Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Se   provassimo   l'esperienza   delle   persone   che   critichiamo   (una   malattia,   problemi   con   i   figli,      i   debiti,   …)   potremmo essere   peggiori   di   loro.   Sicuramente   il   nostro   stato   d'animo   non   sarebbe   più   lo   stesso.   Siamo   tutti   bravi   nell'additare   gli altri,   ma   nella   legge   naturale   dell'uomo   la   vita   si   può   capovolgere   improvvisamente   come   è   stato   per   Giobbe.   Abbiamo visto   anche   ditte   che   erano   il   caposaldo   dell'imprenditoria   andare   in   crisi,   sparire;   se   fossimo   più   attenti   ai   segni   dei tempi   ci   renderemmo   conto   che   quello   che   stiamo   facendo   non   è   molto   gradito   al   Signore.   Quante   volte   le   persone   si trovano   in   certe   situazioni   non   per   incapacità,   ma   per   un   mistero   che   non   si   conosce?   Vediamo   andare   tutto   alla   deriva, ma   ci   ostiniamo   a   pensare   che   con   le   preghiere   otteniamo   qualsiasi   cosa.   Chi   pensa   che   stiamo   andando   bene   è   sull'orlo della   pazzia   spirituale.   Quale   valore   ha   la   Bibbia   per   il   popolo   cristiano?   È   questa   la   generazione   tortuosa   e   perversa   di cui   si   parla   nelle   Scritture,   siamo   i   sepolcri   imbiancati.   Il   Signore   non   ha   mai   parlato   di   preghiere,   ma   di   amore,   carità   e perdono,   con   i   quali   si   eliminano   una   moltitudine   di   peccati   e   di   disastri.   Il   cristiano   autentico   darebbe   la   sua   vita   a vantaggio   di   un'altra   persona   (Massimiliano   Kolbe):   chi   è   in   questa   situazione?   Non   dobbiamo   confidare   in   Dio   solamente quando   gli   anni   avanzano   e   siamo   “vicini   alla   fossa”   o   davanti   alla   malattia.   L'autenticità   cristiana   non   viene   recuperata su   una   rivelazione   privata,   ma   sulla   parola   di   Dio.   Perché   davanti   allo   splendore   del   creato   infinito,   non   troviamo   il desiderio   di   ringraziare   il   Signore   a   prescindere   dalle   nostre   situazioni?   È   naturale   che   il   seme   produca   il   frutto?   Come può   il   sole   ardere   per   millenni   e   scaldare   a   temperatura   d’uomo   senza   diminuire   il   proprio   calore?   Tutto   parla   della potenza   di   Dio.   Se   scoprissimo   la   meraviglia   della   nostra   fede,   basata   totalmente   sull'amore,   potremmo   capire   in   che contesto   melodioso      viviamo.      Il   Signore   non   ci   chiede   cose   al   di   fuori   della   nostra   portata,   ma   di   vivere   nel   gaudio,   nella letizia,   nel   rispetto,   nell'amore.   Perché   abbiamo   indurito   il   nostro   cuore?   Che   delusione   un   giorno   scoprire   che   se   solo avessimo   amato   non   ci   sarebbero   state   tante   sofferenze.   L'amore   guarisce,   impedisce   alle   malattie   di   diffondersi,   ci   fa fare   una   cosa   più   bella   dell'altra.   E'   conveniente   per   l'uomo.   Chi   ha   la   malizia   nel   cuore,   diventa   complice   di   uno   che   ha lo   stesso   sentimento,   anche   se   compie   azioni   di   solidarietà.   Non   si   può   sostituire   un   difetto   con   un'altra   opera   buona. Perché   nelle   prove   della   vita   inciampiamo   frequentemente?   Sappiamo   amare   la   persona   che   ci   tradisce?   Questo   non significa   diventare   ingenui   o   non   difendere   i   propri   interessi,   ma   mettere   a   frutto   con   scaltrezza   e   audacia   i talenti   che   il   Signore   ci   ha   dato.    Da   nessun'altra   nazione   il   Signore   si   aspetta   una   risposta   come   dall'Italia.   Dopo   aver messo   la   sua   cattedra   nel   cuore   dell'impero   romano,   ha   beneficiato   il   popolo   italiano   con   una   ricchezza   di   doni   che   solo lui   poteva   dare,   ma   questo   meraviglioso   accordo   tra   cielo   e   Italia   si   è   bloccato.   Dio   ha   mantenuto   la   promessa   fatta   i nostri   padri,   ma   noi   che   siamo   il   popolo   eletto   non   dobbiamo   permetterci   di   portare   leggi   atee.   Non   aspettiamo   che   sia troppo   tardi   come   a   Sodoma   e   Gomorra,   decidiamoci   a   rispettare   di   più   la   legge   del   Dio   Creatore.   E'   inutile   pregare   e vivere   da   dissoluti,      senza   le   basi   principali   della   nostra   fede   siamo   un   popolo   allo   sbando   e   questo   il   male   lo   sa benissimo.   Che   fede   abbiamo   dato   ai   nostri   figli?   Due   persone   che   hanno   una   certa   dipendenza   (alcol,   droga,   sesso…)   si giustificano   tra   di   loro,   ma   non   pensano   alla   sofferenza   causata   ai   propri   cari.   Chi   è   solidale   nel   peccato   sostiene   che   la Chiesa   deve   cambiare,   ma   non   c'è   nessun   cambiamento   nella   legge   naturale   che   Dio   ha   dato.   C'è   una   fratellanza   nella negatività   che   è   incredibile.   Come   si   può   dividere   una   famiglia,   pensando   che   un   pezzo   di   carta   bollata   risolva   tutto? Certe   tentazioni   le   hanno   avute   anche   i   nostri   padri,   ma   non   si   sono   divisi   per   il   Santo   timore   di   Dio.   Erano   più   dignitosi. Senza   alcun   valore   siamo   diventati   carne   da   macello,   diffondiamo   nelle   nostre   case   i   principi   morali,   il   rispetto   del   sesso e   del   concepimento,   l'importanza,   la   dignità   e   la   bellezza   del   rapporto   sessuale.   Possiamo   recuperare   il   rapporto   che c'era   tra   cielo   e   terra   anche   con   i   nostri   difetti,   ma   avere   nel   cuore   e   nella   mente   il   Santo   timor   di   Dio,   perché   non   tutto ci   è   concesso.   Il   Signore   ci   dà   la   riconciliazione,   ma   la   colpa   dovrà   essere   espiata;   non   andiamo   a   briglie   sciolte   con   le nostre   tendenze   viziose,   riduciamole   perché   siamo   degli   abitudinari.   Sarà   gradito   a   Dio.   Non   pensiamo   di   toglierle   di colpo,   perché   basta   un'arrabbiatura   che   subito   riprendiamo   a   bere,   a   drogarci,   a   cercare   amplessi   sessuali.   Alleniamoci   a resistere   alla   critica,   al   pettegolezzo,   alla   gelosia   e   all'invidia,   a   sopportare   pazientemente   le   persone   moleste.      Le   grandi trasgressioni   sono   figlie   delle   piccole   trasgressioni,   più   siamo   dipendenti   delle   tendenze   viziose   e   più   rubiamo   la   vita delle persone che ci stanno vicine. Dimostriamoci giusti e il Signore non ci lascerà in mano ai nostri nemici.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Cosa è successo tra cielo e terra?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Se    provassimo    l'esperienza    delle    persone    che critichiamo   (una   malattia,   problemi   con   i   figli,      i debiti,    …)    potremmo    essere    peggiori    di    loro. Sicuramente   il   nostro   stato   d'animo   non   sarebbe più   lo   stesso.   Siamo   tutti   bravi   nell'additare   gli altri,   ma   nella   legge   naturale   dell'uomo   la   vita   si può   capovolgere   improvvisamente   come   è   stato per   Giobbe.   Abbiamo   visto   anche   ditte   che   erano il    caposaldo    dell'imprenditoria    andare    in    crisi, sparire;   se   fossimo   più   attenti   ai   segni   dei   tempi ci    renderemmo    conto    che    quello    che    stiamo facendo   non   è   molto   gradito   al   Signore.   Quante volte   le   persone   si   trovano   in   certe   situazioni   non per   incapacità,   ma   per   un   mistero   che   non   si conosce?   Vediamo   andare   tutto   alla   deriva,   ma   ci ostiniamo     a     pensare     che     con     le     preghiere otteniamo   qualsiasi   cosa.   Chi   pensa   che   stiamo andando   bene   è   sull'orlo   della   pazzia   spirituale. Quale   valore   ha   la   Bibbia   per   il   popolo   cristiano? È   questa   la   generazione   tortuosa   e   perversa   di cui    si    parla    nelle    Scritture,    siamo    i    sepolcri imbiancati.    Il    Signore    non    ha    mai    parlato    di preghiere,   ma   di   amore,   carità   e   perdono,   con   i quali   si   eliminano   una   moltitudine   di   peccati   e   di disastri.   Il   cristiano   autentico   darebbe   la   sua   vita a    vantaggio    di    un'altra    persona    (Massimiliano Kolbe):   chi   è   in   questa   situazione?   Non   dobbiamo confidare    in    Dio    solamente    quando    gli    anni avanzano   e   siamo   “vicini   alla   fossa”   o   davanti alla    malattia.    L'autenticità    cristiana    non    viene recuperata   su   una   rivelazione   privata,   ma   sulla parola   di   Dio.   Perché   davanti   allo   splendore   del creato    infinito,    non    troviamo    il    desiderio    di ringraziare   il   Signore   a   prescindere   dalle   nostre situazioni?    È    naturale    che    il    seme    produca    il frutto?   Come   può   il   sole   ardere   per   millenni   e scaldare   a   temperatura   d’uomo   senza   diminuire   il proprio   calore?   Tutto   parla   della   potenza   di   Dio. Se   scoprissimo   la   meraviglia   della   nostra   fede, basata   totalmente   sull'amore,   potremmo   capire in   che   contesto   melodioso      viviamo.      Il   Signore non   ci   chiede   cose   al   di   fuori   della   nostra   portata, ma   di   vivere   nel   gaudio,   nella   letizia,   nel   rispetto, nell'amore.    Perché    abbiamo    indurito    il    nostro cuore?   Che   delusione   un   giorno   scoprire   che   se solo    avessimo    amato    non    ci    sarebbero    state tante    sofferenze.    L'amore    guarisce,    impedisce alle   malattie   di   diffondersi,   ci   fa   fare   una   cosa   più bella   dell'altra.   E'   conveniente   per   l'uomo.   Chi   ha la   malizia   nel   cuore,   diventa   complice   di   uno   che ha   lo   stesso   sentimento,   anche   se   compie   azioni di   solidarietà.   Non   si   può   sostituire   un   difetto   con un'altra   opera   buona.   Perché   nelle   prove   della vita     inciampiamo     frequentemente?     Sappiamo amare   la   persona   che   ci   tradisce?   Questo   non significa   diventare   ingenui   o   non   difendere   i propri    interessi,    ma    mettere    a    frutto    con scaltrezza   e   audacia   i   talenti   che   il   Signore ci   ha   dato.    Da   nessun'altra   nazione   il   Signore   si aspetta   una   risposta   come   dall'Italia.   Dopo   aver messo    la    sua    cattedra    nel    cuore    dell'impero romano,   ha   beneficiato   il   popolo   italiano   con   una ricchezza   di   doni   che   solo   lui   poteva   dare,   ma questo   meraviglioso   accordo   tra   cielo   e   Italia   si   è bloccato.   Dio   ha   mantenuto   la   promessa   fatta   i nostri   padri,   ma   noi   che   siamo   il   popolo   eletto non   dobbiamo   permetterci   di   portare   leggi   atee. Non    aspettiamo    che    sia    troppo    tardi    come    a Sodoma   e   Gomorra,   decidiamoci   a   rispettare   di più   la   legge   del   Dio   Creatore.   E'   inutile   pregare   e vivere   da   dissoluti,      senza   le   basi   principali   della nostra    fede    siamo    un    popolo    allo    sbando    e questo   il   male   lo   sa   benissimo.   Che   fede   abbiamo dato   ai   nostri   figli?   Due   persone   che   hanno   una certa     dipendenza     (alcol,     droga,     sesso…)     si giustificano    tra    di    loro,    ma    non    pensano    alla sofferenza   causata   ai   propri   cari.   Chi   è   solidale nel     peccato     sostiene     che     la     Chiesa     deve cambiare,   ma   non   c'è   nessun   cambiamento   nella legge     naturale     che     Dio     ha     dato.     C'è     una fratellanza    nella    negatività    che    è    incredibile. Come   si   può   dividere   una   famiglia,   pensando   che un    pezzo    di    carta    bollata    risolva    tutto?    Certe tentazioni   le   hanno   avute   anche   i   nostri   padri, ma   non   si   sono   divisi   per   il   Santo   timore   di   Dio. Erano    più    dignitosi.    Senza    alcun    valore    siamo diventati    carne    da    macello,    diffondiamo    nelle nostre   case   i   principi   morali,   il   rispetto   del   sesso e   del   concepimento,   l'importanza,   la   dignità   e   la bellezza      del      rapporto      sessuale.      Possiamo recuperare   il   rapporto   che   c'era   tra   cielo   e   terra anche   con   i   nostri   difetti,   ma   avere   nel   cuore   e nella   mente   il   Santo   timor   di   Dio,   perché   non tutto     ci     è     concesso.     Il     Signore     ci     dà     la riconciliazione,   ma   la   colpa   dovrà   essere   espiata; non    andiamo    a    briglie    sciolte    con    le    nostre tendenze   viziose,   riduciamole   perché   siamo   degli abitudinari.   Sarà   gradito   a   Dio.   Non   pensiamo   di toglierle   di   colpo,   perché   basta   un'arrabbiatura che    subito    riprendiamo    a    bere,    a    drogarci,    a cercare   amplessi   sessuali.   Alleniamoci   a   resistere alla     critica,     al     pettegolezzo,     alla     gelosia     e all'invidia,     a     sopportare     pazientemente     le persone   moleste.      Le   grandi   trasgressioni   sono figlie     delle     piccole     trasgressioni,     più     siamo dipendenti   delle   tendenze   viziose   e   più   rubiamo la    vita    delle    persone    che    ci    stanno    vicine. Dimostriamoci   giusti   e   il   Signore   non   ci   lascerà   in mano ai nostri nemici.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile