Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Davanti   agli   occhi   del   Signore   è   un'azione   vigliacca   sorridere   a   una   persona   e   subito   dopo   sparlare   di   essa.   Noi giudichiamo   e   critichiamo   perché   siamo   “grigi”   dentro.   Dobbiamo   vedere   Dio   nella   persona   che   ci   sta   davanti   anche   se   è un   peccatore,   e   dire:   " Fratello   mio   caro,   guarda   che   la   vita   è   più   bella   di   quella   che   stai   vivendo.   Ti   sei   imbrigliato   con   le tue   mani   perché   stai   pagando   gli   errori   che   tu   stesso   hai   causato.   Ravvediti,   torna   al   Signore.   Ti   confessi?   Hai   fatto   del male   a   qualcuno?   Preghi?   Pecchi   ancora   in   continuazione?   Sei   a   posto   con   la   tua   coscienza? ".   Ricordiamoci   che   la pecorella   smarrita   è   il   caprone   inferocito,   può   infierire   colpi   micidiali.   Anche   lo   spirito   non   buono   sa   compiere   prodigi,   lo fa   mettendosi   in   mostra   per   attirare      l'attenzione,   mentre   i   servi   di   Dio   li   fanno   con   discrezione,   non   alimentano   il   proprio io   perché   si   sentono   indegni,   vorrebbero   scappare.   Il   Signore   non   vuole   che   facciamo   pubblicità   ai   segni   miracolosi.   Il giusto   è   depositario   dello   spirito   buono,   sa   solo   fare   del   bene,   anche   se   stanco   fa   ancora   favori   agli   altri,   non   è opportunista.   Quando   c'è   un   buono   in   una   famiglia   gli   altri   si   scontrano   con   lui,   deve   subire   critiche   e   ferite   ingiuste perché   la   loro   attività   principale   è   diversa   ( nessun   profeta   in   patria... ).   Invece   due   buoni   si   sostengono.   La   parte   buona stride   con   quella   non   buona   che   è   la   maggioranza   nel   mondo,   ecco   perchè   coloro   che   parleranno   in   nome   del   Signore verranno   giudicati,   criticati   e   calunniati.    Sono   di   più   coloro   che   minimizzano   o   coloro   che   con   malizia   ingigantiscono?   Lo stesso   popolo   che   ha   visto   Gesù   il   buono,   lo   ha   messo   in   croce   liberando   Barabba   il   furfante.   Quante   volte   commettiamo questo   errore!Abbiamo   alimentato   troppo   poco   l'anima   facendola   inaridire.   La   parte   sana   costa,   ma   quando   raggiunge   un certo   livello   diventa   così   gradevole   che   non   fa   più   nessuna   fatica   ad   accettare   ogni   situazione.   Perché   in   una   famiglia   o   in un   ambiente   di   lavoro,   invece   di   apprezzare   la   persona   buona   per   le   cose   che   ha   fatto,   si   aspetta   solo   il   pretesto   per accanirsi   contro   di   lui   con   una   cattiveria   indicibile?   È   lo   scontro   tra   i   due   spiriti,   il   nostro   peggior   nemico   e   il   nostro migliore   amico   sono   dentro   di   noi.   Non   dobbiamo   avere   troppe   certezze   per   il   futuro,   da   un   momento   all'altro   le   cose potrebbero   cambiare.   Che   bello   magnificare   l'anima   nel   Signore,   potremmo   provare   una   gioia   che   nessuna   vigliaccheria ci   può   togliere.   Siamo   pronti   a   morire   pur   di   vedere   glorificata   la   nostra   anima?   Quella   di   Maria   Santissima   esaltava   il Signore   perché   era   piena   di   Dio,   ma   chi   non   ce   l'ha   nel   cuore,   anche   se   prega,   fa   esultare   la   propria   ragione.   Va   in   cerca dei   difetti   altrui,   si   scandalizza,   pensa   di   essere   vittima   e   di   subire   ogni   sorta   di   ingiustizia   perché   il   mondo   non   va   come desidera.   Chi   è   malizioso   percorre   una   strada   che   conosce   molto   bene,   è   come   se   rispecchiasse   i   propri   difetti,   ma   si sente   un   portatore   sano.   La   malizia   è   la   sua   attività   principale,   la   noterà   il   fratello.   Ma   chi   ce   l'ha   nell'amore   rimarca   le sue   meraviglie,   non   vuol   mettere   in   cattiva   luce   nessuno   perché   sta   bene   dentro   di   sé   e   non   vede   la   malizia.   Quando   c'è un   nostro   caro   che   ama,   non   massacriamolo   se   sbaglia,   amiamolo,   dimostriamoci   riconoscenti.   Le   mura   domestiche   sono la nostra chiesa che ha bisogno di buoni esempi. LA VITTORIA DELL'ANIMA È ACCETTARE LA SCONFITTA DEL CORPO Accettiamo   ogni   sorta   di   prova   e   cerchiamo   di   vedere   il   bene   anche   dove   c'è   il   male.   I   servi   del   Signore   sono   felici   anche quando   dovrebbero   essere   i   più   delusi   e   arrabbiati   su   questa   terra.   Il   Dio   della   misericordia   non   è   che   perdona   e approva   gli   ingiusti   e   umilia   i   giusti ,   anche   se   vengono   perseguitati   dai   propri   cari.   Il   peccatore   non   si   sente   tale, uno   che   invece   non   lo   è   si   sente   peggiore   degli   altri.   Ce   lo   dimostrano   i   santi.   Il   giusto   non   si   difenderà   mai,   mentre   i maldestri   e   i   lestofanti   sanno   bene   come   far   diventare   un   credito   un   loro   debito,   sanno   benissimo   come   capovolgere   la situazione   a   loro   favore,   altrimenti   si   auto-sconfiggono.   Chi   critica   si   sente   migliore   degli   altri,   invece   chi   non   critica   il fratello   si   sente   peggiore   di   lui.   Più   ci   avviciniamo   a   Dio   e   più   ci   sentiamo   lontani,   chiediamo   scusa   anche   quando abbiamo   ricevuto   offese.   Solo   allora   saremo   sulla   strada   giusta.   Dimentichiamoci   quello   che   abbiamo   subito,   la   battaglia dell'uomo   la   si   vince   quando   accettiamo   la   sconfitta   umana,   morale,   l'umiliazione.   Se   vogliamo   difenderla   il   Signore   non ci   soccorrerà,   perché   è   a   nostro   danno,   aumenterebbe   l'orgoglio,   la   carnalità.   Vincere   in   nome   di   Dio   ci   fa   ancora   più piacere   nelle   cose   del   corpo,   perché   è   la   vittoria   di   noi   stessi.   Gesù   è   risorto   perché   ha   accettato   la   croce:   quando crediamo   di   aver   perso   la   partita,   è   allora   che   l'abbiamo   vinta.   Dov'è   o   morte   il   tuo   pungiglione ,   la   tua   vittoria?   Una   mela marcia   intacca   quelle   sane,   perché   pensiamo   di   risanare   quando   veniamo   contagiati?   Siate   miti   come   colombe   e   furbi come   serpenti,    solo   il   Signore   può   risanare.   Diffidiamo   di   chi   ci   dice:   " quelli   hanno   fatto   delle   fatture...,   quello   è   il diavolo... ",   è   come   se   parlasse   di   sé   stesso.   Il   Signore   e   la   Madonna   sanno   tutto   di   tutti   ma   non   dicono   queste   cose. Quando   Gesù   è   stato   nel   deserto   ci   ha   insegnato   che   ogni   tentazione   può   essere   vinta,   anche   nella   condizione   di maggiore   debolezza .   Accettare   la   sconfitta   del   corpo   è   avere   il   dominio   su   di   sé,   uno   dei   frutti   dello   Spirito   Santo.   Non reagiamo   mai   subito   alle   provocazioni,   magari   c'è   un   motivo   che   ci   è   sfuggito.   Alleniamo   la   parte   migliore,   quella   sana che   nessuno   potrà   mai   rubarci,   non   imprigioniamola   nell'orgoglio.   Mortifichiamo   la   parte   "birichina"   che   ha   sempre   avuto la   meglio   su   di   noi,   anche   se   aumenteranno   le   prove   non   verremo   sopraffatti.   Le   confidenze   di   Maria   Santissima   rivelate da Roberto non prendono spunto dalla Bibbia, ma trovano conferma in essa.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La triste sorte dei buoni
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Davanti    agli    occhi    del    Signore    è    un'azione vigliacca   sorridere   a   una   persona   e   subito   dopo sparlare   di   essa.   Noi   giudichiamo   e   critichiamo perché   siamo   “grigi”   dentro.   Dobbiamo   vedere Dio   nella   persona   che   ci   sta   davanti   anche   se   è un   peccatore,   e   dire:   " Fratello   mio   caro,   guarda che   la   vita   è   più   bella   di   quella   che   stai   vivendo. Ti   sei   imbrigliato   con   le   tue   mani   perché   stai pagando    gli    errori    che    tu    stesso    hai    causato. Ravvediti,   torna   al   Signore.   Ti   confessi?   Hai   fatto del   male   a   qualcuno?   Preghi?   Pecchi   ancora   in continuazione?     Sei     a     posto     con     la     tua coscienza? ".     Ricordiamoci     che     la     pecorella smarrita   è   il   caprone   inferocito,   può   infierire   colpi micidiali.   Anche   lo   spirito   non   buono   sa   compiere prodigi,   lo   fa   mettendosi   in   mostra   per   attirare     l'attenzione,   mentre   i   servi   di   Dio   li   fanno   con discrezione,   non   alimentano   il   proprio   io   perché si    sentono    indegni,    vorrebbero    scappare.    Il Signore    non    vuole    che    facciamo    pubblicità    ai segni    miracolosi.    Il    giusto    è    depositario    dello spirito   buono,   sa   solo   fare   del   bene,   anche   se stanco     fa     ancora     favori     agli     altri,     non     è opportunista.    Quando    c'è    un    buono    in    una famiglia   gli   altri   si   scontrano   con   lui,   deve   subire critiche   e   ferite   ingiuste   perché   la   loro   attività principale   è   diversa   ( nessun   profeta   in   patria... ). Invece   due   buoni   si   sostengono.   La   parte   buona stride     con     quella     non     buona     che     è     la maggioranza   nel   mondo,   ecco   perchè   coloro   che parleranno     in     nome     del     Signore     verranno giudicati,   criticati   e   calunniati.    Sono   di   più   coloro che    minimizzano    o    coloro    che    con    malizia ingigantiscono?   Lo   stesso   popolo   che   ha   visto Gesù   il   buono,   lo   ha   messo   in   croce   liberando Barabba   il   furfante.   Quante   volte   commettiamo questo   errore!Abbiamo   alimentato   troppo   poco l'anima   facendola   inaridire.   La   parte   sana   costa, ma    quando    raggiunge    un    certo    livello    diventa così   gradevole   che   non   fa   più   nessuna   fatica   ad accettare   ogni   situazione.   Perché   in   una   famiglia o   in   un   ambiente   di   lavoro,   invece   di   apprezzare la   persona   buona   per   le   cose   che   ha   fatto,   si aspetta   solo   il   pretesto   per   accanirsi   contro   di   lui con   una   cattiveria   indicibile?   È   lo   scontro   tra   i due   spiriti,   il   nostro   peggior   nemico   e   il   nostro migliore   amico   sono   dentro   di   noi.   Non   dobbiamo avere    troppe    certezze    per    il    futuro,    da    un momento   all'altro   le   cose   potrebbero   cambiare. Che     bello     magnificare     l'anima     nel     Signore, potremmo     provare     una     gioia     che     nessuna vigliaccheria    ci    può    togliere.    Siamo    pronti    a morire   pur   di   vedere   glorificata   la   nostra   anima? Quella   di   Maria   Santissima   esaltava   il   Signore perché   era   piena   di   Dio,   ma   chi   non   ce   l'ha   nel cuore,    anche    se    prega,    fa    esultare    la    propria ragione.     Va     in     cerca     dei     difetti     altrui,     si scandalizza,   pensa   di   essere   vittima   e   di   subire ogni   sorta   di   ingiustizia   perché   il   mondo   non   va come    desidera.    Chi    è    malizioso    percorre    una strada    che    conosce    molto    bene,    è    come    se rispecchiasse    i    propri    difetti,    ma    si    sente    un portatore    sano.    La    malizia    è    la    sua    attività principale,   la   noterà   il   fratello.   Ma   chi   ce   l'ha nell'amore   rimarca   le   sue   meraviglie,   non   vuol mettere   in   cattiva   luce   nessuno   perché   sta   bene dentro   di   sé   e   non   vede   la   malizia.   Quando   c'è   un nostro    caro    che    ama,    non    massacriamolo    se sbaglia,    amiamolo,    dimostriamoci    riconoscenti. Le   mura   domestiche   sono   la   nostra   chiesa   che   ha bisogno di buoni esempi. LA VITTORIA DELL'ANIMA È ACCETTARE LA SCONFITTA DEL CORPO Accettiamo   ogni   sorta   di   prova   e   cerchiamo   di vedere   il   bene   anche   dove   c'è   il   male.   I   servi   del Signore    sono    felici    anche    quando    dovrebbero essere   i   più   delusi   e   arrabbiati   su   questa   terra.   Il Dio   della   misericordia   non   è   che   perdona   e approva   gli   ingiusti   e   umilia   i   giusti ,   anche   se vengono   perseguitati   dai   propri   cari.   Il   peccatore non   si   sente   tale,   uno   che   invece   non   lo   è   si sente    peggiore    degli    altri.    Ce    lo    dimostrano    i santi.   Il   giusto   non   si   difenderà   mai,   mentre   i maldestri    e    i    lestofanti    sanno    bene    come    far diventare    un    credito    un    loro    debito,    sanno benissimo   come   capovolgere   la   situazione   a   loro favore,   altrimenti   si   auto-sconfiggono.   Chi   critica si   sente   migliore   degli   altri,   invece   chi   non   critica il    fratello    si    sente    peggiore    di    lui.    Più    ci avviciniamo    a    Dio    e    più    ci    sentiamo    lontani, chiediamo   scusa   anche   quando   abbiamo   ricevuto offese.   Solo   allora   saremo   sulla   strada   giusta. Dimentichiamoci   quello   che   abbiamo   subito,   la battaglia   dell'uomo   la   si   vince   quando   accettiamo la    sconfitta    umana,    morale,    l'umiliazione.    Se vogliamo   difenderla   il   Signore   non   ci   soccorrerà, perché     è     a     nostro     danno,     aumenterebbe l'orgoglio,   la   carnalità.   Vincere   in   nome   di   Dio   ci fa   ancora   più   piacere   nelle   cose   del   corpo,   perché è   la   vittoria   di   noi   stessi.   Gesù   è   risorto   perché ha   accettato   la   croce:   quando   crediamo   di   aver perso   la   partita,   è   allora   che   l'abbiamo   vinta. Dov'è   o   morte   il   tuo   pungiglione ,   la   tua   vittoria? Una    mela    marcia    intacca    quelle    sane,    perché pensiamo       di       risanare       quando       veniamo contagiati?   Siate   miti   come   colombe   e   furbi   come serpenti,    solo   il   Signore   può   risanare.   Diffidiamo di   chi   ci   dice:   " quelli   hanno   fatto   delle   fatture..., quello   è   il   diavolo... ",   è   come   se   parlasse   di   stesso.   Il   Signore   e   la   Madonna   sanno   tutto   di tutti   ma   non   dicono   queste   cose.   Quando   Gesù   è stato    nel    deserto    ci    ha    insegnato    che    ogni tentazione    può    essere    vinta,    anche    nella condizione   di   maggiore   debolezza .   Accettare la   sconfitta   del   corpo   è   avere   il   dominio   su   di   sé, uno   dei   frutti   dello   Spirito   Santo.   Non   reagiamo mai    subito    alle    provocazioni,    magari    c'è    un motivo    che    ci    è    sfuggito.    Alleniamo    la    parte migliore,    quella    sana    che    nessuno    potrà    mai rubarci,      non      imprigioniamola      nell'orgoglio. Mortifichiamo   la   parte   "birichina"   che   ha   sempre avuto      la      meglio      su      di      noi,      anche      se aumenteranno   le   prove   non   verremo   sopraffatti. Le    confidenze    di    Maria    Santissima    rivelate    da Roberto   non   prendono   spunto   dalla   Bibbia,   ma trovano conferma in essa.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile