Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Sembra   un   gioco   di   parole   ma   tra   i   due   significati   c'è   un   abisso.   Se   preghiamo   per   aumentare   la   fede   significa   che rispettiamo   ben   poco   di   quello   che   il   Signore   ci   ha   rivelato   oppure   l’abbiamo   dimenticato,   quando   invece   è   la   fede   che   ci fa   pregare   vuol   dire   che   viviamo   già   in   modo   coerente,   pur   con   i   nostri   difetti   e   le   nostre   fragilità.   Se   conoscessimo   la fortuna   che   abbiamo   ad   essere   cristiani,   non   impiegheremmo   una   frazione   di   secondo   ad   offrire   tutto   quello   che   abbiamo per   il   bene   dell'altro.   Non   è   umiltà   chiedere   continuamente   segni,   il   Signore   l’ha   sempre   sconsigliato.   La   fede   non   è basata   sull'emozione,   sulla   ricerca   spasmodica   ed   esasperante   del   soprannaturale,   cose   che   in   televisione   e   su   Internet imperversano.   Il   male   fa   di   tutto   per   assecondarci   in   questo,   ma   è   ciò   che   ci   svuota   dentro.   Prendiamo   gli   apostoli:   chi più   di   loro   ha   visto   miracoli   e   segni   in   tre   anni   passati   con   Gesù?   Avevano   ricevuto   la   forza   per   vivere   in   modo   naturale queste   esperienze,   mentre   la   stragrande   maggioranza   dell'umanità   non   è   in   grado   di   sopportare   nemmeno   il   più   piccolo dei   segni.   Siamo   noi   meglio   degli   apostoli?   Eppure   nel   momento   di   dimostrare   la   loro   fede,   si   sono   dileguati.   E   i   discepoli di    Emmaus?        La    nostra    fede    non    deve    essere    fondata    su    quello    che    può    essere    gradevole    e    conveniente,    ma principalmente   sull’avere   il   coraggio   di   accettare   anche   le   prove   della   vita.   Quando   pensiamo   di   aver   finito   la   nostra   vita, inizia   quella   vera.   Crediamo   all'eternità?   Al   di   sopra   di   tutto   il   Signore   ci   chiede   la   carità,   per   il   nostro   bene   e   il   nostro fabbisogno.   Ci   sembra   logico   che   Maria   Santissima   venga   a   dirci   "pregate,   pregate"    e   non   si   preoccupi   del   benessere dell'anima?   Non   può   andar   contro   suo   Figlio   del   quale   ha   detto   " fate   tutto   quello   che   vi   dirà" .   Non   creiamoci   un   Vangelo di   comodo,   la   Madonna   non   verrà   mai   dirci   che   con   una   semplice   preghiera   abbiamo   risolto   i   nostri   problemi.   È   mai possibile   che   a   livello   spirituale   ci   comportiamo   né   più   né   meno   come   i   bambini   dell'asilo?   Loro   dicono   la   preghierina   e fanno   il   segno   della   croce   prima   di   andare   a   letto,   ma   almeno   sono   sinceri.   E   i   150   salmi?   E   i   comandamenti?   Per scaramanzia   potremmo   mettere   i   cornetti   fuori   dalla   finestra…   Pecchiamo   da   adulti,    abbiamo   una   vasta   esperienza della   seduzione,   del   sesso,   dell'avarizia,   della   falsità,   dell’invidia,   della   gelosia,   ma   viviamo   una   vita   spirituale   da bambini.   Siamo   ridicoli,   il   Signore   potrebbe   vederci   con   in   mano   il   secchiello   e   la   paletta.   La   misericordia   di   Dio   nei nostri   confronti   non   è   un   gesto   di   gioia,   ricorriamo   ad   essa   quando   non   siamo   in   “regola”.    Perché   la   cosa   più   ovvia,   la preghiera,   deve   diventare   la   cosa   più   importante?   Siamo   sicuri   che   non   possiamo   aumentare   la   carità,   l'amore,   la sincerità?   Chi   di   noi   sa   accettare   la   pugnalata   più   ingiusta   senza   reagire,   senza   vendicarsi,   perdonando?   Magari   il Signore   ci   ha   messo   vicino   la   persona   più   indisponente   per   metterci   alla   prova.   Quando   abbiamo   fede   succede   che   è   più affascinante   rispettare   i   comandamenti   di   Dio   che   trasgredirli,   piuttosto   ci   facciamo   uccidere,   accettiamo   anche   la   più crudele   delle   sorti.   Il   Signore   non   ci   ha   dato   una   croce   superiore   alle   nostre   forze,   diventa   pesante   perché   abbiamo l'orgoglio,   la   superbia,   la   permalosità.   Chi   fa   la   carità   espia   un   gran   numero   di   peccati,   perché   pensiamo   di   doverci rimettere   di   tasca   nostra?   Se   fossimo   più   coerenti   con   la   nostra   fede   conosceremmo   un   mondo   migliore.   Ecco   perché   i salmi    ci    richiamano    all'obbedienza.    Certo,    ci    costerà    cambiare    le    nostre    abitudini,    dove    ci    muoviamo    solo    per convenienza   e   opportunismo.   Il   Signore   ci   conosce   bene,   ha   aspettato   Roberto   nel   punto   giusto   affinché   vedesse   il santuario   illuminato.   Non   sbaglia   nemmeno   di   una   frazione   di   secondo.   La   Madonna   principalmente   viene   per   la   propria famiglia,   mentre   quelli   che   hanno   altre   teorie   verranno   giudicati   in   base   a   come   vivono.   Dio   premia   coloro   che   amano, non   chi   vive   nella   falsità   e   nella   scorrettezza.   La   caratteristica   principale   che   dobbiamo   avere   non   è   sicuramente   quella del   "fai   da   te".   Come   facciamo   ad   insegnare   agli   ignoranti?   Tante   volte   diamo   voce   a   pensieri   ridicoli,   che   non corrispondono   alla   verità,   però   siamo   scrupolosi   nel   guardare   ai   difetti   altrui.   Bisogna   parlare   sobriamente   in   nome   Dio, non   scioccamente.   Solo   Lui   riesce   a   fare   i   ricchi   più   poveri   e   i   poveri   più   ricchi,   perché   dubitiamo?   I   nostri   nomi   sono   già tutti   scritti   in   cielo,   a   ciascuno   ha   dato   l'opportunità   di   realizzare   il   progetto   che   ha   su   di   noi.   Cosa   renderemo   al   Signore per   quello   che   ci   ha   dato?   Non   ci   fa   specie   sentirci   contrari   alla   nostra   missione   terrena?   Smettiamola   di   creare confusione,   la   disarmonia   dei   cristiani   fa   inorridire.   Le   persone   sante   hanno   raggiunto   dei   risultati   con   la   preghiera perché   non   erano   digiune   dei   comandamenti   di   Dio,   così   è   stato   per   Santa   Monica.   Abbiamo   noi   la   sua   base?   Quante umiliazioni   e   sofferenze   ha   saputo   accettare?   La   storia   non   ce   lo   dice.   Chi   è   stato   scelto   dal   Signore   tante   volte   viene   a casa   in   una   condizione   disumana,   che   non   ha   nemmeno   la   forza   di   piangere.   Come   possiamo   lamentarci   pensando   alla sofferenza   più   grande   che   ha   patito   Gesù?   Quando   la   preghiera   non   è   sostenuta   da   una   vita   coerente   non   vale   nulla, perché   caricarci   di   quintali   di   orazioni   quando   nel   nostro   cuore   non   c’è   la   bontà?   Non   possiamo   barare   con   le   parole, prima o poi quello che abbiamo dentro fuoriesce.    Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Preghiamo per fede o per aver fede?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Sembra   un   gioco   di   parole   ma   tra   i   due   significati c'è   un   abisso.   Se   preghiamo   per   aumentare   la fede   significa   che   rispettiamo   ben   poco   di   quello che   il   Signore   ci   ha   rivelato   oppure   l’abbiamo dimenticato,   quando   invece   è   la   fede   che   ci   fa pregare    vuol    dire    che    viviamo    già    in    modo coerente,    pur    con    i    nostri    difetti    e    le    nostre fragilità.     Se     conoscessimo     la     fortuna     che abbiamo   ad   essere   cristiani,   non   impiegheremmo una   frazione   di   secondo   ad   offrire   tutto   quello che   abbiamo   per   il   bene   dell'altro.   Non   è   umiltà chiedere    continuamente    segni,    il    Signore    l’ha sempre    sconsigliato.    La    fede    non    è    basata sull'emozione,     sulla     ricerca     spasmodica     ed esasperante    del    soprannaturale,    cose    che    in televisione   e   su   Internet   imperversano.   Il   male   fa di   tutto   per   assecondarci   in   questo,   ma   è   ciò   che ci   svuota   dentro.   Prendiamo   gli   apostoli:   chi   più di    loro    ha    visto    miracoli    e    segni    in    tre    anni passati   con   Gesù?   Avevano   ricevuto   la   forza   per vivere    in    modo    naturale    queste    esperienze, mentre   la   stragrande   maggioranza   dell'umanità non   è   in   grado   di   sopportare   nemmeno   il   più piccolo     dei     segni.     Siamo     noi     meglio     degli apostoli?   Eppure   nel   momento   di   dimostrare   la loro    fede,    si    sono    dileguati.    E    i    discepoli    di Emmaus?        La    nostra    fede    non    deve    essere fondata   su   quello   che   può   essere   gradevole   e conveniente,     ma     principalmente     sull’avere     il coraggio   di   accettare   anche   le   prove   della   vita. Quando   pensiamo   di   aver   finito   la   nostra   vita, inizia    quella    vera.    Crediamo    all'eternità?    Al    di sopra   di   tutto   il   Signore   ci   chiede   la   carità,   per   il nostro   bene   e   il   nostro   fabbisogno.   Ci   sembra logico     che     Maria     Santissima     venga     a     dirci "pregate,     pregate"      e     non     si     preoccupi     del benessere   dell'anima?   Non   può   andar   contro   suo Figlio   del   quale   ha   detto   " fate   tutto   quello   che   vi dirà" .   Non   creiamoci   un   Vangelo   di   comodo,   la Madonna    non    verrà    mai    dirci    che    con    una semplice     preghiera     abbiamo     risolto     i     nostri problemi.   È   mai   possibile   che   a   livello   spirituale ci   comportiamo   né   più   né   meno   come   i   bambini dell'asilo?   Loro   dicono   la   preghierina   e   fanno   il segno   della   croce   prima   di   andare   a   letto,   ma almeno    sono    sinceri.    E    i    150    salmi?    E    i comandamenti?     Per     scaramanzia     potremmo mettere      i      cornetti      fuori      dalla      finestra… Pecchiamo    da    adulti,     abbiamo    una    vasta esperienza       della       seduzione,       del       sesso, dell'avarizia,     della     falsità,     dell’invidia,     della gelosia,   ma    viviamo    una    vita    spirituale    da bambini.    Siamo    ridicoli,    il    Signore    potrebbe vederci   con   in   mano   il   secchiello   e   la   paletta.   La misericordia   di   Dio   nei   nostri   confronti   non   è   un gesto   di   gioia,   ricorriamo   ad   essa   quando   non siamo   in   “regola”.    Perché   la   cosa   più   ovvia,   la preghiera,      deve      diventare      la      cosa      più importante?    Siamo    sicuri    che    non    possiamo aumentare   la   carità,   l'amore,   la   sincerità?   Chi   di noi   sa   accettare   la   pugnalata   più   ingiusta   senza reagire,   senza   vendicarsi,   perdonando?   Magari   il Signore    ci    ha    messo    vicino    la    persona    più indisponente    per    metterci    alla    prova.    Quando abbiamo    fede    succede    che    è    più    affascinante rispettare   i   comandamenti   di   Dio   che   trasgredirli, piuttosto   ci   facciamo   uccidere,   accettiamo   anche la   più   crudele   delle   sorti.   Il   Signore   non   ci   ha dato    una    croce    superiore    alle    nostre    forze, diventa    pesante    perché    abbiamo    l'orgoglio,    la superbia,   la   permalosità.   Chi   fa   la   carità   espia   un gran    numero    di    peccati,    perché    pensiamo    di doverci   rimettere   di   tasca   nostra?   Se   fossimo   più coerenti   con   la   nostra   fede   conosceremmo   un mondo     migliore.     Ecco     perché     i     salmi     ci richiamano     all'obbedienza.     Certo,     ci     costerà cambiare   le   nostre   abitudini,   dove   ci   muoviamo solo   per   convenienza   e   opportunismo.   Il   Signore ci   conosce   bene,   ha   aspettato   Roberto   nel   punto giusto   affinché   vedesse   il   santuario   illuminato. Non     sbaglia     nemmeno     di     una     frazione     di secondo.   La   Madonna   principalmente   viene   per   la propria   famiglia,   mentre   quelli   che   hanno   altre teorie   verranno   giudicati   in   base   a   come   vivono. Dio   premia   coloro   che   amano,   non   chi   vive   nella falsità    e    nella    scorrettezza.    La    caratteristica principale      che      dobbiamo      avere      non      è sicuramente     quella     del     "fai     da     te".     Come facciamo   ad   insegnare   agli   ignoranti?   Tante   volte diamo     voce     a     pensieri     ridicoli,     che     non corrispondono   alla   verità,   però   siamo   scrupolosi nel    guardare    ai    difetti    altrui.    Bisogna    parlare sobriamente    in    nome    Dio,    non    scioccamente. Solo   Lui   riesce   a   fare   i   ricchi   più   poveri   e   i   poveri più   ricchi,   perché   dubitiamo?   I   nostri   nomi   sono già    tutti    scritti    in    cielo,    a    ciascuno    ha    dato l'opportunità   di   realizzare   il   progetto   che   ha   su   di noi.   Cosa   renderemo   al   Signore   per   quello   che   ci ha   dato?   Non   ci   fa   specie   sentirci   contrari   alla nostra   missione   terrena?   Smettiamola   di   creare confusione,     la     disarmonia     dei     cristiani     fa inorridire.   Le   persone   sante   hanno   raggiunto   dei risultati    con    la    preghiera    perché    non    erano digiune   dei   comandamenti   di   Dio,   così   è   stato   per Santa   Monica.   Abbiamo   noi   la   sua   base?   Quante umiliazioni   e   sofferenze   ha   saputo   accettare?   La storia    non    ce    lo    dice.    Chi    è    stato    scelto    dal Signore     tante     volte     viene     a     casa     in     una condizione   disumana,   che   non   ha   nemmeno   la forza    di    piangere.    Come    possiamo    lamentarci pensando    alla    sofferenza    più    grande    che    ha patito     Gesù?     Quando     la     preghiera     non     è sostenuta   da   una   vita   coerente   non   vale   nulla, perché   caricarci   di   quintali   di   orazioni   quando   nel nostro   cuore   non   c’è   la   bontà?   Non   possiamo barare    con    le    parol e,    prima    o    poi    quello    che abbiamo dentro fuoriesce. 

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                                                                                       Preghiamo per fede o per aver fede?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile