Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Noi   dovremmo   occupare   quella   posizione   naturale   che   Gesù   occupò   scendendo   dal   cielo,   nell'umiltà,   nella   carità   e nell'amore.   Chi   di   noi   conosce   veramente   l'amore   come   Gesù   ce   l'ha   portato,   quell'amore   profondo,   gratuito,   totale, vicendevole,   che   deve   favorire   sempre   la   persona   che   ci   sta   accanto,   anche   se   non   lo   merita?   A   cosa   serve   farsi prendere   dalla   tenerezza   davanti   ai   bambini   che   soffrono   e   muoiono   di   fame,   quando   poi,   in   generale,   siamo   più   bravi   a dividere   che   a   unire?   Facciamo   la   parte   degli   ipocriti   quando   diciamo   di   amare   gli   altri   e   abbiamo   la   durezza nel   cuore!   Ci   deve   far   dispiacere   che   esiste   il   male,   anche   se   non   lo   commettiamo.   Gesù   ha   voluto   portarci   una caratteristica   ben   precisa:   l’occupazione   naturale   che   dobbiamo   avere.   Non   dobbiamo   garantire   cose   sensazionali   agli altri,    perché    quelle    vengono    da    Dio.    Perché    allora    vogliamo    essere    protagonisti,    dei    "numeri    uno",    coloro    che garantiscano   ciò   che   non   devono   garantire,   come   se   fossimo   miracolati   o   miracolosi?   Per   capire   qual   è   il   nostro   ruolo naturale,   che   ci   compete   nella   nostra   natura   umana   e   che   ci   consente   di   ottenere   i   benefici   che   il   Signore   ha   promesso, dobbiamo   solamente   camminare   sul   sentiero   della   verità.   È   inutile   chiedere   agli   altri   se   noi   andiamo   bene   o   se   è   giusto quello   che   facciamo,   perché   ognuno   ci   risponderà   secondo   convenienza;   è   giusto   quello   che   facciamo   quando   occupiamo la   nostra   collocazione   naturale,   non   quando   occupiamo   il   posto   di   chi   già   il   Signore   ha   chiamato   al   suo   servizio   per   farsi proporre   e   rivelare   (il   papa,   i   vescovi,   i   preti...).La   nostra   posizione   naturale   è   quella   di   essere   servi   di   Dio   per   dar   valore alle   nostre   preghiere   e   ai   nostri   sacrifici,   non   di   diventare   Dio   in   terra   con   il   potere   e   l’autorità   di   criticare   e   giudicare   gli altri;   non   è   un   ruolo   che   ci   compete.   Se   avessimo   recepito   ciò   che   il   Signore   da   2000   anni   ci   porta   dal   cielo,   oggi   come oggi   dovremmo   essere   straconvertiti   e   disponibili   a   gioire   con   le   persone   che   fanno   parte   della   nostra   vita,   da   non trovare   più   in   loro   alcun   difetto.   Gesù   non   è   sceso   dal   cielo   perché   noi   abbiamo   a   scoprire   le   mancanze   degli   altri:   non   ci si arricchisce contando i soldi degli altri!   IL RUOLO NATURALE DI MARIA SANTISSIMA  La   Madonna   davanti   al   Signore   occupa   il   ruolo   della   serva   di   Dio,   che   prega   e   loda   il   Signore,   che   intercede,   per   ottenere le   grazie   da   offrire   ad   ogni   uomo.   Se   fossimo   veri   figli   di   Dio   dovremmo   diventare   la   stessa   cosa   davanti   a   Maria Santissima,   diventare   suoi   servi,   lavorare   per   Lei!   Non   dobbiamo   lavorare   solo   per   noi   stessi,   ma   anche   per   gli   altri, affinché   possano   ottenere   le   grazie   dal   cielo.   Solo   occupando   il   ruolo   naturale   che   ci   compete,   riusciremo   veramente   a diventare   strumenti   di   Maria   Santissima,   e   col   nostro   impegno   farle   ottenere   Grazie.   Non   avviciniamoci   al   Signore   solo per   le   nostre   necessità,   che   tanto   sa   già   quello   che   abbiamo   bisogno.   Non   perdiamo   tempo,   diventiamo   più   logici   e   più naturali,   preghiamo,   lodiamo   e   ringraziamo   la   Madonna,   affinché   ottenga   grazie   per   gli   altri;   non   lasciamola   sola,   perché non   è   tutto   gratuito   per   Lei   e   nessuno   sa   cosa   sta   facendo   per   noi.   Desideriamo   il   bene   e   la   guarigione   degli   altri, esultiamo   di   gioia   quando   la   Madonna   aiuta   qualcuno   che   ha   bisogno.   Non   aspiriamo   ad   ottenere   per   noi   il   massimo   dei benefici,   anzi,   dimentichiamoci   di   noi   stessi.   Pensiamo   alla   gente   nel   mondo   che   è   in   conflitto   con   se   stessa,   che   ha problemi   di   esistenza   e   di   sopravvivenza;   li   possiamo   aiutare   non   solo   offrendo   aiuti   economici,   ma   offrendo   le   grazie che   Maria   Santissima   ottiene   per   merito   nostro,   per   alleviare   il   loro   dolore.   Contando   anche   le   generazioni   passate, quante   persone   ha   salvato   la   Madonna!   Quante   persone   ha   sfamato   e   ha   evitato   pericoli   maggiori.   Se   solo   capissimo questo,   potremmo   ottenere   quella   serenità   e   quella   pace   di   cui   tanto   abbiamo   bisogno   in   questo   mondo.   Invece   siamo tesi,   nervosi,   ci   basta   un   niente   per   far   scattare   reazioni   spropositate.   Se   fossimo   più   disponibili   fra   di   noi,   più accondiscendenti,   più   sereni,   più   tranquilli,   se   sapessimo   accettare   di   più   le   ingiustizie,   come   hanno   fatto   Gesù   e   della Madonna   per   noi,   potremmo   occupare   quel   ruolo   naturale   che   ci   compete   e   diventare   servi   di   Dio   e   di   Maria   Santissima. Certo   non   possiamo   pensare   di   eliminare   tutto   il   male,   perché   la   legge   divina   non   la   conosciamo,   ma   cerchiamo   di svolgere   quel   compito   naturale   che   la   natura   umana   ci   ha   affidato   e   di   gestire   nel   contempo   i   nostri   interessi   per   non diventare   persone   insignificanti.   La   Madonna   in   tutte   le   apparizioni   ha   chiesto   in   primis   le   preghiere,   perché   lei   per   prima deve   pregare   il   Signore   per   ottenere   grazie   per   noi:   è   una   legge   naturale   che   non   va   criticata,   perché   Dio   l’ha   tracciata per noi. IL RUOLO DEL MONTE MISMA La   Madonna   dal   monte   Misma    vuol   farci   scoprire   il   nostro   “ruolo   naturale”,   non   solo   per   la   nostra   vita,   ma   anche   per essere   aiutata   nello   sviluppo   dello   stesso   monte      che,   secondo   i   piani   divini,   potrà   diventare   “un   rifugio   e   una sorgente   per   chi   conferma   infermità   di   mente,   di   corpo   e   di   anima” ,   cioè   di   tutti   quelli   che   hanno   problemi   di disadattamento e sono confusi nella vita spirituale.    Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Il nostro ruolo naturale
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Noi      dovremmo      occupare      quella      posizione naturale   che   Gesù   occupò   scendendo   dal   cielo, nell'umiltà,   nella   carità   e   nell'amore.   Chi   di   noi conosce   veramente   l'amore   come   Gesù   ce   l'ha portato,   quell'amore   profondo,   gratuito,   totale, vicendevole,     che     deve     favorire     sempre     la persona    che    ci    sta    accanto,    anche    se    non    lo merita?     A     cosa     serve     farsi     prendere     dalla tenerezza    davanti    ai    bambini    che    soffrono    e muoiono   di   fame,   quando   poi,   in   generale,   siamo più   bravi   a   dividere   che   a   unire?   Facciamo   la parte   degli   ipocriti   quando   diciamo   di   amare gli   altri   e   abbiamo   la   durezza   nel   cuore!   Ci deve   far   dispiacere   che   esiste   il   male,   anche   se non    lo    commettiamo.    Gesù    ha    voluto    portarci una    caratteristica    ben    precisa:    l’occupazione naturale    che    dobbiamo    avere.    Non    dobbiamo garantire    cose    sensazionali    agli    altri,    perché quelle   vengono   da   Dio.   Perché   allora   vogliamo essere   protagonisti,   dei   "numeri   uno",   coloro   che garantiscano   ciò   che   non   devono   garantire,   come se    fossimo    miracolati    o    miracolosi?    Per    capire qual   è   il   nostro   ruolo   naturale,   che   ci   compete nella   nostra   natura   umana   e   che   ci   consente   di ottenere   i   benefici   che   il   Signore   ha   promesso, dobbiamo    solamente    camminare    sul    sentiero della   verità.   È   inutile   chiedere   agli   altri   se   noi andiamo   bene   o   se   è   giusto   quello   che   facciamo, perché       ognuno       ci       risponderà       secondo convenienza;     è     giusto     quello     che     facciamo quando      occupiamo      la      nostra      collocazione naturale,   non   quando   occupiamo   il   posto   di   chi già   il   Signore   ha   chiamato   al   suo   servizio   per farsi    proporre    e    rivelare    (il    papa,    i    vescovi,    i preti...).La   nostra   posizione   naturale   è   quella   di essere   servi   di   Dio   per   dar   valore   alle   nostre preghiere   e   ai   nostri   sacrifici,   non   di   diventare Dio   in   terra   con   il   potere   e   l’autorità   di   criticare   e giudicare   gli   altri;   non   è   un   ruolo   che   ci   compete. Se   avessimo   recepito   ciò   che   il   Signore   da   2000 anni   ci   porta   dal   cielo,   oggi   come   oggi   dovremmo essere   straconvertiti   e   disponibili   a   gioire   con   le persone   che   fanno   parte   della   nostra   vita,   da   non trovare    più    in    loro    alcun    difetto.    Gesù    non    è sceso   dal   cielo   perché   noi   abbiamo   a   scoprire   le mancanze    degli    altri:    non    ci    si    arricchisce contando i soldi degli altri!   IL RUOLO NATURALE DI MARIA SANTISSIMA  La   Madonna   davanti   al   Signore   occupa   il   ruolo della   serva   di   Dio,   che   prega   e   loda   il   Signore, che   intercede,   per   ottenere   le   grazie   da   offrire   ad ogni   uomo.   Se   fossimo   veri   figli   di   Dio   dovremmo diventare     la     stessa     cosa     davanti     a     Maria Santissima,    diventare    suoi    servi,    lavorare    per Lei!   Non   dobbiamo   lavorare   solo   per   noi   stessi, ma   anche   per   gli   altri,   affinché   possano   ottenere le    grazie    dal    cielo.    Solo    occupando    il    ruolo naturale   che   ci   compete,   riusciremo   veramente   a diventare   strumenti   di   Maria   Santissima,   e   col nostro     impegno     farle     ottenere     Grazie.     Non avviciniamoci    al    Signore    solo    per    le    nostre necessità,   che   tanto   sa   già   quello   che   abbiamo bisogno.   Non   perdiamo   tempo,   diventiamo   più logici    e    più    naturali,    preghiamo,    lodiamo    e ringraziamo   la   Madonna,   affinché   ottenga   grazie per   gli   altri;   non   lasciamola   sola,   perché   non   è tutto    gratuito    per    Lei    e    nessuno    sa    cosa    sta facendo    per    noi.    Desideriamo    il    bene    e    la guarigione   degli   altri,   esultiamo   di   gioia   quando la   Madonna   aiuta   qualcuno   che   ha   bisogno.   Non aspiriamo    ad    ottenere    per    noi    il    massimo    dei benefici,    anzi,    dimentichiamoci    di    noi    stessi. Pensiamo   alla   gente   nel   mondo   che   è   in   conflitto con   se   stessa,   che   ha   problemi   di   esistenza   e   di sopravvivenza;    li    possiamo    aiutare    non    solo offrendo   aiuti   economici,   ma   offrendo   le   grazie che   Maria   Santissima   ottiene   per   merito   nostro, per   alleviare   il   loro   dolore.   Contando   anche   le generazioni   passate,   quante   persone   ha   salvato la   Madonna!   Quante   persone   ha   sfamato   e   ha evitato    pericoli    maggiori.    Se    solo    capissimo questo,    potremmo    ottenere    quella    serenità    e quella    pace    di    cui    tanto    abbiamo    bisogno    in questo    mondo.    Invece    siamo    tesi,    nervosi,    ci basta     un     niente     per     far     scattare     reazioni spropositate.   Se   fossimo   più   disponibili   fra   di   noi, più   accondiscendenti,   più   sereni,   più   tranquilli,   se sapessimo   accettare   di   più   le   ingiustizie,   come hanno    fatto    Gesù    e    della    Madonna    per    noi, potremmo   occupare   quel   ruolo   naturale   che   ci compete    e    diventare    servi    di    Dio    e    di    Maria Santissima.    Certo    non    possiamo    pensare    di eliminare   tutto   il   male,   perché   la   legge   divina non   la   conosciamo,   ma   cerchiamo   di   svolgere quel   compito   naturale   che   la   natura   umana   ci   ha affidato    e    di    gestire    nel    contempo    i    nostri interessi   per   non   diventare   persone   insignificanti. La   Madonna   in   tutte   le   apparizioni   ha   chiesto   in primis   le   preghiere,   perché   lei   per   prima   deve pregare   il   Signore   per   ottenere   grazie   per   noi:   è una   legge   naturale   che   non   va   criticata,   perché Dio l’ha tracciata per noi. IL RUOLO DEL MONTE MISMA La   Madonna   dal   monte   Misma    vuol   farci   scoprire il   nostro   “ruolo   naturale”,   non   solo   per   la   nostra vita,   ma   anche   per   essere   aiutata   nello   sviluppo dello   stesso   monte      che,   secondo   i   piani   divini, potrà   diventare   “un    rifugio    e    una    sorgente per    chi    conferma    infermità    di    mente,    di corpo   e   di   anima” ,   cioè   di   tutti   quelli   che   hanno problemi   di   disadattamento   e   sono   confusi   nella vita spirituale.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                               Il nostro ruolo naturale
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile