il   Signore   aveva   già   un   progetto   meraviglioso   che   riguardava   principalmente   noi.   Ha   fatto   il   sole,   la luna,   le   stelle,   la   luce,   il   mare,   gli   animali,   la   vegetazione,   tutto   finalizzato   alla   creazione   dell'uomo.      Se   non   ci   crediamo, facciamo   una   pessima   figura   davanti   al   nostro   Creatore   e   un   grande   danno   all'immagine   della   verità   che   siamo   chiamati a   rappresentare.   Nessuno   sa   di   quale   sostanza   è   stato   creato   Dio,   perciò   le   nostre   prese   di   posizione   a   livello   spirituale non   servono   assolutamente   a   niente,   non   cancellano   l’universo:   o   si   crede   o   non   si   crede.   Noi   ci   meravigliamo   davanti   ai fenomeni   atmosferici   e   naturali,   ma   Dio   si   è   compiaciuto   solamente   quando   ha   creato   l'uomo.   Vuol   dire   che   abbiamo   una responsabilità   molto   grande   e   siamo   una   realtà   molto   più   importante   di   quella   che   pensiamo.   Dunque   il   Signore   ci   ha creato   di   materia   e   di   spirito   in   mezzo   a   tutte   queste   meraviglie,   dove   i   nostri   sensi,   i   nostri   ragionamenti   e   le   nostre parole   sono   gestiti   dallo   spirito   di   Dio,   non   dalla   carne.   Già   tutto   questo   sarebbe   sufficiente   per   farci   inginocchiare davanti   a   Lui   e   rendergli   grazie.   Il   Signore,   che   ci   ha   dimostrato   una   infinità   di   volte   quanto   ci   ama,   ci   ha   dato   tutte   le miniere   e   i   giacimenti   sotterranei   che   esistono   sulla   terra.   È   un   suo   progetto,   un   regalo   immenso   che   ha   dato   a   noi   da gestire.   E   noi   cosa   abbiamo   fatto?   Abbiamo   creato   solamente   terrore,   morte   e   tradimenti,   perché   ognuno   voleva impadronirsi   di   ciò   che   non   era   suo.   Da   lì   è   partita   una   lunga   sequela   di   ingratitudine   verso   Colui   che   ci   ha   dato   un tesoro   così   immane   da   gestire   in   modo   gratuito.   Se   vogliamo   venirne   a   capo,   dobbiamo   ragionare   così,   non   dobbiamo pensare   che   tutto   ci   è   dovuto,   altrimenti   finiremo   per   commettere   un   errore   dietro   l'altro.   Quando   Dio   ha   visto   che l'uomo   peggiorava   la   sua   condizione   spirituale,   ha   inviato   il   suo   unico   figlio   Gesù,   ma   non   è   stato   sufficiente,   perché l'uomo   l'ha   messo   in   croce,   nonostante   ci   abbia   confermato   che   era   venuto   sulla   terra   per   volontà   del   Padre   suo   che stava   nei   cieli.   Allora   ha   inviato   la   sua   dolcissima   e   santissima   Madre   per   recuperarci,   in   quanto   lei   è   la   prima   maestra dell'evangelizzazione,   ma   non   è   stato   sufficiente,   abbiamo   continuato   a   perseverare   nelle   nostre   abitudini   che   ci castigano,   a   peccare,   a   versare   fiumi   di   sangue,   di   terrore   e   di   morte.   Ma   abbiamo   capito   che   cosa   ha   fatto   il   Signore   per noi   e   cosa   abbiamo   fatto   contro   di   lui?   C'è   una   differenza   abissale   tra   quello   che   ha   fatto   Dio   per   noi   e      quello   che abbiamo   fatto   per   lui.   Addirittura   il   Signore   si   è   sottomesso   a   noi,   mettendo   tutto   ciò   che   ha   creato   in   nostro   potere; persino   la   vittoria   del   bene   e   del   male   l’ha   messa   nelle   nostre   mani.   Perché   facciamo   così   fatica   a   fare   la   cosa   più   facile da   realizzare,   che   non   ci   costa   niente,   di   amarci   gli   uni   agli   altri?   Se   uno   oggi   ci   desse   1000   euro   o   ci   facesse   un   piacere, lo   prenderemo   a   ceffoni?   Il   comportamento   più   ovvio   è   quello   di   ringraziarlo,   ma   il   Signore   ci   dà   molto   di   più   ogni   giorno e   noi   lo   ringraziamo   con   i   nostri   tradimenti   e   i   nostri   peccati.   Perché   non   siamo   riconoscenti?   Gli   unici   che   possono   dire   di aver   corrisposto   nella   giusta   misura   all’enorme   dono   d'amore   che   Dio   ha   dato   ai   suoi   figli,   sono   i   santi,   i   martiri.   Loro non   hanno   voluto   niente   per   sé,   ma   quello   che   avevano   l'hanno   dato   a   chi   ne   aveva   bisogno,   mentre   noi   siamo   egoisti, vogliamo   raccogliere   molto   di   più   di   quello   che   seminiamo.   Riusciamo   ad   amare   senza   condizioni?   Perché   abbiamo   fatto diventare   la   terra   una   valle   di   lacrime?   Esteriormente   vediamo   quello   che   l'uomo   commette,   ma   interiormente,   nel cuore,   è   ancora   peggio.   E   il   Signore   lo   sa.   Siamo   così   ingrati,   che   non   solo   non   lo   ringraziamo,   ma   continuiamo   ad offenderlo   con   uno   stile   di   vita   che   non   accetterà   mai.   Che   cosa   ci   impedisce   di   riconoscere   quello   che   ha   fatto   per   noi? E’   giusto   pregare,   ma   non   è   l'unica   cosa   che   possiamo   fare.   L'orgoglio   e   i   vizi   capitali   non   sono   un   gioco   da   ragazzi,   ci fanno   cadere   nell'ingratitudine   e   nell'ingiustizia   davanti   a   Dio.   Chi   ci   ha   dato   l’abitudine   di   scontrarci   per   accaparrarci   le materie   principali,   che   sono   quelle   che   hanno   causato   tutti   i   dolori   e   le   sofferenze   su   questa   terra?   Se   completassimo nell'armonia   del   cosmo   quello   che   il   Signore   ha   fatto   per   noi,   potremmo   conoscere   la   gioia   più   grande   e   capire   la   sua infinita   provvidenza,   senza   la   quale   non   potremmo   inventare   nulla,   nemmeno   le   miniere   di   diamanti   e   di   oro   o   i giacimenti   del   sottosuolo   che   sostengono   le   economie   del   mondo.   Persino   l'energia   solare   è   dovuta   alla   materia   prima che   Dio   aveva   già   pensato   per   noi.   Davanti   a   un   discorso   così   grande,   che   cosa   ci   sentiamo   di   fare?   Questo   cancro   della sete   di   potere   di   ciò   che   fa   parte   dell'universo   creato,   ormai   ha   contagiato   tutti,   ma   se   avessimo   gestito   nel   modo   giusto queste   ricchezze,   nessun   bambino   sarebbe   morto   di   fame.   Cerchiamo   di   non   buttare   l'occasione   che   Dio   ci   ha   dato,   di conoscere queste confidenze per mezzo del suo strumento Roberto.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
L'ingratitudine dell'uomo
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Noi   non   facciamo   parte   di   una   teoria   o   di   un ragionamento,    ma    di    una    realtà    meravigliosa dell'universo   creato,   dove   tutto   è   equilibrato   e   a misura   d'uomo.   Questo   ci   deve   far   riflettere.   Per capire   se   possiamo   sostenere   le   nostre   ragioni   in un   discorso   equo,   vediamo   ora   ciò   che   ha   fatto Dio   per   noi   e   ciò   che   noi   abbiamo   fatto   per   Dio. Partiamo   dall'inizio.   Creando   il   mondo   il   Signore aveva     già     un     progetto     meraviglioso     che riguardava   principalmente   noi.   Ha   fatto   il   sole,   la luna,   le   stelle,   la   luce,   il   mare,   gli   animali,   la vegetazione,     tutto     finalizzato     alla     creazione dell'uomo.      Se   non   ci   crediamo,   facciamo   una pessima   figura   davanti   al   nostro   Creatore   e   un grande    danno    all'immagine    della    verità    che siamo   chiamati   a   rappresentare.   Nessuno   sa   di quale    sostanza    è    stato    creato    Dio,    perciò    le nostre   prese   di   posizione   a   livello   spirituale   non servono   assolutamente   a   niente,   non   cancellano l’universo:    o    si    crede    o    non    si    crede.    Noi    ci meravigliamo   davanti   ai   fenomeni   atmosferici   e naturali,    ma    Dio    si    è    compiaciuto    solamente quando   ha   creato   l'uomo.   Vuol   dire   che   abbiamo una    responsabilità    molto    grande    e    siamo    una realtà     molto     più     importante     di     quella     che pensiamo.    Dunque    il    Signore    ci    ha    creato    di materia    e    di    spirito    in    mezzo    a    tutte    queste meraviglie,     dove     i     nostri     sensi,     i     nostri ragionamenti   e   le   nostre   parole   sono   gestiti   dallo spirito   di   Dio,   non   dalla   carne.   Già   tutto   questo sarebbe     sufficiente     per     farci     inginocchiare davanti   a   Lui   e   rendergli   grazie.   Il   Signore,   che   ci ha   dimostrato   una   infinità   di   volte   quanto   ci   ama, ci    ha    dato    tutte    le    miniere    e    i    giacimenti sotterranei   che   esistono   sulla   terra.   È   un   suo progetto,   un   regalo   immenso   che   ha   dato   a   noi da   gestire.   E   noi   cosa   abbiamo   fatto?   Abbiamo creato    solamente    terrore,    morte    e    tradimenti, perché    ognuno    voleva    impadronirsi    di    ciò    che non   era   suo.   Da   lì   è   partita   una   lunga   sequela   di ingratitudine   verso   Colui   che   ci   ha   dato   un   tesoro così    immane    da    gestire    in    modo    gratuito.    Se vogliamo    venirne    a    capo,    dobbiamo    ragionare così,    non    dobbiamo    pensare    che    tutto    ci    è dovuto,   altrimenti   finiremo   per   commettere   un errore   dietro   l'altro.   Quando   Dio   ha   visto   che l'uomo   peggiorava   la   sua   condizione   spirituale, ha   inviato   il   suo   unico   figlio   Gesù,   ma   non   è   stato sufficiente,   perché   l'uomo   l'ha   messo   in   croce, nonostante   ci   abbia   confermato   che   era   venuto sulla   terra   per   volontà   del   Padre   suo   che   stava nei   cieli.   Allora   ha   inviato   la   sua   dolcissima   e santissima   Madre   per   recuperarci,   in   quanto   lei   è la   prima   maestra   dell'evangelizzazione,   ma   non   è stato      sufficiente,      abbiamo      continuato      a perseverare     nelle     nostre     abitudini     che     ci castigano,   a   peccare,   a   versare   fiumi   di   sangue, di   terrore   e   di   morte.   Ma   abbiamo   capito   che cosa   ha   fatto   il   Signore   per   noi   e   cosa   abbiamo fatto   contro   di   lui?   C'è   una   differenza   abissale   tra quello   che   ha   fatto   Dio   per   noi   e      quello   che abbiamo   fatto   per   lui.   Addirittura   il   Signore   si   è sottomesso    a    noi,    mettendo    tutto    ciò    che    ha creato   in   nostro   potere;   persino   la   vittoria   del bene   e   del   male   l’ha   messa   nelle   nostre   mani. Perché   facciamo   così   fatica   a   fare   la   cosa   più facile   da   realizzare,   che   non   ci   costa   niente,   di amarci   gli   uni   agli   altri?   Se   uno   oggi   ci   desse 1000   euro   o   ci   facesse   un   piacere,   lo   prenderemo a   ceffoni?   Il   comportamento   più   ovvio   è   quello   di ringraziarlo,   ma   il   Signore   ci   dà   molto   di   più   ogni giorno   e   noi   lo   ringraziamo   con   i   nostri   tradimenti e   i   nostri   peccati.   Perché   non   siamo   riconoscenti? Gli   unici   che   possono   dire   di   aver   corrisposto nella   giusta   misura   all’enorme   dono   d'amore   che Dio   ha   dato   ai   suoi   figli,   sono   i   santi,   i   martiri. Loro   non   hanno   voluto   niente   per   sé,   ma   quello che    avevano    l'hanno    dato    a    chi    ne    aveva bisogno,    mentre    noi    siamo    egoisti,    vogliamo raccogliere   molto   di   più   di   quello   che   seminiamo. Riusciamo    ad    amare    senza    condizioni?    Perché abbiamo    fatto    diventare    la    terra    una    valle    di lacrime?     Esteriormente     vediamo     quello     che l'uomo   commette,   ma   interiormente,   nel   cuore,   è ancora   peggio.   E   il   Signore   lo   sa.   Siamo   così ingrati,    che    non    solo    non    lo    ringraziamo,    ma continuiamo   ad   offenderlo   con   uno   stile   di   vita che   non   accetterà   mai.   Che   cosa   ci   impedisce   di riconoscere   quello   che   ha   fatto   per   noi?   E’   giusto pregare,   ma   non   è   l'unica   cosa   che   possiamo fare.   L'orgoglio   e   i   vizi   capitali   non   sono   un   gioco da   ragazzi,   ci   fanno   cadere   nell'ingratitudine   e nell'ingiustizia    davanti    a    Dio.    Chi    ci    ha    dato l’abitudine     di     scontrarci     per     accaparrarci     le materie    principali,    che    sono    quelle    che    hanno causato   tutti   i   dolori   e   le   sofferenze   su   questa terra?   Se   completassimo   nell'armonia   del   cosmo quello   che   il   Signore   ha   fatto   per   noi,   potremmo conoscere   la   gioia   più   grande   e   capire   la   sua infinita     provvidenza,     senza     la     quale     non potremmo   inventare   nulla,   nemmeno   le   miniere di   diamanti   e   di   oro   o   i   giacimenti   del   sottosuolo che   sostengono   le   economie   del   mondo.   Persino l'energia   solare   è   dovuta   alla   materia   prima   che Dio    aveva    già    pensato    per    noi.    Davanti    a    un discorso   così   grande,   che   cosa   ci   sentiamo   di fare?   Questo   cancro   della   sete   di   potere   di   ciò che    fa    parte    dell'universo    creato,    ormai    ha contagiato    tutti,    ma    se    avessimo    gestito    nel modo   giusto   queste   ricchezze,   nessun   bambino sarebbe    morto    di    fame.    Cerchiamo    di    non buttare    l'occasione    che    Dio    ci    ha    dato,    di conoscere   queste   confidenze   per   mezzo   del   suo strumento Roberto.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                             I segni dei tempi
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile