Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Noi   abbiamo   accettato   delle   abitudini   comportamentali   che   riteniamo   complessivamente   giuste   davanti   a   Dio,   ma   che non   confermano   quello   che   sta   scritto   sul   Vangelo,   poiché   la   nostra   vita   non   è   uguale   a   quella   che   ci   illudiamo   di realizzare   ricevendo   tante   volte   l’Eucaristia   ed   andando   sempre   a   messa.   Noi   crediamo   di   conoscere   la   verità,   di   avere un   certo   carisma,   che   lo   Spirito   Santo   interviene   su   un   nostro   comando…   Queste   sono   pie   illusioni,   che   ci   fanno   vivere una   vita   non   nostra.   In   realtà   il   carisma   che   il   Signore   ci   ha   donato   non   lo   conosciamo,   ma   lo   abbiamo   imprigionato dentro   di   noi   attraverso   un   comportamento   che   ha   annullato   i   benefici   del   battesimo,   perché   vogliamo   primeggiare, spadroneggiare   sugli   altri,   essere   creduti,   fare   i   saccenti,   quelli   che   sanno   tutto.Oppure   incredibilmente   ci   facciamo condizionare   dal   primo   che   arriva   e   cambiamo   subito   modo   di   vivere   come   canne   sbattute   dal   vento”    perché   non abbiamo   una   fede   giustaAnche   se   non   lo   diciamo,   questa   è   la   nostra   verità:   dimostriamo   nei   fatti   di   non   conoscere   le cose   di   Dio,   di   non   aver   capito   che   deve   essere   il   nostro   comportamento   a   coinvolgere   gli   altri,   non   le   parole…   Dopo   anni che   leggiamo   il   Vangelo   e   lo   abbiamo   come   linea   di   vita,   ma   dimostrando   di   non   conoscerlo,   avverrà   quello   che   è   scritto, che   l’ultimo   che   arriva   ci   passerà   davanti   e   avrà   tutti   i   meriti.   Non   facciamo   gli   errori   che   altri   hanno   commesso   prima   di noi:   il   giorno   prima   cantavano   ”Osanna   al   figlio   di   Davide ”   e   il   giorno   dopo   lo   hanno   messo   in   croce,   mentre   colui   che   gli ha   aperto   il   costato   è   diventato   Santo   (S.Longino).   Agli   occhi   dell’uomo,   al   disattento,   è   risultato   che   quello   che   gli   ha aperto   il   costato   è   sicuramente   finito   all’inferno   e   quello   che   ha   osannato   al   figlio   di   Davide   è   finito   in   paradiso:   invece   è tutto   il   contrario!   Ecco   perché   tanti   anni   di   preghiera   non   ci   devono   illudere   di   essere   giusti.      E   noi   dove   siamo?   I   primi che   non   obbediscono   alla   volontà   di   Dio   e   a   quello   che   la   Madonna   chiede,   sono,   in   generale   e   senza   criticare   nessuno,   i primi   che   si   presentano   davanti   alle   apparizioni,   che   accumulano   preghiere   facendo   a   gara   a   chi   prega   di   più   per   sentirsi giusti…E   senza   che   se   ne   rendono   conto   diventano   emettitori   di   sentenze   verso   il   proprio   fratello...      Ma   le   preghiere servono   ad   aumentare   la   fede   o   l’orgoglio?   Smettiamola   di   sostituirci   allo   Spirito   Santo,   al   Signore,   a   Maria   SS.   dando delle   indicazioni   e   dei   giudizi   che   non   ci   competono.      Non   c’è   cosa   peggiore   di   questa   che   è   vera   ipocrisia.   E   Gesù   gli ipocriti   li   ha   già   scacciati   dal   tempio…   Per   tali   motivi   dovremo   lasciare   andare   avanti   le   prostitute   e   i   malfattori   per sentirci   indegni,   perché   magari   sono   meglio   di   noi,   perché   colui   che   ha   trafitto   il   Signore   è   diventato   Santo.   C’è   una netta   differenza   tra   chi   si   converte   e   chi   diventa   Santo.   Se   noi   avremo   in   cuor   nostro   un   esame   di   coscienza   nel   dire   “io non   sono   degno”,   io   non   sono   giusto ”   e   se   non   lasceremo   che   tutti   gli   altri   ci   superino,   non   sentiremo   lo   stimolo   per migliorare.   Quello   che   pensa   di   meritare   il   primo   posto,   fa   l’esatto   contrario,   commette   l’errore   di   coloro   che   cantavano ”Osanna   al   figlio   di   Davide”.      Gesù   ha   detto:   gli   ultimi   saranno   i   primi…   Siamo   ultimi,   perché   più   che   ultimi   non   possiamo essere.      Meditiamo   su   questi   passaggi,   altrimenti   ci   illudiamo   che   tutto   quello   che   facciamo   noi   sia   giusto   e   tutto   quello che   fanno   gli   altri   sia   sbagliato.      Maria   SS.   ci   vuole   educare   verso   uno   stile   comportamentale   che   non   abbiamo   mai   avuto prima.    Il    cammino    che    la    Madonna    ci    chiede    non    è    per    coloro    che    si    aspettano    riconoscimenti    umani,    ma    per antiprotagonisti,   antisaccenti,   che   va   controcorrente   per   diventare   coloro   che   hanno   obbedito   alla   volontà   della   Madre,   i servi   della   Serva   di   Dio.   Accettiamo   con   amore   quello   che   la   Madonna   vuole   darci.   Riflettiamo   sul   costato   trafitto (l’ultimo   che   arriva   mi   passa   avanti):   o   siamo   degli   incapaci,   che   invece   di   andare   avanti   andiamo   indietro,   oppure   c’è qualcosa   che   non   va   nel   nostro   comportamento   perchè   una   piccola   percentuale   va   avanti   e   la   maggioranza   no… Soddisfiamo   le   attese   che   Maria   SS.   ha   su   di   noi   e   che   le   ha   manifestate   a   Roberto   sul   monte   Misma   con   una   frase   piena di sentimento: “Ah se questi figli mi ascoltassero…”.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Colui che ha trafitto quel costato è diventato santo
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Noi       abbiamo       accettato       delle       abitudini comportamentali                che                riteniamo complessivamente   giuste   davanti   a   Dio,   ma   che non     confermano     quello     che     sta     scritto     sul Vangelo,   poiché   la   nostra   vita   non   è   uguale   a quella    che    ci    illudiamo    di    realizzare    ricevendo tante    volte    l’Eucaristia    ed    andando    sempre    a messa.   Noi   crediamo   di   conoscere   la   verità,   di avere    un    certo    carisma,    che    lo    Spirito    Santo interviene   su   un   nostro   comando…   Queste   sono pie   illusioni,   che   ci   fanno   vivere   una   vita   non nostra.   In   realtà   il   carisma   che   il   Signore   ci   ha donato    non    lo    conosciamo,    ma    lo    abbiamo imprigionato     dentro     di     noi     attraverso     un comportamento   che   ha   annullato   i   benefici   del battesimo,       perché       vogliamo       primeggiare, spadroneggiare   sugli   altri,   essere   creduti,   fare   i saccenti,      quelli      che      sanno      tutto.Oppure incredibilmente    ci    facciamo    condizionare    dal primo   che   arriva   e   cambiamo   subito   modo   di vivere   come   canne   sbattute   dal   vento”    perché non   abbiamo   una   fede   giustaAnche   se   non   lo diciamo,   questa   è   la   nostra   verità:   dimostriamo nei   fatti   di   non   conoscere   le   cose   di   Dio,   di   non aver      capito      che      deve      essere      il      nostro comportamento    a    coinvolgere    gli    altri,    non    le parole…   Dopo   anni   che   leggiamo   il   Vangelo   e   lo abbiamo   come   linea   di   vita,   ma   dimostrando   di non   conoscerlo,   avverrà   quello   che   è   scritto,   che l’ultimo   che   arriva   ci   passerà   davanti   e   avrà   tutti i   meriti.   Non   facciamo   gli   errori   che   altri   hanno commesso     prima     di     noi:     il     giorno     prima cantavano   ”Osanna   al   figlio   di   Davide ”   e   il   giorno dopo   lo   hanno   messo   in   croce,   mentre   colui   che gli    ha    aperto    il    costato    è    diventato    Santo (S.Longino).   Agli   occhi   dell’uomo,   al   disattento,   è risultato   che   quello   che   gli   ha   aperto   il   costato   è sicuramente    finito    all’inferno    e    quello    che    ha osannato   al   figlio   di   Davide   è   finito   in   paradiso: invece   è   tutto   il   contrario!   Ecco   perché   tanti   anni di    preghiera    non    ci    devono    illudere    di    essere giusti.        E    noi    dove    siamo?    I    primi    che    non obbediscono   alla   volontà   di   Dio   e   a   quello   che   la Madonna    chiede,    sono,    in    generale    e    senza criticare    nessuno,    i    primi    che    si    presentano davanti      alle      apparizioni,      che      accumulano preghiere   facendo   a   gara   a   chi   prega   di   più   per sentirsi   giusti…E   senza   che   se   ne   rendono   conto diventano   emettitori   di   sentenze   verso   il   proprio fratello...      Ma   le   preghiere   servono   ad   aumentare la   fede   o   l’orgoglio?   Smettiamola   di   sostituirci allo   Spirito   Santo,   al   Signore,   a   Maria   SS.   dando delle     indicazioni     e     dei     giudizi     che     non     ci competono.      Non   c’è   cosa   peggiore   di   questa   che è    vera    ipocrisia.    E    Gesù    gli    ipocriti    li    ha    già scacciati    dal    tempio…    Per    tali    motivi    dovremo lasciare   andare   avanti   le   prostitute   e   i   malfattori per   sentirci   indegni,   perché   magari   sono   meglio di   noi,   perché   colui   che   ha   trafitto   il   Signore   è diventato   Santo.   C’è   una   netta   differenza   tra   chi si   converte   e   chi   diventa   Santo.   Se   noi   avremo   in cuor   nostro   un   esame   di   coscienza   nel   dire   “io non   sono   degno”,   io   non   sono   giusto ”   e   se   non lasceremo    che    tutti    gli    altri    ci    superino,    non sentiremo   lo   stimolo   per   migliorare.   Quello   che pensa    di    meritare    il    primo    posto,    fa    l’esatto contrario,     commette     l’errore     di     coloro     che cantavano   ”Osanna   al   figlio   di   Davide”.      Gesù   ha detto:   gli   ultimi   saranno   i   primi…   Siamo   ultimi, perché    più    che    ultimi    non    possiamo    essere.      Meditiamo    su    questi    passaggi,    altrimenti    ci illudiamo   che   tutto   quello   che   facciamo   noi   sia giusto    e    tutto    quello    che    fanno    gli    altri    sia sbagliato.      Maria   SS.   ci   vuole   educare   verso   uno stile    comportamentale    che    non    abbiamo    mai avuto    prima.    Il    cammino    che    la    Madonna    ci chiede    non    è    per    coloro    che    si    aspettano riconoscimenti   umani,   ma   per   antiprotagonisti, antisaccenti,   che   va   controcorrente   per   diventare coloro    che    hanno    obbedito    alla    volontà    della Madre,   i   servi   della   Serva   di   Dio.   Accettiamo   con amore    quello    che    la    Madonna    vuole    darci. Riflettiamo   sul   costato   trafitto   (l’ultimo   che   arriva mi   passa   avanti):   o   siamo   degli   incapaci,   che invece   di   andare   avanti   andiamo   indietro,   oppure c’è      qualcosa      che      non      va      nel      nostro comportamento   perchè   una   piccola   percentuale va   avanti   e   la   maggioranza   no…   Soddisfiamo   le attese   che   Maria   SS.   ha   su   di   noi   e   che   le   ha manifestate   a   Roberto   sul   monte   Misma   con   una frase   piena   di   sentimento:   “Ah   se   questi   figli   mi ascoltassero…”.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                          Colui che ha trafitto quel                 costato è diventato santo                
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile