Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Una   farfalla   che   svolazza   sul   fiore   non   conosce   le   sue   radici,   così   anche   la   nostra   mente   fatica   a   conoscere   il   progetto misterioso   di   cui   facciamo   parte,   mentre   con   facilità   si   collega   con   l'esteriorità,   con   ciò   che   gli      occhi   vedono.   La   Madonna desidera   che   noi   abbiamo   a   conoscere   le   profondità   immense   della   verità   e   dal   monte   Misma   vuol   farci   scoprire   la bellezza   della   preghiera,   invitandoci   a   recitare   la   liturgia   delle   ore.   La   Santissima   Madre   non   va   usata   per   i   nostri   progetti e   quando   diciamo   una   cosa   che   non   ha   mai   detto,   la   disonoriamo.   Ben   poco   si   conosce   di   Lei   e   nessuno   sa   quanto   era zelante   nel   rispettare   la   legge   di   Dio.   Ci   pare   logico   che   ci   dica   di   recitare   il   rosario,   quando   il   comportamento della   persona   non   è   conforme   alla   legge   di   Dio?    Ci   consiglia   forse   di   lavarci   nell'acqua   sporca?   La   Purissima,   colei che   non   ho   mai   commesso   peccato,   non   ci   fa   pregare   con   la   coscienza   sporca,   non   si   disinteressa   della   purezza   d'animo. Troppe   persone   che   recitano   il   rosario,   non   sanno   fare   nient'altro   in   senso   cristiano,   non   hanno   carità,   amore,   amicizia, timor   di   Dio.   Ci   siamo   fatti   il   paravento   con   la   preghiera   per   eccellenza   che   deve   esultare   davanti   alla   Madre   di   Gesù,   ma poi   non   si   dimostra   più   niente.   Ecco   perché   il   mondo   va   male,   nonostante   le   tante   preghiere   di   questi   ultimi   anni.   A   cosa serve   dire   “pregate,   pregate,   pregate ”,   quando   uno   ha   il   cuore   duro?   E’   un   atto   di   superbia.   Offriamo   la   qualità,   un   santo rosario   pulito,   non   la   quantità!   Se   vogliamo   sostenere   veramente   il   progetto   della   Madonna   diciamo   amate,   amate, amate”.    Tra   il   pregare   ed   l’amare,   l'amore   è   al   primo   posto,   perché   quando   uno   ama,   prega.   Come   si   può   sostenere   lo stile   comportamentale   di   chi   ha   messo   in   croce   Gesù?   E’   un   progetto   satanico!   E   non   diciamo   che   la   Madonna ha   detto   che   la   cosa   che   ha   più   valore   è   il   rosario,   non   diciamolo   mai,   perché   commettiamo   un   grosso   errore.   Diciamo   di pregare   come   la   Chiesa   ci   ha   insegnato.   Essere   scaltri   come   le   vergini   scaltre,   significa   non   farci   illudere   da   falsi   profeti che   ci   tampinano   e   consigliano;   non   lasciamoci   mai   svuotare   dalla   parola   del   Signore.   Troppi   cristiani   non   la   conoscono più   e   il   rosario   non   è   parola   di   Dio.    In   epoche   non   sospette   quando   al   popolino   era   impedito   di   leggere   le   sacre scritture,   è   logico   che   Maria   Santissima   ci   sia   venuta   in   aiuto   dicendo   di   pregare   il   rosario,   le   150   Ave   Maria   che   lei trasforma   in   150   salmi   per   dare   lode   all'Altissimo.   Non   si   possono   usare   le   sue   parole   in   tempi   diversi   e   in   abitudini diverse,   poichè   dal   Concilio   Vaticano   II   si   è   aperta   un'altra   epoca.   La   Madonna   desidera   principalmente   che   noi decidiamo   da   che   parte   stare,   di   conseguenza   sarà   lei   che   ci   educherà   nella   verità   che   ha   conosciuto   accanto   al   suo   Divin Figlio,   non   come   sta   facendo   il   mondo   oggi.   Ha   confidato   a   Roberto   che   molti   demoni   parlano   in   nome   suo,   non   parlano secondo   le   loro   abitudini,   ma   usano   lo   stesso   messaggio   della   Madonna.   E   se   venissimo   a   sapere   che   la   Madre   di   Gesù da   vent'anni   non   appare   più,   come   la   mettiamo?   Cadiamo   dalle   nuvole   con   i   nostri   soliti   discorsi?   Non   dobbiamo   pensare di   andare   a   messa   senza   amore,   pensando   di   aver   partecipato   a   un   semplice   rito,   ma   col   cuore   che   gronda   di   gioia. Durante   la   messa,   che   è   al   di   sopra   di   tutto   per   noi   cristiani,   si   legge   la   Bibbia   non   le   rivelazioni   private.   Ci   sembra   logico che   Maria   Santissima   venga   dire   a   noi   di   dare   la   precedenza   alla   sua   preghiera,   pur   bella   e   santa   che   sia,   mentre   con   gli apostoli   nel   cenacolo   pregava   sulla   parola   di   Dio,   sui   salmi?   Nessuno   potrà   sostituire   o   equiparare   questa   preghiera   e neanche   la   Madonna   lo   vuole.   Chi   arrocca   la   propria   vita   sui   salmi,   prega   ed   è   obbediente   con   la   Chiesa.   L'uomo insensato   non   intende   e   lo   stolto   non   capisce,   fa   di   testa   sua.   Diamo   la   priorità   a   chi   la   merita:   annunziare   al   mattino   il tuo   amore,   si   va   al   lavoro   con   una   gioia   immensa.   La   Madonna   si   scioglieva   leggendo   i   salmi   e   la   sua   anima   magnificava il   Signore;   veniamo   noi   a   smentirla?   Conoscendo   Isaia,   Geremia   e   Davide   con   il   sentimento   giusto,   si   può   capire   come   ci hanno   trasmesso   la   parola   del   Signore.   Preghiamo   come   la   Madonna   pregava,   perché   il   salmo   è   la   regola   della   vita,   è vita   vissuta   di   chi   ci   ha   preceduto,   è   la   legge.   Davanti   all'ingiustizia   della   crocifissione   del   Figlio,   non   ha   accusato   condannato   nessuno.   Se   lei   è   riuscita   a   dimostrare   tanto   amore,   perché   noi   non   dimostriamo   quello   vicendevole?   Senza questo   sentimento   le   nostre   preghiere   non   hanno   alcun   valore.   Abbiamo   mai   provato   l'esperienza   di   trovarci   in   un momento   di   relax   davanti   a   un   fiore,   guardare   il   sole   e   dire   un’Ave   Maria?   Il   santo   rosario   lo   recitiamo   con   emozione   o come   se   fosse   una   costrizione,   per   ottenere?   Quale   gioia   potremmo   provare   se   leggessimo   con   sentimento   i   salmi! Cerchiamo   di   conoscere   le   radici   più   profonde,   l'autenticità   cristiana,   la   parola   di   Dio   scritta   sul   rotolo   che   gli   apostoli     hanno diffuso in tutto il mondo, che mai nessuno è riuscito a cambiare o a scalfire.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Non ci si lava nell'acqua sporca
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Una   farfalla   che   svolazza   sul   fiore   non   conosce   le sue   radici,   così   anche   la   nostra   mente   fatica   a conoscere   il   progetto   misterioso   di   cui   facciamo parte,     mentre     con     facilità     si     collega     con l'esteriorità,   con   ciò   che   gli      occhi   vedono.   La Madonna   desidera   che   noi   abbiamo   a   conoscere le   profondità   immense   della   verità   e   dal   monte Misma    vuol    farci    scoprire    la    bellezza    della preghiera,   invitandoci   a   recitare   la   liturgia   delle ore.   La   Santissima   Madre   non   va   usata   per   i nostri   progetti   e   quando   diciamo   una   cosa   che non   ha   mai   detto,   la   disonoriamo.   Ben   poco   si conosce   di   Lei   e   nessuno   sa   quanto   era   zelante nel   rispettare   la   legge   di   Dio.   Ci   pare   logico   che ci    dica    di    recitare    il    rosario,    quando    il comportamento      della      persona      non      è conforme   alla   legge   di   Dio?    Ci   consiglia   forse di   lavarci   nell'acqua   sporca?   La   Purissima,   colei che   non   ho   mai   commesso   peccato,   non   ci   fa pregare     con     la     coscienza     sporca,     non     si disinteressa     della     purezza     d'animo.     Troppe persone   che   recitano   il   rosario,   non   sanno   fare nient'altro   in   senso   cristiano,   non   hanno   carità, amore,   amicizia,   timor   di   Dio.   Ci   siamo   fatti   il paravento   con   la   preghiera   per   eccellenza   che deve   esultare   davanti   alla   Madre   di   Gesù,   ma   poi non   si   dimostra   più   niente.   Ecco   perché   il   mondo va   male,   nonostante   le   tante   preghiere   di   questi ultimi   anni.   A   cosa   serve   dire   “pregate,   pregate, pregate ”,   quando   uno   ha   il   cuore   duro?   E’   un   atto di   superbia.   Offriamo   la   qualità,   un   santo   rosario pulito,   non   la   quantità!   Se   vogliamo   sostenere veramente    il    progetto    della    Madonna    diciamo amate,    amate,    amate”.     Tra    il    pregare    ed l’amare,   l'amore   è   al   primo   posto,   perché   quando uno   ama,   prega.   Come   si   può   sostenere   lo stile   comportamentale   di   chi   ha   messo   in croce   Gesù?   E’   un   progetto   satanico!   E   non diciamo   che   la   Madonna   ha   detto   che   la   cosa   che ha   più   valore   è   il   rosario,   non   diciamolo   mai, perché   commettiamo   un   grosso   errore.   Diciamo di    pregare    come    la    Chiesa    ci    ha    insegnato. Essere   scaltri   come   le   vergini   scaltre,   significa non   farci   illudere   da   falsi   profeti   che   ci   tampinano e   consigliano;   non   lasciamoci   mai   svuotare   dalla parola     del     Signore.     Troppi     cristiani     non     la conoscono   più   e   il   rosario   non   è   parola   di   Dio.   In   epoche   non   sospette   quando   al   popolino   era impedito   di   leggere   le   sacre   scritture,   è   logico che    Maria    Santissima    ci    sia    venuta    in    aiuto dicendo   di   pregare   il   rosario,   le   150   Ave   Maria che    lei    trasforma    in    150    salmi    per    dare    lode all'Altissimo.   Non   si   possono   usare   le   sue   parole in   tempi   diversi   e   in   abitudini   diverse,   poichè   dal Concilio   Vaticano   II   si   è   aperta   un'altra   epoca.   La Madonna     desidera     principalmente     che     noi decidiamo   da   che   parte   stare,   di   conseguenza sarà    lei    che    ci    educherà    nella    verità    che    ha conosciuto   accanto   al   suo   Divin   Figlio,   non   come sta    facendo    il    mondo    oggi.    Ha    confidato    a Roberto   che   molti   demoni   parlano   in   nome   suo, non   parlano   secondo   le   loro   abitudini,   ma   usano lo     stesso     messaggio     della     Madonna.     E     se venissimo    a    sapere    che    la    Madre    di    Gesù    da vent'anni   non   appare   più,   come   la   mettiamo? Cadiamo   dalle   nuvole   con   i   nostri   soliti   discorsi? Non   dobbiamo   pensare   di   andare   a   messa   senza amore,    pensando    di    aver    partecipato    a    un semplice   rito,   ma   col   cuore   che   gronda   di   gioia. Durante   la   messa,   che   è   al   di   sopra   di   tutto   per noi   cristiani,   si   legge   la   Bibbia   non   le   rivelazioni private.   Ci   sembra   logico   che   Maria   Santissima venga   dire   a   noi   di   dare   la   precedenza   alla   sua preghiera,   pur   bella   e   santa   che   sia,   mentre   con gli   apostoli   nel   cenacolo   pregava   sulla   parola   di Dio,    sui    salmi?    Nessuno    potrà    sostituire    o equiparare     questa     preghiera     e     neanche     la Madonna   lo   vuole.   Chi   arrocca   la   propria   vita   sui salmi,    prega    ed    è    obbediente    con    la    Chiesa. L'uomo   insensato   non   intende   e   lo   stolto   non capisce,   fa   di   testa   sua.   Diamo   la   priorità   a   chi   la merita:   annunziare   al   mattino   il   tuo   amore,   si   va al   lavoro   con   una   gioia   immensa.   La   Madonna   si scioglieva    leggendo    i    salmi    e    la    sua    anima magnificava   il   Signore;   veniamo   noi   a   smentirla? Conoscendo    Isaia,    Geremia    e    Davide    con    il sentimento   giusto,   si   può   capire   come   ci   hanno trasmesso    la    parola    del    Signore.    Preghiamo come   la   Madonna   pregava,   perché   il   salmo   è   la regola    della    vita,    è    vita    vissuta    di    chi    ci    ha preceduto,   è   la   legge.   Davanti   all'ingiustizia   della crocifissione    del    Figlio,    non    ha    accusato    condannato     nessuno.     Se     lei     è     riuscita     a dimostrare     tanto     amore,     perché     noi     non dimostriamo    quello    vicendevole?    Senza    questo sentimento   le   nostre   preghiere   non   hanno   alcun valore.    Abbiamo    mai    provato    l'esperienza    di trovarci   in   un   momento   di   relax   davanti   a   un fiore,   guardare   il   sole   e   dire   un’Ave   Maria?   Il santo   rosario   lo   recitiamo   con   emozione   o   come se    fosse    una    costrizione,    per    ottenere?    Quale gioia    potremmo    provare    se    leggessimo    con sentimento   i   salmi!   Cerchiamo   di   conoscere   le radici    più    profonde,    l'autenticità    cristiana,    la parola   di   Dio   scritta   sul   rotolo   che   gli   apostoli     hanno   diffuso   in   tutto   il   mondo,   che   mai   nessuno è riuscito a cambiare o a scalfire.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile