Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Dopo   aver   fatto   tanta   pratica   e   tanta   grammatica,   il   Signore   si   aspetta   da   noi   che   aumentiamo   la   fede.   Ma   prima   di   tutto dobbiamo   capire   quale   sentimento   abbiamo   nel   profondo   del   nostro   cuore,   perché   da   lì   arriva   alla   mente      e   poi   diventa concretezza   con   la   nostra   disponibilità.   Siamo   sicuri   che   la   nostra   fede   sia   di   primissimo   livello?   Quando   c'è   un   animale ferito   si   avventano   su   di   esso   le   peggiori   specie   per   straziarne   le   carni   e   finirlo:   sciacalli,   avvoltoi,   iene,   serpenti.   Se   uno ci   paragona   a   questi   animali   non   ci   fa   un   complimento,   vuol   dire   che   siamo   della   peggior   specie   umana.   Le   persone   che si   accaniscono   contro   uno   che   sbaglia   ed   è   già   in   difficoltà,   sono   come   quegli   animali.    Come   possono   piacere   a Dio?   Sugli   animali   feriti   non   si   accaniscono   i   cigni   e   gli   agnelli,   ma   la   peggior   specie.   Noi   facciamo   questa   figura   quando critichiamo   un'altra   persona   e   ne   troviamo   tanti   che   ci   seguono;   così   non   conosceremo   mai   la   perfetta   letizia.   Le   persone che   lavorano   in   modo   ambiguo   e   hanno   la   malignità   nel   cuore,   sono   la   peggior   specie   umana.   Il   Signore   si   sdegna quando   noi   infieriamo   su   uno   che   è   già   morto,   che   ha   commesso   un   errore   perché   Dio   aveva   tolto   la   sua   protezione. Preghiamo   il   Signore   di   non   farci   provare   quell'esperienza,   altrimenti   capiremo   quanto   abbiamo   mancato.   Carità   e   amore non   è   farci   il   sorriso   quando   ci   vediamo   o   raccogliere   la   confidenza   per   gestire   l'altro,   ma   essere   solidali   con   chi   sbaglia, con   Caino.   Il   paragone   della   peggior   specie   animale   si   ripercuote   sulla   peggior   specie   umana,   che   fa   ancora   più   ribrezzo nel   vederla   in   prima   linea   quando   c’è   da   andare   a   pregare.   Che   orrore   vedere   uno   sciacallo   con   la   corona   del rosario   in   mano!    Ecco   perché,   per   assurdo,   il   miglior   modo   di   pregare   è   quello   di   non   pregare.   Quante   volte   abbiamo “sciacallato”   sulla   vita   dei   nostri   “amici”?   Quante   volte   abbiamo   affidato   il   difetto   di   un   altro,   a   una   persona   portatore   di calunnie?   Non   dobbiamo   più   cadere   nelle   trappole   sataniche,   perché   il   male   fa   di   tutto   per   farci   diventare   disgustosi davanti   agli   occhi   di   Dio.   Vogliamo   essere   la   migliore   specie   umana   o   la   peggiore?   Se   uno   di   noi   riesce   a   scoprire   la grazia   del   Signore,   porterà   con   sé   una   moltitudine   di   persone.   Raccogliamo   questi   suggerimenti   senza   spirito   di polemica, perché possono essere usati in senso contrario da chi ha nel cuore la malignità.  CHI FACCIAMO ENTRARE IN CASA? Noi   pensiamo   che   le   maledizioni   verso   una   famiglia   nella   quale   succedono   cose   disdicevoli   e   tristi,   siano   causate   da alcuni   elementi   che   possediamo,   da   fatture.   Certo   ci   sono   anche   quelle,   ma   chi   le   porta?   Non   quelli   che   pensiamo   noi.   Le maledizioni   o   le   benedizioni   le   portiamo   noi.   Se   lasciamo   entrare   in   casa   nostra   una   persona   che   dice   male   di un'altra,   maledice   la   nostra   casa.   Maledire   significa   dire   male,   è   semplice   maledire.   Nessuno   ci   dà   questa   autorità   e neanche   il   Signore,   che   ci   ha      detto   di   non   uccidere   Caino,   ce   lo   permette.   Non   apriamo   mai   la   porta   a   uno   che   viene   in casa   a   portare   diffamazione   di   un   nostro   fratello,   anche   se   quello   ha   fatto   la   cosa   peggiore.   Per   prudenza   non permettiamolo   mai   perché   inconsapevolmente   siamo   complici,   è   contro   la   nostra   fede.   Al   contrario   se   andiamo   a   dire bene,   benediciamo.   I   nostri   avi   temevano   il   chiacchiericcio   e   la   calunnia   che   altre   persone   portavano:   quando   ce   n'era uno   che   parlava   male   non   lo   facevano   entrare   in   casa.   Erano   saggi   i   nostri   “vecchi”,   molto   saggi,   sapevano   le regole   del   gioco.   Parliamo   di   tutto   ma   non   parliamo   mai   male   di   nessuno,   perché   è   facile   cambiare   la   vita   di   un   uomo che non ha né colpa né pena.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Agnelli o sciacalli?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  Dopo      aver      fatto      tanta      pratica      e      tanta grammatica,    il    Signore    si    aspetta    da    noi    che aumentiamo   la   fede.   Ma   prima   di   tutto   dobbiamo capire   quale   sentimento   abbiamo   nel   profondo del   nostro   cuore,   perché   da   lì   arriva   alla   mente      e poi      diventa      concretezza      con      la      nostra disponibilità.   Siamo   sicuri   che   la   nostra   fede   sia di    primissimo    livello?    Quando    c'è    un    animale ferito   si   avventano   su   di   esso   le   peggiori   specie per   straziarne   le   carni   e   finirlo:   sciacalli,   avvoltoi, iene,    serpenti.    Se    uno    ci    paragona    a    questi animali   non   ci   fa   un   complimento,   vuol   dire   che siamo   della   peggior   specie   umana.   Le   persone che   si   accaniscono   contro   uno   che   sbaglia ed    è    già    in    difficoltà,    sono    come    quegli animali.     Come    possono    piacere    a    Dio?    Sugli animali    feriti    non    si    accaniscono    i    cigni    e    gli agnelli,    ma    la    peggior    specie.    Noi    facciamo questa      figura      quando      critichiamo      un'altra persona   e   ne   troviamo   tanti   che   ci   seguono;   così non    conosceremo    mai    la    perfetta    letizia.    Le persone   che   lavorano   in   modo   ambiguo   e   hanno la   malignità   nel   cuore,   sono   la   peggior   specie umana.     Il     Signore     si     sdegna     quando     noi infieriamo    su    uno    che    è    già    morto,    che    ha commesso   un   errore   perché   Dio   aveva   tolto   la sua   protezione.   Preghiamo   il   Signore   di   non   farci provare     quell'esperienza,     altrimenti     capiremo quanto   abbiamo   mancato.   Carità   e   amore   non   è farci   il   sorriso   quando   ci   vediamo   o   raccogliere   la confidenza   per   gestire   l'altro,   ma   essere   solidali con    chi    sbaglia,    con    Caino.    Il    paragone    della peggior   specie   animale   si   ripercuote   sulla   peggior specie    umana,    che    fa    ancora    più    ribrezzo    nel vederla   in   prima   linea   quando   c’è   da   andare   a pregare.   Che   orrore   vedere   uno   sciacallo   con la   corona   del   rosario   in   mano!    Ecco   perché, per   assurdo,   il   miglior   modo   di   pregare   è   quello di      non      pregare.      Quante      volte      abbiamo “sciacallato”   sulla   vita   dei   nostri   “amici”?   Quante volte   abbiamo   affidato   il   difetto   di   un   altro,   a   una persona   portatore   di   calunnie?   Non   dobbiamo   più cadere   nelle   trappole   sataniche,   perché   il   male   fa di   tutto   per   farci   diventare   disgustosi   davanti   agli occhi   di   Dio.   Vogliamo   essere   la   migliore   specie umana   o   la   peggiore?   Se   uno   di   noi   riesce   a scoprire   la   grazia   del   Signore,   porterà   con   sé   una moltitudine     di     persone.     Raccogliamo     questi suggerimenti   senza   spirito   di   polemica,   perché possono   essere   usati   in   senso   contrario   da   chi   ha nel cuore la malignità.  CHI FACCIAMO ENTRARE IN CASA? Noi    pensiamo    che    le    maledizioni    verso    una famiglia   nella   quale   succedono   cose   disdicevoli   e tristi,    siano    causate    da    alcuni    elementi    che possediamo,    da    fatture.    Certo    ci    sono    anche quelle,   ma   chi   le   porta?   Non   quelli   che   pensiamo noi.   Le   maledizioni   o   le   benedizioni   le   portiamo noi.   Se   lasciamo   entrare   in   casa   nostra   una persona   che   dice   male   di   un'altra,   maledice la   nostra   casa.   Maledire   significa   dire   male,   è semplice   maledire.   Nessuno   ci   dà   questa   autorità e   neanche   il   Signore,   che   ci   ha      detto   di   non uccidere   Caino,   ce   lo   permette.   Non   apriamo   mai la    porta    a    uno    che    viene    in    casa    a    portare diffamazione    di    un    nostro    fratello,    anche    se quello   ha   fatto   la   cosa   peggiore.   Per   prudenza non           permettiamolo           mai           perché inconsapevolmente   siamo   complici,   è   contro   la nostra   fede.   Al   contrario   se   andiamo   a   dire   bene, benediciamo.      I      nostri      avi      temevano      il chiacchiericcio   e   la   calunnia   che   altre   persone portavano:    quando    ce    n'era    uno    che    parlava male   non   lo   facevano   entrare   in   casa.   Erano saggi     i     nostri     “vecchi”,     molto     saggi, sapevano    le    regole    del    gioco.    Parliamo    di tutto    ma    non    parliamo    mai    male    di    nessuno, perché   è   facile   cambiare   la   vita   di   un   uomo   che non ha né colpa né pena.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                               Agnelli o sciacalli?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile