Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Qual   è   il   modo   migliore   per   onorare   la   Madonna?   Dovendo   scegliere   tra   il   pregare   e   l’amare,   noi   ci   perderemmo   in   tanti discorsi   personali:   coloro   che   pregano   magari   mancano   nell'amore   oppure   quelli   che   amano   mancano   nel   pregare. Troppe   poche   persone   riescono   a   fare   entrambe   le   cose   con   coerenza.   Ma   soffermiamoci   in   profondità   su   quello   che Maria   Santissima   desidera   che   abbiamo   a   concretizzare.   Cos’è   più   importante   fare?   Lei   può   pregare   per   noi,   infatti quando   recitiamo   le   litanie   diciamo   sempre   " prega   per   noi" ;   dunque   la   cosa   migliore   che   noi   dovremmo   dimostrare   è l'amore,   in   quanto   Maria   Santissima   non   può   sostituirci   nell'amarci   vicendevolmente.   Pur   amandoci   singolarmente tutti,   non   può   fare   di   più,   amare   dipende   esclusivamente   da   noi.    E’   un   comandamento,   non   è   una   libertà   di   scelta e   quando   non   lo   facciamo   trasgrediamo   a   questo   precetto   che   ci   ha   dato   Gesù.   Chi   di   noi   ha   confessato   di   non   aver amato   come   avrebbe   potuto   amare?   Trasgredire   a   questo   comandamento   è   più   grave   che   trasgredire   agli   altri,   perché   è costato   la   vita   al   nostro   Signore   Gesù.   Pregare,   possono   farlo   anche   i   peggiori   su   questa   terra,   ma   amare   il   prossimo   è un   sentimento   molto   profondo.   Perché   non   ci   sentiamo   in   colpa   di   questa   mancanza   e   ci   ostiniamo   a   dare   valore   solo   alla preghiera?   Non   serve   a   niente   pregare   tutto   il   giorno   e   poi   non   amare   il   prossimo,   è   inutile.   Noi   vogliamo   bene   per simpatia   a   quelli   che   ci   danno   ragione,   che   ci   seguono,   che   ci   sostengono;   a   costoro   è   facile   volgere   lo   sguardo,   ma questo   non   è   amore,   è   il   premio   dell'amicizia   che   il   Signore   ci   ha   dato   e   dobbiamo   essere   grati   per   questo.   Fare   la volontà   del   Padre   vuol   dire   amare   i   nemici,   quelli   che   ci   insultano,   che   ci   pugnalano,   che   ci   stanno   sullo   stomaco   e   non riusciamo   a   digerire;   non   significa   far   trionfare   la   legge   dell'uomo,   gli   avvocati...   Il   diavolo   ci   metterà   sempre   davanti   nel cammino   della   nostra   vita   persone   criticabili,   così   cadiamo   come   polli   perché   capovolgiamo   il   mandato   che   Dio   ci   ha dato.   Non   dobbiamo   entrare   in   uno   schema   obbligatorio,   perché   quello   è   il   modo   peggiore   di   pregare   e   nemmeno   fare della   vita   spirituale   ciò   che   desideriamo   noi,   a   vantaggio   nostro.   Non   c’è   sincerità   nel   sostenere   uno   schema,   frasi convenzionali,   perché   non   riproduce   quello   che   abbiamo   nell’intimo;   buoni   e   cattivi   avrebbero   lo   stesso   risultato.   Siamo stati   chiamati   ad   avere   in   eredità   la   benedizione,   a   rappresentare   l'amore   vicendevole   accettando   anche   le   ingiustizie, ma   se   non   sappiamo   farlo,   profaniamo   la   parola   di   Dio,   ne   alteriamo   la   sostanza.   Chi   è   il   Signore   per   noi?   Quando scopriamo   gli   inghippi   di   un'altra   persona,   diciamo   male,   sosteniamo   la   parte   dell'infido,    il   quale   ci   fa   vedere che   Dio   non   esiste.   Guardando   ai   difetti   che   possono   avere   anche   gli   uomini   di   chiesa,   non   risolviamo   niente,   perché   il Signore   non   ci   concede   di   criticare   e   di   giudicare.   I   gruppi   di   preghiera   dovrebbero   servire   a   farci   capire   se   siamo   degni di   rappresentare   la   verità,   non   a   sostenere   lo   schema.   In   generale,   anche   i   sacerdoti   non   rappresentano   bene   il   loro mandato,   perché   di   generazione   in   generazione   hanno   modificato   troppo   la   loro   base,   cercando   di   decidere   cosa bisognava   togliere   o   aggiungere,   in   quale   chiave   andava   letta   la   Bibbia   e   così   si   è   alterata   la   caratteristica   principale della   parola   di   Dio.   Essere   obbedienti   alla   Chiesa   vuol   dire   amare,   subire   le   umiliazioni,   le   offese,   le   ingiustizie, non   quello   che   ci   dice   un   sacerdote;   anche   loro   vanno   aiutati   perché   sono   stati   educati   sotto   una   certa   forma   non coerente   e   sostengono   ciò   che   li   ha   formati,   una   parte   limitata   della   fede.   Poi   quando   arriva   qualcuno   che   fuoriesce   da questo   schema,   come   il   santo   curato   d’Ars,   san   Giovanni   Bosco,   padre   Pio,   san   Francesco,   sono   criticati   e   perseguitati dagli   stessi   preti.   Non   dobbiamo   farci   svuotare   di   verità   dal   primo   che   incontriamo.   Ma   abbiamo   capito   qual   è   il   nostro mandato?   Ci   rendiamo   conto   che   l o   schema   è   stato   costruito   per   impedire   di   conoscere   a   fondo   la   parola   del Signore?    Non   si   vuole   abolire   lo   schema,   ma   nessuno   sapeva   quanto   pregavano   Gesù   e   la   Madonna.   Perché   vogliamo comportarci   come   coloro   che   ne   sanno   di   più,   svuotando   di   verità   un   progetto   così   immenso?   Il   male   è   arrivato perfino   a   fare   educare   ministri   del   Signore   in   modo   diverso   da   quello   che   dovrebbero   essere   educati.   Siamo sicuri   che   ne   è   valsa   la   pena   studiare   così   tanto?   Troviamo   conferma   nel   comportamento   che   la   parola   di   Dio   ci   chiede? Spezzare   il   pane   sull'altare   è   una   cosa   comune,   non   è   perché   uno   lo   fa   e   allora   tutto   quello   che   dice   è   oro   colato.   I sacerdoti   dovrebbero   parlare   tutti   la   stessa   lingua,   invece,   spesso,   uno   dice   il   contrario   dell'altro,   si   criticano   a   vicenda. Ma   chi   li   ha   educati?   C'è   una   macchina   infernale   che   è   riuscita   a   entrare   in   ogni   luogo,   imponendo   ciò   che   serviva   per capovolgere   il   significato   della   parola   di   Dio.   Seguiamo   pure   il   magistero   della   Chiesa,   ma   non   possiamo   non   vedere   che quel   rappresentante,   se   avesse   le   qualità   che   sono   scritte   sulla   Bibbia,   farebbe   risorgere   l'umanità   intera,   come   quei sacerdoti   Santi   hanno   sempre   fatto.   La   Chiesa   che   dobbiamo   sostenere   non   è   lo   schema,   che   è   solo   in   una piccolissima   parte   del   suo   patrimonio,   ma   l'amore.    Siamo   sicuri   che   noi   oggi   rappresentiamo   la   stessa   Chiesa   che la   Madonna   ha   fondato   educando   gli   apostoli   nel   cenacolo?   Oppure   ci   sentiamo   a   posto   perché   facciamo   bene   i   nostri compitini,   salvo   poi   sparlare   di   nostro   fratello?   Ammettiamo   di   avere   tanto   sbagliato,   perché   siamo   tutti   mancanti   di quell'autenticità   che   potrebbe   diventare   determinante   per   il   trionfo   del   bene.   Ciò   che   ci   ha   condannato   ieri,   i   nostri difetti, se li faremo diventare virtù, saranno la corona della nostra santità.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Lo schema ostacola l'amore
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Qual   è   il   modo   migliore   per   onorare   la   Madonna? Dovendo   scegliere   tra   il   pregare   e   l’amare,   noi   ci perderemmo    in    tanti    discorsi    personali:    coloro che   pregano   magari   mancano   nell'amore   oppure quelli   che   amano   mancano   nel   pregare.   Troppe poche   persone   riescono   a   fare   entrambe   le   cose con   coerenza.   Ma   soffermiamoci   in   profondità   su quello     che     Maria     Santissima     desidera     che abbiamo   a   concretizzare.   Cos’è   più   importante fare?    Lei    può    pregare    per    noi,    infatti    quando recitiamo   le   litanie   diciamo   sempre   " prega   per noi" ;   dunque   la   cosa   migliore   che   noi   dovremmo dimostrare   è   l'amore,   in   quanto   Maria   Santissima non   può   sostituirci   nell'amarci   vicendevolmente. Pur   amandoci   singolarmente   tutti,   non   può fare   di   più,   amare   dipende   esclusivamente da   noi.    E’   un   comandamento,   non   è   una   libertà di   scelta   e   quando   non   lo   facciamo   trasgrediamo a   questo   precetto   che   ci   ha   dato   Gesù.   Chi   di   noi ha   confessato   di   non   aver   amato   come   avrebbe potuto       amare?       Trasgredire       a       questo comandamento   è   più   grave   che   trasgredire   agli altri,   perché   è   costato   la   vita   al   nostro   Signore Gesù.   Pregare,   possono   farlo   anche   i   peggiori   su questa    terra,    ma    amare    il    prossimo    è    un sentimento     molto     profondo.     Perché     non     ci sentiamo    in    colpa    di    questa    mancanza    e    ci ostiniamo   a   dare   valore   solo   alla   preghiera?   Non serve   a   niente   pregare   tutto   il   giorno   e   poi   non amare   il   prossimo,   è   inutile.   Noi   vogliamo   bene per   simpatia   a   quelli   che   ci   danno   ragione,   che ci   seguono,   che   ci   sostengono;   a   costoro   è   facile volgere   lo   sguardo,   ma   questo   non   è   amore,   è il   premio   dell'amicizia   che   il   Signore   ci   ha   dato   e dobbiamo    essere    grati    per    questo.    Fare    la volontà   del   Padre   vuol   dire   amare   i   nemici,   quelli che   ci   insultano,   che   ci   pugnalano,   che   ci   stanno sullo   stomaco   e   non   riusciamo   a   digerire;   non significa    far    trionfare    la    legge    dell'uomo,    gli avvocati...   Il   diavolo   ci   metterà   sempre   davanti nel   cammino   della   nostra   vita   persone   criticabili, così   cadiamo   come   polli   perché   capovolgiamo   il mandato    che    Dio    ci    ha    dato.    Non    dobbiamo entrare    in    uno    schema    obbligatorio,    perché quello   è   il   modo   peggiore   di   pregare   e   nemmeno fare   della   vita   spirituale   ciò   che   desideriamo   noi, a     vantaggio     nostro.     Non     c’è     sincerità     nel sostenere     uno     schema,     frasi     convenzionali, perché     non     riproduce     quello     che     abbiamo nell’intimo;   buoni   e   cattivi   avrebbero   lo   stesso risultato.   Siamo   stati   chiamati   ad   avere   in   eredità la      benedizione,      a      rappresentare      l'amore vicendevole   accettando   anche   le   ingiustizie,   ma se   non   sappiamo   farlo,   profaniamo   la   parola   di Dio,   ne   alteriamo   la   sostanza.   Chi   è   il   Signore per   noi?   Quando    scopriamo    gli    inghippi    di un'altra   persona,   diciamo   male,   sosteniamo la   parte   dell'infido,    il   quale   ci   fa   vedere   che   Dio non    esiste.    Guardando    ai    difetti    che    possono avere   anche   gli   uomini   di   chiesa,   non   risolviamo niente,    perché    il    Signore    non    ci    concede    di criticare    e    di    giudicare.    I    gruppi    di    preghiera dovrebbero   servire   a   farci   capire   se   siamo   degni di   rappresentare   la   verità,   non   a   sostenere   lo schema.    In    generale,    anche    i    sacerdoti    non rappresentano   bene   il   loro   mandato,   perché   di generazione    in    generazione    hanno    modificato troppo   la   loro   base,   cercando   di   decidere   cosa bisognava   togliere   o   aggiungere,   in   quale   chiave andava    letta    la    Bibbia    e    così    si    è    alterata    la caratteristica    principale    della    parola    di    Dio. Essere    obbedienti    alla    Chiesa    vuol    dire amare,    subire    le    umiliazioni,    le    offese,    le ingiustizie,     non     quello     che     ci     dice     un sacerdote;   anche   loro   vanno   aiutati   perché   sono stati   educati   sotto   una   certa   forma   non   coerente e   sostengono   ciò   che   li   ha   formati,   una   parte limitata   della   fede.   Poi   quando   arriva   qualcuno che   fuoriesce   da   questo   schema,   come   il   santo curato   d’Ars,   san   Giovanni   Bosco,   padre   Pio,   san Francesco,    sono    criticati    e    perseguitati    dagli stessi    preti.    Non    dobbiamo    farci    svuotare    di verità   dal   primo   che   incontriamo.   Ma   abbiamo capito   qual   è   il   nostro   mandato?   Ci   rendiamo conto   che   l o    schema    è    stato    costruito    per impedire   di   conoscere   a   fondo   la   parola   del Signore?    Non   si   vuole   abolire   lo   schema,   ma nessuno    sapeva    quanto    pregavano    Gesù    e    la Madonna.    Perché    vogliamo    comportarci    come coloro   che   ne   sanno   di   più,   svuotando   di   verità un   progetto   così   immenso?   Il   male   è   arrivato perfino   a   fare   educare   ministri   del   Signore in   modo   diverso   da   quello   che   dovrebbero essere   educati.   Siamo   sicuri   che   ne   è   valsa   la pena   studiare   così   tanto?   Troviamo   conferma   nel comportamento   che   la   parola   di   Dio   ci   chiede? Spezzare   il   pane   sull'altare   è   una   cosa   comune, non   è   perché   uno   lo   fa   e   allora   tutto   quello   che dice   è   oro   colato.   I   sacerdoti   dovrebbero   parlare tutti   la   stessa   lingua,   invece,   spesso,   uno   dice   il contrario   dell'altro,   si   criticano   a   vicenda.   Ma   chi li   ha   educati?   C'è   una   macchina   infernale   che   è riuscita   a   entrare   in   ogni   luogo,   imponendo   ciò che   serviva   per   capovolgere   il   significato   della parola   di   Dio.   Seguiamo   pure   il   magistero   della Chiesa,   ma   non   possiamo   non   vedere   che   quel rappresentante,   se   avesse   le   qualità   che   sono scritte   sulla   Bibbia,   farebbe   risorgere   l'umanità intera,   come   quei   sacerdoti   Santi   hanno   sempre fatto.   La   Chiesa   che   dobbiamo   sostenere   non è   lo   schema,   che   è   solo   in   una   piccolissima parte   del   suo   patrimonio,   ma   l'amore.    Siamo sicuri    che    noi    oggi    rappresentiamo    la    stessa Chiesa   che   la   Madonna   ha   fondato   educando   gli apostoli    nel    cenacolo?    Oppure    ci    sentiamo    a posto   perché   facciamo   bene   i   nostri   compitini, salvo   poi   sparlare   di   nostro   fratello?   Ammettiamo di    avere    tanto    sbagliato,    perché    siamo    tutti mancanti     di     quell'autenticità     che     potrebbe diventare   determinante   per   il   trionfo   del   bene. Ciò   che   ci   ha   condannato   ieri,   i   nostri   difetti,   se   li faremo   diventare   virtù,   saranno   la   corona   della nostra santità. 

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile