Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Stiamo   sprecando   l'opportunità   più   bella   della   nostra   vita,   di   vivere   in   un   paradiso   perfetto   che   è   il   congiungimento   tra   il cielo   e   la   terra,   tra   la   materia   e   lo   spirito   di   vita   del   Signore.   Usiamo   la   nostra   ragione   per   onorare   il   Creatore   di   una meraviglia   così   grande.      Nell'Antico   Testamento   nessuno   ha   visto   il   volto   di   Dio,   neanche   i   profeti,   eppure   reggeva   il rispetto   verso   il   Signore.   Nel   Nuovo   Testamento   guardando   a   Gesù   vediamo   il   volto   di   Dio   e   non   solo,   conosciamo   anche quello   della   sua   santissima   Madre.   È   una   profanazione   non   riconoscere   questo   grosso   privilegio   ed   aver   sfasciato   tutto, incluso   il   ceppo   portante   della   cristianità,   la   famiglia.   Diventano   così   attuali   le   parole   di   San   Giovanni   (1,1-18)   "…   eppure il   mondo   non   lo   ha   riconosciuto".   Vediamo   solamente   persone   tristi   e   rassegnate,   non   c'è   gioia   nelle   nostre   case   e   nella nostra   vita,   anche   se   facciamo   parte   di   Colui   che   ha   il   potere   su   tutto.   Cosa   significa   unirsi   davanti   al   Signore?   In   epoche precedenti   affrontavano   questo   passo   con   molta   attenzione,   rispettavano   il   corpo   prima   del   matrimonio,   mentre   oggi purtroppo   si   consuma   tutto   ancor   prima   di   conoscersi.   E   vediamo   le   conseguenze.   Quando   si   va   contro   le   leggi   che   Dio ha   dato   per   noi,   i   risultati   sono   veramente   dolorosi.   Non   è   meglio   pensare   di   recuperare   certi   valori,   invece   di   piangere sui   nostri   errori?   Quando   si   esce   da   una   certa   linea   siamo   esposti   ad   ogni   pericolo,   ma   fin   tanto   che   rimaniamo   nel presidio   tracciato   per   noi,   abbiamo   una   certa   protezione.   È   necessario   salvaguardare   i   principi   che   ci   avevano   insegnato   i nostri   padri   e   non   avere   tutte   le   esperienze,   perché   quelle   ci   confondono.   Chi   ci   ha   detto   che   dovevamo   capovolgere tutto?   E’   meglio   convivere   prima   di   decidersi   per   il   matrimonio?   Sarebbe   come   avere   la   pretesa   di   essere   sani,   dopo essere   andati   a   contagiarsi   con   la   nube   di   Chernobyl.   Milioni   di   morti   ci   sono   stati   per   quella   catastrofe,   ma   molti   di   più sono   i   morti   alla   fede    per   avere   profanato   la   sacralità   del   matrimonio.   È   uno   dei   motivi   per   cui   la   Madonna   sta soffrendo.   E’   una   morte   più   drammatica   rispetto   a   quella   fisica,   perché   equivale   a   una   condanna   per   l'eternità.   Sapendo che   il   Signore   non   concede   replica   alla   sua   legge,   come   siamo   messi   davanti   a   tutto   questo?   Anche   quelli   che   sembrano sostenere   la   parola   di   Dio,   sostengono   di   più   le   leggi   anticristiane,   perché   sono   affezionati   a   un   partito,   ma   dove   ci   hanno portato?   Dio   odia   il   divorzio,   non   lo   approverà   mai,   bisognerebbe   mettere   leggi   ancora   più   cristiane   per   preservare meglio   i   nostri   figli.   Le   famiglie   vivono   un   grande   momento   di   difficoltà   perché   ognuno   è   fermo   sulle   proprie   posizioni,   se ci   fossimo   amati   e   rispettati   così   come   siamo,   uno   diverso   dall'altro,   potremmo   vivere   una   gioia   ingestibile.      La   famiglia cristiana   è   una   reminiscenza   della   memoria,   ormai   non   esiste   più   e   ognuno   ha   le   sue   percentuali   di   colpa   perché   il matrimonio   è   sacro,   è   una   responsabilità,   un   bene   immenso,   non   si   dà   libero   sfogo   al   sesso.   Si   può   cambiare   tenore   di vita   con   umiltà,   mettendoci   in   discussione,   indebolendo   l'orgoglio   e   rinunciando   a   qualcosa   di   sé   o   aggiungendo   a vantaggio   dell'altro.   Non   bisogna   continuare   con   le   vecchie   abitudini   pur   sapendo   che   quel   comportamento   fa   soffrire l’altro   coniuge.   Queste   cose   vanno   messe   in   chiaro   prima   di   sposarsi.   Se   la   moglie   non   vuole   che   il   marito   entri   in   casa con   le   scarpe   sporche,   bisogna   lasciarle   fuori   o   se   il   marito   puzza   come   un   caprone,   che   si   lavi   ed   abbia   rispetto   dell'altra persona,   perché   questi   piccoli   contrasti   innescano   vendette   e   ripicche   senza   fine   che   sfociano   nei   delitti.   La   cosa   più sbagliata   e   assurda   è   quella   di   vivere   da   separati   in   casa.   L’uomo   vive   per   abitudine   e   se   anche   si   unisse   alla   donna   più bella   del   mondo,   poi   va   a   impegolarsi   con   un'altra   più   brutta.   Non   ha   fatto   così   Carlo   con   Diana?   L'abitudine   ci   fa dimenticare   quello   che   viviamo,   ecco   perché   trattiamo   nel   peggiore   dei   modi   la   parola   di   Dio.   Come   sarebbe   bella   la   casa dei   coniugi   che   vivono   in   simbiosi,   uno   per   far   felice   l'altro!   Diamo   sacralità   al   matrimonio,   insegniamola   ai   nostri   figli, troviamo   il   tempo   di   dire   una   preghiera   con   loro,   magari   benedicendo   il   cibo   insieme,   perché   siamo   cristiani.   Quando manca   la   sacralità   del   matrimonio,   il   diavolo   entra   in   quella   famiglia   perché   trova   le   porte   aperte,    così gestisce   lo   spirito   dell'uomo,   portando   scontro   e   divisione.   Poi   se   in   una   famiglia   si   dice   male,   si   maledice,   se   si   dice bene,   si   benedice:   è   un   risvolto   impressionante   che   può   cambiare   l'aspetto   radicale   della   stessa   coppia   e   dei   figli,   non   è fortuna   o   sfortuna.   L’infido   lavora   sul   nostro   orgoglio,   vuole   che   critichiamo   gli   altri   per   far   valere   la   nostra   ragione.   Se una   persona   non   avesse   difetti   sarebbe   monotona,   ci   annoieremmo!    Accettiamoci   con   i   nostri   difetti,   tanto   i nostri   problemi   ci   seguono,   anche   se   cambiamo   casa.   A   volte   la   sofferenza   non   si   può   evitare,   un'infanzia   difficile,   il problema   drammatico   con   un   figlio:   non   ci   sono   risposte   a   questi   drammi,   ma   la   fede   ci   aiuta   ad   accettarli,   ad   essere forti.   Il   Signore   non   deve   giustificarsi   con   noi,   se   pretendiamo   delle   risposte,   dimostriamo   di   non   credere   in   Lui. Riportiamo   le   nostre   famiglie   nella   condizione   di   grazia   del   Signore,   è   lì   che   succedono   le   cose   meravigliose   e   il   male   non ci farà niente.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La sacralità del matrimonio
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Stiamo    sprecando    l'opportunità    più    bella    della nostra   vita,   di   vivere   in   un   paradiso   perfetto   che è   il   congiungimento   tra   il   cielo   e   la   terra,   tra   la materia   e   lo   spirito   di   vita   del   Signore.   Usiamo   la nostra   ragione   per   onorare   il   Creatore   di   una meraviglia   così   grande.      Nell'Antico   Testamento nessuno   ha   visto   il   volto   di   Dio,   neanche   i   profeti, eppure   reggeva   il   rispetto   verso   il   Signore.   Nel Nuovo   Testamento   guardando   a   Gesù   vediamo   il volto   di   Dio   e   non   solo,   conosciamo   anche   quello della   sua   santissima   Madre.   È   una   profanazione non   riconoscere   questo   grosso   privilegio   ed   aver sfasciato   tutto,   incluso   il   ceppo   portante   della cristianità,   la   famiglia.   Diventano   così   attuali   le parole    di    San    Giovanni    (1,1-18)    "…    eppure    il mondo     non     lo     ha     riconosciuto".     Vediamo solamente   persone   tristi   e   rassegnate,   non   c'è gioia   nelle   nostre   case   e   nella   nostra   vita,   anche se   facciamo   parte   di   Colui   che   ha   il   potere   su tutto.   Cosa   significa   unirsi   davanti   al   Signore?   In epoche    precedenti    affrontavano    questo    passo con   molta   attenzione,   rispettavano   il   corpo   prima del     matrimonio,     mentre     oggi     purtroppo     si consuma    tutto    ancor    prima    di    conoscersi.    E vediamo   le   conseguenze.   Quando   si   va   contro   le leggi   che   Dio   ha   dato   per   noi,   i   risultati   sono veramente    dolorosi.    Non    è    meglio    pensare    di recuperare    certi    valori,    invece    di    piangere    sui nostri   errori?   Quando   si   esce   da   una   certa   linea siamo   esposti   ad   ogni   pericolo,   ma   fin   tanto   che rimaniamo     nel     presidio     tracciato     per     noi, abbiamo    una    certa    protezione.    È    necessario salvaguardare   i   principi   che   ci   avevano   insegnato i   nostri   padri   e   non   avere   tutte   le   esperienze, perché   quelle   ci   confondono.   Chi   ci   ha   detto   che dovevamo      capovolgere      tutto?      E’      meglio convivere   prima   di   decidersi   per   il   matrimonio? Sarebbe   come   avere   la   pretesa   di   essere   sani, dopo   essere   andati   a   contagiarsi   con   la   nube   di Chernobyl.    Milioni    di    morti    ci    sono    stati    per quella   catastrofe,   ma   molti   di   più   sono   i   morti alla   fede    per   avere   profanato   la   sacralità   del matrimonio.   È   uno   dei   motivi   per   cui   la   Madonna sta    soffrendo.    E’    una    morte    più    drammatica rispetto   a   quella   fisica,   perché   equivale   a   una condanna   per   l'eternità.   Sapendo   che   il   Signore non   concede   replica   alla   sua   legge,   come   siamo messi   davanti   a   tutto   questo?   Anche   quelli   che sembrano   sostenere   la   parola   di   Dio,   sostengono di     più     le     leggi     anticristiane,     perché     sono affezionati    a    un    partito,    ma    dove    ci    hanno portato?     Dio     odia     il     divorzio,     non     lo approverà    mai,    bisognerebbe    mettere    leggi ancora    più    cristiane    per    preservare    meglio    i nostri     figli.     Le     famiglie     vivono     un     grande momento    di    difficoltà    perché    ognuno    è    fermo sulle    proprie    posizioni,    se    ci    fossimo    amati    e rispettati   così   come   siamo,   uno   diverso   dall'altro, potremmo    vivere    una    gioia    ingestibile.        La famiglia     cristiana     è     una     reminiscenza     della memoria,   ormai   non   esiste   più   e   ognuno   ha   le sue   percentuali   di   colpa   perché   il   matrimonio   è sacro,   è   una   responsabilità,   un   bene   immenso, non   si   dà   libero   sfogo   al   sesso.   Si   può   cambiare tenore     di     vita     con     umiltà,     mettendoci     in discussione,   indebolendo   l'orgoglio   e   rinunciando a    qualcosa    di    sé    o    aggiungendo    a    vantaggio dell'altro.   Non   bisogna   continuare   con   le   vecchie abitudini   pur   sapendo   che   quel   comportamento fa    soffrire    l’altro    coniuge.    Queste    cose    vanno messe   in   chiaro   prima   di   sposarsi.   Se   la   moglie non    vuole    che    il    marito    entri    in    casa    con    le scarpe   sporche,   bisogna   lasciarle   fuori   o   se   il marito   puzza   come   un   caprone,   che   si   lavi   ed abbia   rispetto   dell'altra   persona,   perché   questi piccoli    contrasti    innescano    vendette    e    ripicche senza   fine   che   sfociano   nei   delitti.   La   cosa   più sbagliata   e   assurda   è   quella   di   vivere   da   separati in   casa.   L’uomo   vive   per   abitudine   e   se   anche   si unisse   alla   donna   più   bella   del   mondo,   poi   va   a impegolarsi   con   un'altra   più   brutta.   Non   ha   fatto così     Carlo     con     Diana?     L'abitudine     ci     fa dimenticare    quello    che    viviamo,    ecco    perché trattiamo   nel   peggiore   dei   modi   la   parola   di   Dio. Come    sarebbe    bella    la    casa    dei    coniugi    che vivono    in    simbiosi,    uno    per    far    felice    l'altro! Diamo   sacralità   al   matrimonio,   insegniamola   ai nostri    figli,    troviamo    il    tempo    di    dire    una preghiera   con   loro,   magari   benedicendo   il   cibo insieme,   perché   siamo   cristiani.   Quando   manca la   sacralità   del   matrimonio,   il   diavolo   entra in    quella    famiglia    perché    trova    le    porte aperte,      così     gestisce     lo     spirito     dell'uomo, portando    scontro    e    divisione.    Poi    se    in    una famiglia    si    dice    male,    si    maledice,    se    si    dice bene,   si   benedice:   è   un   risvolto   impressionante che   può   cambiare   l'aspetto   radicale   della   stessa coppia    e    dei    figli,    non    è    fortuna    o    sfortuna. L’infido    lavora    sul    nostro    orgoglio,    vuole    che critichiamo    gli    altri    per    far    valere    la    nostra ragione.   Se   una   persona   non   avesse   difetti sarebbe       monotona,       ci       annoieremmo!   Accettiamoci   con   i   nostri   difetti,   tanto   i   nostri problemi   ci   seguono,   anche   se   cambiamo   casa.   A volte   la   sofferenza   non   si   può   evitare,   un'infanzia difficile,   il   problema   drammatico   con   un   figlio: non   ci   sono   risposte   a   questi   drammi,   ma   la   fede ci   aiuta   ad   accettarli,   ad   essere   forti.   Il   Signore non   deve   giustificarsi   con   noi,   se   pretendiamo delle   risposte,   dimostriamo   di   non   credere   in   Lui. Riportiamo   le   nostre   famiglie   nella   condizione   di grazia   del   Signore,   è   lì   che   succedono   le   cose meravigliose e il male non ci farà niente.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile