Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Gli   apostoli   hanno   frequentato   Gesù   per   3   anni   e   visto   tanti   miracoli.   San   Paolo   non   era   neanche   un   apostolo,   non   era presente   quanto   Gesù   istituì   l’eucaristia,   o   si   trasfigurò   sul   monte   Tabor;   era   uno   che   perseguitava   i   cristiani.   Secondo   il nostro   modo   di   pensare,   avremmo   detto:   “cosa   c’entra   San   Paolo   che   non   ha   neanche   conosciuto   Gesù,   è   verità   solo quello   che   scrivono   gli   11   apostoli,   non   San   Paolo”.   E   invece   non   è   così.   San   Paolo,   nei   suoi   scritti,   ha   dimostrato   di conoscere   la   verità   che   Gesù   ha   rivelato,   al   pari   degli   apostoli,   se   non   di   più.   Ha   dimostrato   che   tra      il   primo   degli apostoli   e   l’ultimo   arrivato   non   c’è   nessuna   differenza.   Dunque,   noi   che   ci   comportiamo   tanto   da   saccenti,   perché   da   anni andiamo   in   chiesa,   veniamo   superati   dagli   altri,   quelli   che   sono   atei,   miscredenti.   Non   bisogna   comportarsi   come   se quello   più   anziano,   che   ha   più   esperienza,   sia   migliore   e   abbia   più   diritti   di   quello   appena   arrivato.   Non   è   confermato   che chi   frequenta   la   chiesa   e   rispetta   la   legge   dei   sacerdoti,   abbia   più   meriti   degli   altri   che   hanno   perseguitato   il   tempio, perché   San   Paolo   lo   smentisce   subito.      Evitiamo   di   essere   arroganti,   di   giudicare   e   criticare   una   persona,   anche   solo dall’apparenza;   magari   colui   che   condanniamo,   è   mosso   da   una   regia”    che   non   conosciamo,   da   Dio,   che   dà   la   parola   a chi   fino   a   ieri   non   la   meritava.   Ringraziamo   il   Signore   per   averci   dato   anche   “quel   figlio”,    che   è   per   noi   causa   di   tanta sofferenza,   perchè   come   hanno   dimostrato   San   Paolo   e   Sant’Agostino,   si   può   cambiare   strada   e   vita.   E   quando   uno cambia,   diventa   migliore   anche   di   quello   che,   secondo   noi,   non   aveva   mai   sbagliato   il   cammino.   Nessuno   deve   pensare di   avere   più   autorità   di   un   altro,   siamo   tutti   “sulla   stessa   barca”,   nella   stessa   condizione   di   dover   capire   e   imparare. L’unica   cosa   che   ci   riguarda,   e   che   Maria   Santissima   si   aspetta   di   più,   è   quella   di   desiderare   il   bene   gli   uni   degli   altri,   di stare bene insieme.  QUAL’E’ IL NOSTRO STATO D’ANIMO? Nessuno   conosceva   lo   stato   d’animo   di   San   Paolo:    si   legge   che   era   presente   al   martirio   di   Santo   Stefano;   qualcuno l’ha   osservato   ed   ha   visto   che   stava   soffrendo   in   un   modo   struggente,   pur   essendo   uno   degli   accusatori   di   Santo Stefano.   Ha   avuto   una   sofferenza   grandissima,   anche   se   è   stato   coerente   con   la   legge   che   stava   difendendo.   Lo   stato d’animo   di   San   Paolo   non   mentiva.   Il   nostro   stato   d’animo,   invece,   non   esiste   proprio,   perché   poco   ci   rendiamo   conto   se stiamo ferendo qualcuno, quando creiamo situazioni di contrasto e divisione con le nostre parole…  BATTERIE SCARICHE O VULCANI CHE ERUTTANO LA GRAZIA DEL SIGNORE? Dobbiamo   agire   col   cuore,   con   lo   stato   d’animo,   per   meditare   la   grandezza   di   Dio,   interiorizzare   la   sua   parola   e riempierci   della   sua   grazia,   fino   ad   esplodere,   ad   irradiare   il   “troppo   pieno ”   che   noi   possiamo   contenere   nel   profondo   del nostro   animo.   Dobbiamo   essere   come   un   vulcano   quando   erutta,   quando   è   colmo   per   trasmettere   quella   forza   che   non dà   possibilità   di   resistenza   a   chi   ci   sta   davanti.   Altrimenti   saremo   sempre   come   delle   lampade   spente   svuotate   di   energia e   di   grazia   spirituale.   E’   così   che   siamo   noi:   più   parliamo,   più   vogliamo   convincere   gli   altri   e   trasmettere   con   la parola,   quello   che   in   realtà   non   abbiamo   dentro,      e   più   ci   indeboliamo .   Non   indeboliamoci   con   la   parola,   perché dopo   ½   ora   che   parliamo   del   Vangelo,   ci   siamo   svuotati,   non   rimane   dentro   di   noi   più   niente.      Diventiamo   come   batterie scariche,   che   continuano   a   scaricarsi   fino   a   spegnersi,   mentre   noi   continuiamo   a   parlare      e   a   pretendere   di   essere   luce del mondo. Perché la parola proviene dal cervello, non dall’anima.  AH… SE QUESTI FIGLI MI ASCOLTASSERO! Maria   Santissima   nella   sua   meditazione   serale,   magnifica   il   Signore   con   la   sua   anima,      non   con   la   sua   parola….      Noi invece      facciamo   l’esatto   contrario   e   diciamo   di   essere   figli   di   Maria,   mentre   siamo   figli   della   ragione…      Dovremmo trasmettere   quello   che   Lei   ci   ha   insegnato,   non   quello   che   noi   vogliamo   dimostrare      a   Lei,   in   nome   suo.      Invece   “ci carichiamo”   a   destra   e   a   sinistra,   cercando   il   Signore   qua   e   là,   perché   non   abbiamo   più   fede   e   ci   lamentiamo   dei problemi   che   abbiamo   causato,   come   se   Dio   fosse   stato   ingiusto   nell’affidarci   così   tanti   problemi   da   risolvere.   Ma   il Signore   non   è   la   causa   dei   nostri   problemi,   ma   della   verità,   della   vita,   della   gioia,   della   serenità,   dell’eternità.   Nessuno   di noi   è   stato   fatto   per   la   materia,   ma   per   lo   spirito,   perché   la   materia   perisce,   diventa   polvere,   mentre   lo   spirito   ci accompagna   in   una   trasformazione   per   l’eternità.   Ringraziamo   il   Signore   per   qualcosa   che   abbiamo   gradito,   in   casa nostra,   nella   nostra   vita,   nel   nostro   lavoro;   evidenziamo   le   cose   positive   e   non   quelle   negative   (contestazioni   silenziose, rimproveri,   ribellioni   di   gruppo…).   Il   Signore   meraviglioso   com’è,   vedendo   il   nostro   immenso   atto   di   coraggio   e   di   amore, magari   ci   cambia   la   vita,   togliendo   il   problema   che   ci   fa   tanto   soffrire.   Dimostriamo   di   saper   accettare   e   di   non   sfuggire la croce, la prova, perché non è da figli di Dio.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
L’ultimo arrivato ha avuto tutti i meriti degli altri
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Gli   apostoli   hanno   frequentato   Gesù   per   3   anni   e visto   tanti   miracoli.   San   Paolo   non   era   neanche un   apostolo,   non   era   presente   quanto   Gesù   istituì l’eucaristia,   o   si   trasfigurò   sul   monte   Tabor;   era uno    che    perseguitava    i    cristiani.    Secondo    il nostro   modo   di   pensare,   avremmo   detto:   “cosa c’entra   San   Paolo   che   non   ha   neanche   conosciuto Gesù,   è   verità   solo   quello   che   scrivono   gli   11 apostoli,   non   San   Paolo”.   E   invece   non   è   così. San    Paolo,    nei    suoi    scritti,    ha    dimostrato    di conoscere   la   verità   che   Gesù   ha   rivelato,   al   pari degli   apostoli,   se   non   di   più.   Ha   dimostrato   che tra      il   primo   degli   apostoli   e   l’ultimo   arrivato   non c’è    nessuna    differenza.    Dunque,    noi    che    ci comportiamo   tanto   da   saccenti,   perché   da   anni andiamo   in   chiesa,   veniamo   superati   dagli   altri, quelli   che   sono   atei,   miscredenti.   Non   bisogna comportarsi   come   se   quello   più   anziano,   che   ha più   esperienza,   sia   migliore   e   abbia   più   diritti   di quello   appena   arrivato.   Non   è   confermato   che   chi frequenta    la    chiesa    e    rispetta    la    legge    dei sacerdoti,   abbia   più   meriti   degli   altri   che   hanno perseguitato    il    tempio,    perché    San    Paolo    lo smentisce   subito.      Evitiamo   di   essere   arroganti, di   giudicare   e   criticare   una   persona,   anche   solo dall’apparenza;   magari   colui   che   condanniamo,   è mosso   da   una   regia”    che   non   conosciamo,   da Dio,   che   dà   la   parola   a   chi   fino   a   ieri   non   la meritava.   Ringraziamo   il   Signore   per   averci   dato anche   “quel   figlio”,    che   è   per   noi   causa   di   tanta sofferenza,   perchè   come   hanno   dimostrato   San Paolo   e   Sant’Agostino,   si   può   cambiare   strada   e vita.    E    quando    uno    cambia,    diventa    migliore anche   di   quello   che,   secondo   noi,   non   aveva   mai sbagliato   il   cammino.   Nessuno   deve   pensare   di avere   più   autorità   di   un   altro,   siamo   tutti   “sulla stessa   barca”,   nella   stessa   condizione   di   dover capire   e   imparare.   L’unica   cosa   che   ci   riguarda,   e che   Maria   Santissima   si   aspetta   di   più,   è   quella   di desiderare   il   bene   gli   uni   degli   altri,   di   stare   bene insieme.  QUAL’E’ IL NOSTRO STATO D’ANIMO? Nessuno   conosceva   lo   stato   d’animo   di   San Paolo:    si   legge   che   era   presente   al   martirio   di Santo   Stefano;   qualcuno   l’ha   osservato   ed   ha visto     che     stava     soffrendo     in     un     modo struggente,   pur   essendo   uno   degli   accusatori   di Santo     Stefano.     Ha     avuto     una     sofferenza grandissima,   anche   se   è   stato   coerente   con   la legge   che   stava   difendendo.   Lo   stato   d’animo   di San   Paolo   non   mentiva.   Il   nostro   stato   d’animo, invece,    non    esiste    proprio,    perché    poco    ci rendiamo    conto    se    stiamo    ferendo    qualcuno, quando     creiamo     situazioni     di     contrasto     e divisione con le nostre parole…  BATTERIE SCARICHE O VULCANI CHE ERUTTANO LA GRAZIA DEL SIGNORE? Dobbiamo   agire   col   cuore,   con   lo   stato   d’animo, per   meditare   la   grandezza   di   Dio,   interiorizzare   la sua   parola   e   riempierci   della   sua   grazia,   fino   ad esplodere,   ad   irradiare   il   “troppo   pieno ”   che   noi possiamo    contenere    nel    profondo    del    nostro animo.     Dobbiamo     essere     come     un     vulcano quando   erutta,   quando   è   colmo   per   trasmettere quella   forza   che   non   dà   possibilità   di   resistenza   a chi    ci    sta    davanti.    Altrimenti    saremo    sempre come   delle   lampade   spente   svuotate   di   energia   e di   grazia   spirituale.   E’   così   che   siamo   noi:   più parliamo,   più   vogliamo   convincere   gli   altri   e trasmettere    con    la    parola,    quello    che    in realtà     non     abbiamo     dentro,          e     più     ci indeboliamo .   Non   indeboliamoci   con   la   parola, perché   dopo   ½   ora   che   parliamo   del   Vangelo,   ci siamo    svuotati,    non    rimane    dentro    di    noi    più niente.      Diventiamo   come   batterie   scariche,   che continuano   a   scaricarsi   fino   a   spegnersi,   mentre noi   continuiamo   a   parlare      e   a   pretendere   di essere   luce   del   mondo.   Perché   la   parola   proviene dal cervello, non dall’anima.  AH… SE QUESTI FIGLI MI ASCOLTASSERO! Maria   Santissima   nella   sua   meditazione   serale, magnifica   il   Signore   con   la   sua   anima,      non   con la   sua   parola….      Noi   invece      facciamo   l’esatto contrario    e    diciamo    di    essere    figli    di    Maria, mentre   siamo   figli   della   ragione…      Dovremmo trasmettere   quello   che   Lei   ci   ha   insegnato,   non quello   che   noi   vogliamo   dimostrare      a   Lei,   in nome   suo.      Invece   “ci   carichiamo”   a   destra   e   a sinistra,   cercando   il   Signore   qua   e   là,   perché   non abbiamo   più   fede   e   ci   lamentiamo   dei   problemi che   abbiamo   causato,   come   se   Dio   fosse   stato ingiusto    nell’affidarci    così    tanti    problemi    da risolvere.   Ma   il   Signore   non   è   la   causa   dei   nostri problemi,   ma   della   verità,   della   vita,   della   gioia, della    serenità,    dell’eternità.    Nessuno    di    noi    è stato    fatto    per    la    materia,    ma    per    lo    spirito, perché    la    materia    perisce,    diventa    polvere, mentre     lo     spirito     ci     accompagna     in     una trasformazione     per     l’eternità.     Ringraziamo     il Signore    per    qualcosa    che    abbiamo    gradito,    in casa   nostra,   nella   nostra   vita,   nel   nostro   lavoro; evidenziamo    le    cose    positive    e    non    quelle negative    (contestazioni    silenziose,    rimproveri, ribellioni    di    gruppo…).    Il    Signore    meraviglioso com’è,    vedendo    il    nostro    immenso    atto    di coraggio   e   di   amore,   magari   ci   cambia   la   vita, togliendo    il    problema    che    ci    fa    tanto    soffrire. Dimostriamo   di   saper   accettare   e   di   non   sfuggire la croce, la prova, perché non è da figli di Dio.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

               L’ultimo arrivato ha avuto                    tutti i meriti degli altri               
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile