Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  L'uomo   ha   sempre   peggiorato   la   sua   condizione,   nonostante   il   progresso   e   il   benessere   che   Dio   ha   concesso.   Perché quando   abbiamo   in   testa   una   cosa,   non   ce   la   toglie   più   nessuno   anche   vedendo   i   risultati   contrari?   Stiamo   cadendo   in   un baratro   enorme,   ma   siamo   convinti   così.   Nel   gregge   che   il   Signore   ha   scelto,   quelli   che   non   si   sono   dimostrati   scaltri, sono   stati   risucchiati   dal   marasma   della   quotidianità.   I   veri   strumenti   del   Signore   non   si   lasciano   manovrare   dall'opinione pubblica   per   vili   vantaggi,   come   si   può   dire   che   sono   ignoranti   e   poco   credibili?   La   Madonna   non   ha   fatto   nessuna   scuola, eppure   conosce   tutti   i   dialetti   del   mondo.   È   il   demonio   che   incanta   con   la   lingua,   ecco   perché   è   scritto   di   misurare   bene le   parole.   Tutti   i   profeti   sono   stati   formati   dallo   Spirito   Santo   nel   silenzio,   non   sono   stati   mandati   nel   tempio   per   essere istruiti.   Hanno   avuto   risalto   e   conferma   delle   loro   parole   quando   non   le   rivelavano,   ma   quando   aprivano   bocca   erano attaccati   da   tutti,   era   come   una   dichiarazione   di   guerra.   Il   silenzio   dà   un'istruzione   meravigliosa   e   irresistibile,   insieme alla   desolazione,   alla   sofferenza,   all'offesa.   Non   lasciamoci   ingannare   dalle   cose   facili   e   miracolose,   da   quelli   che   ci promettono   una   strada   diversa.   A   cosa   serve   che   il   Signore   dia   tanta   grazia   quando   rimane   solo   la   nostra   convinzione? Abbiamo   paura   ad   ammettere   di   aver   sbagliato,   a   chiedere   scusa?   Vedendo   quello   che   sta   accadendo   nel   mondo   ci   viene da   dire   se   noi   siamo   veramente   collaboratori   di   Maria   Santissima.   Pur   avendo   a   disposizione   un   aiuto   così   immenso, sembra   che   non   abbiamo   le   risposte   adeguate.   Mettiamoci   in   discussione.   Abbiamo   messo   al   primo   posto   il   benessere   e nei   ritagli   di   tempo   ci   siamo   ricordati   di   essere   anche   cristiani.   Adesso   viene   la   crisi   per   farci   pagare   i   peccati   commessi nell'abbondanza,   il   primo   fra   tutti   che   ci   siamo   dimenticati   di   Dio.    Il   nostro   Dio   è   esigente,   non   concede   giustificazioni, quello   che   desidera   da   noi   è   scritto   in   un   modo   lampante   sul   Libro   della   Vita.   Chi   si   fa   carico   di   conoscerlo   fino   in   fondo, immolandosi?   Se   ci   ha   rivelato   che   bisogna   camminare   su   un   sentiero   irto   e   tortuoso,   perché   crediamo   che   bastano   due preghiere?   È   una   misura   molto   blanda,   più   demoniaca   di   quelli   che   si   dichiarano   atei.   Siamo   abituati   a   pensare che   tutto   ci   è   dovuto,   ma   se   la   comodità   può   andar   bene   per   le   cose   materiali,   non   lo   è   per   quelle   spirituali.   Non   sono state   poco   intelligenti   le   generazioni   passate,   hanno   fatto   tanti   sacrifici   perché   avevano   la   fede   e   il   santo   timor   di   Dio.   Ma hanno   scoperto   la   gioia.   Invece   noi   abbiamo   eliminato   tutti   i   tabù   e   le   regole   di   vita   che   venivano   dalla   Chiesa.   Ci   va bene   così?   L'uomo   si   pentirà   di   essere   nato   quando   vedrà   certi   fatti   di   violenza   e   di   ingiustizia.   Preghiamo   molto   per   la nostra   comodità,   ma   non   ci   interessiamo   alla   nostra   Madre   Celeste,   che   soffre   perché   non   riusciamo   a   capire   quello   che ci   chiede.   L’atroce   verità   è   che   la   Madonna   prova   una   grande   tristezza   nel   vedere   che   molte   preghiere   fanno divertire   il   demonio:    è   un’immagine   orrenda,   il   quadro   desolante   di   una   confidenza   che   si   è   presentata   davanti   a Roberto.   Se   le   nostre   preghiere   non   sono   gradite   è   perché   non   hanno   quell'efficacia   che   dovrebbero   avere.   Chi   prega   con la   rabbia   verso   il   fratello,   benedice   con   la   bocca   e   maledice   col   cuore,   non   sa   amare   le   persone   che   vorrebbe   evitare. Come   si   può   andare   a   dire   che   Maria   Santissima   è   contenta   delle   nostre   preghiere?   Non   è   il   suo   parlare,   non sbeffeggiamola   solo   perché   non   viene   a   smentirci.   Una   persona   che   sta   bene   e   ha   un   bel   conto   in   banca,   prega   meglio   di una   che   ha   mille   problemi   esistenziali,   ma   davanti   al   Signore   quale   orazione   vale   di   più?   La   gente   vuole   essere risparmiata   dalla   parte   dove   viene   rafforzata,   vuole   eliminare   tutto   ciò   che   è   fatica,   ma   poi   si   indebolisce.   Senza   i sacrifici   come   può   migliorarsi   un   atleta?   Così   il   Signore   sa   che   cosa   è   indispensabile   per   la   nostra   fede.   Anche   i   cristiani hanno   gli   stimoli   verso   le   cose   del   mondo,   magari   più   degli   altri,   però   chi   ha   lo   Spirito   Santo   ha   il   dominio   su   di   esse.   La preghiera   è   la   ciliegina   sulla   torta,   il   ringraziamento   verso   il   Signore   per   quello   che   ci   ha   dato,   ma   non   sostituiamola   alla croce.   Dobbiamo   forse   dare   degli   stupidi   ai   martiri   che   hanno   dato   la   vita   per   difendere   la   parola   di   Dio?   Ai   servi   del Signore la croce diventa pesante, ma se dimostreremo coraggio il giogo diventerà leggero.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Pregare può far ridere il nemico
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  L'uomo   ha   sempre   peggiorato   la   sua   condizione, nonostante   il   progresso   e   il   benessere   che   Dio   ha concesso.   Perché   quando   abbiamo   in   testa   una cosa,   non   ce   la   toglie   più   nessuno   anche   vedendo i   risultati   contrari?   Stiamo   cadendo   in   un   baratro enorme,   ma   siamo   convinti   così.   Nel   gregge   che il    Signore    ha    scelto,    quelli    che    non    si    sono dimostrati     scaltri,     sono     stati     risucchiati     dal marasma   della   quotidianità.   I   veri   strumenti   del Signore   non   si   lasciano   manovrare   dall'opinione pubblica   per   vili   vantaggi,   come   si   può   dire   che sono   ignoranti   e   poco   credibili?   La   Madonna   non ha   fatto   nessuna   scuola,   eppure   conosce   tutti   i dialetti   del   mondo.   È   il   demonio   che   incanta   con la   lingua,   ecco   perché   è   scritto   di   misurare   bene le   parole.   Tutti   i   profeti   sono   stati   formati   dallo Spirito   Santo   nel   silenzio,   non   sono   stati   mandati nel    tempio    per    essere    istruiti.    Hanno    avuto risalto   e   conferma   delle   loro   parole   quando   non le   rivelavano,   ma   quando   aprivano   bocca   erano attaccati   da   tutti,   era   come   una   dichiarazione   di guerra.   Il   silenzio   dà   un'istruzione   meravigliosa   e irresistibile,     insieme     alla     desolazione,     alla sofferenza,   all'offesa.   Non   lasciamoci   ingannare dalle   cose   facili   e   miracolose,   da   quelli   che   ci promettono   una   strada   diversa.   A   cosa   serve   che il   Signore   dia   tanta   grazia   quando   rimane   solo   la nostra      convinzione?      Abbiamo      paura      ad ammettere   di   aver   sbagliato,   a   chiedere   scusa? Vedendo   quello   che   sta   accadendo   nel   mondo   ci viene     da     dire     se     noi     siamo     veramente collaboratori   di   Maria   Santissima.   Pur   avendo   a disposizione   un   aiuto   così   immenso,   sembra   che non   abbiamo   le   risposte   adeguate.   Mettiamoci   in discussione.    Abbiamo    messo    al    primo    posto    il benessere   e   nei   ritagli   di   tempo   ci   siamo   ricordati di   essere   anche   cristiani.   Adesso   viene   la   crisi per       farci       pagare       i       peccati       commessi nell'abbondanza,   il   primo   fra   tutti   che   ci   siamo dimenticati   di   Dio.    Il   nostro   Dio   è   esigente,   non concede    giustificazioni,    quello    che    desidera    da noi   è   scritto   in   un   modo   lampante   sul   Libro   della Vita.   Chi   si   fa   carico   di   conoscerlo   fino   in   fondo, immolandosi?    Se    ci    ha    rivelato    che    bisogna camminare   su   un   sentiero   irto   e   tortuoso,   perché crediamo    che    bastano    due    preghiere?    È    una misura    molto    blanda,    più    demoniaca    di quelli   che   si   dichiarano   atei.   Siamo   abituati   a pensare   che   tutto   ci   è   dovuto,   ma   se   la   comodità può   andar   bene   per   le   cose   materiali,   non   lo   è per     quelle     spirituali.     Non     sono     state     poco intelligenti   le   generazioni   passate,   hanno   fatto tanti   sacrifici   perché   avevano   la   fede   e   il   santo timor   di   Dio.   Ma   hanno   scoperto   la   gioia.   Invece noi   abbiamo   eliminato   tutti   i   tabù   e   le   regole   di vita   che   venivano   dalla   Chiesa.   Ci   va   bene   così? L'uomo   si   pentirà   di   essere   nato   quando   vedrà certi   fatti   di   violenza   e   di   ingiustizia.   Preghiamo molto    per    la    nostra    comodità,    ma    non    ci interessiamo    alla    nostra    Madre    Celeste,    che soffre   perché   non   riusciamo   a   capire   quello   che   ci chiede.   L’atroce   verità   è   che   la   Madonna   prova una   grande   tristezza   nel   vedere   che   molte preghiere    fanno    divertire    il    demonio:     è un’immagine   orrenda,   il   quadro   desolante   di   una confidenza   che   si   è   presentata   davanti   a   Roberto. Se   le   nostre   preghiere   non   sono   gradite   è   perché non   hanno   quell'efficacia   che   dovrebbero   avere. Chi   prega   con   la   rabbia   verso   il   fratello,   benedice con   la   bocca   e   maledice   col   cuore,   non   sa   amare le   persone   che   vorrebbe   evitare.   Come   si   può andare   a   dire   che   Maria   Santissima   è   contenta delle   nostre   preghiere?   Non   è   il   suo   parlare,   non sbeffeggiamola     solo     perché     non     viene     a smentirci.   Una   persona   che   sta   bene   e   ha   un   bel conto   in   banca,   prega   meglio   di   una   che   ha   mille problemi    esistenziali,    ma    davanti    al    Signore quale   orazione   vale   di   più?   La   gente   vuole   essere risparmiata    dalla    parte    dove    viene    rafforzata, vuole   eliminare   tutto   ciò   che   è   fatica,   ma   poi   si indebolisce.   Senza   i   sacrifici   come   può   migliorarsi un    atleta?    Così    il    Signore    sa    che    cosa    è indispensabile     per     la     nostra     fede.     Anche     i cristiani    hanno    gli    stimoli    verso    le    cose    del mondo,    magari    più    degli    altri,    però    chi    ha    lo Spirito    Santo    ha    il    dominio    su    di    esse.    La preghiera      è      la      ciliegina      sulla      torta,      il ringraziamento   verso   il   Signore   per   quello   che   ci ha    dato,    ma    non    sostituiamola    alla    croce. Dobbiamo   forse   dare   degli   stupidi   ai   martiri   che hanno   dato   la   vita   per   difendere   la   parola   di   Dio? Ai   servi   del   Signore   la   croce   diventa   pesante,   ma se    dimostreremo    coraggio    il    giogo    diventerà leggero.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile