Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Il   problema   principale   è   che   l'uomo   non   riesce   a   mettere   in   pratica   le   verità   insostituibili   di   Dio.   Quante   volte   il   Signore ha   detto:   "ascolta   Israele"?   Se   non   ascoltiamo   e   non   mettiamo   in   pratica   saremo   sempre   figli   della   ragione,   della   materia e   delle   nuove   mode,   ma   non   figli   di   Dio.   Dovremmo   ripartire   dagli   inizi,   da   dove   Gesù   parlava   in   parabole   sulla montagna,   perché   la   parola   di   Dio   è   sempre   quella   di   2000   anni   fa.   Allora   non   si   parlava   del   cambiamento   dei   tempi,   di unioni   civili,   di   famiglie   allargate,   di   contrarietà   degli   ordini   religiosi,   di   pressione   fiscale,   mentre   oggi   commentiamo l'errore   gravissimo   di   discutere   la   materia.   Se   partiamo   da   quell'epoca   abbiamo   tutto   da   guadagnare.   È   sbagliato non   dà   alcun   profitto   denunciare   gli   errori   fatti   in   passato   dalla   Chiesa   e   fuori   da   essa,   serve   solamente   a   deviare   il popolo   dalla   verità.   Già   nel   200   d.C.   c’erano   200   anni   di   errori   e   contrarietà   perché   la   parola   di   Dio   è   stata   messa   in discussione   subito   dopo   che   è   stata   rivelata.   Così   dopo   mille   o   duemila   anni.   Mai   ha   trovato   una   disponibilità   totale   a metterla   in   pratica.   La   nostra   meravigliosa   Chiesa,   voluta,   pensata   e   realizzata   da   colui   che   tutto   può,   è   stata   attaccata da   tutti   con   danni   inimmaginabili.   Dio   l'ha   preservata   senza   scendere   a   difenderla,   tant’è   che   i   suoi   servi   fedeli   sono   stati massacrati.   Chi   può   resistere   a   un   attacco   così   infernale   e   rimanere   integro?   Sono   stati   eliminati   tutti   coloro   che con   armi   in   pugno   l'hanno   aggredita   in   ogni   epoca.   Ritorniamo   ai   piedi   della   montagna   dove   le   leggi   e   i   comandamenti sono   ancora   quelli   di   oggi   e   cerchiamo   di   metterli   in   pratica.   Quando   andiamo   a   rivelare   un   Dio   troppo   "facilone"   che quasi   quasi   ha   bisogno   delle   nostre   modifiche,   profaniamo   il   secondo   comandamento.   Egli   non   va   cambiato   come cambiano   i   tempi   nel   progresso.   La   via   della   critica   e   della   polemica   non   viene   mai   da   Dio,   lasciamo   perdere   certi discorsi,   sono   forse   cambiati   i   salmi?   La   parola   di   Dio   è   sapienza   e   saggezza   per   l'uomo   che   non   scende   nei   cuori dubbiosi   e   insicuri,   è   un   testimone   scomodo   che   non   ci   permette   di   fare   quello   che   vogliamo.    Dobbiamo   fare   un salto   nel   passato   con   la   testa   nel   futuro.   Solo   il   bene   sconfigge   il   male,   solo   nell'amore   possiamo   avvicinarci   a   Dio   e rappresentarlo,   non   con   le   nostre   parole   imperfette.   La   parola   di   Dio   si   difende   ascoltando   e   mettendola   in   pratica   con   le persone che abbiamo davanti, la si rivela non con la bocca ma col cuore. PRIMA BISOGNA PURIFICARSI Dobbiamo   avere   il   desiderio   di   dire   al   Signore:   " fai   di   me   ciò   che   vuoi".    Sono   diventati   santi   coloro   che   sono   stati   umiliati da   tutti   e   hanno   accettato   quella   parte   che   Gesù   ha   accettato   prima   di   noi.   E   che   noi   non   vogliamo   accettare.   Nessuna religione   ha   una   Madre   così   potente   come   la   nostra,   potremmo   ottenere   ogni   grazia,   eppure   siamo   sconclusionati   e agitati,   sembriamo   abbandonati   al   nostro   destino.   Perché   non   accettiamo   la   vita   così   com'è   e   vogliamo   confondere   gli altri?   I   miracoli   li   compie   il   Signore   non   noi,   smettiamola   di   recitare   una   parte   non   nostra,   tanto   non   otterremo   i   risultati sperati.   Dovremmo   essere   gioiosi,   anche   sotto   durissime   prove,   invece   siamo   tristi   e   lamentosi.   Come   fa   il   Signore   a venirci   incontro   se   non   dimostriamo   di   diffondere   la   sua   parola?   L'elemento   principale   per   troppi   cristiani   è   diffondere cumuli   di   preghiere,   ma   così   hanno   cambiato   le   carte   in   tavola.   Non   possiamo   dire   che   per   ogni   problema   della   vita esiste   solo   la   preghiera,   si   propone   una   cristianità   che   non   esiste   e   tra   qualche   anno   sarà   ancora   peggio.   La   medicina giusta   per   ogni   situazione   è   la   parola   di   Dio,   però   dobbiamo   conoscerla.   Oggi   si   segue   molto   il   miracolismo   e   anche le   storie   dei   santi   vengono   romanzate   per   renderle   più   attraenti.   Si   parla   di   interventi   dello   Spirito   Santo,   di   conversioni, di   segni,   ma   se   ci   fosse   un   uomo   giusto   come   san   Francesco   si   convertirebbe   tutta   l'Italia.   Perché   pensiamo   di   edificarci dai   fatti   miracolosi   che   vengono   da   Dio   e   non   dalle   terribili   prove   che   i   santi   hanno   affrontato   con   gioia?   Sulla   scala   che ci   porta   in   cielo   bisogna   fare   un   gradino   alla   volta,   chi   va   in   fretta   rischia   di   inciampare   e   farsi   male.   Prima   di   pregare bisogna   fare   una   preparazione   e   togliere   il   disordine   creato   negli   anni   passati   dalla   propria   ostinazione   e   dai pensieri   poco   edificanti.   Chi   vuole   crescere   deve   diminuire   e   iniziare   a   non   essere   elemento   di   tensione   in   famiglia. Non   si   guarisce   da   un   giorno   all'altro   dal   contatto   col   peccato,   ma   ci   si   sente   più   peccatori   di   prima.   La   nuova   vita   è basata   sul   ricordo   dei   nostri   errori,   dei   peccati   di   superbia,   di   omissione   e   di   giudizio.   Tanti   parlano   in   nome   di   Dio obbligando   altri   a   un   certo   stile   di   vita   senza   che   abbiano   una   preparazione   e   abusando   della   loro   fiducia.   Così   rischiano di   pagare   per   i   loro   peccati.   Dobbiamo   essere   severi   con   noi   stessi,   ognuno   deve   fare   i   propri   percorsi   e   non   farli   fare   ad altri,   illudendoli.   Conosciamo   forse   chi   ci   sta   davanti?   Quanta   falsità   o   bontà   ha   nel   cuore?   Come   vive   la   propria   intimità? È   un   peccato   grave   dire   quello   che   non   conosciamo   nelle   cose   di   Dio,   ce   lo   ricorda   alla   fine   il   libro   dell'Apocalisse.   Se facciamo   qualcosa   di   bene   il   nostro   animo   si   rasserena,   è   felice,   non   è   triste.   Abbiamo   vissuto   di   più   da   contenti   o   da scontenti?   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Ripartire dalla montagna
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Il   problema   principale   è   che   l'uomo   non   riesce   a mettere   in   pratica   le   verità   insostituibili   di   Dio. Quante    volte    il    Signore    ha    detto:    "ascolta Israele"?   Se   non   ascoltiamo   e   non   mettiamo   in pratica   saremo   sempre   figli   della   ragione,   della materia   e   delle   nuove   mode,   ma   non   figli   di   Dio. Dovremmo    ripartire    dagli    inizi,    da    dove    Gesù parlava   in   parabole   sulla   montagna,   perché   la parola   di   Dio   è   sempre   quella   di   2000   anni   fa. Allora   non   si   parlava   del   cambiamento   dei   tempi, di   unioni   civili,   di   famiglie   allargate,   di   contrarietà degli   ordini   religiosi,   di   pressione   fiscale,   mentre oggi    commentiamo    l'errore    gravissimo    di discutere      la      materia.      Se      partiamo      da quell'epoca    abbiamo    tutto    da    guadagnare.    È sbagliato    non    dà    alcun    profitto    denunciare    gli errori    fatti    in    passato    dalla    Chiesa    e    fuori    da essa,   serve   solamente   a   deviare   il   popolo   dalla verità.   Già   nel   200   d.C.   c’erano   200   anni   di   errori e    contrarietà    perché    la    parola    di    Dio    è    stata messa   in   discussione   subito   dopo   che   è   stata rivelata.   Così   dopo   mille   o   duemila   anni.   Mai   ha trovato    una    disponibilità    totale    a    metterla    in pratica.   La   nostra   meravigliosa   Chiesa,   voluta, pensata   e   realizzata   da   colui   che   tutto   può,   è stata   attaccata   da   tutti   con   danni   inimmaginabili. Dio   l'ha   preservata   senza   scendere   a   difenderla, tant’è     che     i     suoi     servi     fedeli     sono     stati massacrati.   Chi    può    resistere    a    un    attacco così   infernale   e   rimanere   integro?   Sono   stati eliminati    tutti    coloro    che    con    armi    in    pugno l'hanno   aggredita   in   ogni   epoca.   Ritorniamo   ai piedi     della     montagna     dove     le     leggi     e     i comandamenti    sono    ancora    quelli    di    oggi    e cerchiamo   di   metterli   in   pratica.   Quando   andiamo a    rivelare    un    Dio    troppo    "facilone"    che    quasi quasi     ha     bisogno     delle     nostre     modifiche, profaniamo   il   secondo   comandamento.   Egli   non va     cambiato     come     cambiano     i     tempi     nel progresso.   La   via   della   critica   e   della   polemica non   viene   mai   da   Dio,   lasciamo   perdere   certi discorsi,   sono   forse   cambiati   i   salmi?   La   parola   di Dio   è   sapienza   e   saggezza   per   l'uomo   che   non scende    nei    cuori    dubbiosi    e    insicuri,    è    un testimone   scomodo   che   non   ci   permette   di fare   quello   che   vogliamo.    Dobbiamo   fare   un salto   nel   passato   con   la   testa   nel   futuro.   Solo   il bene   sconfigge   il   male,   solo   nell'amore   possiamo avvicinarci   a   Dio   e   rappresentarlo,   non   con   le nostre    parole    imperfette.    La    parola    di    Dio    si difende   ascoltando   e   mettendola   in   pratica   con   le persone   che   abbiamo   davanti,   la   si   rivela   non   con la bocca ma col cuore. PRIMA BISOGNA PURIFICARSI Dobbiamo   avere   il   desiderio   di   dire   al   Signore: " fai   di   me   ciò   che   vuoi".    Sono   diventati   santi coloro   che   sono   stati   umiliati   da   tutti   e   hanno accettato    quella    parte    che    Gesù    ha    accettato prima   di   noi.   E   che   noi   non   vogliamo   accettare. Nessuna    religione    ha    una    Madre    così    potente come   la   nostra,   potremmo   ottenere   ogni   grazia, eppure   siamo   sconclusionati   e   agitati,   sembriamo abbandonati     al     nostro     destino.     Perché     non accettiamo     la     vita     così     com'è     e     vogliamo confondere   gli   altri?   I   miracoli   li   compie   il   Signore non   noi,   smettiamola   di   recitare   una   parte   non nostra,   tanto   non   otterremo   i   risultati   sperati. Dovremmo   essere   gioiosi,   anche   sotto   durissime prove,   invece   siamo   tristi   e   lamentosi.   Come   fa   il Signore   a   venirci   incontro   se   non   dimostriamo   di diffondere   la   sua   parola?   L'elemento   principale per     troppi     cristiani     è     diffondere     cumuli     di preghiere,   ma   così   hanno   cambiato   le   carte   in tavola.   Non   possiamo   dire   che   per   ogni   problema della   vita   esiste   solo   la   preghiera,   si   propone   una cristianità   che   non   esiste   e   tra   qualche   anno   sarà ancora   peggio.   La   medicina   giusta   per   ogni situazione   è   la   parola   di   Dio,   però   dobbiamo conoscerla.   Oggi   si   segue   molto   il   miracolismo   e anche   le   storie   dei   santi   vengono   romanzate   per renderle   più   attraenti.   Si   parla   di   interventi   dello Spirito   Santo,   di   conversioni,   di   segni,   ma   se   ci fosse    un    uomo    giusto    come    san    Francesco    si convertirebbe   tutta   l'Italia.   Perché   pensiamo   di edificarci   dai   fatti   miracolosi   che   vengono   da   Dio e    non    dalle    terribili    prove    che    i    santi    hanno affrontato   con   gioia?   Sulla   scala   che   ci   porta   in cielo   bisogna   fare   un   gradino   alla   volta,   chi   va   in fretta   rischia   di   inciampare   e   farsi   male.   Prima di   pregare   bisogna   fare   una   preparazione   e togliere     il     disordine     creato     negli     anni passati     dalla     propria     ostinazione     e     dai pensieri    poco    edificanti.    Chi    vuole    crescere deve   diminuire   e   iniziare   a   non   essere   elemento di   tensione   in   famiglia.   Non   si   guarisce   da   un giorno   all'altro   dal   contatto   col   peccato,   ma   ci   si sente   più   peccatori   di   prima.   La   nuova   vita   è basata   sul   ricordo   dei   nostri   errori,   dei   peccati   di superbia,   di   omissione   e   di   giudizio.   Tanti   parlano in   nome   di   Dio   obbligando   altri   a   un   certo   stile   di vita    senza    che    abbiano    una    preparazione    e abusando    della    loro    fiducia.    Così    rischiano    di pagare    per    i    loro    peccati.    Dobbiamo    essere severi   con   noi   stessi,   ognuno   deve   fare   i   propri percorsi    e    non    farli    fare    ad    altri,    illudendoli. Conosciamo    forse    chi    ci    sta    davanti?    Quanta falsità    o    bontà    ha    nel    cuore?    Come    vive    la propria   intimità?   È   un   peccato   grave   dire   quello che    non    conosciamo    nelle    cose    di    Dio,    ce    lo ricorda    alla    fine    il    libro    dell'Apocalisse.    Se facciamo    qualcosa    di    bene    il    nostro    animo    si rasserena,   è   felice,   non   è   triste.   Abbiamo   vissuto di più da contenti o da scontenti?     Confidenze   di   Maria   santissima   a   Roberto   Longhi sul monte Misma  
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile