Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  In   che   percentuale   siamo   cristiani   autentici?   Qualche   anno   fa   una   parte   si   sentiva   tale   se   seguiva   gli   scritti   della   Valtorta, altri   se   seguivano   Milingo,   oggi   se   vanno   a   Medjugorje,   se   seguono   il   Rinnovamento   nello   Spirito   o   Comunione   e Liberazione.   Dov'è   il   cristiano   autentico   che   si   sente   tale      anche   rinchiuso   in   uno   scantinato   o   in   carcere?   Se   la   chiesa   si esprimesse   in   modo   contrario   o   chiudesse   la   fonte   di   certi   movimenti,   queste   persone   si   sentirebbero   orfane,   decapitate, abbandonate.   Il   cristiano   autentico   è   basato   sulla   parola   di   Dio,   non   conformiamola   alle   abitudini   del   mondo.   Perché   la mente   dell'uomo   è   più   propensa   a   rifiutarla?   Il   Signore   non   parla   in   un   modo   convenevole   ai   nostri   desideri,   ma   in   un modo   ben   preciso   perché   sa   che   cosa   ha   creato   e   quale   sarà   la   nostra   destinazione   finale.   Il   cristiano   che   non   crede,   non contagi   di   dubbi   anche   gli   altri.   Siamo   fatti   di   materia   e   spirito,   chi   vive   e   sostiene   le   cose   della   carne   troverà   corruzione, chi   invece   sostiene   lo   spirito   vivrà   per   l'eternità.   Se   il   nostro   cuore   si   aggancia   a   un   desiderio   terreno   è   già   schiavo   di quella   materia   e   non   riuscirà   ad   essere   così   completo   nello   spirito,   si   sentirà   sempre   in   conflitto.   Le   cose   terrene   ci dicono   che   possiamo   avere,   mentre   quelle   dello   spirito   che   dobbiamo   rinunciare:   c'è   una   netta   dissonanza   tra   ciò   che   si desidera   e   ciò   che   si   deve   perseguire.   Seguendo   le   cose   del   mondo   otteniamo   sofferenze,   problematiche,   arrabbiature, ma   se   abbiamo   fede   rinunciamo   con   gioia   ad   esse.   Nel   corso   dei   tempi   abbiamo   fatto   scorrere   fiumi   di   sangue   solamente per   sostenere   la   parte   umana.   Perché   l'uomo   si   ribella   alla   parola   di   Dio?   Perchè   si   è   discostato   dall’unica   legge   di Abramo   e   ha   creato   altre   religioni?   Il   Signore   ci   chiede   di   essere   felici,   ma   noi   facciamo   di   tutto   per   essere   infelici   e vivere   di   rimpianti.   Non   si   può   pregare,   criticando   e   demonizzando   il   fratello   che   non   si   comporta   bene.   Come   cristiani dobbiamo   recuperare   la   pecorella   smarrita,   non   solo   quelli   che   condividono   il   nostro   pensiero.   Il   male   ci   mette   alla   prova quando   abbiamo   deciso   di   servire   il   Signore,   cerchiamo   di   non   essere   ingenui   e   orgogliosi.   Amiamo   la   persona   più detestabile?   La   Madonna   è   amore   completo,   non   ha   criticato   i   persecutori   di   Gesù   mentre   lo   inchiodavano   alla   croce. Pregare   non   è   garanzia   di   essere   fedeli   a   Dio.   Siamo   persone   giuste   e   sagge?   Questo   vuole   il   Signore   da   noi.   La preghiera   è   talmente   scontata   che   non   dobbiamo   neanche   metterla   in   discussione.   Si   criticano   le   guerre   sante   quando   i papi   avevano   il   potere   temporale,   ma   con   il   nemico   alle   porte   cosa   dovevano   fare?   Alla   Madonna   sta   a   cuore   che   noi abbiamo   a   basare   tutto   sulla   parola   di   Dio,   è   contenta   quando   amiamo.   Può   pregare   per   noi,   ma   non   può   amare   il fratello   per   conto   nostro.   Se   dobbiamo   scegliere   tra   amare   e   dire   il   Rosario,   scegliamo   la   prima,   avremo   maggiori vantaggi.   La   sofferenza   e   la   mancanza   di   valori   a   cosa   è   dovuta?   La   parola   di   Dio   é   conveniente   a   noi,   non   al   Signore. Chi   la   conosce?   Dobbiamo   amare   quello   che   vogliamo   portare   in   tribunale,   quello   con   il   quale   abbiamo   una   battaglia aperta,   per   interessi   o   per   orgoglio.   Con   il   nostro   comportamento   dissoluto   abbiamo   complicato   la   vita   agli   angeli   e   ai santi   che   non   riescono   più   a   intercedere   per   noi;   cominciamo   a   complicarla   “all'inquilino   del   piano   di   sotto”   (il   diavolo), vedremo   che   il   mondo   migliorerà   e   guarderemo   le   persone   peggiori   con   altri   occhi.   Amare   non   ci   costa   nulla,   perché   non lo   facciamo?   Il   male   fa   di   tutto   per   non   farci   vedere   conveniente   la   parola   di   Dio,   sembra   che   quello   che   facciamo   vada contro   di   noi.   Ci   mette   in   difficoltà   nella   parte   più   debole.   Attraverso   la   sapienza,   lo   Spirito   Santo   ci   suggerisce   come evitare   le   trappole,   non   mettiamoci   del   nostro.   Chi   s'indurisce   nel   cuore   non   ama,   a   questo   vuol   portarci   il   male. Cerchiamo   di   fermare   la   nostra   mente   vendicativa,   accettiamo   le      prove   fino   al   limite   della   sopportazione,   facendo trasparire   la   gioia   non   la   fatica.   È   questo   che   produce   la   fede   e   l'abbandono   a   Dio.   Non   riportiamo   le   cattiverie   ricevute   in famiglia,   così   non   diamo   spazio   al   mostro   che   abbiamo   nella   mente.   È   possibile   riprendere   il   cammino   dove   l'abbiamo interrotto,   vogliamo   fare   la   volontà   di   Dio?   È   bello   amare   e   accettare   i   nostri   cari   così   come   sono,   anche   se   si approfittano   della   nostra   bontà!   Quante   volte   sentiamo   dire:   "con   tutto   quello   che   ho   fatto…".   Non   sentiamoci   umiliati   se sono felici alle nostre spalle, perché questo è orgoglio e superbia.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
I n    che    percentuale    siamo    cristiani    autentici? Qualche    anno    fa    una    parte    si    sentiva    tale    se seguiva     gli     scritti     della     Valtorta,     altri     se seguivano   Milingo,   oggi   se   vanno   a   Medjugorje, se    seguono    il    Rinnovamento    nello    Spirito    o Comunione    e    Liberazione.    Dov'è    il    cristiano autentico   che   si   sente   tale      anche   rinchiuso   in uno    scantinato    o    in    carcere?    Se    la    chiesa    si esprimesse    in    modo    contrario    o    chiudesse    la fonte    di    certi    movimenti,    queste    persone    si sentirebbero   orfane,   decapitate,   abbandonate.   Il cristiano   autentico   è   basato   sulla   parola   di   Dio, non    conformiamola    alle    abitudini    del    mondo. Perché    la    mente    dell'uomo    è    più    propensa    a rifiutarla?    Il    Signore    non    parla    in    un    modo convenevole   ai   nostri   desideri,   ma   in   un   modo ben   preciso   perché   sa   che   cosa   ha   creato   e   quale sarà   la   nostra   destinazione   finale.   Il   cristiano   che non   crede,   non   contagi   di   dubbi   anche   gli   altri. Siamo    fatti    di    materia    e    spirito,    chi    vive    e sostiene   le   cose   della   carne   troverà   corruzione, chi   invece   sostiene   lo   spirito   vivrà   per   l'eternità. Se   il   nostro   cuore   si   aggancia   a   un   desiderio terreno   è   già   schiavo   di   quella   materia   e   non riuscirà   ad   essere   così   completo   nello   spirito,   si sentirà   sempre   in   conflitto.   Le   cose   terrene   ci dicono   che   possiamo   avere,   mentre   quelle   dello spirito   che   dobbiamo   rinunciare:   c'è   una   netta dissonanza   tra   ciò   che   si   desidera   e   ciò   che   si deve   perseguire.   Seguendo   le   cose   del   mondo otteniamo           sofferenze,           problematiche, arrabbiature,    ma    se    abbiamo    fede    rinunciamo con   gioia   ad   esse.   Nel   corso   dei   tempi   abbiamo fatto    scorrere    fiumi    di    sangue    solamente    per sostenere    la    parte    umana.    Perché    l'uomo    si ribella   alla   parola   di   Dio?   Perchè   si   è   discostato dall’unica    legge    di    Abramo    e    ha    creato    altre religioni?   Il   Signore   ci   chiede   di   essere   felici,   ma noi   facciamo   di   tutto   per   essere   infelici   e   vivere di   rimpianti.   Non   si   può   pregare,   criticando   e demonizzando    il    fratello    che    non    si    comporta bene.    Come    cristiani    dobbiamo    recuperare    la pecorella      smarrita,      non      solo      quelli      che condividono   il   nostro   pensiero.   Il   male   ci   mette alla   prova   quando   abbiamo   deciso   di   servire   il Signore,    cerchiamo    di    non    essere    ingenui    e orgogliosi.   Amiamo   la   persona   più   detestabile? La   Madonna   è   amore   completo,   non   ha   criticato   i persecutori   di   Gesù   mentre   lo   inchiodavano   alla croce.   Pregare   non   è   garanzia   di   essere   fedeli   a Dio.    Siamo    persone    giuste    e    sagge?    Questo vuole   il   Signore   da   noi.   La   preghiera   è   talmente scontata   che   non   dobbiamo   neanche   metterla   in discussione.   Si   criticano   le   guerre   sante   quando   i papi    avevano    il    potere    temporale,    ma    con    il nemico    alle    porte    cosa    dovevano    fare?    Alla Madonna   sta   a   cuore   che   noi   abbiamo   a   basare tutto    sulla    parola    di    Dio,    è    contenta    quando amiamo.   Può   pregare   per   noi,   ma   non   può   amare il     fratello     per     conto     nostro.     Se     dobbiamo scegliere   tra   amare   e   dire   il   Rosario,   scegliamo   la prima,   avremo   maggiori   vantaggi.   La   sofferenza e   la   mancanza   di   valori   a   cosa   è   dovuta?   La parola   di   Dio   é   conveniente   a   noi,   non   al   Signore. Chi    la    conosce?    Dobbiamo    amare    quello    che vogliamo   portare   in   tribunale,   quello   con   il   quale abbiamo   una   battaglia   aperta,   per   interessi   o   per orgoglio.   Con   il   nostro   comportamento   dissoluto abbiamo   complicato   la   vita   agli   angeli   e   ai   santi che    non    riescono    più    a    intercedere    per    noi; cominciamo   a   complicarla   “all'inquilino   del   piano di    sotto”    (il    diavolo),    vedremo    che    il    mondo migliorerà   e   guarderemo   le   persone   peggiori   con altri   occhi.   Amare   non   ci   costa   nulla,   perché   non lo   facciamo?   Il   male   fa   di   tutto   per   non   farci vedere   conveniente   la   parola   di   Dio,   sembra   che quello   che   facciamo   vada   contro   di   noi.   Ci   mette in   difficoltà   nella   parte   più   debole.   Attraverso   la sapienza,    lo    Spirito    Santo    ci    suggerisce    come evitare   le   trappole,   non   mettiamoci   del   nostro. Chi   s'indurisce   nel   cuore   non   ama,   a   questo   vuol portarci   il   male.   Cerchiamo   di   fermare   la   nostra mente   vendicativa,   accettiamo   le      prove   fino   al limite   della   sopportazione,   facendo   trasparire   la gioia   non   la   fatica.   È   questo   che   produce   la   fede e   l'abbandono   a   Dio.   Non   riportiamo   le   cattiverie ricevute   in   famiglia,   così   non   diamo   spazio   al mostro    che    abbiamo    nella    mente.    È    possibile riprendere   il   cammino   dove   l'abbiamo   interrotto, vogliamo   fare   la   volontà   di   Dio?   È   bello   amare   e accettare   i   nostri   cari   così   come   sono,   anche   se si   approfittano   della   nostra   bontà!   Quante   volte sentiamo   dire:   "con   tutto   quello   che   ho   fatto…". Non   sentiamoci   umiliati   se   sono   felici   alle   nostre spalle, perché questo è orgoglio e superbia.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile