Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Qual   è   la   nostra   indole?   Vogliamo   vivere   per   la   legge   del   Signore   o   vogliamo,   furbescamente,   che   il   Signore   assecondi quello   che   abbiamo   nel   profondo   del   cuore?   Quanti   di   noi   si   accontentano   dell'ultimo   posto,   quel   posto   che   per   l'uomo   è declassante   e   per   Dio   è   innalzante?   Vogliamo   veramente   favorire   il   cammino   di   un   nostro   fratello   o   vogliamo   innanzitutto ricercare   il   successo   personale?   Il   Dio   che   ci   ha   creato   è   un   Dio   inflessibile   che   non   concede   replica,   invece   noi,   in   modo grossolano,   vorremmo   giustificare   tutto   e   tutti;   così   facendo   ci   siamo   confusi   e      gli   abbiamo   impedito   di   offrirci   la   grazia che   desidera   darci.   Leggendo   il   salmo   invitatorio   delle   lodi   mattutine,   possiamo   vedere   come   il   Signore   si   è   sdegnato   del popolo   che   si   è   scelto,   dopo   averlo   liberato   dalla   schiavitù   dell'Egitto,   mandando   segni   e   prodigi   come   mai   si   era   visto. Quel   popolo,   con   le   debite   distanze,   siamo   ancora   noi,   duri   di   cervice,   perché   non   abbiamo   il   desiderio   di   fare   la   volontà di   Dio,   ma   lo   preghiamo   affinché   faccia   quello   che   gli   chiediamo.   Poi   il   benessere   e   i   traguardi   terreni   ci   hanno   reso ancora   più   insensibili   alla   sua   parola.   Come   siamo   meschini!   Rifiutiamo   sistematicamente   quel   pezzo   di   Paradiso   che   ci porta   Maria   Santissima,      perché   abbiamo   un   cuore   duro   e   non   desideriamo   il   bene   degli   altri.   Infatti   con   le   parole   bene- diciamo,   ma   dentro   di   noi   male-diciamo.   Se   interiorizziamo   questi   passaggi   e   avremo   Dio   nel   nostro   cuore,   tutto   sarà superiore   alle   magagne   e   alle   negatività   terrene.   Il   Signore   ci   chiede   unicamente   la   nostra   volontà,   vuole   che   facciamo   il primo   passo.   "Figli   miei   cari   conoscete   ciò   che   offende   veramente   di   più   Dio?" ,   ci   dice   la   Madonna,   Vedere   che   rifiutiamo ciò   che   è   meglio   per   noi”.    Diversamente   da   come   pensiamo   noi,   i   nostri   peccati   offendono   Dio   indirettamente,   ma offendono   di   più   la   nostra   anima   perché   avremo   una   colpa   da   espiare.   Certo,   anche   se   il   Signore   ci   concede   il sacramento   della   riconciliazione,   non   vuol   dire   che   dobbiamo   peccare   con   continuità,   ma   la   cosa   che   lo   fa   più   soffrire   è che   noi   non   gli   permettiamo   di   concederci   la   sua   grazia,   perché   non   la   concede   a   chi   la   sperpera,   non   dà   le   perle   ai porci.   Impegniamoci   a   cambiare   vita   lottando   contro   al   nostro   orgoglio   per   fare   la   sua   volontà.   La   Madonna,   radiosa   è splendida,   scende   da   un   luogo   misterioso   insieme   a   tutto   il   Paradiso,   e   noi   rifiutiamo   un   bene   così   grande   non dimostrando   di   averne   un   beneficio;   quello   che   Maria   Santissima   ci   porta   non   vuole   che   sia   stampato   nella   nostra   mente (l'emozione)   ma   nel   nostro   cuore.   Predisponiamoci   a   meritarci   la   grazia   del   Signore,   perché   quando   avremo   conosciuto questa   esperienza   non   ce   ne   sarà   più   per   nessuno,   ci   renderà   invincibili.   Il   male   sa   che   ci   avrà   persi,   ma   sa   anche   come farci   impedire   questo:   ci   lascia   pregare,   andare   in   chiesa,   digiunare,   ma   ci   fa   aumentare   nell'orgoglio,   la   qualità   peggiore di   tutte   le   altre.   Infatti   lo   Spirito   Santo   ha   messo   il   suo   sigillo   su   coloro   che   non   avevano   più   un   milligrammo   di   orgoglio, non   sui   saccenti.   È   sceso   sui   Santi   che   avevano   un   cuore   umile.   Quello   che   il   Signore   ci   chiede   noi   l'abbiamo   già,   perché un   cuore   l'abbiamo   tutti:   dipende   dalla   porticina   che   vogliamo   aprire,   dalla   chiave   che   usiamo.   Non   impantaniamoci   in discorsi   che   non   servono   a   niente,   distinguiamo   la   materia   dallo   spirito:   con   la   prima   possiamo   ragionare   con   la   seconda no,   commetteremmo   un   grave   errore   perché   entriamo   nel   mistero   di   Dio.   Chi   di   noi   può   pretendere   di   diventare   suo consigliere?   E   se   fosse   una   gravissima   offesa,   un'eresia,   aver   usurpato   e   profanato   Dio   senza   rendercene conto?   In   fondo   siamo   solo   un   microbo,   un   pulviscolo   e   se   non   ce   lo   avesse   rivelato   Maria   Santissima,   non   conoscevamo nemmeno   ciò   che   probabilmente   offende   di   più   Dio.   Abbiamo   un   amico   che   è   in   grado   di   darci   quello   che   ci   necessita   con estremo   bisogno   e   noi   lo   rifiutiamo.   Il   Signore   può   dirci:   "Ma   io   ti   ho   dotato   di   un'intelligenza,   di   una   capacità,   ma   è tanto   evidente   davanti   a   te   che   se   tu   dimostri   fedeltà   alla   mia   parola,   io   ti   darò   tutto   quello   che   hai   bisogno".    Che   sono poi    le    benedizioni    abbondanti    descritte    nel    Deuteronomio.    Vogliamo    essere    coloro    che    accumulano    preghiere    su preghiere   o   coloro   che   oltre   alle   preghiere   dimostrano   fedeltà   al   Signore?   La   Madonna   nella   sua   esperienza   terrena sapeva   tutto   dei   farisei   dei   pubblicani,   della   legge   ebraica,   ma   non   si   è   messa   a   criticare,   ha   ubbidito   pur   sapendo   la verità.   Oggi   vuole   rinnovarci   la   nostra   anima,   il   nostro   cuore;   ci   chiede   di   essere   suoi   servitori   e   strumenti   con   l'aiuto dello   Spirito   Santo.   Puoi   se   riusciremo   a   riportare   una   pecora   all'ovile,   avremmo   fatto   la   nostra   parte,   perché   verranno salvate   moltissime   altre   pecore.   Disabituarci   alle   abitudini   che   sono   radicate   in   noi   e   che   ci   portiamo   come   eredità   di   chi ci   ha   preceduto   non   è   facile,   ci   vuole   tempo.   Fermiamo   la   nostra   mente,   non   pensiamo   di   avere   la   certezza   di   essere   nel giusto.   Rispecchiamoci   nel   Vangelo   per   vedere   quante   cose   stiamo   facendo   in   senso   contrario   e   come   siamo diversi da quello che pensiamo noi.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Ciò che offende di più Dio
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Qual   è   la   nostra   indole?   Vogliamo   vivere   per   la legge    del    Signore    o    vogliamo,    furbescamente, che   il   Signore   assecondi   quello   che   abbiamo   nel profondo      del      cuore?      Quanti      di      noi      si accontentano   dell'ultimo   posto,   quel   posto   che per   l'uomo   è   declassante   e   per   Dio   è   innalzante? Vogliamo   veramente   favorire   il   cammino   di   un nostro   fratello   o   vogliamo   innanzitutto   ricercare   il successo   personale?   Il   Dio   che   ci   ha   creato   è   un Dio   inflessibile   che   non   concede   replica,   invece noi,   in   modo   grossolano,   vorremmo   giustificare tutto   e   tutti;   così   facendo   ci   siamo   confusi   e      gli abbiamo     impedito     di     offrirci     la     grazia     che desidera   darci.   Leggendo   il   salmo   invitatorio   delle lodi   mattutine,   possiamo   vedere   come   il   Signore si   è   sdegnato   del   popolo   che   si   è   scelto,   dopo averlo      liberato      dalla      schiavitù      dell'Egitto, mandando   segni   e   prodigi   come   mai   si   era   visto. Quel    popolo,    con    le    debite    distanze,    siamo ancora   noi,   duri   di   cervice,   perché   non   abbiamo   il desiderio    di    fare    la    volontà    di    Dio,    ma    lo preghiamo     affinché     faccia     quello     che     gli chiediamo.   Poi   il   benessere   e   i   traguardi   terreni   ci hanno   reso   ancora   più   insensibili   alla   sua   parola. Come          siamo          meschini!          Rifiutiamo sistematicamente   quel   pezzo   di   Paradiso   che   ci porta    Maria    Santissima,        perché    abbiamo    un cuore   duro   e   non   desideriamo   il   bene   degli   altri. Infatti   con   le   parole   bene-diciamo,   ma   dentro   di noi     male-diciamo.     Se     interiorizziamo     questi passaggi   e   avremo   Dio   nel   nostro   cuore,   tutto sarà    superiore    alle    magagne    e    alle    negatività terrene.   Il   Signore   ci   chiede   unicamente   la   nostra volontà,   vuole   che   facciamo   il   primo   passo.   "Figli miei   cari   conoscete   ciò   che   offende   veramente   di più    Dio?" ,    ci    dice    la    Madonna,    Vedere    che rifiutiamo      ciò      che      è      meglio      per      noi”.   Diversamente    da    come    pensiamo    noi,    i    nostri peccati     offendono     Dio     indirettamente,     ma offendono   di   più   la   nostra   anima   perché   avremo una   colpa   da   espiare.   Certo,   anche   se   il   Signore ci    concede    il    sacramento    della    riconciliazione, non     vuol     dire     che     dobbiamo     peccare     con continuità,   ma   la   cosa   che   lo   fa   più   soffrire   è   che noi    non    gli    permettiamo    di    concederci    la    sua grazia,   perché   non   la   concede   a   chi   la   sperpera, non    dà    le    perle    ai    porci.    Impegniamoci    a cambiare   vita   lottando   contro   al   nostro   orgoglio per   fare   la   sua   volontà.   La   Madonna,   radiosa   è splendida,     scende     da     un     luogo     misterioso insieme   a   tutto   il   Paradiso,   e   noi   rifiutiamo   un bene   così   grande   non   dimostrando   di   averne   un beneficio;   quello   che   Maria   Santissima   ci   porta non   vuole   che   sia   stampato   nella   nostra   mente (l'emozione)        ma        nel        nostro        cuore. Predisponiamoci   a   meritarci   la   grazia   del   Signore, perché     quando     avremo     conosciuto     questa esperienza   non   ce   ne   sarà   più   per   nessuno,   ci renderà   invincibili.   Il   male   sa   che   ci   avrà   persi, ma    sa    anche    come    farci    impedire    questo:    ci lascia   pregare,   andare   in   chiesa,   digiunare,   ma   ci fa   aumentare   nell'orgoglio,   la   qualità   peggiore   di tutte   le   altre.   Infatti   lo   Spirito   Santo   ha   messo   il suo   sigillo   su   coloro   che   non   avevano   più   un milligrammo    di    orgoglio,    non    sui    saccenti.    È sceso    sui    Santi    che    avevano    un    cuore    umile. Quello   che   il   Signore   ci   chiede   noi   l'abbiamo   già, perché   un   cuore   l'abbiamo   tutti:   dipende   dalla porticina   che   vogliamo   aprire,   dalla   chiave   che usiamo.   Non   impantaniamoci   in   discorsi   che   non servono   a   niente,   distinguiamo   la   materia   dallo spirito:   con   la   prima   possiamo   ragionare   con   la seconda    no,    commetteremmo    un    grave    errore perché   entriamo   nel   mistero   di   Dio.   Chi   di   noi può   pretendere   di   diventare   suo   consigliere?   E se   fosse   una   gravissima   offesa,   un'eresia, aver     usurpato     e     profanato     Dio     senza rendercene    conto?    In    fondo    siamo    solo    un microbo,   un   pulviscolo   e   se   non   ce   lo   avesse rivelato    Maria    Santissima,    non    conoscevamo nemmeno   ciò   che   probabilmente   offende   di   più Dio.   Abbiamo   un   amico   che   è   in   grado   di   darci quello   che   ci   necessita   con   estremo   bisogno   e   noi lo   rifiutiamo.   Il   Signore   può   dirci:   "Ma   io   ti   ho dotato   di   un'intelligenza,   di   una   capacità,   ma   è tanto   evidente   davanti   a   te   che   se   tu   dimostri fedeltà   alla   mia   parola,   io   ti   darò   tutto   quello   che hai     bisogno".      Che     sono     poi     le     benedizioni abbondanti   descritte   nel   Deuteronomio.   Vogliamo essere    coloro    che    accumulano    preghiere    su preghiere    o    coloro    che    oltre    alle    preghiere dimostrano   fedeltà   al   Signore?   La   Madonna   nella sua   esperienza   terrena   sapeva   tutto   dei   farisei dei   pubblicani,   della   legge   ebraica,   ma   non   si   è messa   a   criticare,   ha   ubbidito   pur   sapendo   la verità.   Oggi   vuole   rinnovarci   la   nostra   anima,   il nostro   cuore;   ci   chiede   di   essere   suoi   servitori   e strumenti   con   l'aiuto   dello   Spirito   Santo.   Puoi   se riusciremo     a     riportare     una     pecora     all'ovile, avremmo   fatto   la   nostra   parte,   perché   verranno salvate   moltissime   altre   pecore.   Disabituarci   alle abitudini    che    sono    radicate    in    noi    e    che    ci portiamo   come   eredità   di   chi   ci   ha   preceduto   non è    facile,    ci    vuole    tempo.    Fermiamo    la    nostra mente,    non    pensiamo    di    avere    la    certezza    di essere   nel   giusto.   Rispecchiamoci   nel   Vangelo per   vedere   quante   cose   stiamo   facendo   in senso    contrario    e    come    siamo    diversi    da quello che pensiamo noi.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile