Monte Misma Maria ausiliatrice
Un deserto  sul Misma
A salvaguardia delle tradizioni e delle radici cristiane contro le troppe leggi approvate con facilità        che si sono sempre dimostrate necessarie per la difesa dell'uomo. Leggi che hanno fatto dei nostri figli carne da macello,  esponendoli a troppi rischi e pericoli,  perché approvate per l'interesse di fazioni politiche, atte a favorire una falsa libertà,  facendo pagare le conseguenze a tutti, anche a chi non condivideva queste scelte. Visto che non abbiamo dimostrato di saper difendere i nostri figli da queste trappole,  difendiamo almeno i nostri nipoti.  Per avere più possibilità che non tutto vada allo sfacelo e sia irrecuperabile,  abbiamo bisogno anche di te! Quello   che   la   Madonna   ci   chiede   va   aldilà   delle   preghiere   e   della   frequentazione   della   Chiesa:   è   la   nostra   parte   interiore che   è   nel      profondo   del   nostro   essere   e   del   nostro   cuore.   Sul   monte   Misma   i   “Figli   del   Silenzio”   hanno   costituito   un comitato   di   assenso   alle      leggi   di   Dio   e   di   dissenso   dalle   leggi   negative   dell'uomo,   denominato         “RINNOVAMENTO CRISTIANO   LAICO”.   Non   è   un   comitato      politico,   ma   noi   laici   abbiamo   a   che   fare   con   leggi   politiche   che   ci   fanno pagare    conseguenze    drammatiche,    non    dimentichiamocelo        mai.    L’obbiettivo    non    è    quello    di    promuovere    un movimento    esteriore    di    “piazza”    o    di    contestazione    di    quello    che    fanno    gli    altri    nel        mondo,    ma    interiore,    di dimostrazione   al   Signore   che   sopra   di   tutto   amiamo   le   sue   leggi.         Delusi   da   tanta   violenza,   attraverso      questo comitato   possiamo   fare   ciò   che   noi   non   abbiamo   mai   fatto   prima,   senza   colpo   ferire   e   senza   offendere   nessuno.   Con   la     nostra   firma   sul   registro   (o   apponendo   alla   fine   il   nostro   nome   e   cognome)   possiamo   dire   al   Signore:   “Eccomi,   ci   sono anch’io,      aderisco   anch'io,   gratuitamente.   Non   potendo   fare   niente   per   fermare   tutto   questo   marasma   che   anch'io inconsapevolmente   ho      promosso,   mi   tolgo   da   tutte   queste   approvazioni   che   non   condivido   e   mi   affido   totalmente   a   te, come   elemento   che   desidera      rispettare   interamente   la   tua   legge   di   verità   e   di   fede”.   Il   Signore   vomita   i   deboli,   coloro che   non   sono   né   carne   né   pesce,   perché      chi   non   è   da   una   parte   è   dall'altra;   addirittura   preferisce   chi   non   vive   della sua   legge   per   scelta.   Il   Misma   ci   invita   a   far   salire   al      cielo   quello   che   abbiamo   nel   profondo   del   cuore   e   il   nostro dissenso   contro   le   false   promesse   del   divorzio   e   dell'aborto,   per      ritornare   alle   origini   e   recuperare   il   terreno   perduto.   Al Signore   farà   molto   piacere   e   ne   terrà   conto   per   moltiplicare   all'infinito   la      nostra   offerta,   come   ha   fatto   nel   Vangelo quando ha ricevuto due pani e due pesci.   LA TRAPPOLA DELLA NOSTRA INCOERENZA    Quanta   santificazione   ci   siamo   fatti   togliere   a   forza   di   leggi   sbagliate!   Noi   non   sappiamo   quali   orrori   stanno   provocando davanti      agli   occhi   di   Dio   leggi   come   l'aborto   e   il   divorzio.   Ci   siamo   dimenticati   che   questi   espedienti   anticlericali   hanno portato   allo   sfacelo      la   famiglia.   Se   vedessimo   l'urlo   che   sale   mentre   si   commette   una   aborto   o   la   sofferenza   che   c'è   in certe   case,   non   staremmo   più      “con   le   mani   in   mano”   a   criticare   la   cronaca   rosa!   Ma   chi   ha   promosso   queste   leggi contro   l'uomo   e   contro   Dio?   Sicuramente   non   la      Democrazia   Cristiana.   Non   facciamo   gli   ingenui,   tiriamo   le   conclusioni, sono   di   una   fazione   ben   precisa   di   provenienza   atea.   Noi      non   abbiamo   mai   saputo   che   cosa   ordisce   alle   nostre   spalle, quale   agganci   ci   sono   per   arrivare   a   promuovere   quello   che   hanno      promosso.   Ma   sappiamo   che   il   comunismo   ha causato   200   milioni   di   morti...   Diciamo   la   verità,   per   non   cadere   nelle   trappole      dell'infido,   perché   troppi   cristiani vogliono   sostenere   la   legge   di   Dio,   ma   promuovono   la   legge   dell'uomo.   Disapprovano   il   divorzio   e      l'aborto   e appoggiano   la   parte   atea   che   ha   voluto   questo   rinnovamento,   credendo   che   fosse   una   libertà   molto   gradevole,     affascinante   e   sensuale   per   l'umanità.   Terribile,   ambiguo,   ipocrita!   Ecco   perché   soffre   Maria   Santissima,   perché   di questo   ne      potremmo   sicuramente   fare   a   meno.   Non   è   che   si   deve   stare   dalla   parte   di   un   certo   uomo   politico,   perché nessuno   ha   l'antidoto      per   fermare   questa   frana   di   disgregazione   e   di   violenza   che   ormai   contagia   un   po'   tutti;   ma   non lasciamo   che   il   nostro   voto   venga      usato   per   queste   cose   a   nostro   svantaggio.   L'unico   che   può   difenderci   è   Dio,   al   quale dobbiamo dare la nostra volontà.   L'ITALIA È ANCHE NOSTRA!    Tutte   le   conseguenze   negative   che   stiamo   pagando   sono   figlie   di   quelle   decisioni   che   sono   state   prese   approvando quelle   leggi.   E’      mai   possibile   che   dobbiamo   accettare   solamente   tutto   ciò   che   viene   disgregato   e   distrutto   dalle   leggi anticlericali?   Ci   sarà   un   pezzo      d'Italia   dove   possiamo   vivere   e   muoverci   a   salvaguardia   delle   tradizioni   e   di   quelle   basi che,   generazione   dopo   generazione,   hanno      dimostrato   protezione,   condivisione   e   “vivere   bene”!   E’   importante dissociarsi   da   queste   leggi   che   hanno   favorito   solamente   la      divisione   e   la   disintegrazione   di   tutti   valori   della   vita, perché   l'Italia   è   anche   nostra,   di   chi   vuol   conservare,   non   solamente      proprietà   di   chi   vuol   distruggere.   Il   Signore   ha voluto   porre   la   sua   dimora   terrena,   la   Cattedra   di   Pietro,   in   Italia.   E   noi   cosa      facciamo   per   difendere   questa   realtà, questa   istituzione   così   grande,   il   fiore   all'occhiello   della   nostra   fede?   Potremmo   peccare   di      omissione   e   rendere   conto un   domani   del   privilegio   che   abbiamo   avuto,   come   nella   parabola   dei   talenti.   Perché   altri   Paesi   non   sono      stati beneficiati come il nostro…    SCEGLIERE LA VERITÀ SCRITTA SULLA BIBBIA   In   tempi   non   sospetti   ci   è   stato   detto:   “La   mente   del   sapiente   si   dirige   a   destra   e   quella   dello   stolto   a   sinistra”   (Qo 10:2);   ”Porrà   le      pecore   alla   sua   destra   e   i   capri   alla   sinistra…   (Mt.25:33);   “D'ora   innanzi   vedrete   il   Figlio   dell'uomo seduto   alla   destra   di   Dio.."      (Mt.26:64);   “Allora   disse   loro:   gettate   la   rete   dalla   parte   destra   della   barca   e   troverete" (Gv   21:6).   E   ci   sono   numerosi   altri      passaggi   simili   sulla   Bibbia:   chi   ha   orecchie   per   intendere,   intenda.....   Non   potendo fermare   queste   leggi,   che   ormai   hanno   preso      radici   profonde,   abbiamo   un'opportunità   che   è   scritta   nel   salmo   40: "Ecco,   io   vengo.   Sul   rotolo   del   libro   di   me   è   scritto,   che   io      faccia   il   tuo   volere.   Mio   Dio,   questo   io   desidero,   la   tua   legge è   nel   profondo   del   mio   cuore".   La   legge   di   Dio   a   noi   cristiani,   deve      essere   impressa   nel   cuore   non   nella   mente,   non nella   convenienza   di   sostenere   leggi   che   poi   dobbiamo   pagare   a   caro   prezzo,      specialmente   per   i   nostri   figli,   ai   quali abbiamo   pensato   solo   a   dare   il   benessere   economico,   non   più   i   valori.   Così   quando   sono      fuori   casa   sono   in   pericolo   di farsi   trascinare   dai   gruppi,   perché   non   sono   protetti   nella   scuola,   nel   lavoro   o   in   discoteca.   Hanno   a      che   fare   con   una cultura   e   con   un   mondo   pericolosissimo:   da   un   giorno   all'altro   vengono   a   casa   cambiati,   e   nelle   famiglie   inizia      una grande   sofferenza.   Dissociamoci   da   queste   leggi,   il   peggior   cancro   che   esista   nell'uomo,   chiedendo   scusa   al   Signore dell'errore      e   dell'inganno   che   ci   siamo   fatti.   Il   profeta   Geremia   (cap.17)   ci   dice:   "Maledetto   l'uomo   che   confida nell'uomo,   che   pone   nella      carne   il   suo   sostegno   e   il   cui   cuore   si   allontana   dal   Signore.   Egli   sarà   come   un   tamerisco nella   steppa,   quando   viene   il   bene   non   lo      vede;   dimorerà   in   luoghi   aridi   nel   deserto,   in   una   terra   di   salsedine,   dove nessuno   può   vivere”.   Chi   di   noi   può   vivere   nel   mondo   che   abbiamo   creato,   basato   sulla   legge   dell'uomo?   Svegliamoci! Ci   siamo   maledetti   per   conto   nostro,   esponendoci   a   rischi   e   pericoli   inimmaginabili,   ci   siamo   autocondannati.   Prosegue Geremia:   “Benedetto   l'uomo   che   confida   nel   Signore   e   il   Signore   è   sua   fiducia.   Egli   è   come   un   albero   piantato   lungo l'acqua,   verso   la   corrente   stende   le   radici”.   Dunque   trova   terreno   fertile.   Che   tutto   debba   essere   sostenuto   dalla preghiera,   dalla   nostra   vita   corretta,   non   dalla   critica   verso   l’adulterio   degli   altri,   quando   poi   in   privato   siamo   peggio. Affidiamoci   al   Signore,   viviamo   in   assoluta   fedeltà   ai   suoi   comandamenti   per   farci   educare   ed   educare   gli   altri. Potremmo   dare   un   mondo   migliore   ai   nostri   figli,   più   vicino   a   quello   delle   generazioni   passate   nel   quale   c'era   più rispetto per la donna, e si dava importanza al fidanzamento e al matrimonio.  VOGLIAMO ESSERE LOT O LA MOGLIE DI LOT?   Però   il   Signore   è   anche   inflessibile   nella   sua   risposta:   nel   vecchio   testamento   prima   di   distruggere   Sodoma   e   Gomorra, ha   promesso   di   salvare   Lot   e   sua   moglie   a   condizione   che   non   si   voltassero   indietro   a   guardare   quello   che   stava accadendo   alle   due   città.   Ma   la   moglie   di   Lot   non   ha   tenuto   conto   dell’avvertimento   ricevuto,   ha   voluto   "guardare   il mondo".   Non   facciamoci   prendere   da   critiche   e   contestazioni,   lasciamo   andare   il   mondo   dove   va.   Il   Signore   oggi, nonostante   le   nostre   colpe,   ci   dà   questa   ennesima   possibilità   di   dissociarci:   dimostriamolo   portando   avanti   questa scelta   vivendo   nel   mondo   senza   paura,   perché   Gesù   ha   già   vinto   il   mondo.   Potremmo   essere   quei   testimoni   che   la Madonna   sta   guidando   da   tempo,   per   diventare   autentici   cristiani.   Non   obiettiamo   di   questa   possibilità   che   ci   viene offerta,   sta   a   noi   scegliere   se   essere   Lot   e   le   figlie,   oppure   la   moglie   di   Lot.   Siamo   liberi   di   obbedire   e   abbandonarci oppure   di   criticare   e   giudicare.   Non   disattendiamo   le   leggi   e   i   decreti   del   Signore,   perché   egli   oltre   che   buono   e misericordioso, è anche inflessibile.  
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Rinnovamento cristiano laico
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
A salvaguardia delle tradizioni e delle radici cristiane contro le troppe leggi approvate con facilità       che si sono sempre dimostrate necessarie per la difesa dell'uomo. Leggi che hanno fatto dei nostri figli carne da macello,  esponendoli a troppi rischi e pericoli,  perché approvate per l'interesse di fazioni politiche, atte a favorire una falsa libertà,  facendo pagare le conseguenze a tutti, anche a chi non condivideva queste scelte. Visto che non abbiamo dimostrato di saper difendere i nostri figli da queste trappole,  difendiamo almeno i nostri nipoti.  Per avere più possibilità che non tutto vada allo sfacelo e sia irrecuperabile,  abbiamo bisogno anche di te! Quello   che   la   Madonna   ci   chiede   va   aldilà   delle preghiere   e   della   frequentazione   della   Chiesa:   è la   nostra   parte   interiore   che   è   nel      profondo   del nostro    essere    e    del    nostro    cuore.    Sul    monte Misma   i   “Figli   del   Silenzio”   hanno   costituito   un comitato    di    assenso    alle        leggi    di    Dio    e    di dissenso      dalle      leggi      negative      dell'uomo, denominato         “RINNOVAMENTO   CRISTIANO LAICO”.   Non   è   un   comitato      politico,   ma   noi   laici abbiamo   a   che   fare   con   leggi   politiche   che   ci fanno    pagare    conseguenze    drammatiche,    non dimentichiamocelo      mai.   L’obbiettivo   non   è   quello di     promuovere     un     movimento     esteriore     di “piazza”   o   di   contestazione   di   quello   che   fanno   gli altri   nel      mondo,   ma   interiore,   di   dimostrazione al    Signore    che    sopra    di    tutto    amiamo    le    sue leggi.            Delusi    da    tanta    violenza,    attraverso      questo   comitato   possiamo   fare   ciò   che   noi   non abbiamo   mai   fatto   prima,   senza   colpo   ferire   e senza   offendere   nessuno.   Con   la      nostra   firma sul   registro   (o   apponendo   alla   fine   il   nostro   nome e   cognome)   possiamo   dire   al   Signore:   “Eccomi, ci   sono   anch’io,      aderisco   anch'io,   gratuitamente. Non    potendo    fare    niente    per    fermare    tutto questo   marasma   che   anch'io   inconsapevolmente ho          promosso,     mi     tolgo     da     tutte     queste approvazioni    che    non    condivido    e    mi    affido totalmente   a   te,   come   elemento   che   desidera     rispettare   interamente   la   tua   legge   di   verità   e   di fede”.   Il   Signore   vomita   i   deboli,   coloro   che   non sono   né   carne   né   pesce,   perché      chi   non   è   da una   parte   è   dall'altra;   addirittura   preferisce   chi non   vive   della   sua   legge   per   scelta.   Il   Misma   ci invita   a   far   salire   al      cielo   quello   che   abbiamo   nel profondo   del   cuore   e   il   nostro   dissenso   contro   le false    promesse    del    divorzio    e    dell'aborto,    per      ritornare    alle    origini    e    recuperare    il    terreno perduto.   Al   Signore   farà   molto   piacere   e   ne   terrà conto    per    moltiplicare    all'infinito    la        nostra offerta,   come   ha   fatto   nel   Vangelo   quando   ha ricevuto due pani e due pesci.   LA TRAPPOLA DELLA NOSTRA INCOERENZA    Quanta    santificazione    ci    siamo    fatti    togliere    a forza   di   leggi   sbagliate!   Noi   non   sappiamo   quali orrori   stanno   provocando   davanti      agli   occhi   di Dio   leggi   come   l'aborto   e   il   divorzio.   Ci   siamo dimenticati    che    questi    espedienti    anticlericali hanno    portato    allo    sfacelo        la    famiglia.    Se vedessimo   l'urlo   che   sale   mentre   si   commette una   aborto   o   la   sofferenza   che   c'è   in   certe   case, non   staremmo   più      “con   le   mani   in   mano”   a criticare   la   cronaca   rosa!   Ma   chi   ha   promosso queste     leggi     contro     l'uomo     e     contro     Dio? Sicuramente   non   la      Democrazia   Cristiana.   Non facciamo   gli   ingenui,   tiriamo   le   conclusioni,   sono di   una   fazione   ben   precisa   di   provenienza   atea. Noi      non   abbiamo   mai   saputo   che   cosa   ordisce alle    nostre    spalle,    quale    agganci    ci    sono    per arrivare     a     promuovere     quello     che     hanno       promosso.   Ma   sappiamo   che   il   comunismo   ha causato   200   milioni   di   morti...   Diciamo   la   verità, per   non   cadere   nelle   trappole      dell'infido,   perché troppi   cristiani   vogliono   sostenere   la   legge   di   Dio, ma       promuovono       la       legge       dell'uomo. Disapprovano   il   divorzio   e      l'aborto   e   appoggiano la   parte   atea   che   ha   voluto   questo   rinnovamento, credendo   che   fosse   una   libertà   molto   gradevole,     affascinante   e   sensuale   per   l'umanità.   Terribile, ambiguo,    ipocrita!    Ecco    perché    soffre    Maria Santissima,    perché    di    questo    ne        potremmo sicuramente   fare   a   meno.   Non   è   che   si   deve stare    dalla    parte    di    un    certo    uomo    politico, perché   nessuno   ha   l'antidoto      per   fermare   questa frana   di   disgregazione   e   di   violenza   che   ormai contagia   un   po'   tutti;   ma   non   lasciamo   che   il nostro    voto    venga        usato    per    queste    cose    a nostro   svantaggio.   L'unico   che   può   difenderci   è Dio, al quale dobbiamo dare la nostra volontà.   L'ITALIA È ANCHE NOSTRA!    Tutte     le     conseguenze     negative     che     stiamo pagando   sono   figlie   di   quelle   decisioni   che   sono state    prese    approvando    quelle    leggi.    E’        mai possibile    che    dobbiamo    accettare    solamente tutto   ciò   che   viene   disgregato   e   distrutto   dalle leggi   anticlericali?   Ci   sarà   un   pezzo      d'Italia   dove possiamo   vivere   e   muoverci   a   salvaguardia   delle tradizioni   e   di   quelle   basi   che,   generazione   dopo generazione,     hanno          dimostrato     protezione, condivisione    e    “vivere    bene”!    E’    importante dissociarsi   da   queste   leggi   che   hanno   favorito solamente   la      divisione   e   la   disintegrazione   di tutti    valori    della    vita,    perché    l'Italia    è    anche nostra,   di   chi   vuol   conservare,   non   solamente     proprietà   di   chi   vuol   distruggere.   Il   Signore   ha voluto   porre   la   sua   dimora   terrena,   la   Cattedra   di Pietro,    in    Italia.    E    noi    cosa        facciamo    per difendere   questa   realtà,   questa   istituzione   così grande,    il    fiore    all'occhiello    della    nostra    fede? Potremmo   peccare   di      omissione   e   rendere   conto un    domani    del    privilegio    che    abbiamo    avuto, come   nella   parabola   dei   talenti.   Perché   altri   Paesi non sono  stati beneficiati come il nostro…    SCEGLIERE     LA     VERITÀ     SCRITTA     SULLA BIBBIA   In   tempi   non   sospetti   ci   è   stato   detto:   “La   mente del    sapiente    si    dirige    a    destra    e    quella    dello stolto   a   sinistra”   (Qo   10:2);   ”Porrà   le      pecore   alla sua   destra   e   i   capri   alla   sinistra…   (Mt.25:33); “D'ora   innanzi   vedrete   il   Figlio   dell'uomo   seduto alla   destra   di   Dio.."      (Mt.26:64);   “Allora   disse loro:   gettate   la   rete   dalla   parte   destra   della   barca e   troverete"   (Gv   21:6).   E   ci   sono   numerosi   altri     passaggi   simili   sulla   Bibbia:   chi   ha   orecchie   per intendere,     intenda.....     Non     potendo     fermare queste    leggi,    che    ormai    hanno    preso        radici profonde,   abbiamo   un'opportunità   che   è   scritta nel   salmo   40:   "Ecco,   io   vengo.   Sul   rotolo   del   libro di   me   è   scritto,   che   io      faccia   il   tuo   volere.   Mio Dio,    questo    io    desidero,    la    tua    legge    è    nel profondo   del   mio   cuore".   La   legge   di   Dio   a   noi cristiani,   deve      essere   impressa   nel   cuore   non nella   mente,   non   nella   convenienza   di   sostenere leggi   che   poi   dobbiamo   pagare   a   caro   prezzo,     specialmente   per   i   nostri   figli,   ai   quali   abbiamo pensato   solo   a   dare   il   benessere   economico,   non più   i   valori.   Così   quando   sono      fuori   casa   sono   in pericolo   di   farsi   trascinare   dai   gruppi,   perché   non sono    protetti    nella    scuola,    nel    lavoro    o    in discoteca.   Hanno   a      che   fare   con   una   cultura   e con    un    mondo    pericolosissimo:    da    un    giorno all'altro   vengono   a   casa   cambiati,   e   nelle   famiglie inizia      una   grande   sofferenza.   Dissociamoci   da queste     leggi,     il     peggior     cancro     che     esista nell'uomo,   chiedendo   scusa   al   Signore   dell'errore     e    dell'inganno    che    ci    siamo    fatti.    Il    profeta Geremia   (cap.17)   ci   dice:   "Maledetto   l'uomo   che confida   nell'uomo,   che   pone   nella      carne   il   suo sostegno   e   il   cui   cuore   si   allontana   dal   Signore. Egli    sarà    come    un    tamerisco    nella    steppa, quando   viene   il   bene   non   lo      vede;   dimorerà   in luoghi   aridi   nel   deserto,   in   una   terra   di   salsedine, dove   nessuno   può   vivere”.   Chi   di   noi   può   vivere nel    mondo    che    abbiamo    creato,    basato    sulla legge   dell'uomo?   Svegliamoci!   Ci   siamo   maledetti per   conto   nostro,   esponendoci   a   rischi   e   pericoli inimmaginabili,       ci       siamo       autocondannati. Prosegue     Geremia:     “Benedetto     l'uomo     che confida   nel   Signore   e   il   Signore   è   sua   fiducia.   Egli è   come   un   albero   piantato   lungo   l'acqua,   verso   la corrente   stende   le   radici”.   Dunque   trova   terreno fertile.   Che   tutto   debba   essere   sostenuto   dalla preghiera,   dalla   nostra   vita   corretta,   non   dalla critica   verso   l’adulterio   degli   altri,   quando   poi   in privato    siamo    peggio.    Affidiamoci    al    Signore, viviamo   in   assoluta   fedeltà   ai   suoi   comandamenti per   farci   educare   ed   educare   gli   altri.   Potremmo dare   un   mondo   migliore   ai   nostri   figli,   più   vicino a   quello   delle   generazioni   passate   nel   quale   c'era più   rispetto   per   la   donna,   e   si   dava   importanza   al fidanzamento e al matrimonio.  VOGLIAMO    ESSERE    LOT    O    LA    MOGLIE    DI LOT?   Però    il    Signore    è    anche    inflessibile    nella    sua risposta:     nel     vecchio     testamento     prima     di distruggere   Sodoma   e   Gomorra,   ha   promesso   di salvare   Lot   e   sua   moglie   a   condizione   che   non   si voltassero   indietro   a   guardare   quello   che   stava accadendo   alle   due   città.   Ma   la   moglie   di   Lot   non ha   tenuto   conto   dell’avvertimento   ricevuto,   ha voluto    "guardare    il    mondo".    Non    facciamoci prendere    da    critiche    e    contestazioni,    lasciamo andare    il    mondo    dove    va.    Il    Signore    oggi, nonostante     le     nostre     colpe,     ci     dà     questa ennesima   possibilità   di   dissociarci:   dimostriamolo portando   avanti   questa   scelta   vivendo   nel   mondo senza   paura,   perché   Gesù   ha   già   vinto   il   mondo. Potremmo   essere   quei   testimoni   che   la   Madonna sta   guidando   da   tempo,   per   diventare   autentici cristiani.   Non   obiettiamo   di   questa   possibilità   che ci   viene   offerta,   sta   a   noi   scegliere   se   essere   Lot e   le   figlie,   oppure   la   moglie   di   Lot.   Siamo   liberi   di obbedire    e    abbandonarci    oppure    di    criticare    e giudicare.   Non   disattendiamo   le   leggi   e   i   decreti del    Signore,    perché    egli    oltre    che    buono    e misericordioso, è anche inflessibile.  
versione mobile
            Rinnovamento cristiano laico