Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Quando   sono   nella   casa   del   Signore,   davanti   ad   un   crocifisso   e   alla   SS.   Eucaristia,   quanti   buoni   propositi   faccio   in   quel momento….Quante volte penso di dire al Signore:” Ti voglio bene, ti amo”. Ma io veramente amo il Signore, veramente è il mio migliore amico?   Il   Signore   mi   ha   dato   tutto   perché   io   mi   innamori   di   Lui   ed   ha   dimostrato   che   mi   ama   infinitamente   e   che   io   sono   il   suo migliore   amico,   finendo   appeso   ad   una   croce   per   me!      Io   amo   il   Signore,   a   livello   umano,   nella   stessa   misura   in   cui   Lui ama me? Io penso che il Signore sia il mio migliore amico, solo perché io sono il suo migliore amico.  Ma in che modo dimostro al Signore il mio amore per Lui? Per   voler   bene   al   Signore   ci   deve   essere   anche   un   comportamento   adeguato:   non   devo   voler   bene   alla   statua,   al   quadro, alla   raffigurazione.      Devo   voler   bene   all’uomo-Dio,   perché   in   ogni   uomo   c’è   Dio.   Devo   amare   le   persone   che   mi   stanno vicine,   i   familiari,   i   nemici.   Quella   è   la   migliore   dimostrazione   che   amo   Dio.   Devo   capire   se   confermo   con   la   mia   vita   tutti i buoni proponimenti che faccio. Ma io sono disponibile a dimostrare il mio amore a Dio? Se   non   riesco   a   dimostrarlo,   il   Signore   mi   vuole   bene   comunque,   ma   non   devo   dire   io   ti   voglio   bene”    perché   è   una falsità.   Che   effetto   fa   davanti   al   Signore   dire   “ti   voglio   bene” ,   quando   Lui   sa   che   nei   comportamenti   non   è   così?   Non sarebbe   meglio   dire   “Vorrei   tanto   che   anche   tu   fossi   mio   amico   come   io   lo   sono   per   te,   ma   non   ci   riesco,   non   me   la sento”!      E’   sicuramente   più   bello   e   più   rispettoso   verso   Dio.   Anzi,   dovrei   sentirmi   così   solidale   con   il   nostro   Signore   da non   avere   più   neanche   il   coraggio   di   dire   “ti   voglio   bene”   per   espiare   tutti   quelli   che   non   gli   vogliono   bene.   Essere   sinceri davanti   al   Signore   significa   fare   il   possibile   per    evitare   di   rompere   l’alleanza   con   Dio   aderendo   al   peccato,    con   il risultato   di   ingannare   noi   stessi   attraverso   Messe,   Rosari,   digiuni,   dicendo   Signore…Signore…”   per   nascondere   le   nostre magagne,   ma   non   facendo   la   volontà   di   Dio.   Amare   veramente   il   Signore   significa   lasciare   ogni   commento   e   ogni discussione,   ed   essere   obbediente,   seguendo   silenziosamente   la   parola   di   Dio   in   modo   da   costruire   la   mia   vita   sul Signore   e   non   sull’essere   umano   (“lascia   tutto   e   seguimi..”):   solo   così   otterrò   tutte   le   risposte   e   le   Grazie   necessarie   che Dio   mi   dona,   al   momento   giusto,   quando   sono   giusto,   quando   me   lo   merito,   quando   ne   so   fare   buon   uso,   non diversamente.   Se   voglio   che   il   Signore   diventi   veramente   il   mio   migliore   amico,   faccio   mio   il   suggerimento   che   san Giuseppe ha dato sul monte Misma di “abbandonarsi totalmente alla volonta’ di Dio”.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
E' giusto non essere sinceri davanti al Signore
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Quando   sono   nella   casa   del   Signore,   davanti   ad un   crocifisso   e   alla   SS.   Eucaristia,   quanti   buoni propositi   faccio   in   quel   momento….Quante   volte penso di dire al Signore:” Ti voglio bene, ti amo”. Ma   io   veramente   amo   il   Signore,   veramente è il mio migliore amico?   Il   Signore   mi   ha   dato   tutto   perché   io   mi   innamori di   Lui   ed   ha   dimostrato   che   mi   ama   infinitamente e    che    io    sono    il    suo    migliore    amico,    finendo appeso   ad   una   croce   per   me!      Io   amo   il   Signore, a   livello   umano,   nella   stessa   misura   in   cui   Lui ama    me?    Io    penso    che    il    Signore    sia    il    mio migliore    amico,    solo    perché    io    sono    il    suo migliore amico.  Ma   in   che   modo   dimostro   al   Signore   il   mio amore per Lui? Per   voler   bene   al   Signore   ci   deve   essere   anche un    comportamento    adeguato:    non    devo    voler bene   alla   statua,   al   quadro,   alla   raffigurazione.     Devo    voler    bene    all’uomo-Dio,    perché    in    ogni uomo   c’è   Dio.   Devo   amare   le   persone   che   mi stanno   vicine,   i   familiari,   i   nemici.   Quella   è   la migliore   dimostrazione   che   amo   Dio.   Devo   capire se    confermo    con    la    mia    vita    tutti    i    buoni proponimenti che faccio. Ma   io   sono   disponibile   a   dimostrare   il   mio amore a Dio? Se   non   riesco   a   dimostrarlo,   il   Signore   mi   vuole bene   comunque,   ma   non   devo   dire   io   ti   voglio bene”    perché   è   una   falsità.   Che   effetto   fa   davanti al   Signore   dire   “ti   voglio   bene” ,   quando   Lui   sa che   nei   comportamenti   non   è   così?   Non   sarebbe meglio   dire   “Vorrei   tanto   che   anche   tu   fossi   mio amico   come   io   lo   sono   per   te,   ma   non   ci   riesco, non   me   la   sento”!      E’   sicuramente   più   bello   e   più rispettoso   verso   Dio.   Anzi,   dovrei   sentirmi   così solidale   con   il   nostro   Signore   da   non   avere   più neanche   il   coraggio   di   dire   “ti   voglio   bene”   per espiare   tutti   quelli   che   non   gli   vogliono   bene. Essere   sinceri   davanti   al   Signore   significa   fare   il possibile    per     evitare    di    rompere    l’alleanza con   Dio   aderendo   al   peccato,    con   il   risultato   di ingannare    noi    stessi    attraverso    Messe,    Rosari, digiuni,       dicendo       Signore…Signore…”       per nascondere   le   nostre   magagne,   ma   non   facendo la   volontà   di   Dio.   Amare   veramente   il   Signore significa     lasciare     ogni     commento     e     ogni discussione,    ed    essere    obbediente,    seguendo silenziosamente   la   parola   di   Dio   in   modo   da costruire   la   mia   vita   sul   Signore   e   non   sull’essere umano    (“lascia    tutto    e    seguimi..”):    solo    così otterrò   tutte   le   risposte   e   le   Grazie   necessarie che   Dio   mi   dona,   al   momento   giusto,   quando sono   giusto,   quando   me   lo   merito,   quando   ne   so fare   buon   uso,   non   diversamente.   Se   voglio   che il    Signore    diventi    veramente    il    mio    migliore amico,    faccio    mio    il    suggerimento    che    san Giuseppe     ha     dato     sul     monte     Misma     di “abbandonarsi    totalmente    alla    volonta’    di Dio”.    

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile