Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Dio   ha   creato   l'uomo   per   essere   suo   servo   e   strumento   per   rivelare   la   sua   legge.   Ma   l'uomo   non   si   è   comportato   come doveva   comportarsi.   Il   Signore   ha   creato   tutto   nella   giusta   dimensione,   con   una   perfezione   che   anche   oggi   nessuno   può aggiungere   o   togliere   qualcosa   senza   fare   danno   alla   creazione   e   possiamo   costatarlo   con   le   nostre   esperienze   di   vita. Però   abbiamo   dimenticato   una   cosa:   il   Signore   è   così   grande   che   si   lascia   gestire   da   noi   che   siamo   un   nulla.    Non abbiamo   il   potere   di   creare,   semmai   quello   di   distruggere,   eppure   non   abbiamo   capito   che   ci   ha   lasciato   il   potere   su tutto,   di   cambiare   in   bene   e   in   male   l'esistenza,   di   far   trionfare   quello   che   lui   ha   creato.   Cosa   dirà   il   Signore,   vedendoci dall'alto   come   delle   formichine,   quando   abbiamo   fatto   di   tutto   tranne   che   confermare   la   fedeltà   alla   sua      Parola,   che   ci   ha dato   per   mezzo   dei   profeti   come   scuola   di   vita?   Perché   abbiamo   voluto   metterci   del   nostro   in   ogni   epoca   e   in   ogni tempo,   causando   una   sofferenza   dietro   l'altra?   Quanto   sangue   è   corso   su   questa   terra   per   colpa   dell'uomo!   È   importante essere   sotto   il   manto   protettivo   di   Colei   che   Dio   aveva   già   predestinato   dalla   genesi   a   vincere   il   male   per   noi;   non sostituiamoci   alla   Madonna   in   questo   compito,   cercando   di   far   trionfare   ciò   che   pensiamo   sia   giusto   e   di   giustiziare psicologicamente   ciò   che   riteniamo   sbagliato.   Quando   uanQparliamo   male   degli   altri   siamo   i   giustizieri   psicologici   del male.   Il   bene   non   va   difeso   così,   ma   accettando   anche   le   ingiustizie.      Se   fossimo   stati   più   attenti   a   quello   che   è già   scritto,   oggi   potremmo   gustare   le   meraviglie   delle   meraviglie   del   creato   e   vivere   con   gioia   in   ogni   situazione   della vita.   Siamo   noi   che   dobbiamo   far   trionfare   la   parola   del   Signore,   non   la   vegetazione   o   le   stelle.   Ma      abbiamo   capito questi   passaggi?   Dobbiamo   tornare   a   leggere   la   Bibbia   per   renderci   conto   che   i   danni   provocati   sulla   terra,   sono   venuti perché   non   ha   trionfato   ciò   che   doveva   trionfare,   il   nostro   compito   principale.   Per   volontà   di   Dio   abbiamo   ricevuto   un grande   potere   sulla   creazione   e   lui   si   è   sottomesso   noi,   pur   non   avendone   bisogno,   per   vedere   se   facciamo   vincere   la parte   migliore   o   quella   peggiore.   Proviamo   gioia   nel   sentirci   parte   di   un   progetto   universale   così   grande?   Non   dobbiamo meravigliarci   dell'errore   del   fratello   per   sentirci   a   posto;   sono   inutili   le   nostre   prese   di   posizione,   perché   nell’altra dimensione   verrà   evidenziato   solo   se   abbiamo   amato.   Ci   siamo   proprio   persi   nei   meandri   dei   nostri   ragionamenti,   come fossimo   in   un   labirinto   e   non   ci   rendiamo   conto   di   non   fare   ciò   che   è   prioritario,   amare.   La   rabbia   dell'infido   è   sapere che   abbiamo   potere   anche   su   di   lui,    mentre   noi   pensiamo   che   sia   il   contrario.   Certo,   ha   potere   su   di   noi   se   ci   siamo disarmati   della   protezione   di   Dio   che   possiamo   ottenere   con   il   silenzio,   l'umiltà   e   la   carità,   come   la      Madonna   ci   ha insegnato.   Sicuramente   la   nostra   vita   spirituale   ci   penalizza,   ci   mette   alla   prova,   ma   anche   un   atleta   per   vincere   le   gare deve   fare   tanti   sacrifici.   Rinunciamo   con   gioia   alle   cose   effimere,   non   cerchiamo   di   raggiungere   traguardi   o   soddisfazioni ad   ogni   costo,   calpestando   gli   altri.   Gli   omicidi   nascono   così   e   se   anche   non   uccidiamo,   questo   comportamento   ci coinvolge   perché   diventiamo   presuntuosi,   arroganti,   prepotenti   e   non   rispettiamo   più   nessuno.   Dio   trionfa   per   mezzo nostro,   perché   siamo   i   più   piccoli;   cerchiamo   di   capire   che   ogni   nostra   azione   può   avere   un   valore   diverso   da   quello   che ci   siamo   sempre   immaginati.   Potremmo   evitare   tanti   errori   se   dessimo   la   precedenza   alla   parola   di   Dio   e   vincere   il   male del   mondo,   senza   creare   cortei   di   disapprovazione,   senza   scontrarci   e   senza   convincere   gli   altri.   Siamo   belli   fuori   quando lo siamo dentro e la luce che fuoriesce dai nostri occhi contagia tutti gli altri.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Dio si è sottomesso all'uomo
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Dio   ha   creato   l'uomo   per   essere   suo   servo   e strumento   per   rivelare   la   sua   legge.   Ma   l'uomo non   si   è   comportato   come   doveva   comportarsi.   Il Signore   ha   creato   tutto   nella   giusta   dimensione, con   una   perfezione   che   anche   oggi   nessuno   può aggiungere   o   togliere   qualcosa   senza   fare   danno alla    creazione    e    possiamo    costatarlo    con    le nostre     esperienze     di     vita.     Però     abbiamo dimenticato   una   cosa:   il   Signore   è   così   grande che   si   lascia   gestire   da   noi   che   siamo   un nulla.    Non   abbiamo   il   potere   di   creare,   semmai quello   di   distruggere,   eppure   non   abbiamo   capito che   ci   ha   lasciato   il   potere   su   tutto,   di   cambiare in   bene   e   in   male   l'esistenza,   di   far   trionfare quello   che   lui   ha   creato.   Cosa   dirà   il   Signore, vedendoci     dall'alto     come     delle     formichine, quando    abbiamo    fatto    di    tutto    tranne    che confermare   la   fedeltà   alla   sua      Parola,   che   ci   ha dato   per   mezzo   dei   profeti   come   scuola   di   vita? Perché    abbiamo    voluto    metterci    del    nostro    in ogni    epoca    e    in    ogni    tempo,    causando    una sofferenza   dietro   l'altra?   Quanto   sangue   è   corso su     questa     terra     per     colpa     dell'uomo!     È importante   essere   sotto   il   manto   protettivo   di Colei   che   Dio   aveva   già   predestinato   dalla   genesi a   vincere   il   male   per   noi;   non   sostituiamoci   alla Madonna    in    questo    compito,    cercando    di    far trionfare    ciò    che    pensiamo    sia    giusto    e    di giustiziare    psicologicamente    ciò    che    riteniamo sbagliato.   Quando   uanQparliamo   male   degli   altri siamo   i   giustizieri   psicologici   del   male.   Il   bene non   va   difeso   così,   ma   accettando   anche   le ingiustizie.      Se   fossimo   stati   più   attenti   a   quello che    è    già    scritto,    oggi    potremmo    gustare    le meraviglie   delle   meraviglie   del   creato   e   vivere con   gioia   in   ogni   situazione   della   vita.   Siamo   noi che   dobbiamo   far   trionfare   la   parola   del   Signore, non    la    vegetazione    o    le    stelle.    Ma        abbiamo capito    questi    passaggi?    Dobbiamo    tornare    a leggere   la   Bibbia   per   renderci   conto   che   i   danni provocati   sulla   terra,   sono   venuti   perché   non   ha trionfato    ciò    che    doveva    trionfare,    il    nostro compito   principale.   Per   volontà   di   Dio   abbiamo ricevuto   un   grande   potere   sulla   creazione   e   lui   si è   sottomesso   noi,   pur   non   avendone   bisogno,   per vedere   se   facciamo   vincere   la   parte   migliore   o quella   peggiore.   Proviamo   gioia   nel   sentirci   parte di    un    progetto    universale    così    grande?    Non dobbiamo   meravigliarci   dell'errore   del   fratello   per sentirci   a   posto;   sono   inutili   le   nostre   prese   di posizione,    perché    nell’altra    dimensione    verrà evidenziato    solo    se    abbiamo    amato.    Ci    siamo proprio       persi       nei       meandri       dei       nostri ragionamenti,   come   fossimo   in   un   labirinto   e   non ci    rendiamo    conto    di    non    fare    ciò    che    è prioritario,    amare.    La    rabbia    dell'infido    è sapere   che   abbiamo   potere   anche   su   di   lui,   mentre   noi   pensiamo   che   sia   il   contrario.   Certo, ha   potere   su   di   noi   se   ci   siamo   disarmati   della protezione   di   Dio   che   possiamo   ottenere   con   il silenzio,   l'umiltà   e   la   carità,   come   la      Madonna   ci ha     insegnato.     Sicuramente     la     nostra     vita spirituale   ci   penalizza,   ci   mette   alla   prova,   ma anche   un   atleta   per   vincere   le   gare   deve   fare tanti    sacrifici.    Rinunciamo    con    gioia    alle    cose effimere,   non   cerchiamo   di   raggiungere   traguardi o    soddisfazioni    ad    ogni    costo,    calpestando    gli altri.   Gli   omicidi   nascono   così   e   se   anche   non uccidiamo,   questo   comportamento   ci   coinvolge perché      diventiamo      presuntuosi,      arroganti, prepotenti   e   non   rispettiamo   più   nessuno.   Dio trionfa    per    mezzo    nostro,    perché    siamo    i    più piccoli;    cerchiamo    di    capire    che    ogni    nostra azione   può   avere   un   valore   diverso   da   quello   che ci   siamo   sempre   immaginati.   Potremmo   evitare tanti   errori   se   dessimo   la   precedenza   alla   parola di   Dio   e   vincere   il   male   del   mondo,   senza   creare cortei    di    disapprovazione,    senza    scontrarci    e senza    convincere    gli    altri.    Siamo    belli    fuori quando   lo   siamo   dentro   e   la   luce   che   fuoriesce dai nostri occhi contagia tutti gli altri.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile