Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Da   dove   sarà   venuta   quella   colomba   bianca   il   20   gennaio   1988?   Non   è   venuta   certamente   a   competere   con   altri   segni   o soddisfare   la   nostra   curiosità.   Come   si   può   ragionare   su   un   progetto   così   grande?   Nelle   cose   del   Signore   nessuno   ci   può arrivare   con   la   propria   mente,   anche   se   pensa   di   essere   bravo   e   di   aver   pregato   tanto,   ma   non   mettiamole   in   dubbio perché   i   suoi   progetti   si   realizzano,   anche   tra   molte   difficoltà.   Siamo   così   lontani   da   Colui   che   ha   il   potere   su   tutto   che dobbiamo   solo   fare   una   cosa,   ubbidire.    Il   nostro   compito   principale    non   è   quello   di   realizzarci   a   livello   terreno,   anche se   è   una   cosa   molto   importante,   ma   di   trasmettere   in   modo   inequivocabile   e   giusto   la   legge   del   Signore,   indipendentemente   dal   nostro   pensiero.   Non   siamo   cristiani   per   caso.   I   nostri   padri   avevano   un   cuore   migliore   del nostro,   ci   hanno   dato   un   mondo   che   aveva   delle   prospettive,   ma   noi   cosa   diamo   ai   nostri   figli?   Senza   nemmeno   sfruttare la   loro   esperienza,   peggioriamo   ciò   che   ci   hanno   trasmesso   e   viviamo   questo   tempo   come   se   fosse   un   fatto   storico,   un rito.   Siamo   i   portatori   di   ciò   che   divide,   non   ciò   che   unisce.   Il   numero   dei   cristiani   autentici   sulla   terra   è   molto   più   basso di   quello   che   pensiamo,   sarebbe   curioso   vedere   la   differenza   che   c’è   tra   noi   e   loro.   Mentalmente   siamo   come   il   giovane ricco   di   cui   si   parla   nel   Vangelo,   non   saremmo   disposti   a   dare   tutto   per   gli   altri   e   seguire   Dio,   manchiamo   di   carità.   Se sapessimo    in    realtà    come    potremmo    essere    dopo    aver    seguito    un    cammino    giusto,    senza    improvvisare,    non    ci riconosceremmo   più.   Bisogna   capire   cosa   significa   essere   figli   di   Dio   per   portare   la   sua   Parola,   altrimenti   si   infrange   il secondo   comandamento.   Non   siamo   stati   creati   per   vivere   in   una   valle   di   lacrime,   ma   paghiamo   né   più   né   meno   i   nostri errori;   prima   di   tutto   eliminiamo   la   sofferenza   che   causiamo   con   le   nostre   parole,   perché   uccide   di   più   la   lingua   che   la spada.   Al   monte   Misma   la   Madonna   chiede   esplicitamente   il   silenzio,   perché   il   male   per   confondere   il   vero   messaggio   usa il   messaggio,   la   parola.   L'unica   cosa   che   non   riesce   a   fare   è   il   silenzio.    Ecco   perché   il   silenzio   è   garanzia   della presenza   di   Maria   Santissima,   inoltre   corrisponde   alla   sua   caratteristica   terrena   (si   ricorda   di   lei   soltanto   la   frase:   "Fate quello   che   lui   vi   dirà" ).   Il   messaggio   del   silenzio   è   perfetto,   è   il   messaggio   che   parla   di   più    e   può   fermare   la strumentalizzazione   contro   la   Madre   di   Gesù   che   è   in   atto   da   trent’anni.   Troppe   parole   le   vengono   attribuite   e   troppo facilmente   viene   usato   il   suo   santissimo   nome,   solo   per   convincere   e   coinvolgere,   per   confondere,   non   per   unire.   Che   se ne   fa   la   Madonna   di   un   foglio   scritto   da   uomo,   quando   desidera   innanzitutto   che   noi   abbiamo   a   conoscere   la   Bibbia? Miliardi   di   fogli   sono   girati   nelle   mani   dei   cristiani,   eppure   la   loro   condizione   spirituale   è   peggiorata .   Ci sembra   possibile   che   nei   suoi   messaggi   venga   a   mettere   una   parte   contro   un'altra   nella   stessa   famiglia   di   Cristo?   E’   più logico   che   dica:   " Tu   ama",    per   farci   unire   anche   con   i   nostri   difetti.   Maria   Santissima   ci   viene   in   soccorso   con   esortazioni, non   con   fiumi   di   parole,   desidera   farci   scoprire   la   radice   che   va   più   in   profondità,   quella   che   non   viene   sradicata   al   primo colpo   di   vento.   In   che   misura   sappiamo   accoglierla?   Come   rifugio   dei   peccatori,   sa   che   quella   condizione   ci   appartiene, ma   non   è   giusto   peccare   e   non   essere   consapevoli.   Ci   sono   in   giro   anche   i   venditori   di   miracoli,   ma   il   Signore   ci   ha insegnato   a   non   rincorrere   i   segni   e   a   non   leggere   la   Bibbia   in   senso   contrario.   Siamo   come   ricercatori   di   funghi,   di emozioni   o   persone   alla   ricerca   della   verità?      Quando   professiamo   la   nostra   fede   diciamo   "Credo   in   un   solo   Dio,   Padre onnipotente,   Creatore   del   cielo   e   della   terra,   di   tutte   le   cose   visibili   e   invisibili" :   come   dimostriamo   di   credere   con   i   nostri dubbi,   le   nostre   parole   e   le   nostre   proposte?   Oggi   si   tende   ad   incontrarci   per   formare   il   dialogo,   siamo   tutti sostenitori   del   dialogo,   ma   quando   rientriamo   in   casa,    per   colpa   di   una   stupidaggine,   togliamo   la   parola    alla moglie,   ai   figli   o   ai   confinanti.   Che   ipocriti!   Per   uno   screzio,   si   critica   e   si   fa   polemica.   Dov’è   la   carità?      Non   si   cresce   sui messaggi,   ma   ci   si   emoziona;   si   cresce   sulla   vita   quotidiana,   sulle   prove   e   prima   di   pensare   di   parlare   in   nome   della Madonna   è   meglio   amarci   per   quanto   è   possibile.   La   preghiera   è   una   dichiarazione   d'amore   a   Dio,   ma   quello   che desidera   di   più   da   noi   è   che   sappiamo   amarci   gli   uni   gli   altri,   fino   a   sacrificare   tutto   a   vantaggio   dell'altro,   dimenticandoci di   noi   stessi.   Nelle   litanie   dell’umiltà   diciamo:   “Dal   desiderio   di   essere   onorato   liberarmi   Gesù” ,   invece   noi   vogliamo essere solo ricercati, onorati, riconosciuti, approvati. Non ci fa piacere essere l'ultima ruota del carro, ci sentiamo umiliati perché   viene   attaccato   l'orgoglio.   L'unica   nostra   battaglia   è   quella   di   capire   come   bisogna   amare,   ma   per   avere   il massimo   del   risultato   bisogna   che   intervenga   Dio   direttamente:   abbandoniamoci   totalmente   alla   sua   volontà,   vedremo quanto è potente lo Spirito Santo che ha sempre agito nel silenzio, individualmente, mai negli incontri di massa.    Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Dialogo o silenzio?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  Da   dove   sarà   venuta   quella   colomba   bianca   il   20 gennaio    1988?    Non    è    venuta    certamente    a competere   con   altri   segni   o   soddisfare   la   nostra curiosità.   Come   si   può   ragionare   su   un   progetto così   grande?   Nelle   cose   del   Signore   nessuno   ci può    arrivare    con    la    propria    mente,    anche    se pensa   di   essere   bravo   e   di   aver   pregato   tanto, ma    non    mettiamole    in    dubbio    perché    i    suoi progetti   si   realizzano,   anche   tra   molte   difficoltà. Siamo   così   lontani   da   Colui   che   ha   il   potere   su tutto   che   dobbiamo   solo   fare   una   cosa,   ubbidire.   Il   nostro   compito   principale    non   è   quello   di realizzarci   a   livello   terreno,   anche   se   è   una   cosa molto   importante,   ma   di   trasmettere   in   modo inequivocabile   e   giusto   la   legge   del   Signore,   indipendentemente    dal    nostro    pensiero.    Non siamo   cristiani   per   caso.   I   nostri   padri   avevano un   cuore   migliore   del   nostro,   ci   hanno   dato   un mondo   che   aveva   delle   prospettive,   ma   noi   cosa diamo   ai   nostri   figli?   Senza   nemmeno   sfruttare   la loro   esperienza,   peggioriamo   ciò   che   ci   hanno trasmesso    e    viviamo    questo    tempo    come    se fosse   un   fatto   storico,   un   rito.   Siamo   i   portatori di   ciò   che   divide,   non   ciò   che   unisce.   Il   numero dei    cristiani    autentici    sulla    terra    è    molto    più basso   di   quello   che   pensiamo,   sarebbe   curioso vedere    la    differenza    che    c’è    tra    noi    e    loro. Mentalmente   siamo   come   il   giovane   ricco   di   cui   si parla   nel   Vangelo,   non   saremmo   disposti   a   dare tutto   per   gli   altri   e   seguire   Dio,   manchiamo   di carità.   Se   sapessimo   in   realtà   come   potremmo essere   dopo   aver   seguito   un   cammino   giusto, senza   improvvisare,   non   ci   riconosceremmo   più. Bisogna   capire   cosa   significa   essere   figli   di   Dio per   portare   la   sua   Parola,   altrimenti   si   infrange   il secondo   comandamento.   Non   siamo   stati   creati per   vivere   in   una   valle   di   lacrime,   ma   paghiamo né   più   né   meno   i   nostri   errori;   prima   di   tutto eliminiamo    la    sofferenza    che    causiamo    con    le nostre   parole,   perché   uccide   di   più   la   lingua   che la   spada.   Al   monte   Misma   la   Madonna   chiede esplicitamente    il    silenzio,    perché    il    male    per confondere   il   vero   messaggio   usa   il   messaggio, la   parola.   L'unica   cosa   che   non   riesce   a   fare è   il   silenzio.    Ecco   perché   il   silenzio   è   garanzia della     presenza     di     Maria     Santissima,     inoltre corrisponde    alla    sua    caratteristica    terrena    (si ricorda   di   lei   soltanto   la   frase:   "Fate   quello   che lui    vi    dirà" ).    Il    messaggio    del    silenzio    è perfetto,   è   il   messaggio   che   parla   di   più    e può    fermare    la    strumentalizzazione    contro    la Madre   di   Gesù   che   è   in   atto   da   trent’anni.   Troppe parole   le   vengono   attribuite   e   troppo   facilmente viene    usato    il    suo    santissimo    nome,    solo    per convincere   e   coinvolgere,   per   confondere,   non per   unire.   Che   se   ne   fa   la   Madonna   di   un   foglio scritto   da   uomo,   quando   desidera   innanzitutto che   noi   abbiamo   a   conoscere   la   Bibbia?   Miliardi di   fogli   sono   girati   nelle   mani   dei   cristiani, eppure     la     loro     condizione     spirituale     è peggiorata .    Ci    sembra    possibile    che    nei    suoi messaggi    venga    a    mettere    una    parte    contro un'altra   nella   stessa   famiglia   di   Cristo?   E’   più logico   che   dica:   " Tu   ama",    per   farci   unire   anche con   i   nostri   difetti.   Maria   Santissima   ci   viene   in soccorso   con   esortazioni,   non   con   fiumi   di   parole, desidera   farci   scoprire   la   radice   che   va   più   in profondità,    quella    che    non    viene    sradicata    al primo   colpo   di   vento.   In   che   misura   sappiamo accoglierla?   Come   rifugio   dei   peccatori,   sa   che quella   condizione   ci   appartiene,   ma   non   è   giusto peccare   e   non   essere   consapevoli.   Ci   sono   in   giro anche   i   venditori   di   miracoli,   ma   il   Signore   ci   ha insegnato    a    non    rincorrere    i    segni    e    a    non leggere   la   Bibbia   in   senso   contrario.   Siamo   come ricercatori   di   funghi,   di   emozioni   o   persone   alla ricerca    della    verità?        Quando    professiamo    la nostra   fede   diciamo   "Credo   in   un   solo   Dio,   Padre onnipotente,   Creatore   del   cielo   e   della   terra,   di tutte     le     cose     visibili     e     invisibili" :     come dimostriamo    di    credere    con    i    nostri    dubbi,    le nostre    parole    e    le    nostre    proposte?    Oggi    si tende   ad   incontrarci   per   formare   il   dialogo, siamo     tutti     sostenitori     del     dialogo,     ma quando   rientriamo   in   casa,    per   colpa   di   una stupidaggine,   togliamo   la   parola    alla   moglie,   ai figli   o   ai   confinanti.   Che   ipocriti!   Per   uno   screzio, si   critica   e   si   fa   polemica.   Dov’è   la   carità?      Non   si cresce   sui   messaggi,   ma   ci   si   emoziona;   si   cresce sulla    vita    quotidiana,    sulle    prove    e    prima    di pensare    di    parlare    in    nome    della    Madonna    è meglio     amarci     per     quanto     è     possibile.     La preghiera   è   una   dichiarazione   d'amore   a   Dio,   ma quello   che   desidera   di   più   da   noi   è   che   sappiamo amarci   gli   uni   gli   altri,   fino   a   sacrificare   tutto   a vantaggio   dell'altro,   dimenticandoci   di   noi   stessi. Nelle   litanie   dell’umiltà   diciamo:   “Dal   desiderio   di essere     onorato     liberarmi     Gesù” ,     invece     noi vogliamo      essere      solo      ricercati,      onorati, riconosciuti,   approvati.   Non   ci   fa   piacere   essere l'ultima    ruota    del    carro,    ci    sentiamo    umiliati perché   viene   attaccato   l'orgoglio.   L'unica   nostra battaglia   è   quella   di   capire   come   bisogna   amare, ma   per   avere   il   massimo   del   risultato   bisogna che          intervenga          Dio          direttamente: abbandoniamoci    totalmente    alla    sua    volontà, vedremo   quanto   è   potente   lo   Spirito   Santo   che ha    sempre    agito    nel    silenzio,    individualmente, mai negli incontri di massa.   

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                             Dialogo o silenzio?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile