Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Chi   è   che   ha   più   problemi   di   natura   demoniaca?   Quelli   che   vanno   agli   incontri   di   preghiera.   Coloro   che   vivono normalmente   la   propria   vita   non   hanno   certe   "problematiche"   di   negatività   e   di   paure,   non   finalizzano   tutte   le   difficoltà   a un   fatto   demoniaco.    Se   hanno   un   raffreddore   se   lo   fanno   passare,   se   hanno   un   problema   lo   risolvono,   non   vanno   a   fare un   esorcismo.   Invece   coloro   che   pregano   attribuiscono   al   diavolo   ogni   piccolo   inconveniente.   Anziché      dimostrare   che siamo   il   popolo   vittorioso,   andiamo   a   dire   che   siamo   i   perdenti   e   le   vittime   di   ogni   piccola   cosa   a   motivo   della   nostra preghiera.   Questo   è   fanatismo   e   mancanza   di   equilibrio.   È   ovvio   che   il   male   ci   prova,   ma   non   si   perde   in   queste   cose,   ci mette   l'uno   contro   l'altro   in   un   modo   letale   perché   vuole   la   nostra   anima.   Dov’è   il   coraggio,   la   dignità   e   l'abbandono   a Dio?   Gesù   nell'orto   dei   Getsemani   ha   forse   accusato   il   demonio?   Smettiamola   di   vendere   doni   e   profezie   che   al   99%   non si   realizzano,   sono   recite   teatrali.   Dobbiamo   recuperare   l'autenticità   cristiana;   se   Dio   è   con   noi   superiamo   tutte   le   prove senza   combattere.   Non   pensiamo   di   difenderci   da   chissà   chi,   ma   da   noi   stessi   e   da   quello   che   fuoriesce   dalla   nostra bocca.   Cosa   andiamo   a   rivelare   quando   parliamo   di   cose   che   non   sono   scritte   sul   Vangelo,   di   “profumi”   e   di   “segni”?   C'è uno    svuotamento    dei    valori    nonostante    le    tante    preghiere,    manca    la    coerenza    e    la    “sostanza”.    Se    vivessimo correttamente   vedremmo   subito   scomparire   tante   problematiche   che   ci   creiamo   noi,   non   il   diavolo.   Chi   ci   obbliga   a vivere   in   un   certo   modo?   Dobbiamo   parlare   il   linguaggio   dell'amore   e   accettare   le   persone   che   più   ci   disturbano   così avremo   meriti   per   guadagnarci   il   paradiso.   Amare   il   nemico   non   vuol   dire   aprire   la   porta   al   ladro,   ci   vuole   prudenza   come dicono   i   libri   sapienziali,   né      giudicare   e   affrontare   "di   petto"   i   fratelli   appena   trasgrediscono   la   legge.   I   santi   non   hanno penalizzato   gli   altri,   ma   li   hanno   favoriti   passando   attraverso   tribolazioni.   Possiamo   essere   maestri   di   vita   vivendo normalmente,   nella   gioia,   nel   gaudio   e   nella   letizia,   pur   avendo   la   croce   sulle   spalle.   Il   peccatore   viene   evitato   da parecchi   cristiani,   ma   è   la   “pecorella   smarrita”   amata   da   Gesù.   Non   si   comporta   bene   per   noi   o   per   il   Signore?   E   se   la persona   sgradita   a   noi   fosse   gradita   a   Dio?   La   Sua   legge   e   il   suo   giudizio   non   sono   i   nostri:   per   farci   superare   la   prova della   carità,   non   ci   mette   davanti   la   persona   più   gradevole.   Amiamola   anche   con   i   suoi   difetti,   perché   tanti   si   sono   dati   al malaffare,   alla   prostituzione   e   al   suicidio   quando   si   sono   sentiti   tremendamente   soli   e   messi   in   un   angolo.   Quando   uno è   sotto   l'attacco   del   male   non   ha   più   la   capacità   di   ragionare,   viene   privato   dell'equilibrio.    Il   male   ci   disarma illudendoci   di   sostenere   il   bene   quando   non   c'è   niente   di   bene.   Non   odiamo   e   non   critichiamo   coloro   che   non   fanno   del bene,   che   ci   deludono   e   ci   fanno   soffrire.   Sono   figli   di   Dio.   Se   ne   portiamo   uno   solo   alla   salvezza   ci   sarà   grande   festa   in cielo.   Certamente   non   possiamo   portare   chi   è   già   santo.   Dove   è   il   volto   dell'uomo   di   fede   in   mezzo   a   noi?   Questa   luce negli   occhi   non   si   vede   più,   c'è   solo   la   critica,   il   giudizio,   l'arrabbiatura.   Non   dobbiamo   avere   paura   a   tendere   la   mano   al peccatore,   aiutiamolo   invece   di   lamentarci.   Chi   si   comporta   male   non   è   felice   e   si   giustifica   pensando   ai   torti   che   ha ricevuto.   Quante   volte   abbiamo   fatto   soffrire   una   persona   con   una   parola?   Il   Signore   si   scandalizza   quando   vogliamo imporre al nostro coniuge una linea che non è ancora pronto ad accettare. Proporre è giusto ma imporre no. LA BONTA' DEI PAPI Tutti   i   Papi   sono   stati   uniti   da   una   caratteristica:   la   bontà,   l'umiltà,   la   capacità   di   saper   andare   avanti   nonostante   i problemi   e   le   provocazioni.   Sembrano   tutti   partoriti   dalla   stessa   madre.   Eppure   sono   fermi   sulle   loro   posizioni,   hanno chiesto   “scusa”   per   aver   creato   sofferenza   nel   difendere   cose   giuste.   Quante   lacrime   di   tormento   e   delusione   avranno versato   nella   solitudine!   Invece   di   trovare   una   spalla   di   sostegno   e   solidarietà,   vengono   criticati   da   tutte   le   parti,   persino dai   loro   fratelli   interni.   Senza   la   protezione   di   Dio   sarebbero   schiantati   subito.   Il   Signore   vuol   essere   difeso   da   chi   è   mite e   umile   di   cuore,   da   chi   ha   la   caratteristica   della   bontà.   Non   saranno   mai   servi   di   Dio   coloro   che   si   scandalizzano   e   si comportano con durezza, anche se fanno una vita penitenziale.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Cristiani snaturati
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  Chi   è   che   ha   più   problemi   di   natura   demoniaca? Quelli   che   vanno   agli   incontri   di   preghiera.   Coloro che    vivono    normalmente    la    propria    vita    non hanno   certe   "problematiche"   di   negatività   e   di paure,    non    finalizzano    tutte    le    difficoltà    a    un fatto   demoniaco.   Se   hanno   un   raffreddore   se   lo fanno     passare,     se     hanno     un     problema     lo risolvono,   non   vanno   a   fare   un   esorcismo.   Invece coloro   che   pregano   attribuiscono   al   diavolo   ogni piccolo   inconveniente.   Anziché      dimostrare   che siamo   il   popolo   vittorioso,   andiamo   a   dire   che siamo   i   perdenti   e   le   vittime   di   ogni   piccola   cosa a    motivo    della    nostra    preghiera.    Questo    è fanatismo   e   mancanza   di   equilibrio.   È   ovvio   che   il male   ci   prova,   ma   non   si   perde   in   queste   cose,   ci mette    l'uno    contro    l'altro    in    un    modo    letale perché   vuole   la   nostra   anima.   Dov’è   il   coraggio, la   dignità   e   l'abbandono   a   Dio?   Gesù   nell'orto   dei Getsemani     ha     forse     accusato     il     demonio? Smettiamola   di   vendere   doni   e   profezie   che   al 99%    non    si    realizzano,    sono    recite    teatrali. Dobbiamo   recuperare   l'autenticità   cristiana;   se Dio   è   con   noi   superiamo   tutte   le   prove   senza combattere.    Non    pensiamo    di    difenderci    da chissà    chi,    ma    da    noi    stessi    e    da    quello    che fuoriesce    dalla    nostra    bocca.    Cosa    andiamo    a rivelare   quando   parliamo   di   cose   che   non   sono scritte   sul   Vangelo,   di   “profumi”   e   di   “segni”?   C'è uno   svuotamento   dei   valori   nonostante   le   tante preghiere,   manca   la   coerenza   e   la   “sostanza”.   Se vivessimo      correttamente      vedremmo      subito scomparire   tante   problematiche   che   ci   creiamo noi,   non   il   diavolo.   Chi   ci   obbliga   a   vivere   in   un certo    modo?    Dobbiamo    parlare    il    linguaggio dell'amore    e    accettare    le    persone    che    più    ci disturbano   così   avremo   meriti   per   guadagnarci   il paradiso.   Amare   il   nemico   non   vuol   dire   aprire   la porta   al   ladro,   ci   vuole   prudenza   come   dicono   i libri   sapienziali,   né      giudicare   e   affrontare   "di petto"   i   fratelli   appena   trasgrediscono   la   legge.   I santi   non   hanno   penalizzato   gli   altri,   ma   li   hanno favoriti       passando       attraverso       tribolazioni. Possiamo     essere     maestri     di     vita     vivendo normalmente,    nella    gioia,    nel    gaudio    e    nella letizia,    pur    avendo    la    croce    sulle    spalle.    Il peccatore   viene   evitato   da   parecchi   cristiani,   ma è   la   “pecorella   smarrita”   amata   da   Gesù.   Non   si comporta   bene   per   noi   o   per   il   Signore?   E   se   la persona   sgradita   a   noi   fosse   gradita   a   Dio?   La Sua   legge   e   il   suo   giudizio   non   sono   i   nostri:   per farci   superare   la   prova   della   carità,   non   ci   mette davanti    la    persona    più    gradevole.    Amiamola anche   con   i   suoi   difetti,   perché   tanti   si   sono   dati al    malaffare,    alla    prostituzione    e    al    suicidio quando    si    sono    sentiti    tremendamente    soli    e messi    in    un    angolo.    Quando    uno    è    sotto l'attacco   del   male   non   ha   più   la   capacità   di ragionare,    viene    privato    dell'equilibrio.     Il male   ci   disarma   illudendoci   di   sostenere   il   bene quando   non   c'è   niente   di   bene.   Non   odiamo   e non   critichiamo   coloro   che   non   fanno   del   bene, che   ci   deludono   e   ci   fanno   soffrire.   Sono   figli   di Dio.   Se   ne   portiamo   uno   solo   alla   salvezza   ci   sarà grande   festa   in   cielo.   Certamente   non   possiamo portare   chi   è   già   santo.   Dove   è   il   volto   dell'uomo di   fede   in   mezzo   a   noi?   Questa   luce   negli   occhi non   si   vede   più,   c'è   solo   la   critica,   il   giudizio, l'arrabbiatura.    Non    dobbiamo    avere    paura    a tendere   la   mano   al   peccatore,   aiutiamolo   invece di   lamentarci.   Chi   si   comporta   male   non   è   felice e   si   giustifica   pensando   ai   torti   che   ha   ricevuto. Quante   volte   abbiamo   fatto   soffrire   una   persona con   una   parola?   Il   Signore   si   scandalizza   quando vogliamo   imporre   al   nostro   coniuge   una   linea   che non   è   ancora   pronto   ad   accettare.   Proporre   è giusto ma imporre no. LA BONTA' DEI PAPI Tutti   i   Papi   sono   stati   uniti   da   una   caratteristica: la   bontà,   l'umiltà,   la   capacità   di   saper   andare avanti   nonostante   i   problemi   e   le   provocazioni. Sembrano    tutti    partoriti    dalla    stessa    madre. Eppure    sono    fermi    sulle    loro    posizioni,    hanno chiesto   “scusa”   per   aver   creato   sofferenza   nel difendere     cose     giuste.     Quante     lacrime     di tormento    e    delusione    avranno    versato    nella solitudine!    Invece    di    trovare    una    spalla    di sostegno   e   solidarietà,   vengono   criticati   da   tutte le   parti,   persino   dai   loro   fratelli   interni.   Senza   la protezione   di   Dio   sarebbero   schiantati   subito.   Il Signore   vuol   essere   difeso   da   chi   è   mite   e   umile di   cuore,   da   chi   ha   la   caratteristica   della   bontà. Non    saranno    mai    servi    di    Dio    coloro    che    si scandalizzano    e    si    comportano    con    durezza, anche se fanno una vita penitenziale.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile