Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  C'è   un   fatto   meraviglioso   che   si   ripete   tutti   i   giorni,   ma   questa   opportunità   non   sappiamo   coglierla:   è   il   sole   nuovo   che nasce   all'alba,   che   mai   si   è   verificato   in   altri   giorni.   Non   serve   sapere   come   è   sorto   100   anni   fa,   perché   lì   non   possiamo fare   più   niente,   ma   con   il   sole   di   oggi   possiamo   cambiare   la   nostra   vita.   Ogni   giorno   abbiamo   un'opportunità   unica, perché   noi   dobbiamo   vivere   il   nostro   tempo,   il   quotidiano,   quello   che   possiamo   gestire.   Il   male   fa   di   tutto   per bombardarci   la   mente,   in   modo   che   non   sappiamo   più   cogliere   le   meraviglie   che   ci   sono   davanti:   pensiamo   a   quante pressioni   psicologiche   dobbiamo   subire   ogni   giorno   da   questa   società.   Non   abbiamo   più   la   possibilità   di   meditare   e   di rilassarci,   perché   il   fatto   materiale   ci   pressa   in   un   certo   modo,   quello   consumistico   in   un   altro,   così   quello   spirituale   che noi   ci   creiamo,   le   parentele,   il   lavoro,   la   crisi.   La   nostra   psiche   è   limitata,   non   è   preparata   a   reggere   le   pressioni   di   questi ultimi   anni   e   va   in   tilt,   così   ci   aggrappiamo   alla   prima   cosa   che   incontriamo,   quella   che   sembra   ci   protegga.   Poi   abbiamo anche   i   nostri   problemi   personali,   le   offese,   le   cose   giuste   e   ingiuste…   è   un   continuo   martellamento”;    possiamo salvarci   solamente   se   ci   abbandoniamo   a   Dio.   La   nostra   testimonianza   si   sofferma   perlopiù   sul   sensazionalismo, perché   anche   dei   santi   diciamo   le   esperienze   più   clamorose.   I   fatti   eclatanti   indeboliscono   la   fede   e   sono   trascinanti   per nostra   mente,   ci   coinvolgono,   ci   disorientano,   ci   rendono   dipendenti   da   un   fatto   esteriore   che   avviene   fuori   dal   nostro cuore.   I   segni   ci   fanno   prendere   posizioni   non   conformi   all'abbandono   a   Dio,   mentre   la   fede   è   prova,   fatica,   sudore, amore,   carità.   Come   cristiani   autentici   dovremmo   andare   alla   ricerca   di   ciò   che   ha   permesso   a   un   santo   di   realizzare quella   meraviglia.   Ci   siamo   mai   chiesti   quanto   possa   essere   costato   quel   miracolo?   Il   santo   ha   pianto   di   dolore   e   noi enfatizziamo?   Quanto   ha   sofferto   la   Santissima   Vergine   per   mantenersi   integra   da   tutte   le   pressioni,   le   cattiverie   e   le umiliazioni?   Il   Signore   ha   premiato   l'umiltà   della   sua   serva   rendendola      Regina   delle   grazie,   eppure   noi   ci   esaltiamo davanti   a   un   suo   miracolo,   esultiamo   come   fanno   i   tifosi   quando   la   loro   squadra   segna   un   gol.   Non   sprechiamo   la   parte più   importante,   quella   di   capire   che   i   santi   non   erano   dei   privilegiati,   ma   persone   che   hanno   accettato   la   croce   come nessun   altro.   Se   oggi   dimostrassimo   un   gesto   di   carità   verso   il   prossimo,   il   Signore   potrebbe   premiarci   come   ha   fatto   con loro,   perché   non   c'è   una   diversificazione   tra   noi   e   i   santi.   Ma   fin   tanto   che   siamo   solamente   dei   ripetitori   di   miracoli… Condoliamoci   e   diciamo:   " Chissà   cosa   ti   è   costato   quel   miracolo!   Non   posso   gioire,   perché   a   te   è   costato   sangue" ; potrebbe   aprirci   la   porta   a   un'esperienza   meravigliosa.   La   beata   Pierina   Morosini   quando   era   andata   a   Roma   per   la santificazione   di   Maria   Goretti,   invece   di   esultare   ha   pianto,   perché   pensava   al   male   che   aveva   dovuto   sopportare.   Poi   ha subito   la   stessa   sorte   proprio   sulle   pendici   del   monte   Misma,   ma   ha   avuto   anche   la   stessa   ricompensa.   La   nostra   vita non   è   passato   né   futuro,   è   un   attimo   continuo   che   viviamo   senza   interruzioni:   è   questo   che   dobbiamo   sfruttare,   il contemporaneo.   Sapere   ciò   che   è   accaduto   anni   fa   ci   istruisce,   ma   non   deve   spostare   l'attenzione   su   quello   che   può accadere   sotto   il   nuovo   sole,   che   riguarda   solamente   noi:   "Se   avessi   amato   come   quel   santo,   quel   miracolo   poteva avvenire   per   merito   mio".   Con   un   atto   di   coraggio,   umiliandoci   davanti   a   ciò   che   abbiamo   subito,   potremmo   ottenere   la grazia   del   Signore.   Cosa   sorge   a   fare   il   sole   tutte   le   mattine,   se   viviamo   sempre   di   ricordi   e   di   idolatrie?   Grandi   cose   ha fatto   in   me   l’Onnipotente   e   grandi   cose   potrebbe   fare   in   noi   il   Signore   ogni   giorno.   I   sentimentalismi   non   servono   a niente;   la   vita   privata   di   un   santo   non   l'ha   mai   scritto   nessuno,   né   la   tristezza   che   ha   provato   nel   suo   cuore   quando   si   è sentito   abbandonato,   criticato   da   tutti   e   attaccato   dal   demonio.   Quanti   di   noi   sono   stati   coinvolti   nella   sofferenza   di Giovanni   Paolo   II,   padre   Pio   o   Madre   Teresa?   Magari   li   abbiamo   compatiti,   ma   non   amati.   Guardiamo   al   premio dell'Onnipotente,   ma   prima   cerchiamo   di   capire   il   merito,   cosa   hanno   dovuto   subire.   Fare   una   buona   azione   è   crudele per   la   nostra   ragione,   ma   ha   molto   valore   proprio   per   quello.    Dubitiamo   di   chi   vuole   richiamare   l'attenzione   sulle cose   sensazionali,   siamo   invece   molto   più   partecipi   e   coinvolti   in   quella   parte   che   solo   il   nostro   cuore   può   scrutare,   non quella   dove   entrano   i   nostri   occhi   e   la   mente.   Non   facciamo   alzare   il   sole   inutilmente   e   non   facciamolo   tramontare   senza aver   fatto   qualcosa   di   buono.   La   cosa   che   più   ci   costa,   rende   più   merito:   ricordiamoci   che   le   prove   del   Signore   sono   dure e   difficili,   è   come   se   ci   venisse   strappata   la   carne.   Ma   si   può   sperimentare   l’esperienza   di   cantare   portando   la   croce.      “C'è poi   un   altro   gruppo   di   cristiani   senza   Cristo,   che   cercano   cose   un   po'   rare,   un   po'   speciali,   che   vanno   dietro   allo spettacolo   delle   rivelazioni      per   sentire   delle   cose   nuove,   quando   la   rivelazione   si   è   conclusa   con   il   Nuovo   Testamento” , ha   detto   papa   Francesco.   Gli   unici   che   si   disinteressavano   dei   fatti   miracolosi   erano   coloro   che   li   promuovevano,   i   santi; sapevano   che   era   opera   di   Dio,   perciò   si   sentivano   indegni,   si   nascondevano.   Perché   noi   ne   facciamo   la   nostra   bandiera? L'inquilino   del   piano   di   sotto   ci   procura   emozioni   in   abbondanza,   perché   sa   che   poi   sbandiamo,   non   possiamo   reggerle. Quando   siamo   contenti   diventiamo   vulnerabili,   non   siamo   più   prudenti,   pensiamo   che   la   gioia   e   la   bontà   sia   uguale   per tutti,   ma   non   è   così.   Quando   un   nostro   fratello   non   accoglie   la   nostra   pace   e   i   nostri   consigli,   scuotiamo   la   polvere   dai sandali e andiamo. Perché vogliamo ammansire i leoni?    Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Sotto questo sole
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
C'è    un    fatto    meraviglioso    che    si    ripete    tutti    i giorni,    ma    questa    opportunità    non    sappiamo coglierla:   è   il   sole   nuovo   che   nasce   all'alba,   che mai    si    è    verificato    in    altri    giorni.    Non    serve sapere   come   è   sorto   100   anni   fa,   perché   lì   non possiamo   fare   più   niente,   ma   con   il   sole   di   oggi possiamo   cambiare   la   nostra   vita.   Ogni   giorno abbiamo     un'opportunità     unica,     perché     noi dobbiamo   vivere   il   nostro   tempo,   il   quotidiano, quello   che   possiamo   gestire.   Il   male   fa   di   tutto per    bombardarci    la    mente,    in    modo    che    non sappiamo   più   cogliere   le   meraviglie   che   ci   sono davanti:       pensiamo       a       quante       pressioni psicologiche    dobbiamo    subire    ogni    giorno    da questa   società.   Non   abbiamo   più   la   possibilità   di meditare   e   di   rilassarci,   perché   il   fatto   materiale ci   pressa   in   un   certo   modo,   quello   consumistico in    un    altro,    così    quello    spirituale    che    noi    ci creiamo,   le   parentele,   il   lavoro,   la   crisi.   La   nostra psiche   è   limitata,   non   è   preparata   a   reggere   le pressioni   di   questi   ultimi   anni   e   va   in   tilt,   così   ci aggrappiamo   alla   prima   cosa   che   incontriamo, quella    che    sembra    ci    protegga.    Poi    abbiamo anche   i   nostri   problemi   personali,   le   offese,   le cose     giuste     e     ingiuste…     è     un     continuo martellamento”;            possiamo           salvarci solamente    se    ci    abbandoniamo    a    Dio.    La nostra    testimonianza    si    sofferma    perlopiù    sul sensazionalismo,   perché   anche   dei   santi   diciamo le    esperienze    più    clamorose.    I    fatti    eclatanti indeboliscono    la    fede    e    sono    trascinanti    per nostra   mente,   ci   coinvolgono,   ci   disorientano,   ci rendono    dipendenti    da    un    fatto    esteriore    che avviene   fuori   dal   nostro   cuore.   I   segni   ci   fanno prendere   posizioni   non   conformi   all'abbandono   a Dio,    mentre    la    fede    è    prova,    fatica,    sudore, amore,       carità.       Come       cristiani       autentici dovremmo    andare    alla    ricerca    di    ciò    che    ha permesso     a     un     santo     di     realizzare     quella meraviglia.   Ci   siamo   mai   chiesti   quanto   possa essere    costato    quel    miracolo?    Il    santo    ha pianto   di   dolore   e   noi   enfatizziamo?   Quanto ha   sofferto   la   Santissima   Vergine   per   mantenersi integra   da   tutte   le   pressioni,   le   cattiverie   e   le umiliazioni?   Il   Signore   ha   premiato   l'umiltà   della sua    serva    rendendola        Regina    delle    grazie, eppure    noi    ci    esaltiamo    davanti    a    un    suo miracolo,   esultiamo   come   fanno   i   tifosi   quando   la loro   squadra   segna   un   gol.   Non   sprechiamo   la parte   più   importante,   quella   di   capire   che   i   santi non   erano   dei   privilegiati,   ma   persone   che   hanno accettato   la   croce   come   nessun   altro.   Se   oggi dimostrassimo     un     gesto     di     carità     verso     il prossimo,   il   Signore   potrebbe   premiarci   come   ha fatto      con      loro,      perché      non      c'è      una diversificazione   tra   noi   e   i   santi.   Ma   fin   tanto   che siamo     solamente     dei     ripetitori     di     miracoli… Condoliamoci   e   diciamo:   " Chissà   cosa   ti   è   costato quel   miracolo!   Non   posso   gioire,   perché   a   te   è costato    sangue" ;    potrebbe    aprirci    la    porta    a un'esperienza    meravigliosa.    La    beata    Pierina Morosini    quando    era    andata    a    Roma    per    la santificazione   di   Maria   Goretti,   invece   di   esultare ha   pianto,   perché   pensava   al   male   che   aveva dovuto   sopportare.   Poi   ha   subito   la   stessa   sorte proprio   sulle   pendici   del   monte   Misma,   ma   ha avuto   anche   la   stessa   ricompensa.   La   nostra   vita non   è   passato   né   futuro,   è   un   attimo   continuo che   viviamo   senza   interruzioni:   è   questo   che dobbiamo      sfruttare,      il      contemporaneo. Sapere   ciò   che   è   accaduto   anni   fa   ci   istruisce,   ma non   deve   spostare   l'attenzione   su   quello   che   può accadere    sotto    il    nuovo    sole,    che    riguarda solamente    noi:    "Se    avessi    amato    come    quel santo,   quel   miracolo   poteva   avvenire   per   merito mio".    Con    un    atto    di    coraggio,    umiliandoci davanti    a    ciò    che    abbiamo    subito,    potremmo ottenere   la   grazia   del   Signore.   Cosa   sorge   a   fare il   sole   tutte   le   mattine,   se   viviamo   sempre   di ricordi   e   di   idolatrie?   Grandi   cose   ha   fatto   in   me l’Onnipotente   e   grandi   cose   potrebbe   fare   in   noi   il Signore    ogni    giorno.    I    sentimentalismi    non servono   a   niente;   la   vita   privata   di   un   santo   non l'ha   mai   scritto   nessuno,   né   la   tristezza   che   ha provato    nel    suo    cuore    quando    si    è    sentito abbandonato,   criticato   da   tutti   e   attaccato   dal demonio.   Quanti   di   noi   sono   stati   coinvolti   nella sofferenza    di    Giovanni    Paolo    II,    padre    Pio    o Madre   Teresa?   Magari   li   abbiamo   compatiti,   ma non         amati.         Guardiamo         al         premio dell'Onnipotente,   ma   prima   cerchiamo   di   capire   il merito,    cosa    hanno    dovuto    subire.    Fare    una buona     azione     è     crudele     per     la     nostra ragione,    ma    ha    molto    valore    proprio    per quello.      Dubitiamo     di     chi     vuole     richiamare l'attenzione   sulle   cose   sensazionali,   siamo   invece molto   più   partecipi   e   coinvolti   in   quella   parte   che solo   il   nostro   cuore   può   scrutare,   non   quella   dove entrano   i   nostri   occhi   e   la   mente.   Non   facciamo alzare    il    sole    inutilmente    e    non    facciamolo tramontare   senza   aver   fatto   qualcosa   di   buono. La    cosa    che    più    ci    costa,    rende    più    merito: ricordiamoci   che   le   prove   del   Signore   sono   dure   e difficili,   è   come   se   ci   venisse   strappata   la   carne. Ma   si   può   sperimentare   l’esperienza   di   cantare portando   la   croce.      “C'è   poi   un   altro   gruppo   di cristiani   senza   Cristo,   che   cercano   cose   un   po' rare,    un    po'    speciali,    che    vanno    dietro    allo spettacolo   delle   rivelazioni      per   sentire   delle   cose nuove,   quando   la   rivelazione   si   è   conclusa   con   il Nuovo   Testamento” ,   ha   detto   papa   Francesco. Gli     unici     che     si     disinteressavano     dei     fatti miracolosi   erano   coloro   che   li   promuovevano,   i santi;   sapevano   che   era   opera   di   Dio,   perciò   si sentivano   indegni,   si   nascondevano.   Perché   noi ne   facciamo   la   nostra   bandiera?   L'inquilino   del piano      di      sotto      ci      procura      emozioni      in abbondanza,   perché   sa   che   poi   sbandiamo,   non possiamo     reggerle.     Quando     siamo     contenti diventiamo   vulnerabili,   non   siamo   più   prudenti, pensiamo   che   la   gioia   e   la   bontà   sia   uguale   per tutti,   ma   non   è   così.   Quando   un   nostro   fratello non   accoglie   la   nostra   pace   e   i   nostri   consigli, scuotiamo    la    polvere    dai    sandali    e    andiamo. Perché vogliamo ammansire i leoni?   

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                             Sotto questo sole
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile