Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Se   qualcuno   dice   una   parola   sbagliata   ci   rimane   in   mente   per   tanto   tempo,   mentre   dimentichiamo   quelle   giuste. Sappiamo   ricordare   ai   nostri   figli   chi   ci   deve   dei   soldi,   ma   non   dire   le   verità   di   fede   e   se   ci   chiedono   qualcosa, improvvisiamo   perché   siamo   allo   sbando.   Ci   siamo   lasciati   sfuggire   le   parole   meravigliose   che   ci   hanno   detto   i   nostri parroci   e   ricordiamo   soltanto   qualche   loro   piccolo   difetto.   Vogliamo   formarci   sulla   verità   di   Dio   o   sulla   polemica? Anche   dei   Papi   abbiamo   presente   solo   alcuni   gesti   suggestivi   come   il   discorso   della   luna   di   Giovanni   XXIII,   ma   non   siamo a   conoscenza   delle   encicliche,   le   guide   spirituali   della   nostra   vita   che   hanno   scritto   con   tanta   fatica.   Ignoriamo   le   loro parole,   ma   ricordiamo   le   rivelazioni   private.   E   veniamo   a   criticare   i   sacerdoti?   Se   sapessimo   leggere   nel   modo   giusto   ciò che   hanno   lasciato   i   nostri   direttori   spirituali   per   eccellenza,   i   Papi,   potremmo   capovolgere   la   nostra   esistenza.   Senza   la carità   e   l’amore,   principio   della   fede   cristiana,   il   nostro   modo   di   vivere   è   tutto   una   farsa;   ecco   perché   è   scritto:   "più fallace   di   ogni   altra   cosa   è   il   cuore   e   difficilmente   guaribile   …   Il   Signore   scruta   la   mente   e   saggia   il   cuore   per   rendere   ad ognuno   secondo   la   sua   condotta   "   (Ger.   17,9-10) .   Come   può   fidarsi   di   noi?   Cosa   ci   meritiamo   oltre   alla   sua   misericordia? Senza   rendercene   conto   siamo   caduti   in   un   letargo   immenso   e   se   non   fosse   per   i   meriti   infiniti   di   Maria   SS.   le   nostre preghiere   non   si   alzerebbero   di   1   cm.   da   terra.   E’   vero,   se   anche   vedessimo   un   morto   risuscitare   non   crederemmo ugualmente,   poiché   abbiamo   avuto   tanti   segni   (il   più   grande   è   l’uomo ),   ma   non   è   rimasto   niente   nella   nostra   testa. Orgoglio,   presunzione   e   superbia,   ci   fanno   restare   sempre   fermi   allo   stesso   punto   e   anche   dopo   tante   preghiere, ricordiamo   di   più   una   parola   che   disgrega.   Così   non   aumenta   la   fede,   ma   il   delirio   spirituale,   altrimenti   i   nostri   doni sarebbero   amore,   gioia,   pace,   pazienza,   benevolenza,   bontà,   fedeltà,   mitezza,   dominio   di   sé.   Sappiamo   creare   solo “plotoni   d'esecuzione”   con      le   nostre   critiche   e   quando   vogliamo   difenderci   dalle   ingiustizie,   diciamo   parole   sbagliate verso   gli   altri.   Tutte   le   generazioni   passate   hanno   ingenuamente   commesso   quell'errore   provocando   l’eliminazione   dei veri   valori   della   vita   in   nome   della   modernizzazione;   in   pochi   si   sono   soffermati   a   dire:   "mi   deve   rimanere   in   mente   ciò che   edifica   e   costruisce,   non   ciò   che   disunisce".    Dimentichiamo   quello   che   il   Signore   ci   dice   attraverso   i   suoi   servi,   ma   ci rimangono   in   mente   le   parole   sbagliate   dei   nostri   fratelli,   così   cresce   il   livore,   la   rabbia,   la   voglia   di   vendetta   e   la   voglia del   ragionamento.   Cresce   la   voglia   dell'uomo,   ma   non   quella   di   Dio.   C'è   anche   una   carità   orgogliosa   e   vanitosa   (vestita con   lo   smoking),   quella   dell'elemosina,   ma   verso   Dio   non   siamo   caritatevoli,   non   sappiamo   neanche   contenere   quello che   lui   ci   rivela.   Nonostante   tutto   il   Signore   ha   ancora   fiducia   di   noi,   non   ha   perso   la   pazienza   come   avremmo   fatto   noi   al suo   posto,   aspetta   che   qualcuno   riesca   a   capire.   Il   nostro   cuore   è   ingannevole   e   difficilmente   guaribile   perché inconsciamente   desideriamo   ricordarci   di   mammona,   quello   è   più   necessario   nella   vita   terrena.    Se   fossimo investiti   di   una   ricchezza,   saremmo   peggio   degli   altri,   ci   aggrapperemmo   ad   essa   perché   l'abbiamo   nel   cuore,   non   la condivideremmo   con   i   nostri   fratelli.   Incredibilmente   più   vogliamo   conoscere   e   istruirci,   più   ci   svuotiamo   della   vera   fede, mentre   veniamo   formati   quando   ci   dimentichiamo   di   noi   stessi   per   far   felici   gli   altri,   soprattutto   chi   ci   vive   accanto.   Molte volte   siamo   “separati   in   casa”   e   ci   mostriamo   disponibili   con   chi   non   conosciamo.   Quando   si   crea   un   attrito   è   sempre colpa   di   tutti,   perché   ciascuno   difende   la   sua   verità,   ma   quella   che   dobbiamo   sostenere   è   la   carità   vicendevole,   non   la ragione.   Perciò,   fra   due   persone,   se   uno   si   sottomette   non   nascerà   mai   un   dissidio   (un   bel   giorno   l'altro   capirà...).   Ci   dice forse   il   Signore   che   dobbiamo   avvalerci   di   certe   facoltà   per   decidere   ciò   che   è   giusto   o   sbagliato?   Oppure   non   ci   va   bene quello   che   va   contro   il   nostro   orgoglio?   E’   con   l'amore   che   si   recupera   tutto,   sottomettendoci   alla   prepotenza degli   altri,    per   servire,   non   per   farci   servire.   Il   Signore   ce   lo   chiede   apposta   perché   non   è   facile;   se   ha   detto   di   non uccidere   Caino,   come   può   dirci   (magari   attraverso   rivelazioni   private)   di   giudicare   e   condannare   gli   altri?   Ha   permesso   a suo   Figlio   di   morire   in   croce   solo   perché   l'uomo   l’ha   condannato;   è   una   profanazione   pensare   che   era   destino   così,   un peccato   grave   che   nessuno   confessa.   Non   sappiamo   come   poteva   essere   il   mondo   se   Gesù   fosse   rimasto   in   vita. Quando   sentiamo   uno   che   critica   il   fratello   e   non   usa   parole   conforme   all’amore,   alziamoci   e   usciamo sdegnati.    Così   si   serve   il   Signore,   non   si   dà   fiato   alle   trombe,   perché   poi   siamo   tutti   bravi   a   unirci   a   un   certo   tipo   di discorso;   saremmo   graditi   a   Dio   e   sgraditi   a   coloro   che   ci   sono   vicini   in   quel   momento.   Non   bisogna   condividere   niente   di ciò   che   non   è   scritto   sul   Vangelo   per   non   annullare   la   fede,   un   fatto   misterioso,   invisibile,   non   scientifico.   Fare   la   volontà del   Padre   significa   anche   ascoltare   la   sua   parola   attraverso   i   suoi   strumenti,   che   lui   solo   giustifica   perché   li   prova   in   un modo   umanamente   non   logico.   Chi   avrebbe   mai   detto   che   Bernadette   era   attendibile   quando   si   metteva   la   terra   sul   viso? Ce   ne   sono   tante   di   queste   storie   che   si   ripetono,   ma   la   gente   dimostra   di   non   saperne   niente.   Se   la   mente   è   piena   della parte   peggiore,   quella   migliore   non   può   entrare:   facciamo   di   tutto   per   eliminare   questo   terribile   “marchingegno”, quest’offesa   verso   il   Signore   che   ci   impedisce   di   ricevere   la   sua   grazia,   sennò   finiremo   col   diventare   rappresentanti   di   ciò che ci rimane nella testa, dell’emozione, delle cose che distruggono, non dell’amore.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
L'insulto della nostra mente
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Se   qualcuno   dice   una   parola   sbagliata   ci   rimane in       mente       per       tanto       tempo,       mentre dimentichiamo   quelle   giuste.   Sappiamo   ricordare ai   nostri   figli   chi   ci   deve   dei   soldi,   ma   non   dire   le verità    di    fede    e    se    ci    chiedono    qualcosa, improvvisiamo    perché    siamo    allo    sbando.    Ci siamo   lasciati   sfuggire   le   parole   meravigliose   che ci    hanno    detto    i    nostri    parroci    e    ricordiamo soltanto   qualche   loro   piccolo   difetto.   Vogliamo formarci     sulla     verità     di     Dio     o     sulla polemica?    Anche    dei    Papi    abbiamo    presente solo   alcuni   gesti   suggestivi   come   il   discorso   della luna     di     Giovanni     XXIII,     ma     non     siamo     a conoscenza    delle    encicliche,    le    guide    spirituali della    nostra    vita    che    hanno    scritto    con    tanta fatica.   Ignoriamo   le   loro   parole,   ma   ricordiamo   le rivelazioni    private.    E    veniamo    a    criticare    i sacerdoti?   Se   sapessimo   leggere   nel   modo   giusto ciò   che   hanno   lasciato   i   nostri   direttori   spirituali per   eccellenza,   i   Papi,   potremmo   capovolgere   la nostra    esistenza.    Senza    la    carità    e    l’amore, principio   della   fede   cristiana,   il   nostro   modo   di vivere   è   tutto   una   farsa;   ecco   perché   è   scritto: "più    fallace    di    ogni    altra    cosa    è    il    cuore    e difficilmente    guaribile    …    Il    Signore    scruta    la mente   e   saggia   il   cuore   per   rendere   ad   ognuno secondo   la   sua   condotta   "   (Ger.   17,9-10) .   Come può   fidarsi   di   noi?   Cosa   ci   meritiamo   oltre   alla sua   misericordia?   Senza   rendercene   conto   siamo caduti   in   un   letargo   immenso   e   se   non   fosse   per   i meriti   infiniti   di   Maria   SS.   le   nostre   preghiere   non si   alzerebbero   di   1   cm.   da   terra.   E’   vero,   se anche     vedessimo     un     morto     risuscitare     non crederemmo   ugualmente,   poiché   abbiamo   avuto tanti   segni   (il   più   grande   è   l’uomo ),   ma   non   è rimasto    niente    nella    nostra    testa.    Orgoglio, presunzione   e   superbia,   ci   fanno   restare   sempre fermi    allo    stesso    punto    e    anche    dopo    tante preghiere,    ricordiamo    di    più    una    parola    che disgrega.   Così   non   aumenta   la   fede,   ma   il   delirio spirituale,    altrimenti    i    nostri    doni    sarebbero amore,     gioia,     pace,     pazienza,     benevolenza, bontà,   fedeltà,   mitezza,   dominio   di   sé.   Sappiamo creare   solo   “plotoni   d'esecuzione”   con      le   nostre critiche    e    quando    vogliamo    difenderci    dalle ingiustizie,    diciamo    parole    sbagliate    verso    gli altri.     Tutte     le     generazioni     passate     hanno ingenuamente           commesso           quell'errore provocando    l’eliminazione    dei    veri    valori    della vita   in   nome   della   modernizzazione;   in   pochi   si sono    soffermati    a    dire:    "mi    deve    rimanere    in mente   ciò   che   edifica   e   costruisce,   non   ciò   che disunisce".    Dimentichiamo   quello   che   il   Signore ci   dice   attraverso   i   suoi   servi,   ma   ci   rimangono   in mente   le   parole   sbagliate   dei   nostri   fratelli,   così cresce   il   livore,   la   rabbia,   la   voglia   di   vendetta   e la    voglia    del    ragionamento.    Cresce    la    voglia dell'uomo,   ma   non   quella   di   Dio.   C'è   anche   una carità    orgogliosa    e    vanitosa    (vestita    con    lo smoking),   quella   dell'elemosina,   ma   verso   Dio non   siamo   caritatevoli,   non   sappiamo   neanche contenere    quello    che    lui    ci    rivela.    Nonostante tutto   il   Signore   ha   ancora   fiducia   di   noi,   non   ha perso   la   pazienza   come   avremmo   fatto   noi   al   suo posto,   aspetta   che   qualcuno   riesca   a   capire.   Il nostro   cuore   è   ingannevole   e   difficilmente guaribile            perché            inconsciamente desideriamo   ricordarci   di   mammona,   quello è    più    necessario    nella    vita    terrena.     Se fossimo    investiti    di    una    ricchezza,    saremmo peggio    degli    altri,    ci    aggrapperemmo    ad    essa perché       l'abbiamo       nel       cuore,       non       la condivideremmo       con       i       nostri       fratelli. Incredibilmente     più     vogliamo     conoscere     e istruirci,   più   ci   svuotiamo   della   vera   fede,   mentre veniamo   formati   quando   ci   dimentichiamo   di   noi stessi   per   far   felici   gli   altri,   soprattutto   chi   ci   vive accanto.   Molte   volte   siamo   “separati   in   casa”   e   ci mostriamo   disponibili   con   chi   non   conosciamo. Quando   si   crea   un   attrito   è   sempre   colpa   di tutti,   perché   ciascuno   difende   la   sua   verità,   ma quella    che    dobbiamo    sostenere    è    la    carità vicendevole,    non    la    ragione.    Perciò,    fra    due persone,   se   uno   si   sottomette   non   nascerà   mai un   dissidio   (un   bel   giorno   l'altro   capirà...).   Ci   dice forse   il   Signore   che   dobbiamo   avvalerci   di   certe facoltà   per   decidere   ciò   che   è   giusto   o   sbagliato? Oppure   non   ci   va   bene   quello   che   va   contro   il nostro     orgoglio?     E’     con     l'amore     che     si recupera       tutto,       sottomettendoci       alla prepotenza    degli    altri,     per    servire,    non    per farci    servire.    Il    Signore    ce    lo    chiede    apposta perché   non   è   facile;   se   ha   detto   di   non   uccidere Caino,     come     può     dirci     (magari     attraverso rivelazioni   private)   di   giudicare   e   condannare   gli altri?   Ha   permesso   a   suo   Figlio   di   morire   in   croce solo    perché    l'uomo    l’ha    condannato;    è    una profanazione   pensare   che   era   destino   così,   un peccato     grave     che     nessuno     confessa.     Non sappiamo   come   poteva   essere   il   mondo   se   Gesù fosse   rimasto   in   vita.   Quando   sentiamo   uno che    critica    il    fratello    e    non    usa    parole conforme    all’amore,    alziamoci    e    usciamo sdegnati.    Così   si   serve   il   Signore,   non   si   dà   fiato alle   trombe,   perché   poi   siamo   tutti   bravi   a   unirci a   un   certo   tipo   di   discorso;   saremmo   graditi   a Dio   e   sgraditi   a   coloro   che   ci   sono   vicini   in   quel momento.   Non   bisogna   condividere   niente   di   ciò che   non   è   scritto   sul   Vangelo   per   non   annullare   la fede,     un     fatto     misterioso,     invisibile,     non scientifico.    Fare    la    volontà    del    Padre    significa anche   ascoltare   la   sua   parola   attraverso   i   suoi strumenti,   che   lui   solo   giustifica   perché   li   prova in   un   modo   umanamente   non   logico.   Chi   avrebbe mai   detto   che   Bernadette   era   attendibile   quando si   metteva   la   terra   sul   viso?   Ce   ne   sono   tante   di queste    storie    che    si    ripetono,    ma    la    gente dimostra   di   non   saperne   niente.   Se   la   mente   è piena   della   parte   peggiore,   quella   migliore   non può    entrare:    facciamo    di    tutto    per    eliminare questo     terribile     “marchingegno”,     quest’offesa verso   il   Signore   che   ci   impedisce   di   ricevere   la sua     grazia,     sennò     finiremo     col     diventare rappresentanti   di   ciò   che   ci   rimane   nella   testa, dell’emozione,   delle   cose   che   distruggono,   non dell’amore.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                L'insulto della nostra mente
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile