Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Non   vedendo   un   risultato   molti   dubitano   del   Dio   Creatore,   ma   la   causa   principale   siamo   noi   che   ci   sostituiamo   al Vangelo.   Chi   ha   mantenuto   qualcosa   di   simile   a   ciò   che   Dio   ha   rivelato?   È   sorprendente   vedere   come   non   sia   rimasto niente.   Dopo   aver   frequentato   per   venti   o   trent'anni   un   istituto   di   formazione   rimane   sicuramente   qualcosa,   ma   dopo aver   tanto   frequentato   la   Casa   del   Signore,   abbiamo   tolto   anche   quello   che   avevamo.   Anzi   abbiamo   più   livore   di   prima. Ci   siamo   dimenticati   dei   profeti,   del   catechismo   e   improvvisiamo   parlando   di   Dio,   diciamo   cose   che   non   esistono, sfanfaronate.   Quale   cristiano   parla   in   modo   sobrio   come   si   conviene   davanti   al   Signore?   Per   i   più   andare   in   chiesa   è come   andare   in   farmacia,   considerano   Dio   come   una   farmaco.   Non   rivelare   la   sua   parola   pur   conoscendola,   è   un   peccato contro   lo   Spirito   Santo:   certi   ammonimenti   non   riguardano   solo   i   pedofili,   se   confondiamo   un'anima   sarebbe   meglio   per noi   non   essere   mai   nati.   Sappiamo   cosa   vuol   dire   essere   "lampada   ai   nostri   passi   e   luce   per   il   nostro   cammino"?   Ci stiamo   de-cristianizzando   mettendo   al   primo   posto   le   devozioni   come   il   Rosario   o   le   necessità   del   momento.   Ma   la preghiera   è   il   ringraziamento,   non   l'esternazione   della   nostra   religione.   La   parola   del   Signore   rende   liberi   ed   esorcizza, quale   cristiano   si   affida   ad   essa?   Abbiamo   vergogna   a   parlare   dei   salmi?   Maria   Santissima   li   meditava   in   una   misura sublime,   fino   ad   essere   coinvolta   con   tutta   la   sua   anima.   Se   togliamo   queste   protezioni   come   facciamo   a   difenderci   dagli attacchi   del   male?   I   primi   cristiani   erano   conformi   nel   parlare,   venivano   uccisi   perché   non   rinnegavano   la   fede.   Per   molto meno   noi   ci   dividiamo   e   banalizziamo   il   loro   sangue.   Ma   c'è   anche   una   critica   buona   condensata   di   tanto   amore   per ammonire   i   peccatori.   Il   Signore   conferma   quello   che   ha   detto   nella   misura   in   cui   noi   ci   applichiamo.   Egli   vede   ogni attimo   della   nostra   vita,   non   solo   quando   preghiamo.   Lo   amiamo   come   meriterebbe   o   nei   ritagli   di   tempo?   Nelle   epoche passate   gli   adoratori   di   idoli,   scolpiti   nel   legno   o   nella   pietra,   erano   più   coerenti   perché   avevano   l'obiettivo   del   loro   culto; noi   oggi   abbiamo   i   falsi   idoli   psicologici.   Come   pensiamo   di   ottenere   la   grazia   di   Dio?   Migliaia   di   pseudo   veggenti   o   di carismatici   sono   svaniti   nel   nulla,   se   fossero   autentici   la   nostra   fede   sarebbe   così   forte   che   nessun   nemico   entrerebbe nella   nostra   città.   Per   capire   l’esistenza   di   Dio   siamo   arrivati   al   punto   di   dover   ascoltare   le   rivelazioni   dei   demoni   sotto certi   esorcismi.   L'idolo   scolpito,   invisibile   e   micidiale,   l'abbiamo   nella   mente,   è   lui   che   ci   soggioga,   ci   plagia,   ci   dice   di continuare   così   perché   abbiamo   ragione.   Ma   il   Signore   vuole   che   accettiamo   la   sua   giustizia,   non   ci   chiede   di   avere ragione.   Stiamo   pagando   il   prezzo   di   tanta   violenza   perché   vogliamo   risolvere   i   problemi   a   modo   nostro.   L'ostacolo   più grande   per   il   male   è   la   fede   e   l'amore   verso   il   Signore,   se   siamo   divisi   tra   noi   cristiani   a   cosa   servono   le   preghiere? Abbiamo   snaturato   anche   le   parrocchie.   Da   noi   fuoriesce   una   polemica   precisa,   perfetta,   mentre   nelle   cose   del   Signore   è come   se   fossimo   in   una   stanza   buia.   Come   pensiamo   di   aver   conservato   la   fede?   Conosciamo   le   canzoni   e   la   vita   dei personaggi pubblici, ma con la stessa acutezza non riveliamo la parola di Dio perché non ci sta a cuore.  AMMETTIAMO DI AVER TANTO SBAGLIATO Consideriamo   la   Madonna   come   una   Madre   che   ci   deve   servire   o   come   una   Regina?   Stiamo   vanificando   anche   la   sua protezione   perché   poche   persone   autentiche   la   seguono.   E   se   fosse   stata   Maria   Santissima   a   suggerire   agli   apostoli   di non   dire   niente   di   lei?   Eppure   li   ha   educati   nel   Cenacolo.   Si   è   tolta   di   mezzo   per   umiltà,   per   non   offuscare   il   suo   divin Figlio,   ma   molti   cristiani   la   mettono   davanti   a   tutto.   La   parola   di   Dio   è   diventata   un   complemento   e   tante   persone quando   vedono   che   un   sacerdote   parla   poco   della   Madonna,   si   sentono   pervadere   da   una   delusione   infinita.   Magari l’apprezza   di   più   di   quello   che   si   può   pensare.   Essere   mariani   significa   principalmente   parlare   della   parola   di   Dio.   Quanti cristiani   non   sanno   più   niente   dopo   il   digiuno   e   il   rosario?   La   Madonna   soffre   perché   demoliamo   quello   che   abbiamo costruito   con   i   nostri   sacrifici.   Il   peccato   proviene   dalla   nostra   mente,   decidiamo   noi   come   parlare,   guardare,   giudicare, comportarci,   se   è   conveniente   prendere   una   via   o   un'altra.   Abbiamo   il   desiderio   di   essere   più   ubbidienti   ai   comandamenti o   è   più   conveniente   dimenticarli?      In   realtà   non   vogliamo   disfarci   di   certe   cose,   vogliamo   appagare   i   sensi   in   tutti   i   modi. Molto   di   quello   che   è   in   noi   si   scontra   con   la   verità   del   Signore,   ma   chi   ha   il   desiderio   di   non   peccare   più,   ha   un   sostegno che   altre   persone   non   hanno.   Quello   che   avevano   i   cristiani   di   un   tempo.   Mentre   chi   non   vuole   ostacolare   i   desideri materiali,   finisce   per   essere   risucchiato   da   essi.   Vogliamo   amare   il   prossimo   come   ci   ha   insegnato   Gesù?   Se   dalla   nostra bocca   non   fuoriesce   ciò   che   il   Signore   gradisce,   siamo   nel   peccato.   Non   abbiamo   mai   irritato   o   deluso   qualcuno   col nostro    comportamento?    In    certe    occasioni    diciamo    di    aver    torto    anche    se    non    l’abbiamo...    E’    con    l’amore    che interveniamo in tutte le necessità della vita.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Le sfanfaronate
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Non   vedendo   un   risultato   molti   dubitano   del   Dio Creatore,   ma   la   causa   principale   siamo   noi   che   ci sostituiamo     al     Vangelo.     Chi     ha     mantenuto qualcosa   di   simile   a   ciò   che   Dio   ha   rivelato?   È sorprendente    vedere    come    non    sia    rimasto niente.    Dopo    aver    frequentato    per    venti    o trent'anni     un     istituto     di     formazione     rimane sicuramente    qualcosa,    ma    dopo    aver    tanto frequentato   la   Casa   del   Signore,   abbiamo   tolto anche    quello    che    avevamo.    Anzi    abbiamo    più livore   di   prima.   Ci   siamo   dimenticati   dei   profeti, del   catechismo   e   improvvisiamo   parlando   di   Dio, diciamo    cose    che    non    esistono,    sfanfaronate. Quale    cristiano    parla    in    modo    sobrio    come    si conviene   davanti   al   Signore?   Per   i   più   andare   in chiesa   è   come   andare   in   farmacia,   considerano Dio   come   una   farmaco.   Non   rivelare   la   sua   parola pur   conoscendola,   è   un   peccato   contro   lo   Spirito Santo:   certi   ammonimenti   non   riguardano   solo   i pedofili,     se     confondiamo     un'anima     sarebbe meglio   per   noi   non   essere   mai   nati.   Sappiamo cosa   vuol   dire   essere   "lampada   ai   nostri   passi   e luce    per    il    nostro    cammino"?    Ci    stiamo    de- cristianizzando     mettendo     al     primo     posto     le devozioni    come    il    Rosario    o    le    necessità    del momento.   Ma   la   preghiera   è   il   ringraziamento, non    l'esternazione    della    nostra    religione.    La parola    del    Signore    rende    liberi    ed    esorcizza, quale    cristiano    si    affida    ad    essa?    Abbiamo vergogna   a   parlare   dei   salmi?   Maria   Santissima   li meditava   in   una   misura   sublime,   fino   ad   essere coinvolta   con   tutta   la   sua   anima.   Se   togliamo queste    protezioni    come    facciamo    a    difenderci dagli   attacchi   del   male?   I   primi   cristiani   erano conformi   nel   parlare,   venivano   uccisi   perché   non rinnegavano    la    fede.    Per    molto    meno    noi    ci dividiamo   e   banalizziamo   il   loro   sangue.   Ma   c'è anche    una    critica    buona    condensata    di    tanto amore    per    ammonire    i    peccatori.    Il    Signore conferma   quello   che   ha   detto   nella   misura   in   cui noi   ci   applichiamo.   Egli   vede   ogni   attimo   della nostra    vita,    non    solo    quando    preghiamo.    Lo amiamo   come   meriterebbe   o   nei   ritagli   di   tempo? Nelle   epoche   passate   gli   adoratori   di   idoli,   scolpiti nel    legno    o    nella    pietra,    erano    più    coerenti perché   avevano   l'obiettivo   del   loro   culto;   noi   oggi abbiamo   i   falsi   idoli   psicologici.   Come   pensiamo di   ottenere   la   grazia   di   Dio?   Migliaia   di   pseudo veggenti   o   di   carismatici   sono   svaniti   nel   nulla, se   fossero   autentici   la   nostra   fede   sarebbe   così forte   che   nessun   nemico   entrerebbe   nella   nostra città.   Per   capire   l’esistenza   di   Dio   siamo   arrivati al    punto    di    dover    ascoltare    le    rivelazioni    dei demoni    sotto    certi    esorcismi.    L'idolo    scolpito, invisibile   e   micidiale,   l'abbiamo   nella   mente,   è   lui che   ci   soggioga,   ci   plagia,   ci   dice   di   continuare così   perché   abbiamo   ragione.   Ma   il   Signore   vuole che   accettiamo   la   sua   giustizia,   non   ci   chiede   di avere   ragione.   Stiamo   pagando   il   prezzo   di   tanta violenza   perché   vogliamo   risolvere   i   problemi   a modo   nostro.   L'ostacolo   più   grande   per   il   male   è la   fede   e   l'amore   verso   il   Signore,   se   siamo   divisi tra    noi    cristiani    a    cosa    servono    le    preghiere? Abbiamo   snaturato   anche   le   parrocchie.   Da   noi fuoriesce   una   polemica   precisa,   perfetta,   mentre nelle   cose   del   Signore   è   come   se   fossimo   in   una stanza   buia.   Come   pensiamo   di   aver   conservato la    fede?    Conosciamo    le    canzoni    e    la    vita    dei personaggi   pubblici,   ma   con   la   stessa   acutezza non   riveliamo   la   parola   di   Dio   perché   non   ci   sta   a cuore.  AMMETTIAMO DI AVER TANTO SBAGLIATO Consideriamo   la   Madonna   come   una   Madre   che   ci deve     servire     o     come     una     Regina?     Stiamo vanificando    anche    la    sua    protezione    perché poche   persone   autentiche   la   seguono.   E   se   fosse stata   Maria   Santissima   a   suggerire   agli   apostoli di   non   dire   niente   di   lei?   Eppure   li   ha   educati   nel Cenacolo.   Si   è   tolta   di   mezzo   per   umiltà,   per   non offuscare   il   suo   divin   Figlio,   ma   molti   cristiani   la mettono    davanti    a    tutto.    La    parola    di    Dio    è diventata    un    complemento    e    tante    persone quando   vedono   che   un   sacerdote   parla   poco   della Madonna,   si   sentono   pervadere   da   una   delusione infinita.   Magari   l’apprezza   di   più   di   quello   che   si può       pensare.       Essere       mariani       significa principalmente   parlare   della   parola   di   Dio.   Quanti cristiani   non   sanno   più   niente   dopo   il   digiuno   e   il rosario?   La   Madonna   soffre   perché   demoliamo quello   che   abbiamo   costruito   con   i   nostri   sacrifici. Il     peccato     proviene     dalla     nostra     mente, decidiamo   noi   come   parlare,   guardare,   giudicare, comportarci,   se   è   conveniente   prendere   una   via o    un'altra.    Abbiamo    il    desiderio    di    essere    più ubbidienti   ai   comandamenti   o   è   più   conveniente dimenticarli?      In   realtà   non   vogliamo   disfarci   di certe   cose,   vogliamo   appagare   i   sensi   in   tutti   i modi.   Molto   di   quello   che   è   in   noi   si   scontra   con la   verità   del   Signore,   ma   chi   ha   il   desiderio   di non    peccare    più,    ha    un    sostegno    che    altre persone    non    hanno.    Quello    che    avevano    i cristiani    di    un    tempo.    Mentre    chi    non    vuole ostacolare   i   desideri   materiali,   finisce   per   essere risucchiato   da   essi.   Vogliamo   amare   il   prossimo come    ci    ha    insegnato    Gesù?    Se    dalla    nostra bocca   non   fuoriesce   ciò   che   il   Signore   gradisce, siamo   nel   peccato.   Non   abbiamo   mai   irritato   o deluso   qualcuno   col   nostro   comportamento?   In certe   occasioni   diciamo   di   aver   torto   anche   se non   l’abbiamo...   E’   con   l’amore   che   interveniamo in tutte le necessità della vita.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                             Le sfanfaronate
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile