Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Quante   volte   la   legge   di   Dio   è   stata   calpestata,   derisa   e   calunniata   da   tutti   popoli?   Quante   volte   Dio   è   stato   sostituito   con falsi   idoli,   falsi   interessi   e   falsi   profeti,   dal   popolo   che   lui   si   è   scelto?   Lui,   l’irraggiungibile,   che   può   fare   in   noi   cose inimmaginabili   come   quella   di   donarci   la   gioia   del   cuore,   invece   di   castigarci   ha   usato   quella   misericordia   che   fa   parte della    sua    legge,    quella    dell'amore    vero,    che    non    esiste    tra    noi    perché    abbiamo    l'etichetta    del    rispetto    umano. Ripariamo,   nella   misura   in   cui   Dio   ce   lo   concede,   a   tutti   questi   abomini   e   insulti   che   ha   accettato   per   amor nostro.   Chiediamo   perdono   al   Signore   anche   per   tutti   quelli   si   sono   lasciati   ammaliare   e   sedurre   da   falsi   ideali   e   da   false realtà,   fino   al   punto   da   capovolgere   la   sua   parola   e   i   suoi   comandamenti,   creando   false   dottrine,   false   teologie   e   false idee.   Quanta   festa   si   può   fare   in   cielo   sapendo   che   noi,   per   bontà   della   Madonna,   stiamo   conoscendo   la   verità:   chi   mai ha   avuto   un   pensiero   così   nobile   e   sublime,   di   riparare   e   di   sentirsi   triste   per   tutte   le   volte   che   il   Signore   è stato   messo   in   disparte,    usurpando   ciò   che   è   suo?   Facciamo   salire   una   parola   di   considerazione,   il   nostro   dispiacere per   tutto   quello   che   è   stato   fatto   davanti   agli   occhi   di   Dio   anche   dalle   generazioni   passate,   perché   la   misura   adesso   è colma.   Tutti   quelli   che   si   sono   sostituiti   a   Dio   hanno   portato   dolore   all'uomo,   non   hanno   portato   amore,   serenità   e   pace come   ha   fatto   Gesù,   morto   per   la   nostra   salvezza.   Eppure   l'uomo   ingenuamente   si   è   lasciato   accalappiare   e   manovrare con   facilità   da   chi   gli   ha   fatto   danno,   da   chi   ha   dimostrato   di   lavorare   contro   di   lui   facendogli   pagare   conseguenze drammatiche   e   terribili.   Se   fossimo   intelligenti   vedremmo   che   coloro   che   hanno   sostituito   Dio   con   false ideologie   e   falsi   idoli   hanno   messo   un   popolo   contro   l'altro,   causando   “fiumi”   di   sangue.    Coloro   invece   che hanno   seguito   la   legge   di   Dio   non   hanno   mai   provato   queste   desolazioni,   ma   solo   le   cattiverie   subite   per   colpa   di      altri. Se   ci   fosse   uno   storico   ce   lo   confermerebbe.   Non   a   caso   il   Signore      ha   promesso   di   far   vivere   in   una   valle   dove   scorre latte   e   miele   coloro   che   l’avrebbero   lodato   e   onorato.   Nemmeno   ci   rendiamo   conto   delle   gravità   che   il   Signore   sa accettare,   in   attesa   che   qualcuno   possa   veramente   rinsavire   da   tutta   questa   massa   di   malvagità   di   spirito   e   di   animo. Proponiamoci   al   Signore   con   uno   spirito   nuovo,   di   fedeltà   alle   sue   leggi,   per   essere   coloro   che   vogliono   veramente onorarlo,   anche   con   la   nostra   disponibilità   ad   amarci   vicendevolmente;   il   Signore   ci   può   perdonare   in   una   misura meravigliosa,   come   nella   parabola   del   figliol   prodigo.      Lasciamo   andare   il   mondo   dove   va,   senza   entrare   in   contatto   con le   sue   brutte   abitudini,   per   non   pagarne   le   conseguenze.   Non   dobbiamo   avere   paura   del   mondo,   è   il   mondo   che   deve avere   paura   della   verità.   Quando   passava   l'uomo   di   Galilea   attraverso   le   genti      il   male   era   disturbato      dalla   sua   presenza, mentre   Gesù   non   era   disturbato   dalla   presenza   del   male.   Gesù   passava   con   la   sua   grazia   e   la   sua   santità,   incurante   di chi   gli   stava   accanto,   mentre   gli   altri   avevano   delle   reazioni   sorprendenti.   Con   un   semplice   sorriso   liberava   le   persone che   erano   possedute   dal   demonio,   non   si   metteva   a   combattere   con   la   spada   come   avremmo   fatto   noi.   Il   bene   non deve   temere   nulla,   è   il   male   che   si   deve   preoccupare   perché   prima   o   poi   “salta   fuori”,   emerge.   Purtroppo quelli   che   non   vivono   secondo   la   Bibbia   sono   in   casa   nostra,   all'interno   della   nostra   fede.   Le   nostre   preghiere   e   le   nostre devozioni   non   ci   garantiscono   di   essere   nella   verità;      ecco   perché   non   è   difficile   vedere   persone   dichiaratamente   atee   che si   comportano   meglio   rispetto   a   chi   va   in   chiesa.   Confidiamo   solo   nella   legge   del   Signore,   non   lasciamoci   sviare   da   false dottrine   pellegrine   che   ci   illudono   con   una   vita   troppo   comoda   e   facile.   Impariamo   a   comportarci   come   il   Signore   ci chiede,   senza   dubitare   dell’esistenza   della   vita   eterna   e   senza   inventarci   ciò   che   piace   al   Signore,   perché   il   suo   giudizio non   è   come   il   nostro.   Se   noi   daremo   un'unghia   lui   ci   darà   un   braccio,   mentre   se   chiederemo   il   braccio   ci   concederà l'unghia... Facciamo tesoro di queste verità che il Signore difficilmente ha rivelato in pubblico.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Ripariamo alla grande offesa
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Quante   volte   la   legge   di   Dio   è   stata   calpestata, derisa   e   calunniata   da   tutti   popoli?   Quante   volte Dio   è   stato   sostituito   con   falsi   idoli,   falsi   interessi e   falsi   profeti,   dal   popolo   che   lui   si   è   scelto? Lui,   l’irraggiungibile,   che   può   fare   in   noi   cose inimmaginabili   come   quella   di   donarci   la   gioia   del cuore,    invece    di    castigarci    ha    usato    quella misericordia   che   fa   parte   della   sua   legge,   quella dell'amore   vero,   che   non   esiste   tra   noi   perché abbiamo      l'etichetta      del      rispetto      umano. Ripariamo,    nella    misura    in    cui    Dio    ce    lo concede,   a   tutti   questi   abomini   e   insulti   che ha    accettato    per    amor    nostro.    Chiediamo perdono   al   Signore   anche   per   tutti   quelli   si   sono lasciati   ammaliare   e   sedurre   da   falsi   ideali   e   da false   realtà,   fino   al   punto   da   capovolgere   la   sua parola    e    i    suoi    comandamenti,    creando    false dottrine,   false   teologie   e   false   idee.   Quanta   festa si   può   fare   in   cielo   sapendo   che   noi,   per   bontà della   Madonna,   stiamo   conoscendo   la   verità:   chi mai    ha    avuto    un    pensiero    così    nobile    e sublime,   di   riparare   e   di   sentirsi   triste   per tutte   le   volte   che   il   Signore   è   stato   messo   in disparte,    usurpando   ciò   che   è   suo?   Facciamo salire    una    parola    di    considerazione,    il    nostro dispiacere    per    tutto    quello    che    è    stato    fatto davanti   agli   occhi   di   Dio   anche   dalle   generazioni passate,   perché   la   misura   adesso   è   colma.   Tutti quelli   che   si   sono   sostituiti   a   Dio   hanno   portato dolore    all'uomo,    non    hanno    portato    amore, serenità   e   pace   come   ha   fatto   Gesù,   morto   per   la nostra   salvezza.   Eppure   l'uomo   ingenuamente   si è   lasciato   accalappiare   e   manovrare   con   facilità da   chi   gli   ha   fatto   danno,   da   chi   ha   dimostrato   di lavorare      contro      di      lui      facendogli      pagare conseguenze      drammatiche      e      terribili.      Se fossimo    intelligenti    vedremmo    che    coloro che   hanno   sostituito   Dio   con   false   ideologie e   falsi   idoli   hanno   messo   un   popolo   contro l'altro,   causando   “fiumi”   di   sangue.    Coloro invece   che   hanno   seguito   la   legge   di   Dio   non hanno   mai   provato   queste   desolazioni,   ma   solo   le cattiverie   subite   per   colpa   di      altri.   Se   ci   fosse uno   storico   ce   lo   confermerebbe.   Non   a   caso   il Signore      ha   promesso   di   far   vivere   in   una   valle dove   scorre   latte   e   miele   coloro   che   l’avrebbero lodato   e   onorato.   Nemmeno   ci   rendiamo   conto delle   gravità   che   il   Signore   sa   accettare,   in   attesa che   qualcuno   possa   veramente   rinsavire   da   tutta questa   massa   di   malvagità   di   spirito   e   di   animo. Proponiamoci   al   Signore   con   uno   spirito   nuovo,   di fedeltà    alle    sue    leggi,    per    essere    coloro    che vogliono    veramente    onorarlo,    anche    con    la nostra   disponibilità   ad   amarci   vicendevolmente; il    Signore    ci    può    perdonare    in    una    misura meravigliosa,    come    nella    parabola    del    figliol prodigo.      Lasciamo   andare   il   mondo   dove   va, senza    entrare    in    contatto    con    le    sue    brutte abitudini,   per   non   pagarne   le   conseguenze.   Non dobbiamo   avere   paura   del   mondo,   è   il   mondo che    deve    avere    paura    della    verità.    Quando passava   l'uomo   di   Galilea   attraverso   le   genti      il male   era   disturbato      dalla   sua   presenza,   mentre Gesù   non   era   disturbato   dalla   presenza   del   male. Gesù   passava   con   la   sua   grazia   e   la   sua   santità, incurante   di   chi   gli   stava   accanto,   mentre   gli   altri avevano    delle    reazioni    sorprendenti.    Con    un semplice   sorriso   liberava   le   persone   che   erano possedute    dal    demonio,    non    si    metteva    a combattere   con   la   spada   come   avremmo   fatto noi.   Il   bene   non   deve   temere   nulla,   è   il   male che   si   deve   preoccupare   perché   prima   o   poi “salta   fuori”,   emerge.   Purtroppo   quelli   che   non vivono   secondo   la   Bibbia   sono   in   casa   nostra, all'interno   della   nostra   fede.   Le   nostre   preghiere e    le    nostre    devozioni    non    ci    garantiscono    di essere   nella   verità;      ecco   perché   non   è   difficile vedere    persone    dichiaratamente    atee    che    si comportano   meglio   rispetto   a   chi   va   in   chiesa. Confidiamo    solo    nella    legge    del    Signore,    non lasciamoci   sviare   da   false   dottrine   pellegrine   che ci   illudono   con   una   vita   troppo   comoda   e   facile. Impariamo    a    comportarci    come    il    Signore    ci chiede,   senza   dubitare   dell’esistenza   della   vita eterna    e    senza    inventarci    ciò    che    piace    al Signore,   perché   il   suo   giudizio   non   è   come   il nostro.   Se   noi   daremo   un'unghia   lui   ci   darà   un braccio,    mentre    se    chiederemo    il    braccio    ci concederà   l'unghia...   Facciamo   tesoro   di   queste verità   che   il   Signore   difficilmente   ha   rivelato   in pubblico. 

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

               Ripariamo alla grande offesa
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile