Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Abbiamo   difficoltà   a   fare   ciò   che   il   Signore   ci   chiede,   a   servirlo   e   a   rinunciare   alle   nostre   abitudini   quotidiane,   perché non   lo   amiamo   al   di   sopra   di   tutto!    Prima   ci   sono   i   nostri   impegni   quotidiani,   i   nostri   familiari,   il   nostro   lavoro. Davanti   al   Signore   mettiamo   i   nostri   interessi   economici,   lo   barattiamo   con   i   soldi….Che   tristezza!   Per   la   persona   che amiamo   saremmo   disposti   a   fare   qualsiasi   cosa,   anche   lasciare   la   nostra   famiglia.   Con   il   Signore   non   avviene   così, perché   prima   ci   sono   i   nostri   problemi   e   le   nostre   esigenze;   anzi   pretendiamo   che   il   Signore   si   debba   accontentare   di quello   che   gli   passiamo…   È   questo   il   bene   che   dimostriamo   Signore?   Al   di   sopra   di   tutto   nella   nostra   mente,   nel nostro   cuore   e   nei   nostri   desideri,   deve   esserci   il   Signore,   il   quale   è   contento   di   essere   presente   nel   nostro sentimento,   anche   se   gli   concediamo   poco   spazio.   Un   po’   come   avviene   quando   amiamo   una   persona   e   possiamo frequentarla   una   sola   volta   alla   settimana:   il   nostro   pensiero   è   continuamente   rivolto   a   quella   persona,   pur   realizzando tutti   i   nostri   impegni   di   lavoro   e   familiari.   È   questo   che   il   Signore   si   aspetta   da   noi,   non   che   gli   dimostriamo   di   andare   a messa   tutti   i   giorni   o   agli   incontri   di   preghiera,   tralasciando   i   nostri   impegni   e   creando   problemi   e   sofferenze   alle   persone che   ci   stanno   intorno…      E’   sufficiente   santificare   la   festa   di   domenica,   e   questo   il   Signore   lo   capisce   bene!   Dobbiamo essere   coerenti   e   consapevoli   che   è   un   impegno   avere   interessi   e   responsabilità   nella   propria   condizione   sociale,   e   che   è possibile   dimostrare   di   avere   il   Signore   al   primo   posto   nei   nostri   sentimenti,   indipendentemente   dalla   quantità   di   tempo che   riusciamo   a   dedicargli.   Il   Signore   vuole   il   nostro   sentimento   rivolto   verso   di   lui   e   ce   lo   ha   detto   chiaramente: “Se   uno   viene   a   me   e   non   odia   suo   padre,   sua   madre,   la   moglie,   i   figli,   i   fratelli,   le   sorelle   e   perfino   la   propria   vita,   non può   essere   mio   discepolo”   (Lc.14,26).   Non   ci   ha   mai   chiesto   di   rinunciare   ai   nostri   impegni   familiari,   non   ci   ha   chiesto cose   impossibili,   ci   ha   chiesto   una   cosa   più   semplice   e   possibile   nel   nostro   cuore:   amare.   Che   bello   per   il   Signore   vedere una   persona   che   soffre   serenamente   perché   non   può   lodarlo,   ma   deve   aiutare   la   sua   famiglia.   Prima   delle   nostre preghiere,   chiediamoci   se   il   nostro   comportamento   è   giusto   rispetto   a   quello   che   il   Signore   ci   ha   indicato.   Non   pensiamo di   mettere   al   primo   posto   il   Signore   solo   perché   preghiamo,   perché   quella   è   una   cosa   che   non   ci   costa   niente,   anzi   è   un beneficio   che   il   Signore   ci   ha   fatto   conoscere   (preghiamo   con   le   sue   parole)   e   ci   concede.   Amiamo,   accettando   le ingiustizie che a volte, all'origine, nascono da un nostro comportamento sbagliato… SARÀ LA NOSTRA VITA CHE CI PROMUOVERÀ O CONDANNERÀ Nei   suoi   interventi   pubblici   Gesù   non   invitava   la   gente   a   pregare,   a   ricevere   la   santa   eucarestia   (a   spezzare   il   pane   con loro),   ma   continuamente   invitava   a   cambiare   vita,   ad   avere   uno   certo   stile   comportamentale,   non   a   guardare   agli   altri   e ad   essere   curiosi   degli   sbagli   altrui.   Come   possiamo   pensare   di   criticare   Tizio,   Caio,   o   Sempronio   se   dimostriamo   di   fare ciò   che   il   Signore   ci   dice   di   non   fare,   se   siamo   pieni   di   infermità   spirituale,    perché   dimostriamo   di   non   possere   i   frutti dello   spirito   Santo,   che   sono   amore,   gioia,   pace,   pazienza,   benevolenza,   bontà,   fedeltà,   mitezza   e   dominio   di   sé? Sentiamoci   indegni   e   con   sofferenza   diciamo:   “Signore   tu   mi   hai   messo   al   primo   posto   perché   sei   morto   per   me,   mi   hai dato   il   sacramento   della   riconciliazione,mi   hai   dato   tutte   le   possibilità   per   essere   ancora   accettato   da   te,   anche   nei   miei errori.   Ma   io   non   ti   ho   messo   al   primo   posto,   e   non   faccio   per   te   quello   che   tu   hai   fatto   per   me”.   Siamo   solidali   con   il Signore,   con   quello   che   lui   ha   fatto   per   noi,   per   avere   usato   la   sua   potenza,   il   suo   perdono,   il   suo   amore   per   noi.   Le parabole   di   Gesù   sono   quasi   un   "rimprovero"   al   nostro   comportamento,   dato   che   non   stiamo   facendo   le   cose   giuste   e portiamo   avanti   la   nostra   idea   personale   che   la   società,   le   mode   e   lo   stile   di   vita,   ci   hanno   inculcato   in   modo   martellante. Ci   siamo   illusi   di   fare   le   cose   giuste,   di   essere   solidali   con   una   parte   del   mondo   dove   c'è   sofferenza,   mentre   non   lo   siamo con   le   persone   della   porta   accanto.   Dentro   di   noi   abbiamo   fatto   posto   all’ iniquità    e   alla   falsità :   quei   valori   della   vita   che diciamo   che   nel   mondo   non   ci   sono   più,   in   realtà   non   sono   più   dentro   di   noi.   Cerchiamo   di   fare   quel   poco   che   possiamo fare   diventando   coerenti,       non   mistici   o   miracolosi   o   miracolati,   ma   semplici    e   giusti.    Interveniamo   su   noi   stessi   per dimostrare   che   il   cristiano   non   è   poi   così   pieno   di   difetti   e   di   errori,   come   purtroppo   sembra   che   si   evidenzi.   Non lasciamoci   condizionare   dai   fatti   negativi   di   cui   veniamo   a   conoscenza,   per   non   creare   polemiche,   dissensi   e   maldicenze. Perché   non   saranno   i   cortei   di   contestazione,   le   raccolte   firme,   i   referendum...   ad   eliminare   tutto   il   male   che   c'è   sulla terra,   ma   le   vibrazioni   d'amore   che   possono   uscire   anche   dal   nostro   cuore,   inconsapevolmente,   ed   estendersi   a “macchia   d’olio”   senza   lasciare   vuoti,   a   partire   dalle   persone   a   noi   vicine.   Come   avveniva   per   Gesù   e   Maria:   al   loro passaggio   il   male   si   disintegrava,   le   persone   dannate   all'improvviso   trovavano   la   pace,   svaniva   la   rabbia   e   l'odio. Insegniamolo anche gli altri senza diventare persone bigotte o insignificanti, ma avendo gli interessi nei nostri impegni.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Che posto occupa il Signore nella nostra vita?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Abbiamo   difficoltà   a   fare   ciò   che   il   Signore   ci chiede,    a    servirlo    e    a    rinunciare    alle    nostre abitudini   quotidiane,   perché   non   lo   amiamo   al di   sopra   di   tutto!    Prima   ci   sono   i   nostri   impegni quotidiani,    i    nostri    familiari,    il    nostro    lavoro. Davanti    al    Signore    mettiamo    i    nostri    interessi economici,     lo     barattiamo     con     i     soldi….Che tristezza!   Per   la   persona   che   amiamo   saremmo disposti   a   fare   qualsiasi   cosa,   anche   lasciare   la nostra   famiglia.   Con   il   Signore   non   avviene   così, perché   prima   ci   sono   i   nostri   problemi   e   le   nostre esigenze;    anzi    pretendiamo    che    il    Signore    si debba   accontentare   di   quello   che   gli   passiamo… È   questo   il   bene   che   dimostriamo   Signore?   Al   di sopra   di   tutto   nella   nostra   mente,   nel   nostro cuore   e   nei   nostri   desideri,   deve   esserci   il Signore,     il     quale     è     contento     di     essere presente   nel   nostro   sentimento,   anche   se gli    concediamo    poco    spazio.    Un    po’    come avviene   quando   amiamo   una   persona   e   possiamo frequentarla    una    sola    volta    alla    settimana:    il nostro   pensiero   è   continuamente   rivolto   a   quella persona,   pur   realizzando   tutti   i   nostri   impegni   di lavoro    e    familiari.    È    questo    che    il    Signore    si aspetta    da    noi,    non    che    gli    dimostriamo    di andare   a   messa   tutti   i   giorni   o   agli   incontri   di preghiera,     tralasciando     i     nostri     impegni     e creando   problemi   e   sofferenze   alle   persone   che   ci stanno   intorno…      E’   sufficiente   santificare   la   festa di   domenica,   e   questo   il   Signore   lo   capisce   bene! Dobbiamo   essere   coerenti   e   consapevoli   che   è   un impegno    avere    interessi    e    responsabilità    nella propria    condizione    sociale,    e    che    è    possibile dimostrare   di   avere   il   Signore   al   primo   posto   nei nostri      sentimenti,      indipendentemente      dalla quantità   di   tempo   che   riusciamo   a   dedicargli.   Il Signore   vuole   il   nostro   sentimento   rivolto verso   di   lui   e   ce   lo   ha   detto   chiaramente:   “Se uno    viene    a    me    e    non    odia    suo    padre,    sua madre,   la   moglie,   i   figli,   i   fratelli,   le   sorelle   e perfino    la    propria    vita,    non    può    essere    mio discepolo”   (Lc.14,26).   Non   ci   ha   mai   chiesto   di rinunciare   ai   nostri   impegni   familiari,   non   ci   ha chiesto   cose   impossibili,   ci   ha   chiesto   una   cosa più   semplice   e   possibile   nel   nostro   cuore:   amare. Che   bello   per   il   Signore   vedere   una   persona   che soffre   serenamente   perché   non   può   lodarlo,   ma deve   aiutare   la   sua   famiglia.   Prima   delle   nostre preghiere,        chiediamoci        se        il        nostro comportamento   è   giusto   rispetto   a   quello   che   il Signore   ci   ha   indicato.   Non   pensiamo   di   mettere al   primo   posto   il   Signore   solo   perché   preghiamo, perché   quella   è   una   cosa   che   non   ci   costa   niente, anzi   è   un   beneficio   che   il   Signore   ci   ha   fatto conoscere   (preghiamo   con   le   sue   parole)   e   ci concede.   Amiamo,   accettando   le   ingiustizie   che   a volte,      all'origine,      nascono      da      un      nostro comportamento sbagliato… SARÀ LA NOSTRA VITA CHE CI PROMUOVERÀ O CONDANNERÀ Nei   suoi   interventi   pubblici   Gesù   non   invitava   la gente   a   pregare,   a   ricevere   la   santa   eucarestia   (a spezzare   il   pane   con   loro),   ma   continuamente invitava   a   cambiare   vita,   ad   avere   uno   certo   stile comportamentale,   non   a   guardare   agli   altri   e   ad essere   curiosi   degli   sbagli   altrui.   Come   possiamo pensare   di   criticare   Tizio,   Caio,   o   Sempronio   se dimostriamo   di   fare   ciò   che   il   Signore   ci   dice   di non   fare,   se   siamo   pieni   di   infermità   spirituale,   perché   dimostriamo   di   non   possere   i   frutti   dello spirito    Santo,    che    sono    amore,    gioia,    pace, pazienza,   benevolenza,   bontà,   fedeltà,   mitezza   e dominio     di     sé?     Sentiamoci     indegni     e     con sofferenza   diciamo:   “Signore   tu   mi   hai   messo   al primo   posto   perché   sei   morto   per   me,   mi   hai dato    il    sacramento    della    riconciliazione,mi    hai dato    tutte    le    possibilità    per    essere    ancora accettato   da   te,   anche   nei   miei   errori.   Ma   io   non ti   ho   messo   al   primo   posto,   e   non   faccio   per   te quello   che   tu   hai   fatto   per   me”.   Siamo   solidali con   il   Signore,   con   quello   che   lui   ha   fatto   per   noi, per   avere   usato   la   sua   potenza,   il   suo   perdono,   il suo   amore   per   noi.   Le   parabole   di   Gesù   sono quasi   un   "rimprovero"   al   nostro   comportamento, dato   che   non   stiamo   facendo   le   cose   giuste   e portiamo   avanti   la   nostra   idea   personale   che   la società,    le    mode    e    lo    stile    di    vita,    ci    hanno inculcato   in   modo   martellante.   Ci   siamo   illusi   di fare   le   cose   giuste,   di   essere   solidali   con   una parte   del   mondo   dove   c'è   sofferenza,   mentre   non lo    siamo    con    le    persone    della    porta    accanto. Dentro   di   noi   abbiamo   fatto   posto   all’ iniquità    e alla   falsità :   quei   valori   della   vita   che   diciamo che   nel   mondo   non   ci   sono   più,   in   realtà   non sono   più   dentro   di   noi.   Cerchiamo   di   fare   quel poco    che    possiamo    fare    diventando    coerenti,       non     mistici     o     miracolosi     o     miracolati,     ma semplici    e   giusti.    Interveniamo   su   noi   stessi per   dimostrare   che   il   cristiano   non   è   poi   così pieno    di    difetti    e    di    errori,    come    purtroppo sembra      che      si      evidenzi.      Non      lasciamoci condizionare   dai   fatti   negativi   di   cui   veniamo   a conoscenza,   per   non   creare   polemiche,   dissensi   e maldicenze.    Perché    non    saranno    i    cortei    di contestazione,   le   raccolte   firme,   i   referendum... ad   eliminare   tutto   il   male   che   c'è   sulla   terra,   ma le   vibrazioni   d'amore   che   possono   uscire   anche dal      nostro      cuore,      inconsapevolmente,      ed estendersi    a    “macchia    d’olio”    senza    lasciare vuoti,   a   partire   dalle   persone   a   noi   vicine.   Come avveniva   per   Gesù   e   Maria:   al   loro   passaggio   il male     si     disintegrava,     le     persone     dannate all'improvviso    trovavano    la    pace,    svaniva    la rabbia   e   l'odio.   Insegniamolo   anche   gli   altri   senza diventare    persone    bigotte    o    insignificanti,    ma avendo gli interessi nei nostri impegni.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile