Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Con   le   nostre   convinzioni   spirituali   abbiamo   costruito   un   disordine   interiore   e   i   risultati   si   vedono.   Per   conoscere   bene   Dio non   dobbiamo   avere   già   delle   certezze   dentro   di   noi   o   qualcosa   da   difendere   a   prescindere   da   quello   che   il   Signore   vuol farci   conoscere.   Perché   l'errore   che   tutti   i   popoli   hanno   commesso,   inclusi   gli   ebrei,   è   stato   quello   di   non   saper   leggere   i segni   dei   tempi   e   di   farsi   una   cultura   religiosa   secondo   ciò   che   è   già   passato.   Con   la   nostra   poca   cultura   che   il   Signore   ci concede   di   avere,   nemmeno   sappiamo   che   cosa   sia   conveniente   chiedere   a   Dio,   è   scritto   sul   Vangelo.   Bisogna   smetterla di   fantasticare   e   decidere   di   entrare   dove   il   Signore   vuol   farci   entrare,   altrimenti   anche   noi   commetteremo   l'errore   che tutti   hanno   commesso   fin   dalla   Genesi.   Cosa   valgono   i   nostri   buoni   propositi   se   non   sono   confermati   dalla   nostra   vita?   In ogni   epoca   i   popoli   si   sono   soffermati   su   ciò   che   era   già   consumato   e   non   sapevano   cogliere   la   primizia.   Anche   nel   nostro tempo   avviene   questo   perché   troppi   indugiano   sulle   esperienze   di   cento,   duecento   o   cinquecento   anni   fa,   quando   quei segni   e   quelle   esperienze   il   Signore   li   ha   dati   a   quei   tempi.   Solo   la   sua   legge   non   è   mai   cambiata.   Il   Signore   sa   che   oggi la   trappola   che   può   farci   cadere   è   la   facilità   dell'informazione,    dell'immaginazione   e   della   libertà   che   ognuno di   noi   ha,    perché   la   nostra   fede   è   l'unica   che   non   ci   impone   nulla.   La   legge   di   Dio   e   i   suoi   comandamenti   vengono comunemente   trasgrediti,   specialmente   nel   passaggio   più   importante,   quello   della   carità,   che   non   è   la   compassione verso   chi   diamo   l’elemosina,   ma   è   non   offendere   il   nostro   fratello,   amarlo.   È   più   giusto   che   noi   otteniamo   quello   che chiediamo   a   Dio   o   che   rispondiamo   a   quello   che   lui   si   aspetta   da   noi?   Chi   è   per   noi   Dio?   I   segni   del   tempo   che   oggi dobbiamo   saper   leggere   sono   quelli   del   silenzio   e   dell'abbandono,   non   di   incantare   e   suggestionare   gli   altri   con fantasie   che   sono   un   obbrobrio   davanti   al   Signore.   Come   sono   diversi   i   parametri!   T anti   di   noi   vorrebbero   scrivere   la propria   storia,   quando   invece   la   Madre   di   Dio   non   ha   scritto   la   sua.    Siamo   forse   superiori?   O   vogliamo   convincere e   attirare   l'attenzione   su   di   noi?   Non   è   questo   il   miglior   modo   di   pregare.   Purtroppo   coloro   che   mancano   delle   qualità principali   che   il   Signore   chiede,   sono   quelli   che   pregano,   la   stessa   categoria   di   persone   che   ha   costruito   quei   due   legni con   la   peggiore   delle   intenzioni   di   appendere   il   Giusto.   Impegniamoci   di   più   a   conoscere   cosa   vuol   dire   vivere   di   carità,   di amore   e   di   umiltà.   Poi   ci   si   può   offrire   al   Signore   come   è   tradizionalmente   giusto,   con   la   preghiera,   il   digiuno   e   la SS.Eucaristia. CHI SA LEGGERE LA MISSIONE DI ROBERTO, SI FACCIA AVANTI! Un'altra   cosa   che   tanti   non   riescono   a   capire   è   la   direzione   spirituale.   Costoro   pensano   di   imitare   alcuni   santi   (e diventare   dei   personaggi” )   soltanto   per   avere   ottenuto   la   direzione   di   un   sacerdote.   Ma   sappiamo   leggere   le   missioni che   Dio   dà   ai   suoi   prescelti?   Quando   il   Signore   ha   detto   che   sono   anche   giustificati   è   perché   solo   lui   li   giustifica,   non   un sacerdote.   Se   gli   apostoli   di   Gesù   avessero   avuto   come   direttori   spirituali   Anna   e   Caifa,   i   sommi   responsabili   della   fede ebraica,   li   avrebbero   resi   disobbedienti   al   Maestro.   Allo   stesso   modo   Roberto   non   ha   bisogno   di   un   direttore   spirituale, perché   ha   ricevuto   l'indicazione   da   Maria   Santissima   di   fare   tutto   quello   che   Lei   avrebbe   chiesto.   Tanti   santi   non   hanno avuto   un   direttore   spirituale,   né   i   grandi   profeti   del   vecchio   Testamento,   altrimenti   avrebbero      impedito   il   progetto   del Signore.   Quanti   sacerdoti   oggi   sono   obbedienti   alla   volontà   di   Dio   e   quanti   sono   Anna   e   Caifa” ?   La   storia   si   ripete,   ma non   facciamo   di   tutte   le   erbe   un   fascio ”:   se   in   taluni   casi   può   essere   utile   la   direzione   spirituale,   per   altri   invece   è   solo dannosa.   Seguiamo   il   richiamo   del   Misma   in   un   abbandono   totale,   perché   la   ragione   ci   devia   e   ci   impedisce   di raggiungere   livelli   inaspettati.      Se   qualcuno   pensa   di   essere   religioso   ma   non   frena   la   lingua,   e   inganna   così   il   suo   cuore, la sua religione è vana (Gc 1,26).  INGANNI E SACRE SCRITTURE Le   trappole   dell'infido   sono   di   una   perfezione   e   di   un'astuzia   che   non   riusciremo   mai   a   conoscere   e   sono   tanto   più sofisticate,   quanto   più   uno   si   perfeziona   e   si   istruisce.   Colui   che   conosce   meglio   la   profondità   della   parola   di   Dio   è il   diavolo,   perché   è   stato   più   vicino   a   Dio.   Ci   suggerirà   di   sostenere   delle   cose   credibilissime,   quelle   più   logiche   e   giuste che   sono   anche   sulla   Bibbia,   ma   senza   la   carità   e   l'amore.    Se   una   rivelazione   privata   ci   farà   giudice   di   nostro   fratello, non   rispetteremo   la   legge   di   Dio;   lo   stesso   avviene   quando   non   ci   rende   disponibili   all'amore   e   non   ci   fa   accettare   ogni sorta   di   ingiustizia.   Le   trappole   non   sono   nella   realtà   clamorosa,   come   la   bestemmia,   ma   fanno   rompere   l’alleanza   con Dio   a   coloro   che   pensano   di   sostenerlo,   alterando   quello   che   è   scritto   sul   Vangelo.   La   grazia   del   Signore   è   in   mezzo   a   noi più   abbondante   di   quello   che   pensiamo,   ma   per   ottenerla   non   servono   i   discorsi   di   salotto:    nelle   cose   di   Dio,   per assurdo,   più   l’uomo   legge,   si   informa   e   ragiona,   più   va   fuori   misura   perché   ci   mette   del   suo.   Quante   offese   sono   state create   a   Maria   Santissima   da   fanatici,   farisei   e   profanatori!   Usiamo   il   suo   nome   con   più   cautela   e   rispetto,   perché arrechiamo danno alla sua immagine e alla nostra fede.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
I segni dei tempi
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Con    le    nostre    convinzioni    spirituali    abbiamo costruito    un    disordine    interiore    e    i    risultati    si vedono.   Per   conoscere   bene   Dio   non   dobbiamo avere   già   delle   certezze   dentro   di   noi   o   qualcosa da    difendere    a    prescindere    da    quello    che    il Signore   vuol   farci   conoscere.   Perché   l'errore   che tutti   i   popoli   hanno   commesso,   inclusi   gli   ebrei,   è stato    quello    di    non    saper    leggere    i    segni    dei tempi   e   di   farsi   una   cultura   religiosa   secondo   ciò che   è   già   passato.   Con   la   nostra   poca   cultura   che il     Signore     ci     concede     di     avere,     nemmeno sappiamo   che   cosa   sia   conveniente   chiedere   a Dio,   è   scritto   sul   Vangelo.   Bisogna   smetterla   di fantasticare   e   decidere   di   entrare   dove   il   Signore vuol      farci      entrare,      altrimenti      anche      noi commetteremo      l'errore      che      tutti      hanno commesso   fin   dalla   Genesi.   Cosa   valgono   i   nostri buoni    propositi    se    non    sono    confermati    dalla nostra    vita?    In    ogni    epoca    i    popoli    si    sono soffermati   su   ciò   che   era   già   consumato   e   non sapevano   cogliere   la   primizia.   Anche   nel   nostro tempo   avviene   questo   perché   troppi   indugiano sulle      esperienze      di      cento,      duecento      o cinquecento   anni   fa,   quando   quei   segni   e   quelle esperienze   il   Signore   li   ha   dati   a   quei   tempi.   Solo la   sua   legge   non   è   mai   cambiata.   Il   Signore   sa che   oggi   la   trappola   che   può   farci   cadere   è   la facilità                                  dell'informazione,   dell'immaginazione     e     della     libertà     che ognuno    di    noi    ha,     perché    la    nostra    fede    è l'unica   che   non   ci   impone   nulla.   La   legge   di   Dio   e i    suoi    comandamenti    vengono    comunemente trasgrediti,     specialmente     nel     passaggio     più importante,    quello    della    carità,    che    non    è    la compassione   verso   chi   diamo   l’elemosina,   ma   è non   offendere   il   nostro   fratello,   amarlo.   È   più giusto   che   noi   otteniamo   quello   che   chiediamo   a Dio   o   che   rispondiamo   a   quello   che   lui   si   aspetta da   noi?   Chi   è   per   noi   Dio?   I   segni   del   tempo che    oggi    dobbiamo    saper    leggere    sono quelli   del   silenzio   e   dell'abbandono,   non   di incantare   e   suggestionare   gli   altri   con   fantasie che   sono   un   obbrobrio   davanti   al   Signore.   Come sono     diversi     i     parametri!     T anti     di     noi vorrebbero      scrivere      la      propria      storia, quando    invece    la    Madre    di    Dio    non    ha scritto     la     sua.      Siamo     forse     superiori?     O vogliamo   convincere   e   attirare   l'attenzione   su   di noi?   Non   è   questo   il   miglior   modo   di   pregare. Purtroppo    coloro    che    mancano    delle    qualità principali   che   il   Signore   chiede,   sono   quelli   che pregano,   la   stessa   categoria   di   persone   che   ha costruito   quei   due   legni   con   la   peggiore   delle intenzioni   di   appendere   il   Giusto.   Impegniamoci di   più   a   conoscere   cosa   vuol   dire   vivere   di   carità, di    amore    e    di    umiltà.    Poi    ci    si    può    offrire    al Signore   come   è   tradizionalmente   giusto,   con   la preghiera, il digiuno e la SS.Eucaristia. CHI SA LEGGERE LA MISSIONE DI ROBERTO, SI FACCIA AVANTI! Un'altra   cosa   che   tanti   non   riescono   a   capire   è   la direzione   spirituale.   Costoro   pensano   di   imitare alcuni     santi     (e     diventare     dei     personaggi” ) soltanto   per   avere   ottenuto   la   direzione   di   un sacerdote.   Ma   sappiamo   leggere   le   missioni   che Dio   dà   ai   suoi   prescelti?   Quando   il   Signore   ha detto   che   sono   anche   giustificati   è   perché   solo   lui li   giustifica,   non   un   sacerdote.   Se   gli   apostoli   di Gesù    avessero    avuto    come    direttori    spirituali Anna   e   Caifa,   i   sommi   responsabili   della   fede ebraica,     li     avrebbero     resi     disobbedienti     al Maestro.    Allo    stesso    modo    Roberto    non    ha bisogno    di    un    direttore    spirituale,    perché    ha ricevuto   l'indicazione   da   Maria   Santissima   di   fare tutto   quello   che   Lei   avrebbe   chiesto.   Tanti   santi non    hanno    avuto    un    direttore    spirituale,    né    i grandi   profeti   del   vecchio   Testamento,   altrimenti avrebbero        impedito    il    progetto    del    Signore. Quanti     sacerdoti     oggi     sono     obbedienti     alla volontà   di   Dio   e   quanti   sono   Anna   e   Caifa” ?   La storia   si   ripete,   ma   non   facciamo   di   tutte   le   erbe un   fascio ”:   se   in   taluni   casi   può   essere   utile   la direzione    spirituale,    per    altri    invece    è    solo dannosa.   Seguiamo   il   richiamo   del   Misma   in   un abbandono   totale,   perché   la   ragione   ci   devia   e   ci impedisce   di   raggiungere   livelli   inaspettati.      Se qualcuno   pensa   di   essere   religioso   ma   non   frena la   lingua,   e   inganna   così   il   suo   cuore,   la   sua religione è vana (Gc 1,26).  INGANNI E SACRE SCRITTURE Le   trappole   dell'infido   sono   di   una   perfezione   e   di un'astuzia   che   non   riusciremo   mai   a   conoscere   e sono    tanto    più    sofisticate,    quanto    più    uno    si perfeziona    e    si    istruisce.    Colui    che    conosce meglio   la   profondità   della   parola   di   Dio   è   il diavolo,    perché    è    stato    più    vicino    a    Dio.    Ci suggerirà   di   sostenere   delle   cose   credibilissime, quelle   più   logiche   e   giuste   che   sono   anche   sulla Bibbia,   ma   senza   la   carità   e   l'amore.    Se   una rivelazione    privata    ci    farà    giudice    di    nostro fratello,    non    rispetteremo    la    legge    di    Dio;    lo stesso   avviene   quando   non   ci   rende   disponibili all'amore    e    non    ci    fa    accettare    ogni    sorta    di ingiustizia.    Le    trappole    non    sono    nella    realtà clamorosa,     come     la     bestemmia,     ma     fanno rompere   l’alleanza   con   Dio   a   coloro   che   pensano di   sostenerlo,   alterando   quello   che   è   scritto   sul Vangelo.   La   grazia   del   Signore   è   in   mezzo   a   noi più   abbondante   di   quello   che   pensiamo,   ma   per ottenerla   non   servono   i   discorsi   di   salotto:   nelle   cose   di   Dio,   per   assurdo,   più   l’uomo   legge, si   informa   e   ragiona,   più   va   fuori   misura   perché ci   mette   del   suo.   Quante   offese   sono   state   create a     Maria     Santissima     da     fanatici,     farisei     e profanatori!   Usiamo   il   suo   nome   con   più   cautela e    rispetto,    perché    arrechiamo    danno    alla    sua immagine e alla nostra fede.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                             I segni dei tempi
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile