Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
 l In   un   momento   di   contemplazione   e   di   stupore   davanti   all’armonia   della   natura   sul   monte   Misma,   Roberto   ha   ricevuto una   confidenza   riguardo   al   grande   segreto   che   ha   accompagnato   San   Giuseppe   in   tutta   la   sua   vita.   È   un   elemento   di sofferenza   terribile   che   lo   ha   tormentato   fino   agli   ultimi   giorni   della   sua   esistenza:   l’aver   dubitato   dell'integrità   della sua   sposa.   In   quel   cuore   meraviglioso   gli   sono   passati   quei   pensieri,   quando   ha   visto   che   la   sua   dolce   sposa   aspettava un   bambino.   Ha   immaginato   la   Santissima   Vergine   in   una   condizione   di   peccato.   Lei   conosceva   la   sofferenza   del   suo sposo   e   avrà   fatto   di   tutto   per   toglierla.   Anche   noi   possiamo   commettere   lo   stesso   errore   quando   tradiamo   qualcuno   e pensiamo   male.   Se   non   abbiamo   neanche   il   rimorso   di   coscienza,   vuol   dire   che   siamo   dei   cinici   spietati,   con   un   cuore duro   e   perverso.   Quando   uno   non   è   Santo   sembra   che   non   pecchi   mai,   ma   quando   si   incammina   verso   la   luce   si   sente   il più grande peccatore sulla terra.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Le sofferenza di san Giuseppe
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
In   un   momento   di   contemplazione   e   di   stupore davanti     all’armonia     della     natura     sul     monte Misma,    Roberto    ha    ricevuto    una    confidenza riguardo   al   grande   segreto   che   ha   accompagnato San   Giuseppe   in   tutta   la   sua   vita.   È   un   elemento di   sofferenza   terribile   che   lo   ha   tormentato   fino agli    ultimi    giorni    della    sua    esistenza:    l’aver dubitato    dell'integrità    della    sua    sposa.    In quel    cuore    meraviglioso    gli    sono    passati    quei pensieri,   quando   ha   visto   che   la   sua   dolce   sposa aspettava     un     bambino.     Ha     immaginato     la Santissima   Vergine   in   una   condizione   di   peccato. Lei   conosceva   la   sofferenza   del   suo   sposo   e   avrà fatto   di   tutto   per   toglierla.   Anche   noi   possiamo commettere    lo    stesso    errore    quando    tradiamo qualcuno    e    pensiamo    male.    Se    non    abbiamo neanche   il   rimorso   di   coscienza,   vuol   dire   che siamo   dei   cinici   spietati,   con   un   cuore   duro   e perverso.   Quando   uno   non   è   Santo   sembra   che non   pecchi   mai,   ma   quando   si   incammina   verso la    luce    si    sente    il    più    grande    peccatore    sulla terra.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile