Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Come   può   manifestarsi   un   santuario   illuminato   dove   non   c'è?   Forse   non   riusciremo   mai   a   capire   che   cosa   vuol   dire frequentare   un   luogo   benedetto   e   gradito   a   Dio   come   il   monte   Misma,   perché   siamo   storditi   dall'abitudine   materialistica. Questo   però   ci   deve   rendere   più   responsabili:   essere   al   monte   Misma   non   è   come   essere   in   un   posto   qualsiasi,   perché   dove   il   Signore   concede   la   sua   grazia,   pretende   anche   una   risposta.   Sappiamo   che   il   bene,   il   male,   la   gelosia   e   invidia esistono;   dobbiamo   deciderci   se   scontrarci   con   questa   realtà   o   se   vogliamo   vivere   nel   mondo,   ma   fuori   dal   mondo   e affidarci   totalmente   a   Dio.   Perché   la   Madonna   ci   chiede   in   continuazione   la   preghiera?   Innanzitutto   dobbiamo   considerare che   la   preghiera   deve   essere   quell’energia   che   aumenta   la   nostra   fede.   Poi   con   la   preghiera   la   Madonna   può scendere   nell'animo   di   tutte   le   persone   per   cambiarle   e   convertirle,   può   intervenire   nei   casi   più   difficili   e   disperati   che esistono   al   mondo.   Ecco   perché   recitare   il   Santo   Rosario   non   vuol   dire   ripetere   sempre   la   stessa   cosa,   ma   ogni   Ave   Maria ha   un   significato   e   un   valore   diverso.   Non   serve   a   niente   protestare   o   commentare,   vale   di   più   offrire   delle   buone   azioni e   accettare   con   amore   le   offese   che   riceviamo,   senza   reagire   o   desiderare   vendette.   Come   il   Padre   ha   accettato   e   non   ha fermato   anche   coloro   che   ingiustamente   hanno   messo   in   croce   il   figlio   Gesù,   così   non   può   entrare   e   ribaltare   le   nostre situazioni,   altrimenti   dovrebbe   eliminare   l’uomo   da   cui   fuoriesce   il   male.   Ci   ama   così   tanto   che   aspetta   anche   i   peggiori, affinché   possano   un   giorno   capire   l'errore   in   cui   sono   caduti,   perché   in   ogni   uomo   c'è   un   potenziale   di   santità;   se   siamo stati   ingannati   dal   male,   non   è   detto   che   sia   sempre   così,   possiamo   anche   cambiare.   Stiamo   attenti   però   a   non   entrare con   il   nostro   comportamento   nella   categoria   che   il   Signore   tanto   disdegna   e   rifiuta,   gli   ipocriti:   costoro   hanno   una   sorte segnata   perché   sono   già   stati   scacciati   dal   tempio.   Non   perdiamo   tempo   a   recitare   una   parte   che   non   è   nostra,   ma dimostriamo   di   credere   veramente   in   Colui   che   ha   il   potere   su   tutto.   L'uomo   invece   ha   solo   il   potere   di   salvare   la   propria anima,   non   quella   degli   altri.   Vogliamo   che   il   mondo   migliori?   Non   aspettiamoci   che   sia   un   politico   a   favorire   questo,   ma dobbiamo   capire   che   siamo   i   responsabili   e   i   depositari   del   nostro   destino,   nella   buona   e   nella   cattiva   sorte.   Ecco   perché non   dobbiamo   essere   fatalisti   e   pensare   di   far   parte   di   un   programma   superiore   alle   nostre   possibilità.   Il   mondo   ormai   si è   scelto   la   sua   via,   è   un   fiume   in   piena   che   non   si   può   fermare   finché   non   trova   lo   sfogo   nel   mare.   Che   cosa   dobbiamo fare?   Prima   di   tutto   essere   coerenti   davanti   a   Dio;   è   la   chiave   di   volta   nelle   nostre   mani.   Poi   Dio   farà   la   sua   parte,   a nome   nostro,   perfezionando   quello   che   abbiamo   iniziato.   Potremmo   lasciare   ai   nostri   figli   e   ai   figli   dei   nostri   figli,   non solo   una   eredità   materiale,   ma   anche   il   premio   della   benedizione   di   Dio   promessa   a   coloro   che   si   dimostreranno   giusti. L'immagine   del   Padre   viene   sempre   rappresentata   come   un   uomo   vecchio   con   la   barba   lunga.   Ironizzando,   potremmo pensare   che   gliela   abbiamo   fatta   venire   noi   la   barba,   con   la   nostra   disobbedienza   e   le   nostre   lamentazioni.   Anche   il nostro   modo   di   pregare   non   è   conforme   con   quello   che   ci   ha   insegnato   il   Signore.   E’   il   sintomo   della   diminuzione   della fede,   dell'apostasia   che   stiamo   vivendo   in   questi   tempi.   Perché   non   rappresentiamo   Dio   in   modo   giusto?   Perché   non offriamo   a   Dio   quello   che   ci   chiede?   Perché   non   lo   mettiamo   al   primo   posto?   Perché   nonostante   le   grandi   catechesi   e   i grandi   interventi   non   ci   sono   state   le   conversioni?   Se   togliamo   le   persone   che   pregano   per   una   propria   necessità   e   quelle che   pregano   per   il   prurito   dei   segni   e   delle   emozioni,   quante   persone   rimangono   che   pregano   veramente   per   lodare   e ringraziare   Dio?   Come   possiamo   essere   educatori   se   consigliamo   alle   persone   di   pregare   per   risolvere   i   loro   problemi, quando   il   Signore   sa   già   quello   di   cui   abbiamo   bisogno?   Così   la   nostra   sorte   non   cambierà   mai.   I   santi   non   hanno mai   pregato   per   se   stessi   anche   se   avevano   la   loro   croce   da   portare   avanti.   Stare   dalla   parte   del   Signore   vuol   dire   anche accettare   la   croce,   senza   lamentarci   e   senza   pregare   che   ci   venga   tolta.   Questo   Dio   merita   la   nostra   solidarietà   per   tutte le   offese   che   riceve   in   continuazione.   Dovremmo   vivere   solamente   per   riparare.   E’   inutile   che   ci   soffermiamo   sui   soliti discorsi,   cerchiamo   di   essere   dei   Figli   del   silenzio,   come   la   Madonna   tanto   desidera,   perché   davanti   a   sé   ha   una moltitudine   di   persone   che   parlano,   che   si   propongono,   che   si   offrono,   ma   che   non   mantengono.      Se   la   parola disperde,   il   silenzio   conserva.    Un   giorno   mentre   Roberto   si   trovava   presso   la   cappelletta   dell'apparizione   del   monte Misma,   è   stato   portato   in   un'altra   dimensione:   ha   visto   una   luce   risplendere   in   fondo   a   un   giardino   immenso   e   più   si avvicinava a quella luce e più sentiva il suo animo gioire. Sarà questa la sorte riservata a coloro che sono fedeli a Dio?   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La sorte dell'uomo è in mano all'uomo
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Come   può   manifestarsi   un   santuario   illuminato dove   non   c'è?   Forse   non   riusciremo   mai   a   capire che     cosa     vuol     dire     frequentare     un     luogo benedetto   e   gradito   a   Dio   come   il   monte   Misma, perché         siamo         storditi         dall'abitudine materialistica.   Questo   però   ci   deve   rendere   più responsabili:   essere   al   monte   Misma   non   è   come essere   in   un   posto   qualsiasi,   perché   là   dove   il Signore   concede   la   sua   grazia,   pretende   anche una   risposta.   Sappiamo   che   il   bene,   il   male,   la gelosia   e   invidia   esistono;   dobbiamo   deciderci   se scontrarci   con   questa   realtà   o   se   vogliamo   vivere nel    mondo,    ma    fuori    dal    mondo    e    affidarci totalmente   a   Dio.   Perché   la   Madonna   ci   chiede   in continuazione       la       preghiera?       Innanzitutto dobbiamo   considerare   che   la   preghiera   deve essere   quell’energia   che   aumenta   la   nostra fede.    Poi    con    la    preghiera    la    Madonna    può scendere    nell'animo    di    tutte    le    persone    per cambiarle   e   convertirle,   può   intervenire   nei   casi più   difficili   e   disperati   che   esistono   al   mondo. Ecco   perché   recitare   il   Santo   Rosario   non   vuol dire   ripetere   sempre   la   stessa   cosa,   ma   ogni   Ave Maria   ha   un   significato   e   un   valore   diverso.   Non serve   a   niente   protestare   o   commentare,   vale   di più    offrire    delle    buone    azioni    e    accettare    con amore   le   offese   che   riceviamo,   senza   reagire   o desiderare   vendette.   Come   il   Padre   ha   accettato e      non      ha      fermato      anche      coloro      che ingiustamente    hanno    messo    in    croce    il    figlio Gesù,   così   non   può   entrare   e   ribaltare   le   nostre situazioni,   altrimenti   dovrebbe   eliminare   l’uomo da   cui   fuoriesce   il   male.   Ci   ama   così   tanto   che aspetta    anche    i    peggiori,    affinché    possano    un giorno   capire   l'errore   in   cui   sono   caduti,   perché in   ogni   uomo   c'è   un   potenziale   di   santità;   se siamo   stati   ingannati   dal   male,   non   è   detto   che sia    sempre    così,    possiamo    anche    cambiare. Stiamo   attenti   però   a   non   entrare   con   il   nostro comportamento    nella    categoria    che    il    Signore tanto    disdegna    e    rifiuta,    gli    ipocriti:    costoro hanno   una   sorte   segnata   perché   sono   già   stati scacciati    dal    tempio.    Non    perdiamo    tempo    a recitare    una    parte    che    non    è    nostra,    ma dimostriamo   di   credere   veramente   in   Colui   che ha   il   potere   su   tutto.   L'uomo   invece   ha   solo   il potere   di   salvare   la   propria   anima,   non   quella degli   altri.   Vogliamo   che   il   mondo   migliori?   Non aspettiamoci    che    sia    un    politico    a    favorire questo,     ma     dobbiamo     capire     che     siamo     i responsabili    e    i    depositari    del    nostro    destino, nella   buona   e   nella   cattiva   sorte.   Ecco   perché non   dobbiamo   essere   fatalisti   e   pensare   di   far parte    di    un    programma    superiore    alle    nostre possibilità.   Il   mondo   ormai   si   è   scelto   la   sua   via, è    un    fiume    in    piena    che    non    si    può    fermare finché   non   trova   lo   sfogo   nel   mare.   Che   cosa dobbiamo   fare?   Prima   di   tutto   essere   coerenti davanti   a   Dio;   è   la   chiave   di   volta   nelle   nostre mani.   Poi   Dio   farà   la   sua   parte,   a   nome   nostro, perfezionando     quello     che     abbiamo     iniziato. Potremmo    lasciare    ai    nostri    figli    e    ai    figli    dei nostri   figli,   non   solo   una   eredità   materiale,   ma anche     il     premio     della     benedizione     di     Dio promessa   a   coloro   che   si   dimostreranno   giusti. L'immagine        del        Padre        viene        sempre rappresentata    come    un    uomo    vecchio    con    la barba   lunga.   Ironizzando,   potremmo   pensare   che gliela   abbiamo   fatta   venire   noi   la   barba,   con   la nostra   disobbedienza   e   le   nostre   lamentazioni. Anche   il   nostro   modo   di   pregare   non   è   conforme con   quello   che   ci   ha   insegnato   il   Signore.   E’   il sintomo       della       diminuzione       della       fede, dell'apostasia    che    stiamo    vivendo    in    questi tempi.   Perché   non   rappresentiamo   Dio   in   modo giusto?   Perché   non   offriamo   a   Dio   quello   che   ci chiede?   Perché   non   lo   mettiamo   al   primo   posto? Perché   nonostante   le   grandi   catechesi   e   i   grandi interventi   non   ci   sono   state   le   conversioni?   Se togliamo   le   persone   che   pregano   per   una   propria necessità   e   quelle   che   pregano   per   il   prurito   dei segni      e      delle      emozioni,      quante      persone rimangono   che   pregano   veramente   per   lodare   e ringraziare   Dio?   Come   possiamo   essere   educatori se    consigliamo    alle    persone    di    pregare    per risolvere   i   loro   problemi,   quando   il   Signore   sa   già quello   di   cui   abbiamo   bisogno?   Così   la   nostra sorte   non   cambierà   mai.   I   santi   non   hanno mai   pregato   per   se   stessi   anche   se   avevano   la loro   croce   da   portare   avanti.   Stare   dalla   parte   del Signore   vuol   dire   anche   accettare   la   croce,   senza lamentarci   e   senza   pregare   che   ci   venga   tolta. Questo   Dio   merita   la   nostra   solidarietà   per   tutte le   offese   che   riceve   in   continuazione.   Dovremmo vivere   solamente   per   riparare.   E’   inutile   che   ci soffermiamo    sui    soliti    discorsi,    cerchiamo    di essere   dei   Figli   del   silenzio,   come   la   Madonna tanto    desidera,    perché    davanti    a    sé    ha    una moltitudine    di    persone    che    parlano,    che    si propongono,     che     si     offrono,     ma     che     non mantengono.          Se     la     parola     disperde,     il silenzio   conserva.    Un   giorno   mentre   Roberto   si trovava   presso   la   cappelletta   dell'apparizione   del monte     Misma,     è     stato     portato     in     un'altra dimensione:    ha    visto    una    luce    risplendere    in fondo   a   un   giardino   immenso   e   più   si   avvicinava a   quella   luce   e   più   sentiva   il   suo   animo   gioire. Sarà   questa   la   sorte   riservata   a   coloro   che   sono fedeli a Dio?

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile